FAST FIND : AR1522

Ultimo aggiornamento
07/05/2018

Marchio Ecolabel UE: Regolamento n. 66/2010 e criteri di assegnazione

Regolamento UE n. 66/2010 e sue modifiche; il marchio Ecolabel UE; criteri di assegnazione del marchio; elenco delle Decisioni UE per i gruppi di prodotti.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
4678085 4679120
Regolamento UE n. 66/2010 e sue modifiche

Il Regolamento 25/11/2009 n. 66 - in sostituzione del precedente Regolamento CE n. 1980 del 2000 - stabilisce le norme per l'istituzione e l'applicazione del sistema del marchio di qualità ecologica dell'Unione europea (Ecolabel UE). Il Regolamento è stato modificato dal:

- Regolamento 14/082013, n. 782 che ha disposto la riduzione dei costi relativi ai diritti per l’esame della domanda, per i diritti annuali e per i diritti per le ispezioni;

- dal Regolamento 24/10/2017, n. 1941 che ha sostituito l'allegato II che contiene le disposizioni sulla forma e i colori del marchio Ecolabel UE, dell'etichetta facoltativa e del numero di registrazione.


4678085 4679121
Il marchio Ecolabel UE

Il marchio Ecolabel UE è il marchio di qualità ecologica dell’Unione Europea che contraddistingue prodotti e servizi che sono caratterizzati da un ridotto impatto ambientale durante l’intero ciclo di vita, garantendone comunque elevati standard prestazionali.

Il marchio può essere assegnato a tutti i beni e i servizi destinati alla distribuzione, al consumo o all'uso sul mercato comunitario, a titolo oneroso o gratuito (“prodotti”) per i quali siano stati adottati specifici criteri di assegnazione (artt. 2, paragrafo 1 e 8, paragrafo 2, Reg. n. 66/2010).


4678085 4679122
Criteri di assegnazione del marchio

Ai sensi dell’art. 8, paragrafo 2 del Regolamento n. 66/2010, la Commissione UE definisce i criteri di assegnazione per ogni gruppo di prodotti mediante Decisione da pubblicare nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Nelle Decisioni sono analizzati per ciascun bene o servizio, in particolare, gli aspetti legati al consumo di energia, all’inquinamento delle acque e dell’aria, alla produzione di rifiuti, al risparmio di risorse naturali, alla sicurezza ambientale e alla protezione dei suoli.


4678085 4679123
Decisioni UE per i gruppi di prodotti

Si riporta di seguito un elenco di gruppi di prodotti (beni e servizi) e delle relative Decisioni UE di interesse che hanno adottato gli specifici criteri di assegnazione del marchio Ecolabel UE.


Servizi

Servizi di pulizia di ambienti interni

Decisione 02/05/2018, n. 680 N1

Servizi di ricettività turistica

Decisione 25/01/2017, n. 175 N2

Beni

Prodotti vernicianti per esterni e per interni

Decisione 28/05/2014, n. 312 N3, prorogata dalla Decisione 27/04/2018, n. 666

Rivestimenti del suolo a base di legno, sughero e bambù

Decisione 25/01/2017, n. 176 N4

Personal computer, notebook e tablet

Decisione 10/08/2016, n. 1371 N5

Mobili

Decisione 28/07/2016, n. 1332 N6

Riscaldamento ad acqua

Decisione 28/05/2014, n. 314 N7


legislazionetecnica.it

Riproduzione riservata

Dalla redazione

  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Tutela ambientale
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Contributi agli enti locali per la realizzazione di piste ciclabili

La misura prevede la concessione di contributi agli enti locali per l’abbattimento degli interessi sui mutui relativi ad investimenti per la realizzazione di piste ciclabili. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 6.239.431,80 euro. Ciascun ente locale ammesso potrà godere del totale abbattimento degli interessi, su uno o più mutui, sino all'importo massimo complessivo di 3 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Aree urbane
  • Tutela ambientale
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze

Lazio: 2,8 milioni per la tutela e il recupero dei centri storici

Concessione di contributi in conto capitale ai Comuni del Lazio, ad esclusione di Roma Capitale, per la realizzazione di opere e lavori pubblici finalizzati alla tutela e al recupero dei centri storici. Stanziato un fondo di oltre 2,8 milioni di euro destinato per il 64% ai Comuni sotto i 5.000 abitanti e per il restante 36% ai Comuni con popolazione pari o superiore ai 5.000 abitanti. Verranno stilate due distinte graduatorie e sarà attribuito un punteggio premiante a quei Comuni che presentano progetti con rilevante attenzione al tema della sostenibilità ambientale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Tutela ambientale
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Liguria: promozione dell'eco-efficienza e riduzione consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche

Contributi a fondo perduto nella misura massima del 70% per le Province, la città metropolitana di Genova ed i Comuni con popolazione superiore a 2 mila abitanti per interventi finalizzati alla riduzione dei consumi di energia primaria e delle emissioni inquinanti negli edifici e nelle strutture pubbliche. Le risorse previste ammontano a 5 milioni di euro e le domande dovranno essere redatte esclusivamente on line. Gli interventi dovranno riguardare l'intero immobile ed essere almeno di ristrutturazione importante di primo livello.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Linee guida per l'adesione al sistema di ecogestione e audit (EMAS)

Premessa; Obiettivi UE; Benefici per le imprese derivanti dall’adesione al sistema; Obblighi per le organizzazioni; Fasi di attuazione EMAS; Altre informazioni.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti
  • Tutela ambientale

Classificazione dei rifiuti in base all'origine e in base alla pericolosità

Classificazione in base all’origine: rifiuti urbani e rifiuti speciali; classificazione in base al pericolo: rifiuti pericolosi e non pericolosi; caratteristica di pericolo HP 14 “ecotossico”. Norme di riferimento: Allegato D della parte IV del D. Leg.vo 152/2006; Dec. Comm. UE 18/12/2014, n. 955; Regolam. Comm. UE 18/12/2014, n. 1357; Regolamento Cons. UE 08/06/2017, n. 997. Orientamenti UE: Comunicazione Comm. UE 09/04/2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Acque

Lombardia: presentazione o aggiornamento della Comunicazione nitrati per l'anno 2019

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Trasporti
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017

  • Tutela ambientale
  • Prevenzione Incendi
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Progetti speciali di prevenzione dei danni in Sardegna

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

Aumento progressivo dell'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

  • Rifiuti
  • Tutela ambientale
  • Rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE), sostanze vietate: riutilizzo pezzi di ricambio

18/02/2019

14/02/2019

31/01/2019

14/01/2019