FAST FIND : AR1504

Ultimo aggiornamento
22/11/2018

Indici Istat, costi di costruzione e tassi di interesse

INDICE ISTAT DEI PREZZI AL CONSUMO PER FAMIGLIE DI OPERAI E IMPIEGATI (Che cosa è; Ultimi aggiornamenti; Tabella completa; Calcolo delle variazioni con e senza utilizzo dei coefficienti di raccordo; Utilizzo per la rivalutazione dei canoni di locazione, per la rivalutazione del TFR e per la rivalutazione monetaria di somme in generale) - INDICI ISTAT DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI MANUFATTI EDILIZI (Che cosa sono; Campo di osservazione; Utilizzo nel procedimento di stima del costo di un’opera; Ultimi aggiornamenti; Tabelle complete) - TASSI DI INTERESSE PER LA RIVALUTAZIONE DEI CREDITI (Interessi legali e interessi di mora: significato, utilizzo e differenze; Misura; Norme speciali per le transazioni commerciali).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
4564991 5057252
INDICE Istat DEI PREZZI AL CONSUMO PER FAMIGLIE DI OPERAI E IMPIEGATI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057253
Che cosa è l’indice Istat dei prezzi al consumo per famiglie di operai e impiegati (FOI)

L’indice Istat dei prezzi al consumo per famiglie di operai e impiegati (c.d. “FOI”) misura con c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057254
Ultimi aggiornamenti

Nel mese di settembre 2018, l’indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, si è attestato sul valore di 102,4, con un decremento di -0,5 rispetto al mese precedente, un aumento di +1,3% rispetto al corrispondente mese dell’anno precedente ed un aumento di +2,4 rispetto al corrispondente mese di due anni precedenti (rif. Comunicato Istat 16/10/2018).

Nel mese di ottobre 2018, l’indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, si è attestato sul valore di 102,4, invariato rispetto al mese precedente, con un aumento di +1,5% rispetto al corrispondente mese dell’anno precedente ed un aumento di +2,4 r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057255
Tabella completa

Segue a partire dalla pagina successiva la tabella completa dell’indice con i dati storici dal 1947.


TABELLA 1

Indice Istat dei prezzi al consumo per famiglie di operai e impiegati (FOI)


ANNO

GEN

FEB

MAR

APR

MAG

GIU

LUG

AGO

SET

OTT

NOV

DIC

MEDIA

base 1961 = 100

1947

51,68

52,78

54,29

59,15

62,06

66,10

68,23

71,98

75,70

75,49

72,20

69,99

64,97

1948

68,76

68,03

69,85

70,11

69,21

68,66

65,34

68,05

69,72

68,70

69,16

69,82

68,78

1949

70,79

70,41

70,72

71,74

71,67

70,86

68,89

69,72

69,38

67,85

68,02

67,50

69,80

1950

67,24

67,41

66,49

67,48

67,59

68,49

68,50

69,71

71,10

70,24

70,96

71,13

68,86

1951

72,14

73,43

73,83

75,50

75,59

76,60

76,57

76,30

76,27

76,48

76,95

76,91

75,55

1952

76,67

77,52

77,75

78,12

78,42

78,94

79,13

79,17

79,74

79,89

79,99

79,69

78,75

1953

79,57

79,72

79,71

80,49

80,97

81,20

79,99

79,76

80,12

80,43

80,82

80,63

80,28

1954

80,74

81,08

80,84

81,35

82,39

83,07

83,37

83,29

83,17

83,03

83,41

83,53

82,44

1955

83,50

83,31

83,50

84,19

84,96

85,53

85,22

85,36

85,10

85,08

85,44

86,01

84,77

1956

86,61

87,77

88,81

89,35

89,82

89,45

89,25

89,29

89,53

89,04

89,14

89,62

88,97

1957

90,50

89,96

89,52

89,46

89,78

89,96

90,51

90,59

91,01

91,75

92,40

92,93

90,70

1958

93,87

93,48

93,61

95,09

96,08

96,73

96,49

96,05

95,74

94,82

94,48

94,01

95,04

1959

94,38

94,11

93,85

94,02

94,28

94,26

94,15

94,29

94,75

95,38

95,98

96,28

94,64

1960

97,05

96,66

96,31

96,48

96,89

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057256
Calcolo delle variazioni con e senza utilizzo dei coefficienti di raccordo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057257
Indici con la medesima base di riferimento

La variazione percentuale tra indici mensili (o anche tra indici medi annui) aventi la medesima base di riferimento è pari al rapporto tra l’indice attuale (IA)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057258
Indici con differente base di riferimento

La variazione percentuale tra indici mensili (o anche tra indici medi annui) aventi differente base di riferimento è pari al rapporto tra l’indice attuale (IA) e l’indice iniziale (II), per i coefficienti di raccordo tra basi contigue (CR), per 100, meno 100; il risultato finale è arrotondato al primo decimale.


IA / II x CR x 100 - 100


Si riporta di seguito la tabella contenente i coefficienti di raccordo (il coefficiente di raccordo è pari all’indice medio del nuovo anno base espresso nella base precedente, diviso 100).


TABELLA 2

Coefficienti di raccordo indice Istat dei prezzi al consumo per famiglie di operai e impiegati (FOI)



a base

da base

1966

1970

1976

1980

1985

1989

1992

1995

2010

2015

1961

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057259
Utilizzo dell’indice FOI per la rivalutazione dei canoni di locazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057260
Locazioni commerciali e locazioni abitative non ad equo canone

Per i contratti di locazione di immobili adibiti ad uso diverso da quello di abitazione (ad esempio i negozi) - disciplinati dagli artt. 27-42 della L. 392/1978, vige ancora l’art. 32 della L. 392/1978, in base al quale:

- le parti possono convenire che il canone di locazione sia aggiornato annualmente su richiesta del locatore;

- per i contratti stipulati alla durata minima (6+6 anni), l’aggiornamento non può essere superiore al 75% della variazione dell’indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati;

- l’aggiornamento può riguardare anche le locazioni stagionali.

Per le locazioni abitative non ad equo canone, disciplinate quindi dalla L. 431/1998, l’eventuale previsione di un aggiornamento in base all’indice Istat è rimessa alla libera contrattazione delle parti, quando non sia oggetto degli accordi stipulati in sede locale tra le organizzazioni della proprietà edilizia e le organizzazioni dei conduttori, ai sensi dell’art. 2 della L. 431/1998, comma 3.

In tutti i casi trattati al presente paragrafo, l’aggiornamento - se spettante in base alle pattuizioni vigenti - andrà calcolato sulla base della variazione dell’indice Istat FOI intervenuta ogni anno nel mese corrispondente a quello di stipula del contratto (ad esempio in caso di contratto stipulato a gennaio 2016, la variazione andrà calcolata, nella misura pattuita, in base all’indice Istat del mese di gennaio 2017 a valere sui canoni 2017, gennaio 2018 a valere sui canoni 2018, e così via). Il tutto, ovviamente, salvo diverse pattuizioni tra le parti.

Usualmente i contratti prevedono comunque un aggiornamento in misura pari al 100% oppure al 75% dell’indice Istat.

Si ricorda che per gli immobili ad uso diverso da quello abitativo, l’originaria versione dell’art. 32 della L. 392/1978 prevedeva l’aggiornamento del canone con frequenza biennale; detta disposizione è stata poi modificata dal D.L. 07/02/1985, n. 12 (L. 05/04/1985, n. 118), che ha sancito anche per questi immobili il passaggio al regime di aggiornamento annuale a far data dal 08/04/1985. L’aggiornamento biennale permane quindi a tutt’oggi solamente per i contratti stipulati anteriormente alla data di entrata in vigore del D.L. 12/1985 che ancora proseguono di rinnovo in rinnovo.

Seguono le tabelle di riferimento, mentre per le modalità con cui calcolare l’importo dell’equo canone si rinvia all’articolo Determinazione del canone di locazione immobiliare e aggiornamento con Indici ISTAT).


TABELLA 3

Percentuali di aumento indice FOI tra ciascun mese ed il corrispondente mese dell’anno precedente


ANNO

GEN

FEB

MAR

APR

MAG

GIU

LUG

AGO

SET

OTT

NOV

DIC

1948

33,00

28,90

28,70

18,50

11,50

3,90

-4,20

-5,50

-7,90

-9,00

-4,20

-0,20

1949

3,00

3,50

1,20

2,30

3,60

3,20

5,40

2,50

-0,50

-1,20

-1,60

-3,30

1950

-5,00

-4,30

-6,00

-5,90

-5,70

-3,30

-0,60

0,00

2,50

3,50

4,30

5,40

1951

7,30

8,90

11,00

11,90

11,80

11,80

11,80

9,50

7,30

8,90

8,40

8,10

1952

6,30

5,60

5,30

3,50

3,70

3,10

3,30

3,80

4,50

4,50

4,00

3,60

1953

3,80

2,80

2,50

3,00

3,30

2,90

1,10

0,70

0,50

0,70

1,00

1,20

1954

1,50

1,70

1,40

1,10

1,80

2,30

4,20

4,40

3,80

3,20

3,20

3,60

1955

3,40

2,80

3,30

3,50

3,10

3,00

2,20

2,50

2,30

2,50

2,40

3,00

1956

3,70

5,40

6,40

6,10

5,70

4,60

4,70

4,60

5,20

4,70

4,30

4,20

1957

4,50

2,50

0,80

0,10

0,00

0,60

1,40

1,50

1,70

3,00

3,70

3,70

1958

3,70

3,90

4,60

6,30

7,00

7,50

6,60

6,00

5,20

3,30

2,30

1,20

1959

0,50

0,70

0,30

-1,10

-1,90

-2,60

-2,40

-1,80

-1,00

0,60

1,60

2,40

1960

2,80

2,70

2,60

2,60

2,80

3,20

3,60

3,30

2,70

2,00

1,90

1,80

1961

1,80

2,30

2,70

3,20

3,10

2,80

2,40

2,8

3,2

3,30

3,60

3,80

1962

3,90

4,00

4,50

5,20

4,80

5,20

5,70

5,30

5,50

5,70

5,30

5,90

1963

6,7

8,6

8,4

7,6

7,6

7,1

6,6

7,0

7,6

8,2

7,8

7,3

1964

6,6

4,9

4,9

4,8

5,2

6,2

6,9

6,9

6,3

5,9

6,3

6,1

1965

5,7

5,6

5,4

5,2

5,1

4,3

4,1

4,0

3,7

3,2

2,9

2,9

1966

2,7

2,5

2,3

2,4

2,3

2,0

1,8

1,6

1,4

1,7

1,9

1,8

1967

1,8

1,7

1,8

1,7

1,6

1,9

2,0

2,3

2,7

2,3

2,0

1,6

1968

1,8

1,8

1,7

1,7

1,6

1,3

1,0

0,9

0,7

0,9

1,0

1,4

1969

1,3

1,4

1,7

1,9

2,0

2,5

3,3

3,5

3,6

4,0

4,2

4,3

1970

4,6

5,4

5,3

5,2

5,4

5,2

4,7

4,7

5,2

5,2

5,4

5,3

1971

5,2

4,7

4,9

4,7

5,0

5,1

5,3

5,2

5,1

5,1

4,8

4,6

1972

4,8

5,0

4,8

4,8

4,9

5,2

5,2

5,6

5,9

6,8

7,3

7,4

1973

8,1

8,5

9,1

10,1

10,9

11,1

11,1

11,1

10,5

10,3

10,7

12,3

1974

12,4

13,2

15,5

15,6

15,6

17,1

19,3

21,2

24,6

25,7

26,2

25,3

1975

25,1

24,4

21,0

21,2

20,3

19,2

17,0

15,3

12,7

11,8

11,0

11,1

1976

10,9

11,5

13,7

15,5

16,7

16,0

16,1

16,4

17,4

19,9

21,4

21,8

1977

21,0

21,7

21,0

18,7

18,3

18,8

19,0

18,8

18,0

15,4

14,6

13,8

1978

14,5

13,1

12,5

12,6

12,3

12,2

12,2

11,9

12,2

12,3

11,6

11,9

1979

12,9

13,4

13,7

14,3

14,5

14,7

14,9

15,5

16,8

18,2

18,7

19,8

1980

21,4

21,7

21,3

21,2

20,7

20,7

21,6

21,6

21,2

20,5

21,5

21,1

1981

18,8

18,9

19,5

19,3

19,9

20,0

19,0

18,6

17,7

18,0

17,6

17,3

1982

17,3

16,7

16,1

15,5

15,2

15,2

15,9

17,2

17,2

17,2

16,7

16,3

1983

16,4

16,4

16,4

16,6

16,4

16,0

15,4

13,7

13,6

13,3

13,0

12,8

1984

12,5

12,2

12,0

11,6

11,2

11,2

10,5

10,4

9,8

9,1

8,6

8,8

1985

8,6

8,6

8,6

8,8

8,8

8,7

8,7

8,6

8,3

8,5

8,6

8,6

1986

8,0

7,6

7,2

6,6

6,4

6,3

5,9

5,9

5,8

5,1

4,7

4,3

1987

4,5

4,2

4,2

4,2

4,2

4,1

4,4

4,5

5,0

5,3

5,2

5,1

1988

5,0

4,9

4,9

5,0

4,9

4,9

4,9

5,0

4,8

4,7

5,3

5,5

1989

5,7

6,3

6,4

6,7

6,8

7,0

7,0

6,7

6,6

6,8

6,4

6,5

1990

6,4

6,2

6,1

5,8

5,7

5,6

5,7

6,3

6,3

6,2

6,5

6,4

1991

6,5

6,7

6,6

6,7

6,8

6,9

6,7

6,3

6,2

6,1

6,2

6,0

1992

6,1

5,4

5,6

5,6

5,7

5,5

5,5

5,3

5,2

5,0

4,9

4,8

1993

4,3

4,5

4,2

4,2

4,1

4,2

4,4

4,4

4,2

4,3

4,2

4,0

1994

4,2

4,2

4,2

4,1

4,1

3,7

3,6

3,7

3,9

3,8

3,7

4,1

1995

3,8

4,3

4,9

5,2

5,5

5,8

5,6

5,8

5,8

5,8

6,0

5,8

1996

5,5

5,0

4,5

4,5

4,3

3,9

3,6

3,4

3,4

3,0

2,6

2,6

1997

2,6

2,4

2,2

1,7

1,6

1,4

1,6

1,5

1,4

1,6

1,6

1,5

1998

1,6

1,8

1,7

1,8

1,7

1,8

1,8

1,9

1,8

1,7

1,5

1,5

1999

1,3

1,2

1,4

1,6

1,6

1,5

1,7

1,6

1,8

1,8

2,0

2,1

2000

2,1

2,4

2,5

2,2

2,3

2,7

2,7

2,7

2,6

2,6

2,7

2,7

2001

3,1

3,0

2,8

3,1

3,0

2,9

2,7

2,7

2,6

2,6

2,3

2,3

2002

2,3

2,3

2,4

2,4

2,3

2,3

2,3

2,5

2,6

2,6

2,7

2,7

2003

2,7

2,5

2,6

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057261
Locazioni abitative con equo canone

L’art. 24 della L. 392/1978 (ora abrogato, ma ancora applicabile per i contratti che soggiacciono alla disciplina dell’equo canone) dispone che il canone - determinato come illustrato in precedenza - deve essere aggiornato applicando allo stesso il coefficiente pari al 75% della variazione assoluta dell’indice FOI intervenuta tra l’anno base e l’anno preso in considerazione, e non sommando i singoli aggiornamenti annuali al canone di base. L’aggiornamento del canone decorre dal mese successivo a quello in cui ne viene fatta richiesta con lettera raccomandata.

Per questa operazione occorre distinguere tra:

- gli immobili la cui costruzione sia stata ultimata entro il 1975, per i quali va fatto riferimento alle percentuali di aumento rispetto alla base di giugno 1978=100, essendo quest’ultimo l’ultimo valore comunicato dall’Istat al 30/07/1978, data di entrata in vigore della L. 392/1978;

- gli immobili la cui costruzione sia stata ultimata dopo tale data, per i quali va fatto invece riferimento, ai sensi dell’art. 24 della L. 392/1978, alla variazione assoluta dell’indice Istat intervenuta tra il mese di dicembre dell’anno precedente quello in corso ed il mese di dicembre dell’anno in cui è stato ultimato l’immobile, poiché convenzionalmente tutti gli immobili sono considerati terminati al 31 dicembre, indipendentemente dal mese di ultimazione;

- per gli immobili ultimati tra il 01/01/1976 ed il 31/12/1978 la variazione da utilizzare è quella relativa al periodo dicembre 1978-dicembre dell’anno precedente a quello in corso, poiché la L. 392/1978 non prevede alcuna disposizione retroattiva.

Per la corretta determinazione dell’aggiornamento dell’equo canone occorre infine considerare che la L. 25/07/1984, n. 377, ha stabilito all’art. 1 che per gli immobili ad uso di abitazione per il 1984 non si applica l’aggiornamento del canone di locazione previsto dall’art. 24 della L. 392/1978.

Seguono le tabelle di riferimento.


TABELLA 7

Percentuali di aumento indice FOI rispetto alla base giugno 1978=100 ridotte al 75%, senza e con la soppressione dell’aggiornamento per il 1984


MESE/ANNO

INDICE

AUMENTO

75% AUMENTO

SENZA 1984

75% SENZA 1984

giugno 1978

100,0

0,0

0,0

-

-

giugno 1979

114,7

14,7

11,0

-

-

giugno 1980

138,4

38,4

28,8

-

-

giugno 1981

166,9

66,9

50,2

-

-

giugno 1982

192,3

92,3

69,2

-

-

giugno 1983

222,9

122,9

92,2

-

-

giugno 1984

247,8

147,8

110,9

-

-

giugno 1985

269,4

169,4

127,1

142,4

106,80

giugno 1986

286,3

186,3

139,7

157,6

118,20

giugno 1987

298,1

198,1

148,6

168,2

126,15

giugno 1988

312,7

212,7

159,5

181,3

135,98

giugno 1989

334,5

234,5

175,9

201,0

150,75

giugno 1990

353,2

253,2

189,9

217,8

163,35

giugno 1991

377,7

277,7

208,3

239,8

179,85

giugno 1992

398,4

298,4

223,8

258,5

193,88

giugno 1993

415,2

315,2

236,4

273,5

205,13

giugno 1994

430,7

330,7

248,0

287,5

215,63

giugno 1995

455,8

355,8

266,9

310,1

232,58

giugno 1996

473,7

373,7

280,3

326,2

244,65

giugno 1997

480,5

380,5

285,4

332,3

249,23

giugno 1998

489,2

389,2

291,9

340,1

255,08

giugno 1999

496,5

396,5

297,4

346,6

259,95

giugno 2000

509,6

409,6

307,2

358,5

268,88

giugno 2001

524,2

424,2

318,2

371,5

278,63

giugno 2002

536,0

436,0

327,0

382,2

286,65

giugno 2003

548,3

448,3

336,2

393,3

294,98

giugno 2004

560,6

460,6

345,5

404,2

303,15

giugno 2005

569,7

469,7

352,3

412,5

309,38

giugno 2006

581,5

481,5

361,1

423,1

317,33

giugno 2007

590,5

490,5

367,9

431,3

323,48

giugno 2008

612,8

512,8

384,6

451,3

338,48

giugno 2009

615,1

515,1

386,3

453,3

339,98

giugno 2010

623,3

523,3

392,5

460,7

345,53

giugno 2011

637,1

537,1

402,8

473,1

354,83

giugno 2012

657,0

557,0

417,8

491,1

368,33

giugno 2013

665,1

565,1

423,8

498,4

373,80

giugno 2014

667,0

567,0

425,3

500,0

375,00

giugno 2015

666,3

566,3

424,7

499,5

374,63

giugno 2016

664,4

564,4

423,3

497,8

373,35

giugno 2017

671,7

571,7

428,8

504,4

378,30

giugno 2018 N4

679,7

579,7

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057262
Utilizzo dell’indice FOI per la rivalutazione del trattamento di fine rapporto (TFR)

Ai sensi dell’art. 2120 del Codice civile, comma 4, il trattamento di fine rapporto “con esclusione della quota maturata nell’anno, è incrementato, su base composta, al 31 dicembre di ogni anno, con l’applicazione di un tasso costituito dall’1,5 per cento in misura fissa e dal 75 per cento dell’aumento dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, accertato dall’Istat, rispetto al mese di dicembre dell’anno precedente”.

Il successivo comma 5 prevede altresì, che “ai fini della applicazione del tasso di rivalutazione di cui al comma precedente per frazioni di anno, l’incremento dell’indice Istat è quello risultante nel mese di cessazione del rapporto di lavoro rispetto a quello di dicembre dell’anno precedente. Le frazioni di mese uguali o superiori a quindici giorni si computano come mese intero”.

In pratica, il calcolo si effettua ricavando il 75% dell’incremento dell’indice Istat FOI del mese di riferimento rispetto al mese di dicembre dell’anno precedente, e sommando a questo valore un coefficiente pari a 0,125 per ciascun mese (1,50 / 12).

Nel caso in cui non vi sia incremento nell’indice Istat, o addirittura vi sia un decremento, la relativa componente verrà considerata pari a zero, e si farà quindi riferimento solo alla parte fissa.


A maggiore chiarezza si fornisce un esempio di calcolo.


1

Importo TRF accantonato al dicembre dell’anno precedente

10.000 Euro

2

Mese di cessazione del rapporto di lavoro

Maggio

3

Indice FOI mese di cessazione (maggio 2017)

101,1

4

Indice FOI mese dicembre dell’anno precedente (dicembre 2016)

100,3

5

Incremento percentuale (riga 3 / riga 4 - 1 x 100)

0,797607%

6

75% incremento percentuale (riga 5 x 0,75)

0,598205%

7

Coefficiente fisso (0,125 x 5)

0,625

8

Coefficiente di rivalutazione TFR (riga 6 + riga 7)

1,223205%

9

Importo TFR rivalutato (riga 1 x riga 8)

10.119,82 Euro


Per i rapporti in corso alla fine dell’anno, il TFR accantonato al dicembre dell’anno precedente andrà rivalutato, sulla base dei criteri suindicati, al mese di dicembre dell’anno successivo, e così via per tutti gli anni durante i quali il rapporto di lavoro è regolarmente in corso.

Segue la tabella completa.


TABELLA 9

Percentuali per la rivalutazione del TFR in base all’indice FOI


MESE

ANNO

TRA IL

E IL

FOI

INCR.

75% INCR.

FISSO

RIVAL.

MONT.

dicembre

1982

mag-1982

dic-1982

148,2

10,022272

7,5167038

0,875

8,3917038

1,0839170

dicembre

1983

dic-1982

dic-1983

167,1

12,753036

9,5647773

1,5

11,0647773

1,1106478

dicembre

1984

dic-1983

dic-1984

181,8

8,797127

6,5978456

1,5

8,0978456

1,0809785

dicembre

1985

dic-1984

dic-1985

197,4

8,580858

6,4356436

1,5

7,9356436

1,0793564

dicembre

1986

dic-1985

dic-1986

108,0

4,347826

3,2608693

1,5

4,7608693

1,0476087

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057263
Utilizzo dell’indice FOI per la rivalutazione monetaria di somme in generale

L’indice Istat dei prezzi al consumo per famiglie di operai e impiegati va utilizzato per la rivalutazione monetaria da un periodo all’altro delle somme in denaro, come ad esempio gli assegni dovuti al coniuge separato, o qualsiasi altra somma.

Segue la tabella da utilizzare per confrontare le variazioni temporali del valore della moneta in Italia a partire dal 1861 fino al 2017, elaborata dall’Istat.

Per tradurre somme di denaro di un certo anno in valuta del 2017 occorre moltiplicare la somma per il coefficiente di rivalutazione riportato in tabella in corrispondenza dell’anno iniziale.

Qualora la somma da tradurre sia espressa in Lire, dopo averla moltiplicata per il coefficiente di rivalutazione si effettua la conversione in Euro dividendo per 1936,27.

Si precisa che i coefficienti di trasformazione dei valori monetari riportati (ricavati a partire dagli indici FOI medi annui) sono calcolati e diffusi per sole finalità di analisi storica, e pertanto non costituiscono valori ufficiali da utilizzare per le rivalutazioni monetarie a fini legali (aggiornamento canoni d’affitto, assegni familiari, trattamento di fine rapporto, ecc.), per i quali sarà necessario determinare il coefficiente di rivalutazione a partire dagli indici FOI mensili.


TABELLA 10

Coefficienti per la rivalutazione monetaria di somme al 2017


1861

9.421,725

1862

9.364,624

1863

9.645,212

1864

9.917,606

1865

10.085,920

1866

9.981,673

1867

9.742,516

1868

9.364,624

1869

9.308,210

1870

9.175,552

1871

8.900,709

1872

7.875,448

1873

7.428,668

1874

7.254,286

1875

8.471,288

1876

8.006,026

1877

7.695,034

1878

7.989,467

1879

8.089,858

1880

7.803,853

1881

8.343,213

1882

8.546,255

1883

8.829,503

1884

9.004,446

1885

8.809,367

1886

8.819,423

1887

8.839,605

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057264
INDICI Istat DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI MANUFATTI EDILIZI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057265
Che cosa sono gli indici Istat dei costi di costruzione di manufatti edilizi

Gli indici Istat dei costi di costruzione di manufatti edilizi misurano con cadenza mensile la variazione nel tempo dei costi dell’edilizia residenziale e del genio civile, riferiti ad una specifica tipologia di fabbricato residenziale e di tronco stradale e, in particolare, dei costi diretti attribuibili alla realizzazione dell’opera.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057266
Campo di osservazione

Poiché come detto le stime riguardano solo costi i diretti attribuibili alla realizzazione dell’opera, non sono inclusi:

- i costi del suolo;

- i costi di progettazione e di direzione dei lavori;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057267
Utilizzo degli indici nel procedimento di stima del costo di un’opera

L’utilizzo di questi indici avviene prevalentemente nell’ambito del metodo mono-parametrico di stima, con il quale la stima del co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057268
Ultimi aggiornamenti

Nel mese di settebre 2018, gli indici del costo di costruzione di manufatti edilizi si sono attestati sui seguenti valori (nuova base 2015 = 100):

- Indice del costo di costruzione fabbricato residenziale: 102,8;

- Indice del costo di costruzione tronco stradale con tratto in galleria: 102,1;

- Indice del costo di costruzione tronco stradale senza tratto in galleria: 102,4;

- Indice del costo di costruzione tronco stradale in trincea: 101,1;

- Indice del costo di costruzione tronco stradale in rilevato: 100,9;

- Indice del costo di costruzione tronco stradale in viadotto: 103,1;

- Indice del costo di costruzione tronco stradale, opere di imbocco: 102,6;

- Indice del costo di costruzione tronco stradale in galleria tipo 1 (condizioni normali): 100,7;

- Indice del costo di costruzione tronco stradale in galleria tipo 2 (condizioni buone): 101,1;

- Indice del costo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057269
Tabelle complete

Seguono le tabelle complete degli indici con i dati storici.

Per il calcolo con i coefficienti di raccordo si faccia riferimento ai coefficienti di raccordo riportati in riferimento a ciascun indice ed alle modalità già specificate a proposito dell’indice dei prezzi al consumo per famiglie di operai e impiegati (FOI).

Su richiesta degli Abbonati, relativamente a ciascun indice, sono inviate le tabelle con le serie storiche relative ai quattro gruppi di costo: manodopera, materiali, trasporti e noli.


TABELLA 11

Indice Istat del costo di costruzione di un fabbricato residenziale


ANNO

GEN

FEB

MAR

APR

MAG

GIU

LUG

AGO

SET

OTT

NOV

DIC

MEDIA

base 1966 = 100

1969

109,9

110,5

110,9

112,7

115,0

117,0

118,5

119,6

119,9

120,5

121,4

122,5

116,5

1970

132,3

133,5

134,1

134,3

134,5

134,5

134,4

135,6

135,5

135,9

136,1

135,9

134,7

base 1970 = 100

1971

104,6

105,0

105,0

105,0

105,3

105,3

105,3

105,0

105,2

105,5

106,2

106,4

105,3

1972

108,4

109,2

109,2

109,3

109,5

109,6

110,1

111,2

111,5

112,2

113,8

114,2

110,7

1973

124,1

126,6

127,3

129,2

131,6

133,8

137,1

139,9

140,3

141,0

143,7

145,7

135,0

1974

151,6

155,6

157,5

160,5

166,7

171,5

177,5

182,9

183,4

185,2

191,7

191,4

173,0

1975

191,0

201,8

202,6

202,5

204,5

203,6

204,5

206,6

206,5

207,3

209,0

209,2

204,1

1976

212,0

217,2

220,2

234,7

241,6

243,0

249,7

257,8

258,6

260,2

265,9

266,7

244,0

base 1976 = 100

1977

109,5

113,5

114,5

116,2

119,4

119,9

120,0

122,5

123,3

123,6

125,3

125,5

119,4

1978

126,9

128,4

128,9

129,6

133,3

134,1

134,4

139,6

140,6

141,8

144,2

144,8

135,6

1979

145,6

149,6

150,3

152,3

156,6

157,8

159,7

168,6

170,4

172,6

178,1

180,0

161,8

1980

182,6

189,0

190,8

192,7

198,8

201,8

202,7

207,0

209,2

211,4

217,6

223,0

202,2

base 1980 = 100

1981

112,5

115,1

116,3

117,8

121,5

122,7

123,3

125,5

126,5

127,9

132,5

133,2

122,9

1982

134,9

137,5

138,4

138,8

142,2

142,6

144,1

148,0

149,0

150,0

152,8

153,9

144,4

1983

155,2

158,1

158,8

159,4

161,4

161,6

166,1

167,7

168,5

169,1

171,4

171,9

164,1

1984

173,5

175,5

175,9

176,4

177,9

178,5

179,0

180,3

180,6

181,3

182,9

183,3

178,8

1985

187,7

189,2

190,7

191,1

193,1

194,0

194,5

196,3

196,9

197,5

198,3

198,6

194,0

1986

198,8

198,8

199,1

199,6

201,2

200,9

201,0

201,3

202,2

203,1

204,9

205,0

201,3

1987

205,3

206,1

206,4

206,7

208,4

208,8

208,9

209,3

209,5

215,1

217,3

217,8

210,0

1988

218,1

218,8

219,3

220,0

222,4

223,2

223,8

224,4

226,0

226,8

229,2

229,7

223,5

1989

230,1

230,8

231,3

231,6

234,2

234,3

235,8

237,6

238,4

239,5

243,5

245,7

236,1

1990

251,5

253,9

255,6

256,4

259,8

260,5

263,1

263,8

264,4

265,3

269,0

269,4

261,1

base 1990 = 100

1991

103,4

103,9

104,1

104,3

105,7

110,2

110,5

110,6

110,7

110,8

111,9

111,9

108,2

1992

112,4

112,6

113,2

113,3

113,6

113,7

113,7

113,8

113,9

114,2

114,2

114,4

113,6

1993

115,6

116,0

116,1

116,5

116,6

116,8

116,9

116,9

117,1

117,2

117,2

117,3

116,7

1994

120,0

120,3

120,6

120,9

120,9

120,9

121,0

121,2

121,4

121,5

120,4

120,7

120,8

1995

121,3

121,6

122,3

122,7

123,4

123,8

123,7

123,8

124,0

123,9

123,9

123,9

123,2

base 1995 = 100

1996

100,5

100,6

100,7

100,7

100,8

101,0

102,4

102,4

102,7

102,9

102,9

103,4

101,8

1997

103,4

103,1

103,4

103,5

103,5

103,6

104,9

105,0

105,2

105,3

105,4

105,3

104,3

1998

101,9

102,0

102,5

102,5

102,5

102,7

102,9

103,4

103,4

103,6

103,7

103,6

102,9

1999

103,6

103,7

103,8

104,3

104,5

104,6

104,8

104,9

105,0

105,2

105,4

105,6

104,6

2000

106,6

106,8

107,0

107,1

107,2

107,7

107,8

108,0

108,3

108,5

108,7

108,9

107,7

2001

109,6

109,5

109,8

109,8

110,0

110,1

110,4

110,6

110,8

110,8

111,0

111,0

110,3

2002

114,1

114,2

114,3

114,5

114,6

114,8

115,0

115,1

115,3

115,3

115,4

115,5

114,8

base 2000 = 100

2003

108,8

109,1

109,2

109,4

109,4

109,4

109,6

109,6

109,6

109,7

109,8

109,8

109,5

2004

111,0

111,9

112,2

112,7

114,1

114,2

114,9

115,0

115,3

115,5

115,8

115,9

114,0

2005

116,2

117,0

118,4

118,5

118,5

118,5

119,1

119,1

119,2

119,4

119,6

119,6

118,6

2006

119,9

120,0

121,5

122,0

122,2

122,2

122,8

122,8

122,9

123,5

123,8

124,1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057270
TASSI DI INTERESSE PER LA RIVALUTAZIONE DEI CREDITI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057271
Interessi legali e interessi di mora: significato, utilizzo e differenze

Gli interessi “legali”, così chiamati perché stabiliti per legge, sono le somme aggiuntive dovute dal debitore in caso di ritardato adempimento ad obbligazioni di natura pecuniaria, nell’ambito di rapporti contrattuali di qualsiasi tipo.

Gli interessi legali hanno carattere corrispettivo (fungono da corrispettivo per la fruizione del denaro altrui), si applicano anche se non espressamente pattuito, e decorrono dunque per il solo fatto di disporre del denaro altrui in ragione dell’inadempimento al pagamento previsto, senza che il creditore debba dimostrare di aver sofferto alcun danno (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057272
Misura degli interessi legali e degli interessi di mora
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057273
Tasso degli interessi legali: determinazione, misura e utilizzo

Ai sensi dell’art. 1284 del Codice civile, comma 1, la misura del saggio degli interessi legali, inizialmente fissata al 2,5% in ragione d’anno, può essere modificata dal Ministro del tesoro (ora Ministro dell’economia e finanze), con proprio decreto pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana non oltre il 15 dicembre dell’anno precedente a quello cui il saggio si riferisce, sulla base del rendimento medio annuo lordo dei titoli di Stato di durata non superiore a 12 mesi e tenuto conto del tasso di inflazione registrato nell’anno.

L’ultimo decreto di variazione è il D. Min. Economia e Fin. 13/12/2017 - pubblicato sulla G.U. 15/12/2017, n. 292 - con il quale il Ministero dell’economia e finanze ha aggiornato il saggio dell’interesse legale al valore dello 0,3%. Il nuovo valore entra in vigore a partire dal 01/01/2018, sostituendo il precedente 0,1% approvato con D. Min. Economia e Fin. 07/12/2016 ed in vigore dal 01/01/2017.


Decorrenza degli interessi legali

Gli interessi legali decorrono dal giorno in cui è stato convenuto il pagamento oppure dal giorno della “messa in mora” (data della intimazione del pagamento o della richiesta di adempimento) fino al giorno dell’effettivo pagamento, ed inoltre che, stante il disposto dell’art. 1284 del Codice civile, comma 3, gli interessi superiori alla misura legale (cosiddetti “interessi di mora”) devono essere determinati per iscritto, altrimenti sono dovuti nella misura legale.

Il D.L. 12/09/2014, n. 132, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 212 del 12/09/2014 ed in vigore dal giorno successivo - poi convertito in legge dalla L. 10/11/2014, n. 162 - ha aggiunto i nuovi commi quarto e quinto all’art. 1284 del Codice civile, in forza dei quali, se le parti non ne hanno determinato la misura dell’interesse di mora, da quando ha inizio un procedimento di cognizione il saggio degli interessi legali è pari a quello previsto dalla legislazione speciale relativa ai ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali (su cui si veda più avanti). La disposizione si applica anche all’atto con cui si promuove il procedimento arbitrale.

In altri termini, se la pretesa risarcitoria viene perseguita nell’ambito di un procedimento - sia esso in sede civile, amministrativa o penale, ed anche un procedimento arbitrale ai sensi del Codice di procedura civile - ai fini del calcolo dell’interesse di mora, la misura del saggio di interesse legale si intende sostituita da quella prevista dal D. Leg.vo 231/2002 (come modificato dal D. Leg.vo 192/2012), e determinato semestralmente con comunicato del Ministero dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057274
Tasso degli interessi legali in caso di instaurazione di un procedimento giudiziale

I commi 4 e 5 all’art. 1284 del Codice civile (introdotti dal D.L. 12/09/2014, n. 132, con decorrenza dal n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057275
Tasso degli interessi di mora nelle transazioni commerciali

Se, come detto, nell’ambito dei rapporti tra privati la misura dell’interesse di mora è convenzionale, e come tale deve essere stabilita per iscritto (salvo applicazione degli interessi legali in caso contrario), una disciplina specifica è dettata dal D. Leg.vo 09/10/2002, n. 231 per le transazioni commerciali, come tali intendendosi quei rapporti che hanno luogo tra società e/o pubbliche amministrazioni (nell’ambito della propria attività “privatistica” di carattere commerciale, e non istituzionale) e/o professionisti (nell’ambito della propria attività professionale).

Per questa tipologia di rapporti, l’art. 4 del D. Leg.vo 231/2002 definisce un saggio di interessi “legali di mora” (nel senso che si tratta di un interesse di mora stabilito per legge), in misura pari al tasso della Banca centrale europea (c.d. “tasso BCEN2) incrementato dell’8% N3, come individuato semestralmente dal Ministero dell’economia e finanze con proprio comunicato da pubblicarsi in Gazzetta ufficiale.


Si riporta di seguito la tabella completa dei tassi in questione.


TABELLA 23

Tasso degli interessi per i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali


DA DATA

A DATA

TASSO BCE

MAGGIORAZIONE

TASSO

G.U.

08/08/2002

31/12/2002

3,35%

7,00%

10,35%

G.U. 10/02/2003, n. 33

01/01/2003

30/06/2003

2,85%

7,00%

9,85%

G.U. 10/02/2003, n. 33

01/07/2003

31/12/2003

2,10%

7,00%

9,10%

G.U. 12/07/2003, n. 160

01/01/2004

30/06/2004

2,02%

7,00%

9,02%

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057276
Termini di pagamento e altre disposizioni varie del D. Leg.vo 231/2002

Oltre alla misura del tasso di interesse come sopra indicato, il D. Leg.vo 231/2002 stabilisce quanto segue:

- decorrenza degli interessi, senza necessità di costituzione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
4564991 5057277
Ritardi di pagamento nei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

La disciplina speciale per i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali dettata dal D. Leg.vo 231/2002 è applicabile anche ai contratti pubblici di lavori, servizi e forniture a partire dal 01/01/2013, a seguito delle modifiche introdotte dal D. Leg.vo 09/11/2012, n. 192 e come ora previsto anche dall’art. 113-bis del D. Leg.vo 50/2016 (Codice dei contratti pubblici).

La disciplina in questione ha pertanto sostituito, con la decorrenza indicata, quella in precedenza dettata dalla legislazione speciale sui contratti pubblici (prima l’art. 35 del D.P.R. 1063/1962, poi l’art. 26 della L. 109/1994, attuato dall’art. 30 del D.M. 145/2000, e da ultimo l’art. 133 del D. Leg.vo 163/2006 - ora abrogato e sostituito dal D. Leg.vo 50/2016 - attuato dall’art. 144 del D.P.R. 207/2010), disciplina peraltro applicabile solamente ai contratti di lavori.


Si riporta per completezza qui di seguito la tabella con i tassi di mora per gli appaltatori di lavori pubblici validi fino al 31/12/2012.


TABELLA 24

Tassi di mora per gli appaltatori di lavori pubblici validi fino al 31/12/2012


TASSO

DAL

AL

PROVVEDIMENTO

7,50%

01/09/1962

31/08/1963

D. Min. Tesoro 30/07/1963

7,50%

01/09/1963

31/08/1964

D. Min. Tesoro 14/03/1964

7,50%

01/09/1964

31/08/1965

D. Min. Tesoro 15/02/1965

7,50%

01/09/1965

31/08/1966

D. Min. Tesoro 08/04/1966

7,50%

01/09/1966

31/08/1967

D. Min. Tesoro 07/07/1967

7,50%

01/09/1967

31/08/1968

D. Min. Tesoro 12/04/1968

7,50%

01/09/1968

31/08/1969

D. Min. Tesoro 20/05/1969

8,75%

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Istat

Aggiornamento indici Istat e tassi

Rivalutazione monetaria, locazioni e TFR; Costi di costruzione di manufatti edilizi; Rivalutazione dei crediti.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ritardi nei pagamenti commerciali
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Professioni
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Ritardato pagamento di onorari e corrispettivi: interessi, tutele, prescrizione

INTERESSI IN CASO DI RITARDATO PAGAMENTO (INTERESSI DI MORA) (Ritardato pagamento e maturazione degli interessi di mora; Interessi di mora a carattere compensativo e a carattere risarcitorio; Norme di riferimento per la misura e la decorrenza degli interessi di mora; Schema grafico riepilogativo) - MISURA E DECORRENZA DEGLI INTERESSI DI MORA (Cliente privato; Cliente impresa, professionista o pubblica amministrazione; Contratti pubblici; Schema grafico riepilogativo; Divieto di anatocismo (interessi composti, o interessi sugli interessi)) - INDICAZIONI PRATICHE PER IL RECUPERO DEL CREDITO (Solleciti di pagamento; Richiesta di decreto ingiuntivo (o “ingiunzione di pagamento”)) - PRESCRIZIONE DEL CREDITO (Durata della prescrizione; Decorrenza della prescrizione; Schema grafico prescrizione per i professionisti).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Professioni
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Ritardi nei pagamenti commerciali
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Appalti e contratti pubblici

Disciplina dei pagamenti, dei ritardi e della tracciabilità nei contratti pubblici

Pagamenti e ritardi nei contratti pubblici (termini di pagamento, interessi moratori, condizioni per agire contro la P.A., mancato pagamento retribuzioni affidatario e subappaltatori, altre disposizioni); Tracciabilità nei pagamenti tra stazione appaltante, esecutori e subappaltatori (strumenti di pagamento, clausole sulla tracciabilità nel subappalto, denunce e verifiche, risoluzione del contratto); Applicabilità ai contratti pubblici del D. Leg.vo 231/2002 sui ritardi di pagamento e tabella di raffronto con la disciplina precedente.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Fisco e Previdenza

Determinazione del valore dei diritti di usufrutto, uso e abitazione con esempi

In questo articolo sono illustrate le modalità per calcolare il valore del diritto di usufrutto (e conseguentemente della nuda proprietà) - nonché del diritto di uso o di abitazione di un immobile - che sia previsto con durata vitalizia o con durata determinata, con esempi di calcolo. Sono altresì illustrate le modalità per il calcolo del valore di rendite e pensioni, a tempo indeterminato, vitalizie o a tempo determinato. Aggiornamento al D.M. 13/12/2017 (saggio di interesse legale dal 2018) e al D.M. 20/12/2017 (nuovi coefficienti).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Compravendita e locazione
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Edilizia e immobili
  • Istat

Determinazione del canone di locazione immobiliare e aggiornamento con Indici ISTAT

In questo articolo, alla luce delle norme di cui alla L. 431/1998, di quelle ancora vigenti di cui alla L. 392/1978 e del Codice civile, analizziamo la disciplina relativa alla durata del contratto di locazione immobiliare, alla determinazione del canone ed al suo aggiornamento tramite gli Indici ISTAT, con le tabelle complete di questi ultimi e diversi esempi pratici di calcolo. Il tutto con riferimento alle locazioni abitative, anche quelle eventualmente ancora stipulate nel regime dell’ormai abrogato “equo canone”, ed alle locazioni di immobili ad uso diverso.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Titoli abilitativi
  • Costi di costruzione
  • Aree rurali
  • Agricoltura e Foreste
  • Agriturismo
  • Alberghi e strutture ricettive

Trento: obbligo di adeguamento dei Comuni al Regolamento urbanistico-edilizio provinciale

19/10/2017

24/07/2017

07/11/2018

17/10/2018