FAST FIND : AR1500

Ultimo aggiornamento
08/03/2018

Partecipazione alla gara di concorrenti “collegati” (Corte UE C-144/17)

È conforme al diritto europeo la norma italiana che non prevede l’esclusione automatica da una procedura di aggiudicazione di candidati che si trovino in una situazione di controllo o di collegamento con altri offerenti, ma che consente l’esclusione solo se risulti che le offerte non siano state formulate in maniera indipendente.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
4548723 4549046
Premessa

Secondo la Corte di giustizia europea (sentenza 08/02/2018, causa C-144/17) non può essere esclusa automaticamente la partecipazione ad una gara di appalto di operatori economici aderenti ad una stessa organizzazione: l’esclusione presuppone infatti che risulti da elementi incontestabili che le offerte non siano state formulate in maniera indipendente (nella fattispecie, a ragione della peculiare struttura organizzativa degli operatori economici, quest’ultimo elemento non poteva essere desunto dalla sola circostanza che le offerte erano state sottoscritte da un’unica persona).



4548723 4549047
Fattispecie e contesto normativo

La Corte di giustizia si è pronunciata nell’ambito di una controversia in cui un’ARPA italiana (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente) aveva escluso da una procedura di aggiudicazione di un appalto pubblico di servizi assicurativi due concorrenti entrambi membri di una compagnia londinese le cui offerte erano state sottoscritte entrambe dal procuratore speciale del rappresentante generale per l’Italia della medesima compagnia. Nel caso di specie i membri della compagnia costituivano raggruppamenti che operavano autonomamente e in concorrenza tra loro, pur essendo riconducibili alla medesima organizzazione, e che agivano mediante un rappresentante generale unico per tutto il territorio.

L’esclusione era stata disposta senza dare la possibilità agli operatori esclusi di dimostrare che le loro rispettive offerte erano state formulate in maniera del tutto indipendente l’una dall’altra (esclusione automatica) e con la motivazione che le offerte erano oggettivamente imputabili a un unico centro decisionale, giacché erano state sottoscritte dalla medesima persona (che, tra l’altro, era necessariamente a conoscenza del contenuto delle medesime con conseguente violazione del principio di segretezza delle offerte).

La norma applicabile ratione temporis era l’art. 38, D. Leg.vo 163/2006 (comma 1, lett. m-quater) che prevedeva l’esclusione dalla partecipazione alle procedure di affidamento delle concessioni e degli appalti di lavori, forniture e servizi, dei soggetti che si trovino, rispetto ad un altro partecipante alla medesima procedura di affidamento, in una situazione di controllo di cui all’articolo 2359 del codice civile o in una qualsiasi relazione, anche di fatto, se la situazione di controllo o la relazione comporti che le offerte sono imputabili ad un unico centro decisionale. Tale disposizione è oggi contenuta nell’art. 80 del D. Leg.vo 50/2016 (comma 5, lett. m) che ha riprodotto quanto già previsto dal D. Leg.vo 163/2006 e successivamente dalla Direttiva 2014/24/UE.



4548723 4549048
Chiarimenti della Corte UE

Secondo la Corte UE da tale norma discende che non è consentita dall’ordinamento italiano l’esclusione automatica dalla procedura di gara dei concorrenti “collegati”, ma che, per escluderli sia necessario che risulti che le offerte non siano state formulate in modo indipendente. Si trattava pertanto di stabilire se la stessa fosse in contrasto con i principi di trasparenza, di parità di trattamento e di non discriminazione dettati dalla normativa europea e nazionale in tema di appalti pubblici e se la sottoscrizione effettuata dal medesimo soggetto bastasse a dimostrare che le offerte erano tutte riconducibili ad un unico centro decisionale.

Al riguardo la Corte, sulla base di orientamenti precedenti (vedi sentenza del 19 maggio 2009, causa C-538/07), ha evidenziato che:

- l’esclusione automatica di candidati o di offerenti che si trovino in una situazione di controllo o di collegamento con altri offerenti eccede quanto necessario per prevenire comportamenti collusivi e, pertanto, per garantire l’applicazione del principio della parità di trattamento e il rispetto dell’obbligo di trasparenza. Una siffatta esclusione automatica costituisce, infatti, una presunzione assoluta d’interferenza reciproca nelle rispettive offerte, per uno stesso appalto, di imprese legate da una situazione di controllo o di collegamento. Essa esclude in tal modo la possibilità per tali candidati o offerenti di dimostrare l’indipendenza delle loro offerte ed è quindi in contrasto con l’interesse dell’Unione a che sia garantita la partecipazione più ampia possibile di offerenti a una gara d’appalto;

- i raggruppamenti di imprese possono presentare forme e obiettivi variabili, e non escludono necessariamente che le imprese controllate godano di una certa autonomia nella gestione della loro politica commerciale e delle loro attività economiche, in particolare nel settore della partecipazione a pubblici incanti. I rapporti tra imprese di un medesimo gruppo, infatti, possono essere disciplinati da disposizioni particolari atte a garantire tanto l’indipendenza quanto la segretezza in sede di elaborazione di offerte che vengano presentate contemporaneamente dalle imprese in questione nell’ambito di una medesima gara d’appalto;

- in tale contesto il rispetto del principio di proporzionalità richiede che l’amministrazione aggiudicatrice sia tenuta a esaminare e valutare i fatti, al fine di accertare se il rapporto sussistente tra due entità abbia esercitato un’influenza concreta sul rispettivo contenuto delle offerte depositate nell’ambito di una medesima procedura di aggiudicazione pubblica, e la constatazione di una simile influenza, in qualunque forma, è sufficiente affinché le suddette imprese possano essere escluse dalla procedura.



4548723 4549049
Conclusioni

Dalle considerazioni suesposte la Corte ha ritenuto che il mero fatto che delle offerte siano state sottoscritte dalla stessa persona non può giustificare la loro esclusione automatica dall’appalto pubblico. Una tale sottoscrizione, anche ammettendo che implichi la conoscenza da parte del soggetto sottoscrittore del contenuto delle offerte non dimostra, di per sé, che i concorrenti si siano accordati quanto al contenuto delle loro rispettive offerte e che, pertanto, le relazioni esistenti tra di essi abbiano esercitato un’influenza concreta su tali offerte.

Pertanto, il diritto dell’Unione osta a che tali offerenti siano automaticamente esclusi dalla gara d’appalto per il solo motivo che le loro rispettive offerte sono state sottoscritte da un unico soggetto. Spetta, tuttavia, al giudice del rinvio assicurarsi che le offerte in questione siano state presentate in maniera indipendente da ciascuno di tali offerenti.

Ne consegue la conformità della normativa italiana ai principi di trasparenza, di parità di trattamento e di non discriminazione che, da un lato, non consente l’esclusione automatica e, d’altro lato, consente all’amministrazione aggiudicatrice di escludere gli offerenti ove essa constati, sulla base di elementi incontestabili, che le loro offerte non sono formulate in maniera indipendente, circostanza che spetta al giudice del rinvio verificare.

legislazionetecnica.it

Riproduzione riservata

Dalla redazione

  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Autorità di vigilanza

L'offerta economicamente più vantaggiosa per l'aggiudicazione dei contratti pubblici

QUADRO NORMATIVO - IL CRITERIO DELL’OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA (Generalità; Applicazione obbligatoria del criterio OEPV sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo; Applicazione del criterio del minor prezzo in via residuale; Tabella riepilogativa dei criteri di aggiudicazione) - I CRITERI DI VALUTAZIONE (Rating di legalità e rating di impresa; Le varianti e le opere aggiuntive; Criterio del prezzo fisso; Criterio del costo del ciclo di vita) - LA PONDERAZIONE DEI PUNTEGGI - LA VALUTAZIONE DEGLI ELEMENTI DELL’OFFERTA (La valutazione degli elementi quantitativi; La valutazione in base alla presenza di determinate caratteristiche; La valutazione degli elementi qualitativi e i criteri motivazionali) - LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA - COMPITI DELLE COMMISSIONI AGGIUDICATRICI.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Professioni

Determinazione dei corrispettivi per i servizi tecnici negli appalti pubblici

PREMESSA (Entrata in vigore e contenuti del D.M. 17/06/2016; Coordinamento con i livelli di progettazione previsti dal D. Leg.vo 50/2016) - APPLICAZIONE DEI CORRISPETTIVI (Riferimenti nel D. Leg.vo 50/2016 e nel D.M. 17/06/2016; Linee guida dell’ANAC e buone pratiche, giurisprudenza) - MODALITÀ DI CALCOLO DEI CORRISPETTIVI (Prestazioni non previste dal decreto o non determinabili; Corrispettivi per prestazioni non determinabili; Oneri accessori e spese; Schema grafico riepilogativo) - ESEMPI PRATICI.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Fisco e Previdenza
  • Appalti e contratti pubblici
  • Lavoro e pensioni
  • Disciplina economica dei contratti pubblici

La responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore negli appalti pubblici e privati

Norme di riferimento sulla solidarietà retributiva e contributiva; Disciplina della solidarietà retributiva e contributiva (generalità, somme oggetto dell’obbligazione in solido, contratti che rientrano nell’applicazione della disciplina, distinzione tra appalto e contratti similari, soggetti che possono essere chiamati a rispondere in solido, estensione ai contratti di subfornitura con Sentenza Corte Costituzionale 254/2017, schema grafico riepilogativo, durata del vincolo di obbligazione in solido, soggetti beneficiari della tutela, le modifiche introdotte dal D.L. 25/2017); Ulteriori norme specifiche per gli appalti pubblici; La tutela generale in via residuale disposta dal Codice civile; Sicurezza sul lavoro; Solidarietà fiscale, le norme ora soppresse.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Autorità di vigilanza
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

La programmazione degli acquisti pubblici di beni e servizi

QUADRO NORMATIVO (Le norme, poi abrogate, contenute nella Legge di stabilità 2016; Le norme nel Codice dei contratti pubblici 2016; Le norme nel Codice dei contratti pubblici del 2006) - REDAZIONE, FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DELLA PIANIFICAZIONE (Il decreto ministeriale attuativo del Codice; Schemi tipo per la redazione della programmazione degli acquisti di forniture e servizi; Dettaglio sui contenuti della pianificazione; Strumenti di supporto elaborati dall’Istituto ITACA) - OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE E TRASMISSIONE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

La programmazione dei lavori pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Le norme nel Codice dei contratti pubblici 2016; Il decreto ministeriale attuativo del Codice; Le norme nel Codice dei contratti pubblici del 2006) - REDAZIONE, FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DELLA PIANIFICAZIONE (Contenuti della pianificazione; Elenco annuale; Livelli di progettazione; Schemi tipo per la redazione della programmazione dei lavori pubblici; Ordine di priorità degli interventi; Iter di approvazione del programma triennale; Modalità di aggiornamento e modifica; Strumenti di supporto elaborati dall’Istituto ITACA) - OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE - CHIARIMENTI PERIODO ANTECEDENTE AL DECRETO ATTUATIVO.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

  • Avvisi e bandi di gara
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica in base a regole AgID

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro