FAST FIND : AR1453

Ultimo aggiornamento
16/11/2017

Mobilità sostenibile e realizzazione della rete nazionale di percorribilità ciclistica

Si illustrano di seguito i punti principali della proposta di legge che persegue l’obiettivo di promuovere l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto alternativo all'automobile. In tale ottica, lo stato, le regioni e gli enti locali rendono lo sviluppo della mobilità ciclistica e delle necessarie infrastrutture di rete una componente fondamentale delle politiche della mobilità in tutto il territorio nazionale.
A cura di:
  • Emanuela Greco

La proposta di legge 2305-A (abbinata alle proposte 73-111-2566-2827-3166) recante “Disposizioni per lo sviluppo della mobilità in bicicletta e la realizzazione della rete nazionale di percorribilità ciclistica” è stata approvata all’unanimità dalla Camera dei Deputati il 14/11/2017 e passa ora all’esame del Senato.

CICLOVIE E RETE CICLOVIARIA - La proposta di legge introduce nell'ordinamento la definizione normativa delle ciclovie e delle reti cicloviarie, nonché quella di via verde ciclabile, sentiero ciclabile o percorso natura, strada senza traffico, strada a basso traffico e strada 30 (urbana ed extraurbana).

In particolare, la ciclovia è definita come un itinerario che consente il transito delle biciclette nelle due direzioni, dotato di diversi livelli di protezione determinati da provvedimenti o infrastrutture che rendono la percorrenza ciclistica più agevole e sicura. Essa comprende, con riferimento ai parametri di traffico e sicurezza, una o più delle seguenti categorie:

  • piste o corsie ciclabili e itinerari ciclopedonali, come definiti dal Codice della strada (D. Leg.vo 285/1992);
  • vie verdi ciclabili o greenway, definite come piste o strade ciclabili sulle quali non è consentito il traffico motorizzato;
  • sentieri ciclabili o percorsi natura, quali itinerari in parchi e zone protette, sulle sponde dei fiumi o in ambiti rurali, senza particolari caratteristiche costruttive, sui quali è ammessa la circolazione delle biciclette;
  • strade senza traffico e a basso traffico, definite come strade con traffico motorizzato giornaliero medio inferiore a cinquanta, o, rispettivamente, a cinquecento veicoli al giorno senza punte superiori a cinquanta veicoli all'ora;
  • strade 30, quali strade urbane o extraurbane sottoposte a limite di velocità di 30 chilometri orari o limite inferiore, segnalate con il segnale “zona a velocità limitata” ai sensi dell’art. 135, comma 14, del D.P.R. 495/1992, regolamento di attuazione del Codice della strada;
  • aree pedonali, i.e. zone interdette alla circolazione dei veicoli, definite dall'articolo 3, comma 1, n. 2, del Codice della strada;
  • zone a traffico limitato, i.e. aree con accesso e circolazione limitati, definite dall'articolo 3, comma 1, n. 54, del Codice della Strada;
  • zone residenziali, come definite dall'articolo 3, comma 1, n. 58, del Codice della Strada.

Viene definita invece rete cicloviaria l'insieme di diverse ciclovie o di segmenti di ciclovie raccordati tra loro, percorribili dal ciclista senza soluzione di continuità.

PIANO GENERALE DELLA MOBILITÀ CICLISTICA - Entro 6 mesi dall'entrata in vigore della proposta di legge in commento, si prevede l'adozione di un Piano generale della mobilità ciclistica che dovrà costituire parte integrante del Piano generale dei trasporti e della logistica e riferirsi a due specifici settori di intervento, relativi, rispettivamente, allo sviluppo della mobilità ciclistica in ambito urbano e metropolitano ed allo sviluppo della mobilità ciclistica su percorsi definiti a livello regionale, nazionale ed europeo.

Il Piano generale della mobilità ciclistica, di durata triennale con aggiornamento annuale, dovrà indicare, tra l’altro, gli obiettivi annuali, gli interventi prioritari da realizzare, l’individuazione delle ciclovie di interesse nazionale che costituiscono la Rete ciclabile nazionale «Bicitalia» e la definizione delle azioni necessarie a sostenere lo sviluppo della mobilità ciclistica in ambito urbano, con particolare riferimento alla sicurezza dei ciclisti e all'interscambio modale tra la mobilità ciclistica, il trasporto ferroviario e il trasporto pubblico locale.

BICITALIA - RETE CICLABILE NAZIONALE - La Rete ciclabile nazionale denominata “Bicitalia” è composta dalle ciclovie di interesse nazionale, compresi i relativi accessori e pertinenze, dedicate ai ciclisti ed agli altri utenti non motorizzati ed individuate dal Piano generale della mobilità ciclistica, che ne stabilisce le modalità di realizzazione e di gestione. Essa costituisce la rete infrastrutturale di livello nazionale, con uno sviluppo complessivo non inferiore a 20.000 chilometri, integrata nel sistema della rete ciclabile transeuropea "Eurovelo". Le infrastrutture inserite nella Rete Bicitalia costituiscono infrastrutture di interesse strategico nazionale.

La proposta di legge in commento, definisce le altre caratteristiche rilevanti della Rete Bicitalia, tra le quali: integrazione e interconnessione con le altre reti ciclabili e con le reti infrastrutturali a supporto delle altre modalità di trasporto; collegamento con le aree naturali protette; integrazione con altre reti di percorrenza turistica; sviluppo di piste ciclabili e vie verdi ciclabili; recupero a fini ciclabili di strade, infrastrutture e manufatti stradali e ferroviari dismessi, declassati o non recuperabili; dotazione di un adeguato sistema di segnaletica.

Si disciplina inoltre la procedura per la predisposizione ed approvazione dei progetti necessari alla realizzazione della Rete Bicitalia. L’approvazione di tali progetti costituisce variante a tutti gli strumenti urbanistici vigenti, ai sensi del Testo unico edilizia (D.P.R. 380/2001).

DIREZIONE GENERALE PER LA MOBILITÀ CICLISTICA - Si prevede l'istituzione della Direzione generale per la mobilità ciclistica. Tra i compiti di questa ultima rientra la predisposizione dello schema del Piano generale della mobilità ciclistica, il monitoraggio della realizzazione della Rete ciclabile nazionale Bicitalia, la verifica del rispetto degli obiettivi annuali di sviluppo della mobilità ciclistica, nonché la predisposizione, in collaborazione con l'ISTAT, di un sistema informativo sull'infortunistica stradale dei ciclisti, allo scopo di individuare gli interventi per accrescere la sicurezza della mobilità ciclistica.

PIANI REGIONALI E URBANI DELLA MOBILITÀ CICLISTICA - La proposta di legge interviene altresì in materia di programmazione della mobilità ciclistica da parte degli enti territoriali.

Le regioni predispongono e approvano con cadenza triennale, in coerenza con il Piano regionale dei trasporti e della logistica, il Piano regionale della mobilità ciclistica che disciplina l'intero sistema ciclabile regionale ed è redatto sulla base dei piani urbani della mobilità sostenibile (PUMS) e dei relativi programmi e progetti presentati dai comuni e dalle città metropolitane. Esso definisce tra l’altro, la rete ciclabile regionale; le ciclovie del territorio regionale incluse nella Rete Bicitalia; il sistema di interscambio tra bicicletta e altri mezzi di trasporto lungo le infrastrutture provinciali, regionali e nazionali; gli indirizzi per la predisposizione delle reti ciclabili urbane ed extraurbane e delle aree di sosta, nonché la procedura di recepimento di tali indirizzi negli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica, nei regolamenti edilizi e negli interventi di costruzione o ristrutturazione degli edifici pubblici, con particolare riferimento a quelli scolastici. Per lo svolgimento delle funzioni loro attribuite dalla proposta di legge in oggetto, le regioni possono istituire un ufficio per la mobilità ciclistica.

I comuni non facenti parte di città metropolitane e le città metropolitane predispongono e definiscono i piani urbani della mobilità ciclistica (“Biciplan”), quali piani di settore dei PUMS, finalizzati a definire gli obiettivi, le strategie e le azioni necessarie a promuovere e intensificare l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto. Si segnala che i Biciplan definiscono, tra l’altro:

  • la rete degli itinerari ciclabili prioritari o ciclovie del territorio comunale tale da garantire l’attraversamento e il collegamento tra le parti della città lungo le principali direttrici di traffico, con infrastrutture capaci, dirette e sicure, nonché le modalità e i tempi per realizzare tali infrastrutture;
  • le azioni utili ad estendere gli spazi dedicati alla sosta delle biciclette prioritariamente in prossimità degli edifici scolastici e adibiti a pubbliche funzioni nonché in prossimità dei principali nodi di interscambio modale e a diffondere l’utilizzo di servizi di condivisione delle biciclette (bikesharing).

DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER LE CITTÀ METROPOLITANE, LE PROVINCE E I COMUNI - Si prevedono inoltre una serie di disposizioni particolari per le città metropolitane e le province, le quali, attraverso i rispettivi uffici per la mobilità ciclistica, si occupano, tra l’altro:

  • della stesura e l’aggiornamento del Sistema informativo territoriale (SIT) della rete ciclabile provinciale, classificando le ciclovie per tipologia e qualità;
  • della progettazione e manutenzione di opere e segnaletica della rete d’iniziativa provinciale;
  • dell’assistenza agli enti locali nella redazione degli strumenti della pianificazione ciclabile di settore all’interno del piano urbanistico generale, del piano urbanistico territoriale e dei PUMS.

Tra le disposizioni particolari per i comuni, si segnala che essi devono prevedere, in prossimità di stazioni ferroviarie, di autostazioni e di stazioni metropolitane e, ove presenti, di stazioni di mezzi di trasporto marittimi, fluviali e lacustri, la realizzazione di velostazioni, ossia di centri per il deposito custodito di biciclette, l’assistenza tecnica e l’eventuale servizio di noleggio. Inoltre, i comuni prevedono nei regolamenti edilizi misure finalizzate alla realizzazione di spazi comuni e attrezzati per il deposito di biciclette negli edifici adibiti a residenza e ad attività terziarie o produttive e nelle strutture pubbliche; in sede di attuazione degli strumenti urbanistici i comuni stabiliscono inoltre i parametri di dotazione di stalli per le biciclette destinati ad uso pubblico e ad uso pertinenziale.

MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA - La proposta di legge propone infine di modificare il Codice della strada, introducendo:

  • tra i principi generali di cui all'art. 1, comma 2, del Codice della strada, il riferimento alla mobilità sostenibile ed alla promozione dell'uso dei velocipedi;
  • il comma 4-ter dell’art. 13, in materia di ciclovie di complemento.

 

Dalla redazione

Il “Collegato ambientale” 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella L. 28/12/2015, n. 221 (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, cosiddetta “Legge sulla green economy” o “Collegato ambientale”), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

La Legge di Stabilità 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Stabilità 2016 (L. 28 dicembre 2015, n. 208), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis

La Legge di Bilancio 2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Bilancio 2017 (L. 11 dicembre 2016, n. 232), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini

Tutti i termini prorogati dal decreto-legge «Milleproroghe» 210/2015 (L. 21/2016)

Grandi impianti di combustione; Smaltimento in discarica rifiuti; Esclusione automatica delle offerte anomale; Affidamento servizi tecnici; Pubblicazione avvisi e bandi di gara; Attestazione SOA; Anticipazione del prezzo negli appalti; Qualificazione del contraente generale; Requisito della cifra d’affari realizzata nei contratti pubblici; Adeguamento antincendio edifici scolastici e strutture ricettive; Esercizio associato funzioni nei piccoli comuni; Trasferimento immobili agli enti territoriali; Commissioni censuarie; Processo amministrativo digitale; Bonifiche da ordigni bellici; Formazione installatori impianti a fonti rinnovabili; Salvamento acquatico; Mutui nei comuni colpiti da calamità; Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto; Revisione generale trattori agricoli; Norme Tecniche sbarramenti di ritenuta; Accise combustibile per cogenerazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Tutti i termini prorogati dal decreto-legge «Milleproroghe» 192/2014 (L. 11/2015)

Libretto di centrale impianti termici; Smaltimento rifiuti in discarica; SISTRI; Gestione dei rifiuti in Campania; Anticipazione prezzo nei lavori pubblici; Centrali uniche di committenza; Qualificazione contraente generale; Appaltabilità e cantierabilità grandi opere; Messa in sicurezza edifici scolastici; Interventi per il dissesto idrogeologico; Antincendio strutture ricettive; Antincendio nuove attività esistenti; Zone a burocrazia zero; Impianti a fonti rinnovabili e Conto energia in zone terremotate; Macchine agricole; Contribuenti minimi; Locazione immobili pubblici; Sfratti esecutivi; Processo amministrativo digitale; Affidamento servizio distribuzione gas; Accise sul combustibile impiegato per la cogenerazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis

08/11/2017

13/10/2017

05/10/2017

29/09/2017