FAST FIND : NR23285

L. R. Piemonte 29/06/2009, n. 19

Testo unico sulla tutela delle aree naturali e della biodiversità.
Scarica il pdf completo
40444 5498803
TITOLO I. NORME GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498804
CAPO I. NORME GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498805
Art. 1. (Principi generali e ambito di applicazione)

N51

1. La Regione riconosce l’importanza dell’ambiente naturale in quanto valore universale attuale e per le generazioni future e definisce con la presente legge le modalità per la conservazione della biodi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498806
Art. 2. (Rete ecologica regionale)

1. La Regione, in attuazione della Convenzione sulla biodiversità, firmata a Rio de Janeiro il 5 giugno 1992, ratificata ai sensi della legge 14 febbraio 1994, n. 124, in conformità alla direttiva 79/409/CEE del Consiglio, del 2 aprile 1979, relativa alla conservazione degli uccelli selvatici, alla direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498807
Art. 3. (Carta della natura regionale)

1. La carta della natura regionale, in coerenza con la pianificazione territoriale e paesaggistica regionale, individua la rete ecologica di cui all'articolo 2 sulla base dello stato dell'ambiente naturale del Piemonte, evidenziando i valori naturali e le necessarie connessioni ecologiche, comprese le relative norme di conservazione e salvaguardia.

2. La Giunta regi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498808
TITOLO II. AREE PROTETTE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498809
CAPO I. CLASSIFICAZIONE, NORME DI TUTELA E DI PROMOZIONE

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498810
Art. 4. (Sistema regionale delle aree protette)

1. Il sistema regionale delle aree protette del Piemonte è composto da:

a) i parchi nazionali per la parte ricadente sul territorio regionale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498811
Art. 5. (Classificazione delle aree protette)

1. Le aree protette a gestione regionale, provinciale e locale sono classificate come segue:

a) parchi naturali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498812
Art. 5 bis. (Promozione dei prodotti delle aree protette)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498813
Art. 5 ter. (Misure di incentivazione)

N54

1. Ai comuni e alle province il cui territorio è compreso, in tutto o in parte, entro i confini di un’area protetta regionale è, nell’ordine, attribuita priorità nella concessione di finanziamenti statali e regionali rich

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498814
Art. 5 quater. (Biglietto di ingresso e tariffe dei servizi)

N54

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498815
Art. 6. (Aree contigue)

Testo in vigore fino al 30/06/2020. Per il testo in vigore a partire dal 01/07/2020 si veda la nota N117

1. La Regione, d'intesa con i soggetti gestori delle aree protette e con gli enti locali interessati, con deliberazione della Giunta regionale e sentita la competente commissione consiliare, delimita aree contigue finalizzate a garantire un'adeguata tutela ambientale ai confini delle aree protette medesime. Per le aree contigue la Giunta regionale può disciplinare la gestione della caccia e della pesca, delle attività estrattive e la tutela dell'ambiente e della biodiversità, anche attraverso la predisposizione di idonei piani e programmi, d'intesa con gli enti locali interessati e con i soggetti gestori. N40

1 bis. I soggetti gestori, in accordo con la Regione, assicurano la necessaria attività di informazione in merito ai co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498816
Art. 7. (Finalità delle aree protette)

1. I soggetti gestori delle aree protette perseguono le seguenti finalità di carattere generale:

a) tutelare le risorse naturali del territorio attraverso strategie di gestione sostenibile concertate tra le istituzioni;

b) promuovere la fruizione sociale e sostenibile e la diffusione della cultura e dell’educazione ambientale;

c) favorire la fruizione didattica ed il supporto alle scuole di ogni ordine e grado ed alle università sulle tematiche dell’ambiente e dell’educazione alla sostenibilità;

d) integrare le competenze istituzionali dei soggetti gestori con gli obiettivi e le strategie generali della rete ecologica regionale;

e) favorire la partecipazione dei cittadini attraverso forme associative a sostegno delle azioni volte al raggiungimento delle finalità dell’area protetta.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498817
Art. 8. (Norme di tutela e di salvaguardia)

1. Le aree inserite nella carta della natura regionale e destinate ad essere istituite come aree protette sono sottoposte alle norme di tutela e di salvaguardia stabilite dalla Regione in relazione alla loro diversa classificazione nell’ambito dei divieti e delle limitazioni del presente articolo.

2. Le norme di tutela e salvaguardia di cui al comma 1 restano in vigore per il periodo di tre anni dalla data di approvazione della carta della natura regionale e decadono nel caso di mancata istituzione dell’area protetta entro il predetto triennio.

3. Nelle aree protette istituite e classificate come parco naturale e riserva naturale si applicano i seguenti divieti:

a) esercizio di attività venatoria “fermo restando quanto previsto all’articolo 33”; N8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498818
CAPO II. ISTITUZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498819
Art. 9. (Istituzione delle aree protette)

1. Ai sensi degli articoli 2 e 23 della l. 394/1991, l’istituzione delle aree protette a gestione regionale, provinciale e locale avviene con legge regionale modificativa del presente testo unico, fatta eccezione per le riserve speciali che sono istituite con le disposizioni legislative di cui all’articolo 4, comm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498820
Art. 10. (Aree naturali protette)

Testo in vigore fino al 30/06/2020. Per il testo in vigore a partire dal 01/07/2020 si veda la nota N120

N52

1. Le “aree naturali protette” N55 a gestione regionale, provinciale e locale esistenti alla data di entrata in vigore del presente titolo sono confermate con i confini riportati nelle cartografie di cui all’allegato A.

2. Le “aree naturali protette” N55 sono suddivise secondo il livello di gestione, nel rispetto di quanto disposto all’articolo 5, e denominate come segue:

a) parchi naturali a gestione regionale:

1) Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand;

2) Parco naturale della Val Troncea;

3) Parco naturale Orsiera-Rocciavrè;

4) Parco naturale dei Laghi di Avigliana;

5) Parco naturale La Mandria;

6) Parco naturale di Stupinigi;

7) Parco naturale della Collina di Superga;

8) Parco naturale delle Alpi Marittime;

9) Parco naturale del Marguareis; N10

10) Parco naturale delle Capanne di Marcarolo;

11) Parco naturale del Bosco delle Sorti della Partecipanza di Trino;

12) Parco naturale delle Lame del Sesia;

13) Parco naturale del Monte Fenera;

14) Parco naturale del Ticino;

15) Parco naturale dei Lagoni di Mercurago;

16) Parco naturale di Rocchetta Tanaro;

17) Parco naturale dell’Alta Val Sesia e dell’Alta Val Strona; N10

18) Parco naturale dell’Alpe Veglia e dell’Alpe Devero;

18 bis) Parco naturale dell’Alta Valle Antr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498821
Art. 10 bis. (Modifiche parziali dei confini)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498822
CAPO III. GESTIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498823
Art. 11. (Disposizioni generali)

1. Le aree protette a gestione regionale sono gestite da enti strumentali della Regione di diritto pubblico, di seguito denominati enti di gestione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498824
Art. 12. (Soggetti gestori delle aree protette)

Testo in vigore fino al 30/06/2020. Per il testo in vigore a partire dal 01/07/2020 si veda la nota N122

1. Le aree protette di cui all’articolo 10 sono gestite dai seguenti soggetti:

a) Ente di gestione delle aree protette delle Alpi Cozie, al quale sono affidati in gestione il Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand, il Parco naturale della Val Troncea, il Parco naturale Orsiera-Rocciavrè, la Riserva naturale dell’Orrido di Chianocco, la Riserva naturale dell’Orrido di Foresto, il Parco naturale dei Laghi di Avigliana;

b) “Ente di gestione delle aree protette dei Parchi reali” N58, al quale sono affidati in gestione il Parco naturale La Mandria, N26 il Parco naturale di Stupinigi, la Riserva naturale della Madonna della Neve sul Monte Lera, la Riserva naturale della Vauda, la Riserva naturale del Ponte del Diavolo; N26

c) Ente di gestione delle aree protette del Po torinese, al quale sono affidati in gestione il Parco naturale della Collina di Superga, la Riserva naturale del Bosco del Vaj, la Riserva naturale della Lanca di San Michele, la Riserva naturale della Lanca di Santa Marta e della Confluenza del Banna, la Riserva naturale del Meisino e dell'Isolone Bertolla, la Riserva naturale dell'Oasi del Po morto, la Riserva naturale del Mulinello, la Riserva naturale Le Vallere, la Riserva naturale Arrivore e Colletta, la Riserva naturale dell'Orco e del Malone, la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498825
CAPO IV. ORGANI DEGLI ENTI DI GESTIONE DELLE AREE PROTETTE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498826
Art. 13. (Organi degli enti di gestione delle aree protette)

1. Gli organi degli enti di gestione, sono:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498827
Art. 14. (Il presidente)

1. Il presidente è nominato con decreto del Presidente della Giunta regionale, tra candidati con comprovata competenza e rappresentatività territoriale, d’intesa con le comunità delle aree protette. In caso di mancata intesa entro trenta giorni dalla richiesta formulata dalla Regione, il presidente è nominato con decreto motivato del Presidente della Giunta regionale. N53

2. Il presidente ha la legale rappresentanza dell’ente, presiede il consiglio e svolge le seguenti funzioni:

a) presenta le proposte di deliberazione relative agli atti di competenza del consiglio;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498828
Art. 15. (Il consiglio)

N51

1. Il consiglio è composto:

a) dal presidente dell’ente di gestione;

b) da quattro membri per gli enti di gestione le cui aree protette comprendono meno di dieci comuni;

c) da sei membri per gli enti di gestione le cui aree protette comprendono tra dieci e trenta comuni;

d) da otto membri per gli enti di gestione le cui aree protette comprendono più di trenta comuni.

2. I membri del consiglio di cui al comma 1, lettere b), c) e d), sono nominati con decreto del Presidente della Giunta regionale su designazione della comunità delle aree protette, con voto limitato e in modo che sia garantita la rappresentanza delle associazioni ambientaliste individuate ai sensi dell’articolo 13 della legge 8 luglio 1986, n. 349 (Istituzione del Ministero dell’ambiente e norme in materia di danno ambientale) e delle associazioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498829
Art. 16. (Incompatibilità, decadenza e dimissioni dei consiglieri)

1. La carica di consigliere dell’ente di gestione è incompatibile con le cariche di:

a) parlamentare;

b) presidente di regione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498830
Art. 17. (Indennità)

1. Al presidente di ogni ente di gestione spetta un’indennità di carica nella misura stabilita con deliberazione della Giunta regionale. L’indennità di carica mensile lorda varia da un minimo di un ottavo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498831
Art. 17-bis. - Il revisore dei conti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498832
Art. 18. (La comunità delle aree protette)

1. Ai sensi dell’articolo 24, comma 1, della l. 394/1991 è costituita, per ciascun ente di gestione, la comunità delle aree protette. Lo statuto dell’ente può prevedere la costituzione di più di una comunità delle aree protette ove necessario in ragione delle caratteristiche e della collocazione territoriale delle aree gestite. N53

2. La comunità delle aree protette è composta dal sindaco della città metropolitana, dai presidenti delle province, dai sindaci e dai presidenti delle unioni montane nei cui territori sono ricomprese le aree protette gestite dall’ente, oppu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498833
CAPO IV BIS. (CONSULTA PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498834
Art. 18 bis. (Consulta per la promozione del territorio)

N54

1. Al fine di garantire la rappresentanza delle associazioni di categoria, ciascun ente di gestione costituisce la consulta per la promozione del territorio composta da:

a) da uno a tre rappresentanti delle associazioni art

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498835
CAPO V. PERSONALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498836
Art. 19. (Personale)

1. Gli enti di gestione delle aree protette provvedono all’adempimento delle funzioni relative allo svolgimento dei propri compiti istituzionali con personale proprio, a cui si applica lo stato giuridico ed economico del personale regionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498837
Art. 20. (Dirigenza)

1. La qualifica di dirigente è articolata in livelli diversificati di funzione.

2. Ferme restando le procedure selettive previste dalla normativa vigente, l’incarico di direttore dell’ente di gestione è attribuito a tempo determinato, per una durata non superiore a cinque anni e non inferiore a due, rinnovabile, ad un dirigente di ruolo dell’ente ovvero, in caso di inidoneità di questi ad assumere l’incarico o per gli enti privi di un dirigente in servizio, a persona esterna all’amministrazione dell’ente in possesso dei requisiti di cui al comma 3, con contratto di lavoro di diritto privato. N123

3. I requisiti per l'affidamento di incarico di direttore a persona esterna all'amministrazione dell'ente sono il possesso di diploma di laurea secondo il vecchio ordinamento oppure di laurea specialistica secondo il nuovo ordinamento e di una comprovata qualificazione professionale derivante dall'aver svolto attività dirigenziali per almeno un quinquennio in enti od aziende pubbliche o private, oppure derivante dal possesso di esperienze professionali di rilevanza assimilabile, debitamente documentate.N50

4. Al direttore dell’ente di gestione compete un’indennità di posizione “non superiore a quella di responsabile di settore della Regione Piemonte.” N8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498838
CAPO VI. VIGILANZA NELLE AREE PROTETTE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498839
Art. 21. (Vigilanza nelle aree protette)

1. La vigilanza e il controllo delle aree protette istituite con legge è affidata sui territori di rispettiva competenza: N69

a) al personale di vigilanza dipendente degli enti di gestione delle aree protette a gestione regionale;

b) all'Arma dei Carabinieri;N105

c) agli agenti di polizia locale, urbana e rurale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498840
CAPO VII. STRUMENTI DI GESTIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498841
Art. 22. (Norme contabili)

1. Per lo svolgimento delle proprie funzioni ed attività gli enti di gestione delle aree protette si avvalgono di risorse finanziarie derivanti da:

a) trasferimenti dall’Unione europea e dallo Stato;

b) trasferimenti regionali;

c) trasferimenti da altri enti pubblici;

d) attività commerciali e di erogazione di servizi compatibili con le fi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498842
Art. 23. (Statuto)

1. Gli enti di gestione dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498843
Art. 24. (Regolamento delle aree protette)

1. I soggetti gestori delle aree protette adottano il regolamento che disciplina le attività e i comportamenti consentiti all’interno di ciascuna area protetta, nonché le eventuali integrazioni o deroghe ai divieti di cui all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498844
CAPO VIII. PIANIFICAZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498845
Art. 25. (Piano pluriennale economico-sociale)

1. La comunità delle aree protette promuove lo sviluppo economico e sociale dei territori interessati e di quelli ad essi adiacenti, nel rispetto delle finalità di tutela generali delle aree protette e dei vincoli stabiliti negli strumenti di pianificazione territoriale relativi alle aree medesime ed in sintonia con il documento di programmazione economico-finanziaria della Regione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498846
Art. 26. (Piano di area)

1. N36 Per le aree naturali protette classificate parco naturale o zona naturale di salvaguardia è redatto un piano di area che ha valore di piano territoriale regionale e sostituisce le norme difformi dei piani territoriali o urbanistici di qualsiasi livello.

1 bis. Per le aree naturali protette classificate parco naturale è redatto un piano di area che ha valore di piano territoriale regionale e sostituisce le norme difformi dei piani territoriali o urbanistici di qualsiasi livello, fatta eccezione per il piano paesaggistico, di cui all’articolo 135 del decreto legislativo del 22 gennaio 2004 n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio). N9

2. “Il piano di area è redatto tenendo conto delle relazioni ecosistemiche, socioeconomiche, paesistiche, culturali e turistiche che legano l’area al contesto territoriale e definisce, in particolare, i seguenti aspetti:” N8

a) organizzazione generale del territorio e sua articolazione in zone caratterizzate da forme differenziate di uso e tutela in relazione alle diverse caratteristiche territoriali e naturalistiche;

b) vincoli e norme di attuazione relative alle diverse zone;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498847
Art. 27. (Piani naturalistici delle aree naturali protette e piani di gestione delle riserve speciali)

1. Le aree naturali protette di qualsiasi livello di gestione sono soggette al piano naturalistico che contiene le analisi geologiche e biologiche nonché le indicazioni e le normative per la conservazione e la gestione degli aspetti naturalistici delle singole aree protette.

2. I piani naturalistici sono adottati dal soggetto gestore delle aree protette interessate e sono approvati dalla Giunta regionale a seguito di consultazione degli enti locali coinvolti e delle associazioni ambientaliste e di categoria interessate entro novanta giorni dal ricevimento.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498848
Art. 28. (Valutazione degli effetti degli strumenti di pianificazione)

1. Gli strumenti di pianificazione di cu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498849
CAPO IX. COMPETENZE REGIONALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498850
Art. 29. (Attività di indirizzo, coordinamento e supporto)

1. La Regione definisce gli obiettivi e le linee strategiche prioritarie per il sistema regionale delle aree naturali protette con provvedimenti di indirizzo coerenti con le linee guida dell'Unione europea e nazionali.

2. La Regione coordina le iniziative dei soggetti gestori e fornisce il supporto tecnico e amministrativo necessario a garantire l'unitarietà della politica di settore, dell'immagine e della comunicazione istituzionale. Ai fini del confronto sulle esigenze del sistema regionale delle aree naturali protette la Giunta regionale riunisce i presidenti degli enti di gestione regionali.

3. Al fine di garantire l'attuazione degli indirizzi programmatici di cui al comma 1, la Regione valuta, anche attraverso l'analisi degli atti di cui ai commi 5, 6 e 7, l'attività ed i risultati degli enti di gestione in relazione agli specifici indirizzi ed obiettivi assegnati ed alla coerenza con i programmi regionali.

4. Per l'esercizio delle funzioni di cui al presente articolo la Regione in particolare svolge le seguenti attività:

a) interviene con eventuali verifiche amministrative;

b) nel rispetto del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498851
Art. 30. (Commissariamento)

1. In caso di ritardi od omissioni da parte degli organi degli enti ai quali è affidata la gestione delle aree protette, la Giunta regionale, previa diffida a provvedere, nomina apposito commissario per compiere gli atti obbligatori per legge, quelli previsti dai piani di area, naturalistici, di gestione e di assestamento forestale o per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498852
Art. 31. (Strumenti di supporto)

1. Al fine di supportare le funzioni di cui all’articolo 29 la Giunta regionale:

a) N112

b) può attivare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498853
Art. 32. (Centro di documentazione dei sacri monti, calvari e complessi devozionali europei)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498854
Art. 32 bis. (Centro per la conservazione dei Sacri Monti piemontesi)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498855
Art. 32 ter. (Comitati consultivi dei sacri monti piemontesi)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498856
CAPO X. ATTIVITÀ, CONTRIBUTI, COLLABORAZIONI E RISARCIMENTI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498857
Art. 33. (Gestione faunistica)

N12

1. Ai fini del raggiungimento e della conservazione dell’equilibrio faunistico e ambientale nelle aree protette sono ammessi i seguenti interventi:

a) gli abbattimenti selettivi;

b) le catture e i prelievi;

c) le reintroduzioni e i ripopolamenti.

2. Gli interventi di cui al comma 1 sono effettuati assicurando il coordinamento con gli interventi di gestione faunistica programmati dalla provincia all’esterno delle aree protette, nonché secondo le modalità ed i criteri definiti da apposito regolamento che

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498858
Art. 34. (Attività agricole e silvo-pastorali)

1. Le attività agricole e silvo-pastorali che si svolgono nelle aree protette e che rispondono ai principi della sostenibilità ambientale rientrano tra le economie locali da qualificare e da valorizzare.

2. La qualificazione e la valorizzazione delle attività di cui al comma 1 avviene at

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498859
Art. 34 bis - (Norma finale)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498860
Art. 35. (Contratti di sponsorizzazione, collaborazioni e convenzioni)

1. In applicazione dell&rsqu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498861
Art. 36. (Risarcimenti ed indennizzi)

N15

1. I danni arrecati dalla fauna selvatica alle coltivazioni agricole, agli impianti di arboricoltura da legno, agli allevamenti e ai pascoli presenti all’interno delle aree protette sono risarciti a favore degli imprenditori agricoli dalla provincia territorialmente interessata, secondo criteri uniformi con il restante territorio regionale.

2. Sono esclusi i risarcimenti dei danni provocati dalla fauna

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498862
CAPO XI. TRASFERIMENTO DI DIRITTI E DOVERI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498863
Art. 37. (Titolarità dei beni e dei rapporti giuridici)

1. Gli enti di gestione istituiti con la presente legge ed ai quali sono affidate in gestione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498864
TITOLO III. CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI, DELLA FLORA E DELLA FAUNA SELVATICHE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498865
CAPO I. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLA RETE NATURA 2000
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498866
Art. 38. (Conservazione della biodiversità)

1. La Regione riconosce l’importanza della conservazione in situ degli ecosistemi e degli habitat naturali e seminaturali, del mantenimento e della ricostituzione di popolazioni vitali di specie nelle loro zone naturali e della conservazione ex situ delle specie animali e vegetali ai fini della tutela della diversità biologica, genetica, specifica ed ecosistemica e delle sue componenti, in considerazione dei suoi valori ecologici, genetici, sociali, economici, scientifici, educativi, culturali, ricreativi ed estetici,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498867
Art. 39. (Rete Natura 2000)

1. Per il conseguimento delle finalità di cui all’articolo 38 la Regione partecipa alla costituzione della rete ecologica europea denominata rete Natura 2000 di cui all’articolo 3 della direttiva 92/43/CEE. Le aree della rete Natura 2000 ricadenti sul territorio regionale fanno parte della rete ecologica regionale e sono individuate nella carta della natura regionale.

2. Ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498868
CAPO II. GESTIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498869
Art. 40. (Misure di conservazione)

1. La Giunta regionale dispone, con propria deliberazione, le misure di conservazione necessarie ad evitare il degrado degli habitat naturali e degli habitat di specie nonché la perturbazione delle specie che hanno motivato l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498870
Art. 41. (Gestione della rete Natura 2000)

1. La Regione delega la gestione delle zone speciali di conservazione, dei siti di importanza comunitaria e delle zone di protezione speciale, di seguito denominate aree della rete Natura 2000, “ai soggetti di cui ai commi 2 e 2 bis” N55 in attuazione e nei limiti di cui agli articoli 4 e 6 del d.p.r. 357/1997.

2. La gestione delle aree della rete Natura 2000 è delegata agli enti di gestione delle aree naturali protette se queste risultano territorialmente coincidenti, in tutto o in parte. N53

2 bis. Se le aree della rete Natura 2000 non sono coincidenti in tutto o in parte con le aree naturali protette, la gestione è delegata,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498871
Art. 42. (Piano di gestione)

1. I soggetti gestori delle aree della rete Natura 2000 predispongono su direttiva regionale, qualora ritenuto necessario, il relativo piano di gestione, in base alle disposizioni di cui al decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio del 3 settembre 2002 (Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000), finalizzato a garantire il raggiungimento degli obiettivi di conservazione degli habitat e delle specie che caratterizzano le singole aree nell’ambito di un uso sostenibile delle risorse.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498872
Art. 43. (Valutazione di incidenza di interventi, attività e progetti)

N71

1. Gli interventi “, le attività” N70 ed i progetti suscettibili di determinare, direttamente o indirettamente, incidenze significative sulle specie e sugli habitat e che non sono direttamente connessi e necessari al loro mantenimento in uno stato di conservazione soddisfacente nelle aree della rete Natura 2000 e nei siti di importanza comunitaria proposti, in considerazione degli specifici obiettivi di conservazione, sono sottoposti a procedura di valutazione di incidenza di cui all’articolo 5 del d.p.r. 357/1997.

2. L’assoggettabilità alla valutazione di incidenza è verificata con riferimento alle implicazioni potenziali ed agli effetti significativi che l’intervento o il progetto può produrre, singolarmente o congiuntamente ad altri, sugli obiettivi specifici di conservazione del sito o che possano generare pregiudizio alla loro integrità, in base alle linee guida di cui all’allegato B “, tenuto conto di quanto previsto dall’articolo 40” N70.

2 bis. All’interno dei siti facenti parte della rete Natura 2000 l’abbattimento di piante di alto fusto moti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498873
Art. 44. (Valutazione di incidenza di piani e programmi)

1. Gli strumenti di programmazione e di pianificazione che riguardano anche parzialmente le aree della rete Natura 2000 e i siti di importanza comunitaria proposti sono predisposti in coerenza con gli obiettivi di conservazione dei valori naturalistico-ambientali di tali aree e siti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498874
Art. 45. (Esigenze di rilevante interesse pubblico)

1. Per gli interventi, i progetti, i piani ed i programmi oggetto di valutazione di incidenza negativa che debbano essere approvati per motivi imperativi di rilevante interesse pubblico, incluso quello di natura sociale o economica, in mancanza di soluzioni alternative, le autorità competenti adottano ogni misura compensativa necessaria per la loro realizzazione che garantisca la coerenza globale con la rete Natura 2000. Di tali misure l’au

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498875
Art. 46. (Compiti dell’ARPA)

1. L’autorità competente all’espressione del giudizio di i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498876
Art. 47. (Piani di azione degli habitat e delle specie)

1. La conservazione e la valorizzazione degli habitat e delle specie di cui alla direttiva 2009/147/CEE e alla direttiva 92/43/CEE che presentano situazioni critiche di conservazione sono perseguite attraverso la predisposizione e l’attuazione di appositi piani di azione. N53

2. I piani di azione sono strumenti di specificazione dei piani faunistico-venatori regionali e di indirizzo in materia di redazione dei piani faunistico-venatori provinciali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498877
Art. 48. (Ulteriori misure per la tutela e la gestione degli habitat e delle specie)

1. Ai fini della tutela e della gestione degli habitat e delle specie protette, oltre a quanto previsto dalla presente legge, si applicano le disposizioni di cui agli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498878
Art. 49. (Vigilanza nelle aree della rete Natura 2000)

1. La vigilanza nelle aree della rete Natura 2000 è affidata:

a) all'Arma dei Carabinieri;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498879
Art. 50. (Misure di ripristino)

1. In conformità ai principi della direttiva 2004/35/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 aprile 2004 sulla responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale, gli interventi, le opere e le attività eseguiti in assenza della procedura di valutazione di incidenza, in difformità dal giudizio di valutazione di incidenza o in contrasto con gli obiettiv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498880
CAPO III. INFORMAZIONE, RISARCIMENTI, INDENNIZZI ED INCENTIVI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498881
Art. 51. (Informazione)

1. Al fine di assicurare l’attività di informazione di cui all’articolo 13 del d.p.r. 357/1997, l&rs

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498882
Art. 52. (Risarcimenti, indennizzi ed incentivi)

1. Nel rispetto dei criteri individuati dalla Giunta regionale, sono risarcibili ai proprietari ed ai conduttori dei fondi ricadenti nelle aree della rete Natura 2000 i danni provocati al patrimonio zootecnico, alle coltivazioni agricole ed ai pascoli dalla fauna selvatica tutelata ai sensi del presente titolo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498883
TITOLO IV. ZONE NATURALI DI SALVAGUARDIA E CORRIDOI ECOLOGICI

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498884
CAPO 0I. ZONE NATURALI DI SALVAGUARDIA

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498885
Art. 52 bis - (Zone naturali di salvaguardia)

N12

1. Le zone naturali di salvaguardia sono caratterizzate da particolari elementi di interesse naturalistico-territoriale da tutelare attraverso il raggiungime

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498886
Art. 52 ter - (Finalità delle zone naturali di salvaguardia)

N12

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498887
CAPO I. CORRIDOI ECOLOGICI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498888
Art. 53. (Corridoi ecologici)

1. La coerenza della rete ecologica regionale è assicurata dalla individuazione e dalla gestione di corridoi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498889
Art. 54. (Tutela ed interventi)

1. I corridoi ecologici sono riportati negli strumenti urbanistici e territoriali di qualsiasi livello.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498890
TITOLO V. SANZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498891
CAPO I. SANZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498892
Art. 55. (Sanzioni)

1. Ferme restando le norme di carattere penale, per le violazioni dei divieti e per l'inosservanza degli obblighi di cui alla presente legge si applicano le seguenti sanzioni:

a) le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettere c) ed e), comportano la sanzione amministrativa proporzionale da un minimo di euro 120,00 ad un massimo di euro 360,00 per ogni metro cubo di materiale rimosso;

b) la violazione al divieto di cui all'articolo 8, comma 3, lettera d), comporta la sanzione amministrativa proporzionale da un minimo di euro 500,00 ad un massimo di euro 3000,00 per ogni metro cubo di materiale depositato;

c) le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettera h), comportano la sanzione amministrativa di euro 10.000,00 aumentata di euro 500,00 per ogni metro quadro, o frazione di esso, di superficie dell'ecosistema danneggiato;

d) le violazioni ai divieti di cui all'articolo 8, comma 3, lettere f), comportano la sanzione amministrativa di euro 5.000,00 aumentata di euro 300,00 per ogni metro lineare di nuova strada realizzata o di ampliamento di quelle esistenti;

e) fermo restando le disposizioni di cui all'articolo 28-bis della legge regionale 26 gennaio 2009, n. 2 (Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport montani invernali ed estivi e disciplina dell'attività di volo in zone di montagna) e le relative sanzioni di cui ai commi 9-bis, 9-ter e 9-quater dell'articolo 35 della medesima L.R. 2/2009, le violazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498893
TITOLO VI. NORME TRANSITORIE, FINALI E FINANZIARIE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498894
CAPO I. NORME TRANSITORIE E DI PRIMA ATTUAZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498895
Art. 56 - (Norme transitorie per l’insediamento degli enti di gestione delle aree protette)

N1

1. Il presidente e il consiglio degli enti di gestione di cui al capo IV del titolo II si insediano il “1° gennaio 2012””.N2

2. La prima seduta della comunità delle aree protette è convocata nel periodo “tra il 1° e il 31 ottobre 2011”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498896
Art. 57. (Primi adempimenti dei soggetti gestori delle aree protette)

1. Gli enti di gestione dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498897
Art. 58. (Norme transitorie in materia di personale degli enti di gestione delle aree protette)

1. In sede di prima attuazione le dotazioni organiche degli enti di gestione delle aree protette istituiti dalla presente legge sono definite dalla Giunta regionale entro centottanta giorni dall’entrata in vigore del titolo II, sentita la commissione consiliare competente.

2. Nelle more degli adempimenti di cui al comma 1 le dotazioni organiche degli enti di gestione delle aree protette istituiti dalla presente legge sono definite a livello di sistema e corrispondono alle dotazioni organiche complessive degli enti soppressi per effetto della presente legge.

3. Il personale in servizio presso gli enti soppressi alla data di entrata in vigore del titolo II è inquadrato nel ruolo dei nuovi enti di gestione delle aree protette come di seguito elencato:

a) il personale dell’Ente di gestione del Parco naturale della Val Troncea, dell’Ente di gestione del Parco naturale Orsiera-Rocciavrè, della Riserva naturale speciale dell’Orrido e stazione di Leccio di Chianocco e della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498898
Art. 59. (Norme transitorie in materia di pianificazione nelle aree protette)

1. Il primo piano pluriennal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498899
Art. 60. (Norme di prima attuazione in materia di bilancio degli enti di gestione delle aree protette)

1. Gli stanziamenti da iscri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498900
Art. 61. (Norma transitoria in merito ai confini della Riserva naturale orientata di Bosco Solivo)

1. Nelle more dell’ent

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498901
CAPO II. RELAZIONE AL CONSIGLIO REGIONALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498902
Art. 62. (Relazione al Consiglio regionale)

1. La Giunta regionale presenta annualmente al Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498903
CAPO III. MODIFICA E ABROGAZIONE DI NORME

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498904
Art. 62 bis - (Modifiche all’articolo 31 della legge regionale 26 aprile 2000, n. 44)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498905
Art. 63. (Abrogazione di norme)

1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 55, comma 14 con riferimento alle norme sanzionatorie, a far data dall'entrata in vigore del presente Capo sono abrogate le norme contrarie o incompatibili con la medesima ed in particolare:

a) le seguenti leggi regionali:

1) legge regionale 2 giugno 1978, n. 29 (Istituzione della Riserva naturale speciale del Bosco del Vaj);

2) legge regionale 21 agosto 1978, n. 53 (Istituzione del Parco naturale della Valle del Ticino);

3) legge regionale 21 agosto 1978, n. 54 (Istituzione del Parco Regionale La Mandria);

4) legge regionale 23 agosto 1978, n. 55 (Istituzione del Parco naturale delle Lame del Sesia delle Riserve naturali speciali dell'Isolone di Oldenico e della Garzaia di Villarboit);

5) legge regionale 4 dicembre 1978, n. 72 (Modificazioni alle leggi regionali 20 marzo 1978, n. 14, e 23 agosto 1978, n. 55);

6) legge regionale 28 dicembre 1978, n. 84 (Istituzione del Parco naturale dell'Alta Valle Pesio);

7) legge regionale 19 aprile 1979, n. 18 (Istituzione del Parco naturale Alta Val Sesia);

8) legge regionale 31 agosto1979, n. 52 (Istituzione del Parco naturale delle Capanne di Marcarolo);

9) legge regionale 4 settembre 1979, n. 57 (Norme relative alla gestione del patrimonio forestale);

10) legge regionale 28 gennaio 1980, n. 5 (Istituzione del Parco naturale e area attrezzata del Sacro Monte di Crea);

11) legge regionale 24 aprile 1980, n. 29 (Istituzione della Riserva naturale speciale del Parco Burcina "Felice Piacenza");

12) legge regionale 28 aprile 1980, n. 30 (Istituzione della Riserva naturale speciale del Sacro Monte di Varallo);

13) legge regionale 28 aprile 1980, n. 31 (Istituzione del Parco naturale di Rocchetta Tanaro);

14) legge regionale 28 aprile 1980, n. 32 (Istituzione della Riserva naturale speciale del Sacro Monte di Orta);

15) legge regionale 2 maggio 1980, n. 34 (Istituzione della Riserva naturale speciale dell'Orrido e stazione di leccio di Chianocco);

16) legge regionale 16 maggio 1980, n. 45 (Istituzione del Parco naturale della Val Troncea);

17) legge regionale 16 maggio 1980, n. 46 (Istituzione del Parco naturale dei Laghi di Avigliana);

18) legge regionale 16 maggio 1980, n. 47 (Istituzione del Parco naturale dei Lagoni di Mercurago);

19) legge regionale 16 maggio 1980, n. 48 (Istituzione del Parco naturale della Rocca di Cavour);

20) legge regionale 20 maggio 1980, n. 51 (Istituzione del Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand);

21) legge regionale 30 maggio 1980, n. 66 (Istituzione del Parco naturale Orsiera-Rocciavré);

22) legge regionale 10 dicembre 1980, n. 81(Modificazioni alla legge regionale 28 gennaio 1980, n. 5, Istituzione del Parco naturale ed area attrezzata del Sacro Monte di Crea);

23) legge regionale 31 agosto 1982, n. 28 (Trasformazione dell'Azienda regionale per la gestione della tenuta La Mandria in Azienda regionale dei Parchi suburbani);

24) legge regionale 9 dicembre 1982, n. 38 (Istituzione della Riserva naturale integrale della Madonna della Neve sul Monte Lera);

25) legge regionale 23 gennaio 1984, n. 7 (Modificazioni alla legge regionale 4 settembre 1979, n. 57);

26) legge regionale 28 febbraio 1984, n. 12 (Modificazione alla legge regionale 21 agosto 1978, n. 54 "Istituzione del Parco regionale La Mandria");

27) legge regionale 2 marzo 1984, n. 15 (Procedimenti per l'applicazione delle sanzioni amministrative inerenti alle violazioni in materia di Parchi naturali, Riserve naturali e Aree attrezzate);

28) legge regionale 21 maggio 1984, n. 25 (Istituzione dell'Area attrezzata della Collina di Rivoli);

29) legge regionale 21 maggio 1984, n. 26 (Istituzione della Riserva naturale della Palude di Casalbeltrame);

30) legge regionale 3 settembre 1984, n. 52 (Integrazione alla legge regionale 30 maggio 1980, n. 65 "Istituzione della Riserva naturale speciale del popolamento di Juniperus phoenicea di Rocca San Giovanni-Saben");

31) legge regionale 3 settembre 1984, n. 53 (Modificazione alla legge regionale 9 dicembre 1982, n. 38 "Istituzione della Riserva naturale integrale della Madonna della Neve sul Monte Lera");

32) legge regionale 18 febbraio 1985, n. 11 (Sanzioni relative alle normative di cui ai Piani naturalistici della Riserva naturale speciale del Sacro Monte di Orta e della Riserva naturale della Garzaia di Valenza);

33) legge regionale 20 febbraio 1985, n. 13 (Modificazione alla legge regionale 30 maggio 1980, n. 66 "Istituzione del Parco Naturale Orsiera-Rocciavrè");

34) legge regionale 12 marzo 1985, n. 18 (Modificazioni alla L.R. 28 aprile 1980, n. 30 "Istituzione della Riserva naturale speciale del Sacro Monte di Varallo");

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498906
CAPO IV. DISPOSIZIONI FINANZIARIE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498907
Art. 64. (Disposizioni finanziarie)

1. Agli oneri per la gestione delle aree protette, stimati per l’esercizio finanziario 2009 in 31.583.573,00 euro per la spesa corrente e 8.100.000,00 euro per le spese di investimento,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498908
CAPO V. ENTRATA IN VIGORE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498909
Art. 65 - (Entrata in vigore delle disposizioni di cui al titolo II e al titolo VI, capo III)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498910
Allegato A - Cartografie delle aree naturali protette regionali, delle aree contigue e delle zone naturali di salvaguardia (Articoli 6 comma 2 bis, 10 comma 1 e 52 bis comma 2)

Testo in vigore fino al 30/06/2020. Per il testo in vigore a partire dal 01/07/2020 si veda la nota N126

1) PARCO NATURALE DELLE CAPANNE DI MARCAROLO (SCALA 1:25.000)

2) PARCO NATURALE DI ROCCHETTA TANARO (SCALA 1:5.000) N124

3) PARCO NATURALE DELLE ALPI MARITTIME E RISERVA NATURALE DELLE GROTTE DEL BANDITO TAV. 1 (SCALA 1:25.000)

4) PARCO NATURALE DELLE ALPI MARITTIME E RISERVA NATURALE DELLE GROTTE DEL BANDITO TAV. 2 (SCALA 1:25.000)

5) PARCO NATURALE E AREA CONTIGUA DEL MARGUAREIS E RISERVA NATURALE DELLE GROTTE DI BOSSEA (SCALA 1: 25.000) N124

6) PARCO NATURALE VALLE DEL TICINO TAV. 1 (SCALA 1:25.000)

7) PARCO NATURALE VALLE DEL TICINO TAV. 2 (SCALA 1:25.000)

8) PARCO NATURALE DEI LAGONI DI MERCURAGO (SCALA 1:5.000)

9) PARCO NATURALE DEL GRAN BOSCO DI SALBERTRAND (SCALA 1:25.000)

10) PARCO NATURALE DELLA VAL TRONCEA (SCALA 1:25.000)

11) PARCO NATURALE ORSIERA-ROCCIAVRÈ (SCALA 1:25.000)

12) PARCO NATURALE E ZONA NATURALE DI SALVAGUARDIA DEI LAGHI DI AVIGLIANA (SCALA 1: 10.000)N124

13) PARCO NATURALE LA MANDRIA (SCALA 1:25.000)

14) PARCO NATURALE DI STUPINIGI (SCALA 1:10.000)

15) PARCO NATURALE DELLA COLLINA DI SUPERGA (SCALA 1:10.000)

16) PARCO NATURALE DEL LAGO DI CANDIA (SCALA 1:5.000)

17) PARCO NATURALE DEL MONTE SAN GIORGIO (SCALA 1:10.000)

18) PARCO NATURALE DEL MONTE TRE DENTI- FREIDOUR (SCALA 1:10.000)

19) PARCO NATURALE DI CONCA CIALANCIA (SCALA 1:10.000)

20) PARCO NATURALE DEL COLLE DEL LYS (SCALA 1:10.000)

21) PARCO NATURALE DELLA ROCCA DI CAVOUR (SCALA 1:10.000)

22) PARCO NATURALE DELL’ALPE VEGLIA E DELL’ALPE DEVERO E AREA CONTIGUA DELL’ALPE DEVERO TAV. 1 (SCALA 1:25.000)

23) PARCO NATURALE DELL’ALPE VEGLIA E DELL’ALPE DEVERO E AREA CONTIGUA DELL’ALPE DEVERO TAV. 2 (SCALA 1:25.000)

24) PARCO NATURALE DELL’ALTA VALLE ANTRONA (SCALA 1:25.000)

25) PARCO NATURALE DELLE LAME DEL SESIA (SCALA 1:25.000)

26) PARCO NATURALE DEL MONTE FENERA (SCALA 1:25.000)

27) PARCO NATURALE DELL’ALTA VAL SESIA E ALTA VAL STRONA E AREA CONTIGUA DELL’ALTA VAL STRONA TAV. 1 (SCALA 1:25.000)

28) PARCO NATURALE DELL’ALTA VAL SESIA E ALTA VAL STRONA E AREA CONTIGUA DELL’ALTA VAL STRONA TAV. 2 (SCALA 1:25.000)

29) PARCO NATURALE E AREA CONTIGUA DEL BOSCO DELLE SORTI DELLA PARTECIPANZA DI TRINO (SCALA 1:10.000)

29 bis) PARCO NATURALE DEL MONVISO (SCALA 1: 25.000)N125

29 ter) PARCO NATURALE E AREA CONTIGUA GESSO E STURA TAV. 1 (SCALA 1: 25.000) N119

29 quater) PARCO NATURALE E AREA CONTIGUA GESSO E STURA TAV. 2 (SCALA 1: 25.000) N119

29 quinquies) PARCO NATURALE E AREA CONTIGUA DELL’ALTA VAL BORBERA (SCALA 1: 25.000) N119

30) RISERVA NATURALE DEL TORRENTE ORBA (SCALA 1:10.000)

31) RISERVA NATURALE DI VALLE ANDONA,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498911
Allegato B - Valutazione di Incidenza - Linee guida per lo sviluppo del procedimento (articoli 39, comma 2 e 44 comma 2)

La fase di valutazione è effettuata sulla base dei seguenti livelli:


Livello I - Screening

Processo di individuazione delle implicazioni potenziali di un progetto o piano su un sito Natura 2000, singolarmente o congiuntamente ad altri piani o progetti, e determinazione del possibile grado di significatività di tali incidenze.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498912
Allegato C - Contenuti della relazione per la valutazione di incidenza dei progetti di cui all’allegato G del d.p.r. 357/97 (“articolo 43”, commi 9 e 12)

N8

1. Inquadramento dell’opera o dell’intervento negli strumenti di programmazione e di pianificazione vigenti.

2. Normativa ambientale di riferimento vigente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
40444 5498913
Allegato D - Contenuti della relazione per la valutazione di incidenza di piani e programmi di cui all’allegato G del d.p.r. 357/97 (“articolo 44”, comma 3)

N8

1. Descrizione del contenuto del piano o del programma e dei suoi principali obiettivi nei confronti delle possibili modifiche dell’ambiente, con particolare riferimento:

a) alle tipologie delle azioni e/o delle opere;

b) all’ambito di riferimento;

c) alle complementarietà con altri piani;

d) all’uso delle risorse naturali;

e) alla produzione di rifiuti;

f) all’inquinamento e ai disturbi ambientali;

g) al rischio di incidenti per quanto riguarda le sostanze e le tecnologie utilizzate.

2. Descrizione delle caratteristiche ambientali di tutte le aree che possono essere significativamente interessate dal piano o dal programma.

3. Analisi delle problematiche ambientali rilevanti ai fini del piano o del programma, con specifica attenzione alle aree sensibili.

4. Definizione degli obiettivi di tutela ambientale stabiliti nell’ambito degli accordi internazionali, delle normative comunitarie, delle leggi e degli atti di indirizzo nazionali e regionali, perseguiti nel piano o nel programma e delle modalità operative adottate per il loro conseguimento.

5. Descrizione degli impatti e delle interferenze sul sistema ambientale, con particolare riferimento alle componenti abiotiche e biotiche e alle connessioni ecologiche, e valutazione critica complessiva delle ricadute positive e negative sull’ambiente, derivanti dall’attuazione del piano o del programma.

6. Descrizione delle alternative considerate in fase di elaborazione del piano o del programma.

7. Misure previste per impedire, ridurre e ove possibile compensare gli impatti ambientali significativi derivanti dall’attuazione del piano o del programma.



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Efficienza e risparmio energetico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico

Emilia Romagna: contributi per la redazione del piano di azione per il clima e l'energia sostenibile

Il bando è rivolto agli Enti locali della Regione Emilia-Romagna, per sostenere l'adesione al patto dei sindaci per l'energia ed il clima e la redazione del piano di azione per l'energia sostenibile e il clima (Paesc), e prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, a forfait, secondo le soglie di abitanti. Il contributo raddoppia per i Comuni fusi e le Unioni che partecipano con il 100% dei Comuni.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Beni culturali e paesaggio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici

I lavori pubblici su beni culturali

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Ambito di applicazione e contenuti del D.M. 154/2017; Entrata in vigore del D.M. 154/2017 e abrogazioni, possibile vuoto normativo in tema di progettazione) - REQUISITI DI QUALIFICAZIONE DEI SOGGETTI ESECUTORI (Idoneità tecnica - Certificazione dei lavori eseguiti; Qualificazione per affidamenti di importo inferiore a 150.000 euro; Idoneità tecnica - Idonea direzione tecnica; Mantenimento dei requisiti di qualificazione) - PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI (Progettazione; Direzione lavori e supporto al RUP; Tecnici interni alle stazioni appaltanti; Elaborati progettuali; Verifica dei progetti) - AFFIDAMENTO (Modalità di affidamento, procedure e criteri di scelta del contraente; Somma urgenza) - ESECUZIONE E COLLAUDO DEI LAVORI (Varianti; Collaudo; Consuntivo scientifico al termine dei lavori) - SPONSORIZZAZIONE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Puglia: contributi per la rimozione di rifiuti dalle aree costiere

È di 4 milioni di euro la spesa autorizzata per sostenere i Comuni nelle attività volte alla rimozione di rifiuti presenti su aree costiere. La Regione Puglia è tra le regioni italiane con maggiore sviluppo costiero (circa 900 km), oltre che una regione notoriamente ad altissima vocazione turistica. Nel bando sono stabiliti i criteri e le modalità per l’attribuzione delle risorse che prevedono il 75% delle risorse ripartito tra tutti i Comuni costieri pugliesi in modo direttamente proporzionale rispetto ai metri lineari di costa ed il restante 25% distribuito, invece, ai Comuni costieri pugliesi dove sono presenti aree naturali protette. L’importo massimo concedibile del contributo è pari a 150 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

RIFIUTI, NON RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI (Rifiuti; Non rifiuti (esclusioni dal campo di applicazione della parte IV del D. Leg.vo 152/2006); Sottoprodotti) - CESSAZIONE DELLA QUALITÀ DI RIFIUTO, RECUPERO (Condizioni per la cessazione della qualità di rifiuto; Normativa di riferimento per il recupero di rifiuti) - LE CONDIZIONI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO (Condizioni per la qualifica di sottoprodotto; Dimostrazione dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti) - CRITERI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI SOSTANZE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Difesa suolo

Liguria: contributi a favore dei Comuni per la bonifica di siti inquinati

Le risorse disponibili per l’anno 2019 per la bonifica dei siti contaminati nella Regione Liguria ammontano a 385.496,40 euro. I Comuni avranno tempo fino al 26/07/2019 per presentare le domande, che dovranno essere corredate da relazione tecnica descrittiva e quadro economico, cartografia della zona di intervento, dati catastali, cronoprogramma dei tempi di realizzazione. Gli interventi devono riguardare esclusivamente aree pubbliche o aree in cui le amministrazioni pubbliche ritengono di dover intervenire in sostituzione del soggetto preposto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Inquinamento atmosferico
  • Impiantistica

Gas fluorurati a effetto serra: obblighi di comunicazione alla banca dati e tenuta dei registri

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Divieto dell'uso di gas fluorurati a effetto serra