FAST FIND : NW4135

Ultimo aggiornamento
31/07/2017

Emissioni in atmosfera e impianti di combustione: schema decreto attuativo della Dir. 2015/2193/UE

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame preliminare lo schema del Decreto legislativo di attuazione della Direttiva (UE) 2015/2193, relativa alla limitazione delle emissioni nell'atmosfera degli inquinanti originati da impianti di combustione medi nonché per il riordino del quadro normativo degli stabilimenti che producono emissioni in atmosfera. Il Decreto dovrà ora essere sottoposto ai pareri della Conferenza unificata e delle Commissioni parlamentari per poi tornare per l’approvazione definitiva al Consiglio dei Ministri.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Il provvedimento - adottato ai sensi della Legge del 12/08/2016, n. 170 (Legge di delegazione europea 2015) - introduce una serie di modifiche e di integrazioni alla Parte V del D. Leg.vo 152/2006 (in particolare al Titolo I, in materia di stabilimenti produttivi, al Titolo II, in materia di impianti termici civili, e all’articolo 294 del Titolo III, nonché ai relativi allegati) per adeguare la normativa nazionale alla Direttiva n. 2015/2193/UE e per aggiornare e riordinare la disciplina generale degli stabilimenti che producono emissioni in atmosfera.
Si segnala che lo schema di Decreto prevede quale data di entrata in vigore il 19/12/2017, data entro la quale deve essere recepita la citata Direttiva europea 2015/2193/UE.
Lo schema di Decreto persegue principalmente due obiettivi generali: a) attuare la Direttiva 2015/2193/UE, assicurando per quanto attiene ai medi impianti di combustione la piena conformità alla normativa europea; b) realizzare un complessivo riordino della disciplina nazionale sugli stabilimenti che producono emissioni in atmosfera prevista dalla parte V del D. Leg.vo 152/2006. Nell’ambito di tali obiettivi di carattere generale, in esecuzione dell’articolo 107 della Legge delega, lo schema di Decreto deve rispettare i seguenti obiettivi specifici:

  • razionalizzare e semplificare le procedure autorizzative;
  • aggiornare i valori limite di emissione riferiti alle categorie di sostanze inquinanti;
  • assicurare la certezza e l’efficacia del sistema dei controlli;
  • aggiornare il sistema delle sanzioni, in modo da assicurarne l’efficacia e la proporzionalità.

Per una sintesi dei contenuti della Direttiva 2015/2193/UE si rinvia all’articolo “La Direttiva 2015/2193/UE: una nuova disciplina per le emissioni dei medi impianti di combustione”.

Dalla redazione

La Direttiva 2015/2193/UE: una nuova disciplina per le emissioni dei medi impianti di combustione

Entro la fine del 2017 l’Italia e gli altri Paesi UE dovranno adeguare le rispettive normative nazionali sugli impianti di combustione c.d. “medi”. Si tratta degli impianti con potenza termica nominale compresa tra 1 e 50 MW. Per essi, fino ad oggi, la legislazione europea non aveva dettato una specifica disciplina. L’obbligo di adeguamento deriva dalla Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 2015/2193/UE, che andrà appunto recepita da parte degli Stati Membri entro il 19 dicembre 2017. Essa prevede valori limite, termini di adeguamento, necessità di procedure autorizzative o di registrazione e specifici oneri in capo ai gestori degli impianti, che verranno analizzati nel presente contributo.
A cura di:
  • Attilio Balestreri
  • Beatrice Toniolo

Requisiti tecnici e costruttivi degli impianti termici civili: applicazione e obblighi di adeguamento

L’art. 73 della L. 221/2015 esclude gli impianti alimentati da gas combustibili rientranti nel campo di applicazione della norma UNI 11528 dall’applicazione dei requisiti tecnici e costruttivi degli impianti termici civili previsti dal Codice ambientale. Riepilogo della normativa e chiarimenti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Grandi impianti di combustione anteriori al 2013: entrata in vigore limiti di emissione

Rinviata al 01/01/2017 l'entrata in vigore dei limiti di emissione per i grandi impianti di combustione che abbiano presentato richiesta di deroga. Dettagli delle previsioni dei nuovi commi 3-bis e 3-ter del Codice ambientale di cui al D. Leg.vo 152/2006.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Stoccaggio geologico del biossido di carbonio

Il decreto di recepimento della Direttiva 2009/31/CE, che contiene anche modifiche al Codice ambientale.
A cura di:
  • Antonio Renato Soragnese

Valutazione impatto ambientale: D. Leg.vo 16/06/2017, n. 104 di attuazione della Direttiva 2014/52/UE

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 156 del 06/07/2017 è stato pubblicato il D. Leg.vo 16/06/2017, n. 104 di attuazione della Direttiva n. 2014/52/UE in materia di valutazione di impatto ambientale. Il Decreto apporta numerose e sostanziali modifiche al D. Leg.vo n. 152 del 03/04/2006 (Codice dell’ambiente). Si riporta di seguito una sintesi di tutte le novità introdotte. AGGIORNAMENTO AGOSTO 2017: individuazione dei contenuti della modulistica per la presentazione delle liste di controllo (D.M. 239/2017).
A cura di:
  • Angela Perazzolo