FAST FIND : NR22729

L. R. Lombardia 05/12/2008, n. 31

Testo unico delle Leggi Regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca, e sviluppo rurale.
Stralcio.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 23/12/2008, n. 33
- Avviso di rettifica in B.U. 27.12.2008, n. 52 Suppl. Ord. n. 1
- L.R. 01/02/2010, n. 3
- L.R. 05/02/2010, n. 7
- L.R. 06/08/2010, n. 14
- L.R. 21/02/2011, n. 3
- L.R. 21/02/2011, n. 4
- L.R. 28/12/2011, n. 25
- L.R. 15/03/2012, n. 5
- L.R. 18/04/2012, n. 7
- L.R. 24/12/2013, n. 19
- L.R. 03/04/2014, n. 14
- L.R. 08/07/2014, n. 19
- L.R. 15/07/2014, n. 21
- L.R. 26/11/2014, n. 30
- L.R. 10/11/2015, n. 38
- L.R. 15/03/2016, n. 4
- L.R. 25/03/2016, n. 7
- L.R. 26/05/2016, n. 14
- L.R. 08/08/2016, n. 22
- L.R. 26/05/2017, n. 15
Scarica il pdf completo
39888 3963240
TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963241
Art. 1 - (Oggetto)

1. Il presente testo unico, redatto ai sensi della legge regionale 9 marzo 2006, n. 7

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963242
TITOLO II - INTERVENTI NEL SETTORE RURALE, SILVO-PASTORALE, AGROALIMENTARE E DELLA PESCA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963243
Capo I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963244
Art. 2 - Art. 4 ter Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963245
Art. 4 quater - (Tutela del suolo agricolo)

N9

1. La Regione riconosce il suolo quale bene comune. Ai fini della presente legge, il suolo agricolo costituisce la coltre, a varia fertilità, del territorio agricolo, per come esso si presenta allo stato di fatto. Si intende suolo agricolo ogni superficie territoriale, libera da edifici e strutture permanenti non connesse alla attività agricola in essere, interessata in modo permanente dalla attività agricola, da attività connesse e dalla eventuale presenza di elementi che ne costituiscono il corredo paesaggistico-ambientale quali reticolo idraulico, fontanili, siepi, filari, fasce boscate, aree umide, infrastrutture rurali.

2. La Regione riconosce il suolo agricolo quale spazio dedicato alla produzione di alimenti, alla tutela della biodiversità, all’equilibrio del territorio e dell’ambiente, alla produzione di utilità pubbliche quali la qualità dell’aria e dell’acqua, la difesa idrogeologica, la qualità della vita di tutta la popolazione e quale elemento costitutivo del sistema rurale.

3. La Regione considera il sistema rurale una componente fondamentale del suo sistema territoriale e riti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963246
Art. 5 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963247
Capo II - Sostegno e sviluppo del sistema produttivo primario
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963248
Art. 6 - Art. 8 Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963249
Art. 8 bis - (Promozione dell’agricoltura sociale)

1. La Regione promuove le fattorie sociali quali soggetti che svolgono, anche in forma associata, le attività di cui all’articolo 2135 del codice ci

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963250
Art. 8 ter - (Promozione dell’agricoltura didattica)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963251
Art. 9 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963252
Capo III - Capo IV Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963253
Capo V - Azioni congiunturali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963254
Art. 16 - Art. 20 Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963255
Art. 21 - (Interventi sulle infrastrutture agricole)

1. La Regione interviene per la realizzazione o il ripristino delle seguenti tipologie di infrastrutture se attinenti al settore agricolo:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963256
Art. 22 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963257
Art. 23 - (Conservazione del patrimonio e delle tradizioni rurali)

1. Al fine di promuovere la conservazione del patrimonio e delle tradizioni rurali sono concessi contributi per la manutenzione e il ripristino di elementi produttivi e non produttivi situati nelle aziende agricole aventi interesse archeolog

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963258
Art. 23 bis - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963259
Capo VI - Interventi a sostegno dell’agricoltura in montagna, nell’alta pianura e in collina

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963260
Art. 24 - (Interventi a sostegno dell’agricoltura in aree montane)

N34

1. Al fine di assicurare il potenziamento e lo sviluppo delle aziende agricole ubicate nelle aree montane sono promosse, in coerenza con la legge regionale 15 ottobre 2007, n. 25 (Interventi regionali in favore della popolazione dei territori montani), le seguenti linee di intervento:

a) miglioramento dell’efficienza delle strutture agricole e della produttività e funzionalità degli alpeggi e dei pascoli montani;

b) razionalizzazione e miglioramento delle produzioni agricole e zootecniche;

c) adeguamento e modernizzazione del parco macchine e delle attrezzature per il lavoro nei campi e per le attività di stalla;

d) introduzione di attività agricole e zootecniche che valorizzino le caratteristiche, le risorse produttive e territoriali e le tradizioni locali della montagna, che presentino competitività economica e si prestino a trasformazioni tecnologiche in loco;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963261
Art. 24.1 - (Interventi a sostegno dell’agricoltura nell’alta pianura e nella collina)

N43

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963262
Art. 24 bis - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963263
Art. 25 - (Pronto intervento e sistemazioni idraulico-forestali)

1. È assicurato il sostegno per lavori di pronto intervento in conseguenza di calamità naturali riguardanti il terr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963264
Art. 26 - (Protezione e valorizzazione delle superfici forestali)

1. Sono incentivati gli interventi di sviluppo del settore forestale finalizzati a valorizzare le funzioni relative alla protezione dei versanti, degli alvei fluviali e delle sponde, alla difesa della biodiversità, alla produzione di beni forestali, alla tutela dell’occupazione nelle aree montane, alla protezione e tutela del paesaggio e dell’ambiente ", nonché alla manutenzione diffusa del territorio" N215.

2. Per la realizzazione degli interventi di cui al comma 1 gli enti competenti si avvalgono, ove possibile, delle aziende agricole ubicate nel territorio di competenza, nonché dei consorzi di proprietari quali i consorzi forestali.

3. Sono ammissibili a finanziamento secondo modalità definite con deliberazione della Giunta regionale:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963265
Capo VII - Strumenti finanziari e procedure di intervento
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963266
Art. 27 - (Strumenti di intervento finanziario)

1. Gli interventi e le iniziative previste dal presente titolo possono essere attuati attraverso i seguenti strumenti finanziari:

a) contributi in conto capitale: consistono nell’erogazione di contributi concorrenti alla copertura di spese di investimento, a iniziative di capitalizzazione o alla partecipazione anche diretta della Regione a iniziative o attività;

b) contributi in conto corrente: consistono nell’erogazione di contributi alle comunità montane che si avvalgono delle imprese agricole per realizzare i lavori previsti all’articolo 26, comma 3, lettera c), numero 3);

c) premi e aiuti: consistono in contributi finanziari, una tantum o periodici, disposti a favore di specifiche categorie di soggetti o i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963267
Art. 28 - (Fondo di rotazione nel settore primario)

1. È costituito il fondo di rotazione pluriennale per l’innovazione tecnologica nel settore primario finalizzato alla valorizzazione dei prodotti e dei servizi di qualità immessi sul mercato, attraverso l’adozione da parte della Giunta regionale di un programma pluriennale a sostegno dei processi di innovazione, di ammoderna

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963268
Art. 29 - (Accesso alle misure d’intervento)

1. Le richieste per l’accesso alle misure d’intervento di cui al presente titolo sono presentate all’ente competente per materia, senza vincoli riguardo al periodo di presentazione, fatti salvi termini specifici definiti con deliberazione della Giunta regionale in relazione a singole misure.

2. La documentazione presentata a corredo dell’istanza è registrata all’anagrafe regionale delle imprese costituita ai sensi dell’articolo 4 e contestualmente resa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963269
Art. 30 - (Erogazione dei contributi)

1. Ove non sia diversamente previsto da leggi o provvedimenti specifici, possono essere concessi acconti sino all’80 p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963270
Art. 31 - (Revoca)

1. L’ente competente revoca le agevolazioni e i contributi finanziari concessi se:

a) gli interventi fina

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963271
Capo VII bis - Istituzione della Banca della Terra Lombarda

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963272
Art. 31 bis - (Finalità)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963273
Art. 31 ter - (Banca della Terra Lombarda)

1. La Banca della Terra Lombarda

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963274
Art. 31 quater - (Assegnazione dei beni inseriti nella Banca della Terra Lombarda)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963275
Art. 31 quinquies - (Utilizzazione dei terreni abbandonati o incolti)

1. In attuazione dei principi e dei criteri della legge 4 agosto 1978, n. 440 (Norme per l’utilizzazione delle terre incolte, abbandonate o insufficientemente coltivate), per favorire il recupero delle aree abbandonate, contenere il degrado ambientale, salvaguardare il suolo e gli equilibri idrogeologici, limitare gli incendi boschivi, favorire l’ottimale assetto del territorio attraverso lo svolgimento delle attività agro-forestali, la Regione valorizza le terre agricole incolte, coerentemente con la tutela degli interessi sociali, economici e ambientali delle comunità locali.

2. Si considerano abbandonati o incolti:

a) i terreni agricoli che non siano stati destinati a uso produttivo da almeno due anni, a esclusione dei terreni oggetto di impegni derivanti dalla normativa europea e di quelli espressamente indicati dalla normativa vigente;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963276
Art. 31 sexies - (Clausola valutativa)

1. La Giunta regionale informa il Consiglio sull’attuazione della legge e sui risultati da essa ottenuti nel contrastare l’abbandono dei terreni agricoli e forestali e favorirne il recupero produttivo. A tal fine, entro un anno dalla entrata in vig

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963277
Capo VIII - Norme finali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963278
Art. 32 - (Rinvio)

1. Gli atti applicativi ed esplicativi relativi all’attuazione delle specifiche misure d&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963279
TITOLO III - ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963280
Art. 33 - (Funzioni di competenza regionale)

1. La Regione svolge le funzioni concernenti:

a) i rapporti con il Ministero per le politiche agricole e l’Unione europea; la formulazione degli indirizzi programmatici generali e settoriali in campo agricolo, forestale, ittico, agrituristico, rurale, alimentare e faunistico, il coordinamento delle funzioni conferite;

b) l’attuazione di programmi a dimensione o rilevanza regionale previsti in campo agricolo, forestale, ittico, agrituristico, rurale, alimentare e faunistico dalla normativa comunitaria, da leggi statali e regionali;

c) la ripartizione delle risorse finanziarie per l’esercizio delle funzioni conferite;

d) le funzioni amministrative relative a enti e istituti a carattere regionale o riconosciuti dalla Regione con specifici provvedimenti legislativi;

e) la proposta di delimitazione dei territori danneggiati da calamità naturali e da avversità atmosferiche e l’adozione dei provvedimenti relativi e conseguenti;

f) le certificazioni fitosanitarie e i controlli necessari alla produzione e alla circolazione dei prodotti vegetali;

g) gli interventi sulle strutture di trasformazione e commercializ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963281
Art. 34 - (Competenze)

1. La Regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio svolgono le funzioni amministrative concernenti: N225

a) la caccia, la pesca N226 e la gestione delle autorizzazioni “fatte salve le funzioni di vigilanza e controllo esercitate dalle province” N227;

b) il coordinamento, la vigilanza e il controllo sugli enti, aziende, consorzi e organizzazioni locali operanti in materia di agricoltura e foreste;

c) le attività agrituristiche e le produzioni biologiche;

d) l’accertamento dei requisiti per il riconoscimento della qualifica di imprenditore agricolo professionale;

e) le commissioni e i comitati provinciali previsti da norme statali e regionali, compresa la nomina dei relativi componenti, operanti in materia di agricoltura e foreste;N261

f) il rilascio delle autorizzazioni per l’acquisto dei prodotti fitosanitari molto tossici, tossici o nocivi;

g) le attività di assistenza tecnica, di informazione e di divulgazione di livello provinciale, nonché di formazione professionale, ad esclusione della formazione dei tecnici dei servizi di sviluppo agricolo;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963282
Art. 34 bis - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963283
Art. 35 - (Funzioni conferite ai comuni)

1. Sono conferite ai comuni le seguenti funzioni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963284
Art. 36 - (Acquisizione di servizi)

1. La Regione e gli enti locali, in relazione alle funzioni amministrative di cui al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963285
Art. 37 - (Poteri sostitutivi)

1. In caso di accertate inadempienze degli enti locali nell’esercizio delle fun

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963286
Art. 38 - (Raccordo tra i sistemi informativi)

1. La Regione, gli enti e i soggetti coinvolti dall’attuazione del presente titolo assicurano la disponibilità e il trasferimento telematico dei dati per l’efficace esercizio delle rispettive funzioni, per l’implementazione del sistema informativo agricolo n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963287
Art. 39 - (Risorse finanziarie per l’esercizio delle funzioni conferite)

1. In relazione alla necessità di assicurare la conoscenza delle risorse a disposizione per l’effettuazione delle spese di investimento,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963288
TITOLO IV - DISPOSIZIONI SULLE SUPERFICI E SULL’ECONOMIA FORESTALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963289
Capo I - Finalità e norme generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963290
Art. 40 - (Finalità e obiettivi)

1. Le disposizioni del presente titolo sono finalizzate, nel rispetto degli impegni assunti a livello internazionale in materia di biodiversità e sviluppo sostenibile e delle norme dello Stato e dell’Unione europea, alla conservazione, all’incremento e alla gestione razionale del patrimonio forestale e pascolivo, nonché allo sviluppo delle attività economiche che riguardano direttamente e indirettamente le superfici forestali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963291
Art. 41 - (Funzioni amministrative)

1. La Regione, “la provincia di Sondrio” N223, i comuni, le comunità montane, gli enti gestori dei parchi e delle riserve regionali esercitano le funzioni amministrativ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963292
Art. 42 - (Definizione di bosco)

1. Sono considerati bosco:

a) le formazioni vegetali, a qualsiasi stadio di sviluppo, di origine naturale o artificiale, nonché i terreni su cui esse sorgono, caratterizzate simultaneamente dalla presenza di vegetazione arborea o arbustiva, dalla copertura del suolo, esercitata dalla chioma della componente arborea o arbustiva, pari o superiore al venti per cento, nonché da superficie pari o superiore a 2.000 metri quadrati e larghezza non inferiore a 25 metri;

b) i rimboschimenti e gli imboschimenti;

c) le aree già boscate prive di copertura arborea o arbustiva a causa di trasformazioni del bosco non autorizzate.

2. Sono assimilati a bosco:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963293
Capo II - Difesa del patrimonio silvo-pastorale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963294
Art. 43 - (Tutela e trasformazione del bosco)

1. Ai fini del presente titolo si intende per trasformazione del bosco ogni intervento artificiale che comporta l’eliminazione della vegetazione esistente oppure l’asportazione o la modifica del suolo forestale finalizzato a una utilizzazione diversa da quella forestale.

2. Gli interventi di trasformazione del bosco sono vietati, fatte salve le autorizzazioni rilasciate “dalla provincia di Sondrio, dalle comunità montane o unioni di comuni e dagli enti gestori di parchi e riserve regionali, per i relativi territori, o dalla Regione per il restante territorio,” N223 compatibilmente con la conservazione della biodiversità, con la stabilità dei terreni, con il regime delle acque, con la difesa dalle valanghe e dalla caduta dei massi, con la tutela del paesaggio, con l’azione frangivento e di igiene ambientale locale. “Ai fini del riparto di competenze sono fatte salve le intese di cui all’articolo 5, comma 6, della legge regionale 8 luglio 2015, n. 19 (Riforma del sistema delle autonomie della Regione e disposizioni per il riconoscimento della specificità dei territori montani in attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 ‘Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni’).” N222 La conservazione della biodiversità si basa sulla salvaguardia e gestione sostenibile del patrimonio forestale mediante forme appropriate di selvicoltura.

2 bis. Gli interventi per la realizzazione da parte di ARPA delle reti di monitoraggio dei rischi naturali, limitatamente alla installazione e al funzionamento di strumenti ed accessori per misure superficiali e profonde, strumentazioni e strutture per mire topografiche e radar e stazioni meteorologiche, sono effettuati previa comunicazione dell’Agenzia agli enti competenti. N238

3. Le autorizzazioni alla trasfor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963295
Art. 44 - (Vincolo idrogeologico e trasformazione d’uso del suolo)

1. Ai fini del presente titolo si intende per trasformazione d’uso del suolo ogni intervento artificiale che comporta una modifica permanente delle modalità di utilizzo e occupazione dei terreni soggetti a vincolo idrogeologico “di cui all’articolo 1 del regio decreto 30 dicembre 1923, n. 3267 (Riordinamento e riforma della legislazione in materia di boschi e di terreni montani)” N239.

2. Sono vietati gli interventi di trasformazione d’uso del suolo non autorizzati in conformità alle indicazioni e alle informazioni idrogeologiche contenute negli studi geologici comunali, nei piani territoriali e nei piani forestali di cui all’articolo 47. “Per i comuni dotati di piano di governo del territorio (PGT), i titoli abilitativi edilizi, previa verifica di conformità delle suddette trasformazioni rispetto alla componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT prevista dall'articolo 57, comma 1, lettera b), della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 (Legge per il governo del territorio) tengono luogo dell'autorizzazione prevista al primo periodo. Per le trasformazioni d'uso del suolo che ricadono nell'ambito di applicazione dell'articolo 6 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia), la conformità alla componente del PGT prevista dall'articolo 57, comma 1, lettera b), della L.R. 12/2005 è certificata da un tecnico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963296
Art. 45 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963297
Capo III - Inventario e carta forestale regionale, programmazione e pianificazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963298
Art. 46 - (Inventario, carta forestale regionale e sistema informativo silvo-pastorale)

1. La Regione effettua, attraverso l’inventario forestale regionale, l’analisi e il monitoraggio dello stato, della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963299
Art. 47 - (Programmazione e pianificazione forestale)

1. Nell’ambito degli strumenti di programmazione di cui all’articolo 3 “la Regione e la provincia di Sondrio” N223 stabiliscono specifiche linee guida di politica e programmazione forestale, finalizzate a: N57

a) verificare lo stato e le caratteristiche del bosco in relazione all’economia e alla situazione ambientale generale, con particolare riferimento alla conservazione della biodiversità;

b) individuare gli obiettivi strategici del settore forestale e indicare gli indirizzi di intervento e i criteri ge

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963300
Art. 48 - (Raccordi con la pianificazione territoriale)

1. I piani di indirizzo forestale sono redatti in coerenza con i contenuti dei piani territoriali di coordinamento provinciali, dei piani paesaggistici di cui all’articolo 135 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963301
Capo IV - Gestione delle risorse silvo-pastorali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963302
Art. 49 - (Ricerca, formazione e assistenza tecnica)

1. La Regione promuove e sostiene lo sviluppo della ricerca applicata e della sperimentazione nel settore forestale, pastorale e delle loro filiere, ai fini del miglioramento del patrimonio silvo-pastorale.

2. Per contribuire allo sviluppo delle professionalità legate alla corretta gestione del bosco la Regione promuo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963303
Art. 50 - (Attività selvicolturali, norme forestali regionali e certificazione ecocompatibile)

1. Si considerano attività selvicolturali tutti gli interventi, diversi dalla trasformazione del bosco, relativi alla gestione forestale, quali i tagli di utilizzazione, gli sfolli, i diradamenti, le cure colturali, la difesa fitosanitaria, gli interventi di realizzazione, manutenzione ordinaria e straordinaria della viabilità agro-silvo-pastorale vietata al transito ordinario, le opere di sistemazione idraulico-forestale, nonché i rimboschimenti e gli imboschimenti. Non si considerano attività selvicolturali gli interventi che consistono nella realizzazione di muraglioni in cemento armato o raccordi viabilistici e tutti gli interventi che non si basano su criteri di ingegneria naturalistica.

2. Le attività selvicolturali finalizzate alla salvaguardia e all’utilizzo rinnovabile e duraturo delle risorse forestali sono un fattore di sviluppo dell’economia locale e regionale e uno strumento fondamentale per la tutela attiva degli ecosistemi, dell’assetto idrogeologico e paesaggistico. “Le attività di cui al comma 1 concorrono allo svolgimento della manutenzione diffusa del territorio.” N216

3. È vietata la conversione dei boschi governati o avviati a fustaia in boschi governati a ceduo, fatti salvi gli interventi autorizzati ai fini della difesa fitosanitaria o per altri motivi di rilevante interesse pubblico. È vietato altresì il taglio a raso dei boschi laddove le tecniche selvicolturali non sono finalizzate alla rinnovazione naturale, salvo casi diversi previsti dai piani di indirizzo forestale e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963304
Art. 51 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963305
Art. 52 - (Sistemazioni idraulico-forestali)

1. Si considerano sistemazioni idraulico forestali le attività di riassetto idrogeologico di bacini attraverso interventi integrati di consolidamento di versanti, di regimazione delle acque e di ricostituzione e cura dei boschi.

2. Le attività selvicolturali di cui all’articolo 50 sono considerate opere dirette di prevenzione del dissesto idrogeologico e delle calamità naturali.

3. Si considerano di pronto intervento le opere e i lavori necessari:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963306
Art. 53 - (Materiale forestale di base e di moltiplicazione)

1. La Regione promuove la conservazione e la tutela del patrimonio genetico forestale autoctono e della biodiversità sostenendo l’utilizzo, la moltiplicazione e la diffusione delle specie forestali autoctone di provenienza certificata.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963307
Art. 54 - (Patrimonio forestale regionale e patrimonio degli enti locali)

1. Il patrimonio indisponibile agro-silvo-pastorale della Regione, denominato patrimonio forestale regionale, è costituito:

a) dai beni già facenti parte del demanio forestale dello Stato, trasferiti alla Regione a norma dell’articolo 11, quinto comma, della legge 16 maggio 1970, n. 281 (Provvedimenti finanziari per l’attuazione delle Regioni a statuto ordinario);

b) dai vivai forestali già di proprietà dello Stato;

c) dai terreni montani che pervengono alla Regione ai sensi dell’articolo 9 della legge 3 dicembre 1971, n. 1102 (Nuove norme per lo sviluppo della montagna), nonché per acquisto comunque diretto alla formazione di boschi, prati, pascoli, vivai, aziende modello o riserve naturali;

d) dai terreni montani acquisiti in base a provvedimenti di attuazione di piani regionali;

e) da altri terreni e beni rustici che in qualsiasi modo diventano proprietà della Regione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963308
Art. 55 - (Progetto grandi foreste)

1. Su proposta delle province, la Regione finanzia la realizzazione di grandi foreste e di sistemi forestali, da effettuarsi preferibilmente in comprensori privi o scarsi di vegetazione forestale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963309
Capo V - Promozione dell’economia forestale. Associazionismo, filiera bosco-legno e infrastrutture territoriali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963310
Art. 56 - (Associazionismo e consorzi forestali)

1. La Regione, al fine di valorizzare il patrimonio forestale attraverso una sua corretta gestione, riconosce e promuove la costituzione di consorzi forestali e altre forme di associazione e incentiva la partecipazione di soggetti pubblici e privati.

2. I consorzi forestali sono costituiti volontariamente tra i soggetti pubblici e privati proprietari dei terreni e altri soggetti della filiera bosco-legno, al fin

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963311
Art. 57 - (Albo delle imprese boschive)

1. È istituito l’albo regionale delle imprese boschive, cui vengono iscritte imprese con idonee capacità tecnico-professionali nell’esecuzione delle attivit&agr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963312
Art. 58 - (Professionalità degli operatori forestali)

1. La Regione promuove “, sentiti la provincia di Sondrio,”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963313
Art. 59 - (Viabilità agro-silvo-pastorale, gru a cavo e fili a sbalzo)

1. Le strade agro-silvo-pastorali sono infrastrutture finalizzate a un utilizzo prevalente di tipo agro-silvo-pastorale, non adibite al pubblico transito. Il transito è disciplinato da un regolamento comunale, approvato sulla base dei criteri stabiliti dalla Giunta regionale.

2. La provincia di Sondrio, le comunità montane, gli enti gestori dei parchi, per i relativi territori, e la Regione per il restante territorio, predispongono, compatibilmente con i regimi di tutela ambientale e i relativi strumenti di pianificazione, piani di viabilità agro-silvo-pastorale, nell’ambito dei piani di indirizzo forestale, allo scopo di razionalizzare le infrastrutture e di valorizzare la interconnessione della viabilità esistente. N231

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963314
Art. 60 - (Valorizzazione delle filiere bosco-legno e legno-energia)

1. La Regione promuove l’ammodernamento delle dotazioni, degli impianti, delle strutture e infrastrutture, dei dispositivi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963315
Capo VI - Vigilanza, sanzioni e norme finali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963316
Art. 61 - (Vigilanza e sanzioni)

1. Le funzioni di vigilanza e di accertamento delle violazioni relative all’attuazione del presente titolo sono esercitate dal corpo forestale regionale, dal corpo forestale dello Stato, dalle guardie dei parchi regionali, dalle guardie boschive comunali, dagli agenti della polizia locale. Tali funzioni possono essere attribuite alle guardie ecologiche volontarie, di cui alla legge regionale 28 febbraio 2005, n. 9 (Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica), che abbiano frequentato corsi di formazione sugli aspetti selvicolturali e normativi in materia forestale.

2. Chi realizza trasformazioni del bosco di cui all’articolo 43 senza la prescritta autorizzazione o in difformità dalla stessa è punito con una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 105,57 a euro 316,71 per ogni 10 metri quadrati o frazione di superficie di bosco trasformata. La medesima sanzione, calcolata sulla base della superficie trasformata o sua frazione, si applica per la mancata realizzazione degli interventi compensativi prescritti dall’autorità.

3. Chi realizza trasformazioni d’uso del suolo di cui all’articolo 44 senza la prescritta autorizzazione o in difformità della stessa è punito con una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 52,79 a euro 158,36 per ogni 10 metri cubi o frazione di suolo trasformato. La medesima sanzione, calcolata sulla base dei metri cubi di suolo trasformato o sua frazione, si applica per la mancata esecuzione delle prescrizioni contenute nelle autorizzazioni.

4. Se con la medesima condotta sono violati gli articoli 43 e 44 si applica la sanzione amministrativa pecuniaria prevista per la violazione più grave, aumentata di un terzo. Il pagamento della sanzione non esonera il trasgressore dall’obbligo di richiedere l’autorizzazione in sanatoria per l’intervento realizzato. Se l’opera realizzata non è comunque autorizzabile, il trasgressore è tenuto al ripristino e al recupero ambientale dei luoghi; a tal fine i comuni, le province, le comunità montane e gli enti gestori dei parchi e delle riserve regionali ordinano il ripristino, indicandone le modalità e i termini. Se il trasgressore non ottempera, i medesimi enti, previa diffida, dispongono l’esecuzione degli interventi con oneri a carico del trasgressore stesso.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963317
TITOLO V - ENTE REGIONALE PER I SERVIZI ALL’AGRICOLTURA E ALLE FORESTE (ERSAF)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963318
Art. 62 - (Finalità e oggetto)

1. Al fine del miglioramento, dell’ammodernamento e dell’incremento dell’efficienza dei servizi ai settori agricolo, agroalimentare, agroforestale, al territorio rurale e alla montagna, il presente titolo disciplina il riordino degli enti regionali in agricoltura e foreste. N79

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963319
Art. 63 - (Natura giuridica e raccordo con la programmazione)

1. L’ERSAF è un ente di gestione, di ricerca e sperimentazione, di promozione e di supporto tecnico e amministrativo nei settori agricolo, agroalimentare, agroforestale e della montagna in Lombardia. N80

2. L’ERSAF ha personalità giuridica di diritto pu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963320
Art. 64 - (Funzioni e attività)

1. Le funzioni dell’ERSAF, in riferimento al settore agricolo, comprendono la formazione specialistica, l’assistenza tecnica, lo sviluppo dell’innovazione tecnologica e della competitività delle aziende, della ricerca e dei servizi innovativi alle aziende agricole e alle imprese agroalimentari, la promozione dei prodotti e delle produzioni lombarde, compresa l’agricoltura biologica, nonché il sostegno all’agricoltura delle zone montane, marginali e delle aree protette.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963321
Art. 65 - (Statuto, organizzazione e contabilità)

1. L’ERSAF ha uno statuto che disciplina le competenze degli organi e le loro modalità di funzionamento, compresi l’adozione degli atti urgenti e i casi di decadenza dei membri del consiglio di amministrazione per mancata partecipazione alle sedute, individua la sede e detta le disposizioni generali relative all’organizzazione e alla contabilità dell’ente. Lo statuto è deliberato dal consiglio di amministrazione e approvato dalla Giunta regionale, sentita la competente commissione consiliare, entro novanta giorni dalla sua ricezione.

2. Sono organi dell’ERSAF:

a) il consiglio di amministrazione;

b) il presidente;

c) il collegio dei revisori.

3. Il consiglio di amministrazione è nominato dalla Giunta regionale; è composto da cinque membri, compreso il presidente, e dura in carica cinque anni. N87

4. Per le cause di incompatibilità, di revoca e di decadenza dalla carica di consigliere si applicano le disposizioni della vigente normativa regionale.

5. Il presidente è nominato dalla Giunta regionale tra i membri del consiglio di amministrazione dell’ERSAF contestualmente alla nomina del consiglio di amministrazione; è il rappresentante legale dell’ente, convoca e presiede il consiglio di amministrazione.

6. L’indennità di carica del presidente e dei consiglieri di amministrazione è determinata dalla Giunta regionale.

7. Il collegio dei re

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963322
Art. 66 - (Raccordo con altri soggetti pubblici e privati)

1. Le attività di cui all’articolo 64 sono svolte dall’ERSAF in raccordo con gli altri soggetti pubblici e privati operanti nei settori agricolo, forestale e della montagna, e in particolare con le autonomie locali e funzionali, con le CCIAA, con le università e gli altri enti di ricerca, con gli enti gestori dei parchi nonché con il mondo produttivo. N93

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963323
TITOLO VI - SORVEGLIANZA FITOSANITARIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963324
Art. 67 - Art. 71 Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963325
Art. 72

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963326
Art. 73 - Art. 75 Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963327
TITOLO VII - DISPOSIZIONI IN MATERIA DI BONIFICA E IRRIGAZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963328
Capo I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963329
Art. 76 - (Finalità e ambito di applicazione)

1. La Regione promuove e organizza l’attività di bonifica e di irrigazione quale strumento essenziale e permanente finalizzato a garantire:

a) la sicurezza idraulica del territorio;

b) l’uso plurimo e la razionale utilizzazione a scopo irriguo delle risorse idriche;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963330
Art. 77 - (Opere pubbliche di bonifica e di irrigazione)

1. Ai fini del presente titolo, nei comprensori di bonifica e irrigazione, sono considerate opere pubbliche di competenza regionale:

a) la sistemazione e l'adeguamento della rete scolante, le opere di raccolta, di approvvigionamento, utilizzazione e distribuzione di acque superficiali o anche di falda a uso irriguo e altri usi produttivi, nonché la sistemazione degli impianti e dei manufatti di regolazione dei canali di bonifica e irrigazione;

b) le opere e gli impianti di difesa idraulica e id

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963331
Capo II - Organizzazione del territorio e soggetti di bonifica e di irrigazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963332
Art. 78 - (Comprensori di bonifica e irrigazione)

1. Il territorio regionale non montano è classificato territorio di bonifica e irrigazione.

2. Il territorio di cui al comma 1è suddiviso in comprensori di bonifica e irrigazione delimitati in modo da costituire unità omogenee sotto il profilo idrografico e idraulico e da risultare funzionali alle esigenze di programmazione, esecuzione e gestione dell’attività di bonifica di irrigazione e di difesa del suolo e di coordinamento dell’intervento pubblico con quello privato.

3. La Giunta regionale provvede alla delimitazione dei comprensori di bonifica e irrigazione nonché alle relative modificazioni. A tal fine adotta una proposta e la trasmette ai comuni, alle province e ai consorzi di bonifica interessati affinché, entro sessanta giorni dal ricevimento, esprimano parere; trascorso tale termine, esso si intende favorevole. La Giunta regionale, sentita la commissione consiliare competente, approva la proposta definitiva e ne dispone la pubblicazione nel burl.

4

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963333
Art. 78-bis - (Adeguamento delle delimitazioni dei comprensori di bonifica e irrigazione)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963334
Art. 79 - (Consorzi di bonifica)

1. Per ciascun comprensorio di bonifica e irrigazione è istituito un unico consorzio di bonifica di primo grado, avente natura di ente pubblico economico a carattere associativo, fatto salvo quanto previsto all’articolo 78, comma 7 bis. Il consorzio opera secondo principi di efficienza, efficacia, economicità, imparzialità, trasparenza e sussidiarietà ed assicura ai consorziati e alle comunità locali una costante informazione sulle attività svolte. Più comprensori possono essere gestiti in forma unitaria da un unico consorzio di bonifica. N111

2. Fanno parte dei consorzi di bonifica i proprietari pubblici e privati dei beni immobili ubicati nei singoli comprensori, nonché i conduttori singoli o associati che per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963335
Art. 79 bis - (Riordino dei consorzi di bonifica e irrigazione)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963336
Art. 80 - (Funzioni dei consorzi di bonifica)

1. I consorzi di bonifica, per la realizzazione delle finalità di cui all’articolo 76, esercitano nell’ambito del comprensorio di competenza le seguenti funzioni:

a) progettazione, realizzazione e gestione delle opere pubbliche di bonifica di cui all’articolo 77 avute in concessione dalla Regione;

b) progettazione, realizzazione e gestione di impianti di produzione di energia elettrica nei canali consortili e approvvigionamento di imprese produttive e attività civili con le acque fluenti nei canali stessi per usi che comportino la restituzione delle acque e siano compatibili con le successive utilizzazioni;

c) promozione, realizzazione e concorso, anche attraverso appositi accordi di programma, di azioni di salvaguardia ambientale e paesaggistica, di valorizzazione economica sostenibile di risanamento delle acque, anche al fine della utilizzazione irrigua e plurima, della rinaturalizzazione dei corsi d’acqua e della fitodepurazione ai sensi di quanto previsto dall’articolo 144, comma 3, del d.lgs. 152/2006;

d) realizzazione di opere di prevenzione e protezione dalle calamità naturali mediante interventi di ripristino delle opere di bonifica e irrigazione, di manutenzione idraulica, di forestazione e di ripristino ambientale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963337
Art. 81 - (Statuto dei consorzi di bonifica)

1. La Giunta regionale approva le linee guida per la predisposizione degli statuti dei consorzi di bonifica, anche di secondo grado, cui gli stessi d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963338
Art. 82 - (Organi)

1. Sono organi del consorzio di bonifica:

a) il consiglio di amministrazione;

b) il presidente;

c) il revisore dei conti.

2. Gli organi del consorzio durano in carica cinque anni. Con apposito regolamento regionale è disciplinato il procedimento elettorale, garantendo:

a) il carattere associativo dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963339
Art. 83 - (Struttura organizzativa, bilancio e programmazione finanziaria)

1. La struttura organizzativa degli uffici del consorzio è individuata dal piano di organizzazione dei servizi consortili deliberato dal consiglio di amministrazione.

2. La gestione amministrativa è attribuita al direttore, assunto esclusivamente con contratto a tempo determinato secondo quanto previsto dall’articolo 10, comma 4, del de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963340
Art. 84 - (Consorzi di miglioramento fondiario di secondo grado)

1. Tra i consorzi di irrigazione e di miglioramento fondiario operanti all’interno di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963341
Art. 85 - (Demanio regionale)

1. La Regione, contestualmente al provvedimento di affidamento in concessione dell’esecuzione delle opere di cui all’articolo 77, che entrano a far parte del demanio regionale, dispone a favore dei consorzi di bonifica manutentori la costituzione del diritto d’uso sulle opere eseguite, a decorrere dalla data del collaudo o dell’eventuale provvedimento di esproprio.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963342
Art. 86 - (Opere di competenza dei privati)

1. I privati realizzano nei comprensori di bonifica e irrigazione tutte le opere minori necessarie ai fini della bonifica, secondo quanto previsto dagli strumenti di pianificazione consortile.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963343
Capo III - Programmazione ed esecuzione dell’attività di bonifica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963344
Art. 87 - (Piano generale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale)

1. Il Consiglio regionale, su proposta della Giunta regionale, approva il piano generale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale.

2. Il piano generale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale definisce:

a) la situazione, le problematiche e le prospettive della bonifica, dell’irrigazione e del territorio rurale;

b) gli indirizzi generali e le linee fondamentali dell’azione della Regione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963345
Art. 88 - (Piani comprensoriali di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale)

1. Nei comprensori di bonifica e irrigazione l’attività di bonifica e irrigazione si svolge sulla base del piano comprensoriale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale. Il piano comprensoriale è adottato dal consorzio in conformità al piano generale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale, assicurando la partecipazione degli enti locali, dei soggetti irrigui e degli altri enti operanti nel comprensorio. Fino all’approvazione del piano generale i consorzi operano in base al piano comprensoriale provvisorio di bonifica predisposto sulla base di criteri approvati dalla Giunta regionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963346
Art. 89 - (Progetto fontanili)

1. Ai fini della salvaguardia del sistema dei fontanili e dei colatori, in quanto com

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963347
Art. 90 - (Contributi consortili)

1. Il consorzio di bonifica elabora, sulla base di criteri, indirizzi e modalità procedimentali deliberati dalla Giunta regionale "e pubblicati sul Bollettino Ufficiale della Regione"N257, sentita la competente commissione consiliare, N258 un piano di classificazione degli immobili ricadenti nel comprensorio consortile, al fine di individuare i benefici derivanti dalle opere di bonifica e irrigazione "previste dal piano comprensoriale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale di cui all'articolo 88"N257N260 e di stabilire gli indici e i parametri per la quantificazione dei medesimi. Il piano definisce, altresì, mediante cartografia allegata, il perimetro di contribuenza. "Il piano è adottato dal consorzio di bonifica entro sei mesi dalla data di approvazione del piano comprensoriale di cui all'articolo 88, sentito il parere dei comuni interessati, ed è approvato dalla Giunta regionale entro i successivi centoventi giorni."N259 N195

1 bis. La pubblicazione nel BURL della deliberazione di approvazione del piano di cui al comma 1 è contestuale alla pubblicazione del piano con il relativo perimetro di contribuenza nei siti internet i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963348
Art. 90-bis - (Interventi dei consorzi di bonifica sul reticolo idrico principale)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963349
Art. 91 - (Piano di riordino irriguo)

1. I consorzi di bonifica provvedono all’adozione e alla conseguente attuazione del piano di riordino irriguo. N127

2. Il piano di riordino irriguo, approvato dalla Giunta regionale, sentita la competente commissione consiliare, ha valore di dichiarazione di pubblica utilità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963350
Capo IV - Vigilanza e controllo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963351
Art. 92 - (Attività di direzione e vigilanza della Regione)

1. Al fine di assicurare omogeneità, organicità ed efficacia all’attività di bonifica e irrigazione e di coordinare l’azione dei consorzi, la Giunta regionale adotta atti di indirizzo e criteri in ordine all’attività programmatoria e gestionale dei consorzi di bonifica nelle forme e nei modi di cui al presente articolo. N128

2. La Giunta regionale, tramite la competente direzione generale, può chiedere ai consorzi documenti, informazioni e chiarimenti ed effettuare ispezioni e perizie volte ad accertare il regolare funzionamento degli organi e il regolare esercizio dell’attività del consorzio, anche avvalendosi della consulenza di esperti o di società di servizi.

3. La Giunta regionale, sentiti i consorzi interessati, può procedere al raggruppamento di uffici di più consorzi, qualora tale raggruppamento porti a significativi risparmi e a maggiore efficacia e tempestività nell’attività dei consorzi stessi. La Giunta regionale può concedere contributi per le spes

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963352
Art. 93

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963353
Art. 94 - (Consulta regionale della bonifica e irrigazione)

1. È istituita presso la competente direzione generale regionale la consulta regionale della bonifica e irrigazione, organo consultivo del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963354
Art. 95 - (Finanziamenti regionali)

1. Per il conseguimento delle finalità di cui all’articolo 76, per l’attuazione dei piani e programmi regionali e comprensoriali e per la realizzazione delle tipologie di opere di cui all’articolo 77 previste dai piani e programmi medesimi, la Regione concorre con contributi a favore dei soggetti di cui all’articolo 79. N130

2. La Giunta regionale delibera il concorso finanziario nella spesa ritenuta ammissibile per l’esecuzione delle opere di cui al comma 1 nella misura del 90 per cento per:

a) opere di pronto intervento;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963355
TITOLO VIII - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963356
TITOLO VIII BIS - Omissis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963357
TITOLO VIII TER - Omissis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963358
TITOLO VIII QUATER - DISPOSIZIONI IN MATERIA DI UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEI FERTILIZZANTI AZOTATI INCLUSI GLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO, LE ACQUE DI VEGETAZIONE DEI FRANTOI OLEARI E LE ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AZIENDE AGRICOLE E DA PICCOLE AZIENDE AGROALIMENTARI

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963359
Art. 130 octies - (Disciplina delle attività di utilizzazione agronomica dei fertilizzanti azotati)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963360
Art. 130 nonies - (Vigilanza)

1. L’attività di vigilanza e controllo sul rispett

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963361
Art. 130 decies - (Sanzioni)

1. L’inosservanza degli adempimenti amministrativi previsti dai programmi d’azione, dalle decisioni comunitarie e dalle linee guida comporta l’irrogazione di una sanzione da 200 euro a 2.000 euro.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963362
TITOLO IX - DISPOSIZIONI SULL’INCREMENTO E LA TUTELA DEL PATRIMONIO ITTICO E SULL’ESERCIZIO DELLA PESCA NELLE ACQUE DELLA REGIONE

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963363
Capo I - Disposizioni generali e organizzative
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963364
Art. 131 - (Principi e finalità)

1. La Regione, al fine di tutelare la fauna ittica e in particolare quella autoctona, persegue la salvaguardia delle acque interne dalle alterazioni ambientali e disciplina l’attività piscatoria nel rispetto dell’equilibrio biologico e ai fini dell’incremento naturale della fauna stessa, in conformità alla normativa vigente in mat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963365
Art. 132 - (Funzioni amministrative)

1. Alla Regione competono le funzioni e i compiti concernenti i rapporti con l’Unione europea e con lo Stato nonché la formulazione degli indirizzi programmatici in campo ittico e il coordinamento delle funzioni conferite. “Alla Regione competono, inoltre, le funzioni che richiedono accordi con altre Regioni.”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963366
Art. 133 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963367
Art. 134 - (“Concessioni a scopo di piscicoltura, acquacoltura, altre attività ittiogeniche e gestioni particolari della pesca” N198)

1. “La Regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio” N223, per favorire la pescosità delle acque o la produzione ittica, “possono” N233 rilasciare a soggetti pubblici o privati, singoli o associati, concessioni a scopo di piscicoltura “, acquacoltura e altre attività ittiogeniche”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963368
Art. 135 - Art. 136 Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963369
Capo II - Programmazione e gestione dell’ittiofauna
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963370
Art. 137 - (Classificazione delle acque. Acque pubbliche in disponibilità privata)

1. Ai fini della pesca le acque del territorio regionale sono classificate in acque di tipo A, B, C e acque pubbliche in disponibilità privata.

2. Le acque dei grandi corpi idrici con caratteristiche biologico-ittiogeniche che presentano una popolazione ittica durevole e abbondante o che rappresentano prevalentemente una risorsa economica per la pesca sono classificate di tipo A.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963371
Art. 138 - Art. 140 Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963372
Art. 141 - (Derivazioni di acque in concessione e interventi sui corpi idrici)

1. Le amministrazioni che rilasciano le concessioni di derivazioni d’acqua provvedono a inserire nei disciplinari disposizioni per la tutela della fauna ittica e a prevedere il rilascio continuo di una quantità d’acqua sufficiente a garantire, anche nei periodi di magra, la sopravvivenza e la risalita dell’ittiofauna, nel rispetto di quanto previsto dalla normativa in materia.

2. Con provvedimento della Giunta regionale sono stabilite le disposizioni per la tutela della fauna ittica di cui al comma 1, in particolare relativamente: N173

a) agli oneri a carico del concessionario per l’immissione annuale di specie ittiche;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963373
Capo III - Capo VI Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963374
TITOLO X - DISCIPLINA REGIONALE DELL’AGRITURISMO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963375
Art. 150 - (Finalità)

1. Il presente titolo, nel rispetto della programmazione regionale e comunitaria, disciplina l’attività dell’agriturismo allo scopo di sostenere l’agricoltura, anche mediante la promozione di forme idonee di turismo nelle campagne e nella fascia pedemontana e montana, volte a:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963376
Art. 151 - (Definizione di attività agrituristiche)

1. Per attività agrituristiche si intendono le attività di “valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale ovvero” N239 ricezione e ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli di cui all’articolo 2135 del codice civile, anche nella forma di società di capitali o di persone, oppure associati fra loro, attraverso l’utilizzazione della propria azienda in rapporto di connessione con le attività di coltivazione del fondo, di silvicoltura e di allevamento di animali.

2. Possono essere addetti allo svolgimento dell’attività agrituristica l’imprenditore agricolo e i suoi familiari ai se

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963377
Art. 152 - (Connessione con l’attività agricola)

1. Gli imprenditori agricoli che intendono svolgere l’attività agrituristica si dotano di una certificazione comprovante la connessione dell’attività agrituristica rispetto a quella agricola ch

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963378
Art. 153 - (Elenco degli operatori agrituristici)

1. È istituito presso la Giunta regionale l’elenco degli operatori agrituristici. N231

2. Nell’elenco sono iscritti, a domanda, i soggetti che intendono esercitare le attività agrituristiche

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963379
Art. 154 - (Segnalazione certificata di inizio attività - SCIA)

1. L’esercizio dell’attività agrituristica è subordinato alla presentazione della segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) al comune in cui si trova l’immobile destinato all’attività agrituristica. N182

2. La SCIA contiene la descrizione dettagliata delle attività proposte, con l’indicazione delle caratteristiche aziendali, dell’attività e delle aree adibite ad uso agrituristico, della capacità ricettiva, dei periodi di esercizio dell’attività e delle tariffe che si intendono praticare.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963380
Art. 155 - (Locali da utilizzare nell’attività agrituristica)

1. Possono essere utilizzati per attività agrituristiche tutti gli immobili rurali già esistenti facenti parte dell’azienda agricola. Sono da considerare esistenti gli edifici che fanno parte del nucleo centrale dell’azienda agricola o posti nelle sue immediate vicinanze, compresa l’abitazione dell’imprenditore agricolo, indipendentemente dalla destinazione urbanistica dei fabbricati; possono inoltre essere utilizzati edifici distac

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963381
Art. 156 - (Requisiti igienico-sanitari)

1. Le strutture e i locali destinati all’esercizio dell’attività agrituristica devono avere i requisiti di abitabilità e agibilità previsti per i locali di abitazione dai regolamenti comunali edilizi e di igiene, che devono tenere conto delle particolari caratteristiche architettoniche e di ruralità degli edifici, specie per quanto attiene all’altezza e al volume dei locali in rapporto alle superfici aeroilluminanti, nonché delle limitate dimensioni dell’attività esercitata.

2. Nelle piazzole di sosta attrezzate per le attività di ospitali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963382
Art. 157 - (Requisiti della somministrazione di pasti e bevande)

1. Nella somministrazione di pasti e bevande l’azienda agrituristica garantisce l’apporto di prodotti propri secondo le seguenti proporzioni minime:

a) almeno il 30 per cento dei prodotti utilizzati deve essere ricavato da materie prime dell’azienda agricola direttamente trasformate, oppure ottenuto attraverso lavorazioni esterne di materie prime aziendali;

b) una quota non inferiore al 70 p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963383
Art. 158 - (Uso della denominazione agriturismo)

1. L’uso della denominazione agriturismo e dei termini attributivi derivati, nonché la possibilità di fregiarsi di idonei segni distintivi nell’esercizio dell’attività e nei rapporti con i terzi sono riservati esclusivamente alle aziende agricole che esercitano l’attività agrituristica.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963384
Art. 159 - (Programmazione e sviluppo dell’agriturismo)

1. La Giunta regionale, sentita la commissione consiliare competente, in armonia con gli indirizzi della programmazione nazionale e regionale e con la pianificazione territoriale, “sentita la provincia di Sondrio per il relativo territorio” N223, approva un programma di durata triennale finalizzato alla promozione della domanda e dell’offerta agrituris

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963385
Art. 160 - (Finanziamenti regionali)

1. Per il conseguimento della finalità di cui all’articolo 150 e per l’attuazione di piani aziendali e interaziendali di sviluppo agrituristico, la Regione concede incentivi per interventi sugli immobili e per l’acquisto e la realizzazione di dotazioni e servizi da utilizzare per attività agrituristiche.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963386
Art. 161 - (Osservatorio regionale dell’agriturismo)

1. È istituito presso la competente direzione generale, senza oneri aggiuntivi per il bilancio regionale, l’osservatorio regionale dell’agriturismo con i seguenti compiti:

a) esame della consistenza della domanda e dell’offerta agrituristica, anche a su

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963387
Art. 162 - (Controlli)

1. “La Regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio verificano” N223 il p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963388
Art. 163 - (Sanzioni amministrative)

1. Incorre nella sanzione amministrativa pecuniaria da euro 500,00 a euro 3.000,00 l’imprenditore agricolo che esercita l’attività agrituristica senza aver presentato la SCIA di cui all’articolo 154; in tal caso, oltre alla sanzione pecuniaria, il comune dispone il divieto di prosecuzione dell’attività. N190

2.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963389
Art. 164 - (Regolamento di attuazione)

1. Il regolamento di attuazione del presente titolo disciplina:

a) i criteri per la valutazione del rapporto di connessione tra le attività agricole e agrituristiche, utilizzando il parametro tempo di lavoro e tenendo conto delle peculiarità del territorio e delle diverse produzioni agricole;

b) i criteri per la somministrazione di pasti e bevande, tenendo conto dell’offerta enogastronomia, della promozione dei prodotti agroalimentar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963390
TITOLO XI - DISPOSIZIONI SUGLI USI CIVICI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963391
Capo I - Disposizioni organizzative
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963392
Art. 165 -(Articolazione delle competenze)

1. “La Regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio” N223 esercitano le funzioni amministrative in materia di usi civici trasfer

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963393
Art. 166 - (Oneri)

1. Sono a carico della Regione gli oneri relativi alle operazioni di propria competenza previste dalla legge 1766/1927 e dal rd 332/1928, ad eccezione di quelle riguardanti registrazioni e trascrizioni ch

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963394
Art. 167 - (Alienazioni e mutamenti di destinazione)

1. Sino all’entrata in vigore di organiche disposizioni regionali in materia di usi civici, per le alienazioni e le modifiche di destinazione dei beni d’uso civico di cui all’ar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963395
Capo II - Disposizioni procedurali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963396
Art. 168 - (Liquidazioni a canone enfiteutico)

1. Se il progetto di liquidazione degli usi civici su terreni alieni prevede per il titolare, anche non individuale, un canone en

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963397
Art. 169 - (Domanda di liquidazione)

1. Su domanda degli interessati, è ammessa la liquidazione degli usi civici su terreni alieni, anche indipendentemente da un progetto di li

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963398
Art. 170 - (Promiscuità)

1. Se l’uso civico a favore degli abitanti di un comune, frazione o associazione è esercitato, in promiscuità o meno, su terreni di esclusiva proprietà di altro comune o frazione o ass

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963399
Art. 171 - (Regolarizzazione)

1. In alternativa al provvedimento di legittimazione di cui al titolo I, capo IV, del r.d. 332/1928 può essere autorizzata la regolarizzazione della situazione dei terreni occupati senza titolo giuridico attraverso la compra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963400
Art. 172 - (Prescrizioni di strumenti urbanistici)

1. Se lo strumento urbanistico comunale generale prevede per interi comparti il mutam

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963401
Art. 173 - (Terreni utilizzabili per la coltura agraria)

1. Non si procede alla ripartizione di cui all’articolo 13 della legge 1766/1927 dei terreni indicati all’articolo 11, primo comma,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963402
Art. 174 - (Conciliazione)

1. Per la sollecita definizione delle pratiche concernenti la liquidazione degli usi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963403
Art. 175 - (Chiusura delle operazioni)

1. Ultimate le operazioni di accertamento dei terreni comunali o frazionali d’uso civico o delle associazioni, di liquidazione degli usi civici su terreni alieni, di scioglimento o di conservazione delle promiscuità, di regolarizzazione delle occupazioni, nonché ogni al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963404
TITOLO XII - DISPOSIZIONI FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963405
Art. 176 - (Abrogazioni)

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge sono o restano abrogate le seguenti leggi regionali:

1. la legge regionale 24 maggio 1985, n. 52 (Norme organizzative in materia di usi civici);

2. la legge regionale 16 maggio 1986, n. 13 (Norme procedurali in materia di usi civici);

omissis

6. la legge regionale 7 febbraio 2000, n. 7 (Norme per gli interventi regionali in agricoltura);

omissis

8. la legge regionale 12 gennaio 2002, n. 3 (Istituzione dell’Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste - ERSAF);

9. la legge regionale 16 giugno 2003, n. 7 (Norme in materia d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963406
Art. 177 - (Disposizioni che restano in vigore)

1. Restano in vigore le seguenti disposizioni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963407
Art. 178 - (Disposizioni in materia di aiuti di Stato)

1. Tutti i regimi di aiuto e tutti gli aiuti individuati dal presente testo unico son

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963408
Art. 179

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963409
Art. 180 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963410
Allegato A (art. 2, comma 6)

Definizioni


1. Azienda agricola beneficiaria

Possono accedere ai contributi previsti dal titolo II le aziende agricole titolari di partita IVA.


2. Attività agricole

Si definiscono attività agricole:

a) le attività dirette alla coltivazione del terreno, alla floricoltura, alla silvicoltura, alla funghicoltura e all’apicoltura;

b) l’allevamento di animali;

c) le attività dirette alla lavorazione, trasformazione, commercializzazione di prodotti agricoli e zootecnici, svolte direttamente dall’azienda agricola, e che abbiano per oggetto prodotti ottenuti per almeno la metà dalla stessa azienda.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 3963411
Allegato B (art. 61, comma 8) - Sanzioni per il danneggiamento di [-] piante

omissis



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Il “Collegato ambientale” 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella L. 28/12/2015, n. 221 (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, cosiddetta “Legge sulla green economy” o “Collegato ambientale”), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

La Legge di Stabilità 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Stabilità 2016 (L. 28 dicembre 2015, n. 208), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis

La Legge di Bilancio 2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Bilancio 2017 (L. 11 dicembre 2016, n. 232), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini

Tutti i termini prorogati dal decreto-legge «Milleproroghe» 192/2014 (L. 11/2015)

Libretto di centrale impianti termici; Smaltimento rifiuti in discarica; SISTRI; Gestione dei rifiuti in Campania; Anticipazione prezzo nei lavori pubblici; Centrali uniche di committenza; Qualificazione contraente generale; Appaltabilità e cantierabilità grandi opere; Messa in sicurezza edifici scolastici; Interventi per il dissesto idrogeologico; Antincendio strutture ricettive; Antincendio nuove attività esistenti; Zone a burocrazia zero; Impianti a fonti rinnovabili e Conto energia in zone terremotate; Macchine agricole; Contribuenti minimi; Locazione immobili pubblici; Sfratti esecutivi; Processo amministrativo digitale; Affidamento servizio distribuzione gas; Accise sul combustibile impiegato per la cogenerazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis

La legge di stabilità 2015 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella legge di Stabilità 2015 (L. 23 dicembre 2014 n. 190), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis