FAST FIND : CM841

Indagini sui solai

Indagini diagnostiche dei solai al fine di garantire la sicurezza degli edifici scolastici e di prevenire eventi di crollo e/o dissesti.
INDAGINI STRUTTURALI

  

La legge n. 107/2015 – “La Buona Scuola” del 13 luglio 2015 ha previsto un bando da 300 milioni di euro per la costruzione di scuole altamente innovative, scuole interamente “Green” e caratterizzate da nuovi ambienti di apprezzamento digitale. Ha previsto inoltre un finanziamento di 200 milioni per la ristrutturazione delle scuole ma ha soprattutto ha stanziato circa 40 milioni per finanziare indagini diagnostiche sui solai degli istituti.

In tal caso ai sensi dell’art. 1, comma 177-178-179 de “La Buona Scuola” Indagini Strutturali srl nel 2016 ha esaminato, con indagini diagnostiche finanziate dal MIUR, un gran numero di istituti scolastici del territorio italiano. Da anni è sul campo per verificare lo stato di salute del solaio e prevenire situazioni di pericolo ad esso connesse.

I comma 177-178-179 della suddetta norma esprimono le modalità e le tempistiche per l’erogazione del finanziamento; invece un dettagliato capitolato tecnico fissa quelle che sono le condizioni per verificare lo stato dei solai, dei controsoffitti e degli elementi ancorati ad essi. Lo stesso capitolato elenca due tipologie di indagini: INDAGINI STRUTTURALI ed INDAGINI NON STRUTTURALI.

Per indagini strutturali si intendono quegli interventi volti a verificare le reali condizioni statiche dei solai. Per questo motivo si dovranno eseguire su diversi piani dell’edificio una serie di analisi sperimentali (rilievo geometria strutturale, rilievo geometria globale, quadro fessurativo, prove di carico, indagini sui materiali).

Per indagini non strutturali, invece, si intendono quelle indagini visive finalizzate al controllo dello stato di manutenzione degli elementi che compongono il solaio.

Le principali attività concernenti le indagini non strutturali sono: un’accurata ispezione visiva, rilievo fotografico, indagine mediante battitura manuale volte ad individuare fenomeni di “sfondellamento” (e distacchi) e saggi esplorativi al fine di determinare le caratteristiche geometriche dei blocchi e consentire di precisarne le principali dimensioni geometriche.

In merito a ciò Indagini Strutturali srl ha sperimentato una procedura che evidenzia anomalie che possono produrre dissesti a carattere locale. Ci si riferisce al cedimento dei blocchi di laterizio interposti tra i travetti, solitamente definito “sfondellamento” che è un inconveniente piuttosto diffuso; esso costituisce la rottura delle cartelle (o fondelli) di intradosso e conseguente caduta di porzioni significative di laterizio e intonaco.

Sollecitazioni non previste possono derivare da una cattiva manutenzione della costruzione; la presenza di stillicidi d’acqua e di umidità che innescano fenomeni di corrosione delle barre d’armatura.

Non è di certo corretto, infatti, nell’ambito di una costruzione esistente, far riferimento alla resistenza di progetto. Ammesso di riuscire a disporre di elaborati esemplificativi, la resistenza del materiale che interessa l’indagine è quella effettiva in opera e allo stato attuale (solitamente a diversi decenni dalla sua realizzazione) che può ovviamente differire sensibilmente da quella originariamente prevista.

Indagini Strutturali srl utilizza un protocollo di verifica che ha come obbiettivo proprio quello di riconoscerne l’effettiva presenza di un fenomeno di sfondellamento nell’ambito della costruzione in esame individuando infatti, grazie a dei fattori di criticità, una stima del “peso” che può avere nel causare un dissesto. Tale somma comporta l’attribuzione di un livello di rischio per ogni solaio indagato. Inoltre al fine di tradurre i risultati in forma grafica è stata stabilita una corrispondenza tra colori e livelli di rischio.

È noto che l’indagine in situ nasce con lo scopo iniziale di individuare la tipologia di solaio; questo è un obiettivo fulcro in quanto non tutti le tipologie di solaio sono soggette a fenomeni di sfondellamento. Ovviamente, per i solai realizzati in latero-cemento, si è alla ricerca quei fattori di criticità che rappresentano le cause principali per il verificarsi del fenomeno.

Un ottimo alleato nella valutazione di rischio sfondellamento è l’indagine mediante l’utilizzo di termocamera che rappresenta una tecnica diagnostica assolutamente non invasiva che, misurando la radiazione infrarossa emessa da un corpo, è in grado di determinarne la temperatura superficiale.

La mappatura della temperatura superficiale è fondamentale per riconoscere materiali di tipo diverso ovvero affetti da fenomeni di degrado diversificato.

Nella valutazione di rischio sfondellamento la termocamera viene principalmente utilizzata per riconoscere la tipologia di solaio e per adoperata anche per l’individuazione di zone contraddistinte da anomalie che sono oggetto di ulteriori indagini di battitura dell’intradosso del solaio.

Se opportunamente pianificate tali indagini, rimanendo a sostegno delle prove classiche maggiormente invasive, consentono di raggiungere un adeguato livello di conoscenza (LC1, LC2 ed LC3) e di contenere i costi senza inficiare la qualità né la rigorosità dei risultati.


Argomenti correlati

Sfondellamento

Prevenzione dello sfondellamento

Sfondellamento: la valutazione del rischio

Collegamenti all’argomento del sito

Sfondellamento

 

Via Guido de Ruggiero, 5 - 00142 Roma
Tel. 06.54602628 - Fax 06.54074980
info@indaginistrutturali.it
www.indaginistrutturali.it


Seguici anche su:

 

Per maggiori informazioni:

Roma
Ing. Vincenzo Giannetto
Cell: +39 335 6270044
E-mail: enzogiannetto@indaginistrutturali.it

Milano e Nord Ovest
Ing. Marko Caretti Belletti
Cell: +39 333 9316522
E-mail: markobelletti@indaginistrutturali.it

Triveneto
Arch. Marco Boscolo Bielo
Cell: +39 331 3272246
E-mail: marcoboscolobielo@indaginistrutturali.it

 

Dalla redazione

  • Urbanistica

Gli interventi eseguiti in base a permesso di costruire annullato

La fattispecie disciplinata dall’art. 38 del T.U. edilizia; la sanatoria con il pagamento di una sanzione pecuniaria; orientamenti della giurisprudenza amministrativa; i possibili profili di responsabilità della pubblica amministrazione
A cura di:
  • Andrea Di Leo
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

L'Autorizzazione Unica Ambientale

Ambito soggettivo di applicazione; A.U.A. obbligatoria; provvedimenti esclusi; A.U.A. facoltativa; modifiche agli impianti; linee generali
A cura di:
  • Lorenzo De Gregoriis
  • Urbanistica

Definizione e titolarità delle strade pubbliche

Le diverse tipologie di strade; vie private agrarie; strade vicinali pubbliche; distinzione tra strade pubbliche e private; criterio dell’appartenenza; criterio funzionale; ricognizione; titolarità
A cura di:
  • Marco Morelli
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

La Valutazione di Incidenza Ambientale

La Rete Natura 2000; caratteristiche della V.INC.A.; fattispecie paradigmatiche
A cura di:
  • Lorenzo De Gregoriis
  • Urbanistica

La VAS e le procedure di pianificazione urbanistica

Relazione tra Governo del territorio e tutela dell'ambiente; oggetto della VAS; VAS obbligatoria e VAS facoltativa; piani paesaggistici, varianti al piano regolatore generale, strumenti attuativi; portata della decisione finale della VAS
A cura di:
  • Andrea Di Leo

Regola&Arte - Eventi 2019

Dalle Aziende

  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili
  • Materiali e prodotti da costruzione
  • Norme tecniche

Premio POROTON® 2019 – Consorzio POROTON® Italia

Aperte le iscrizioni al Premio POROTON® 2019. Si rivolge a progettisti e studi tecnici il Concorso indetto dal Consorzio POROTON® Italia.
  • Informatica

Come redigere un APE corretto in presenza di pompe di calore?

Pompa di calore: COP, EER, inverter, pozzo caldo, pozzo freddo. Ecco una breve guida reperire tali dati ai fini di un APE.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

CDSwin – Piattaforma di interoperabilità BIM

L’approccio progettuale e metodologico che caratterizza il Building Information Modeling (BIM) presenta indiscutibili ed immediati vantaggi.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Costruzioni

Prove dinamiche

Indagini dinamiche: OMA Analisi Modale Operativa.
  • Informatica

BIM e certificazione energetica: il BEM rivoluzionerà il lavoro dei tecnici

Calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici e certificazione, da ACCA il primo software per la certificazione energetica dotato di tecnologia per creare il modello BIM energetico dell’edificio (BEM - Building Energy Model).
  • Informatica

Concrete partecipa al Forum Legno Edilizia 2019

Anche quest’anno parteciperemo al Forum Legno Edilizia Italia 2019, 8° Forum dell’edilizia in legno che si svolgerà mercoledì 6 febbraio al Centro Congressi Hotel Parchi del Garda di Lazise VR).
  • Informatica

Blumatica partecipa a Klimahouse 2019 con importanti novità software!

Fiera Bolzano 23 - 26 Gennaio 2019 - Settore CD Stand C21/08

MADE expo 13|16 marzo 2019, Fiera Milano Rho: Il vero peccato è non esserci

4 SALONI. L’unica manifestazione che è in grado di raccogliere in un unico luogo tutta la filiera dell’edilizia e delle costruzioni. L’opportunità di trovare tutte le specializzazioni e nello stesso tempo di vederle dialogare.