FAST FIND: NW4108

Qualificazione esecutori lavori pubblici, SOA, avvalimento: le proposte ANAC per il decreto MIT

A cura di:
Redazione Legislazione Tecnica

BR 26-27 prodotti non contenitori

Sintetiche informazioni e testo della bozza di decreto attuativo dell’art. 83, comma 2 e dell’art. 84, commi 2, 8 e 12, del D. Leg.vo 50/2016, come modificati dal D. Leg.vo 56/2016 (c.d. “correttivo”), concernente il sistema unico di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici ed i casi e le modalità di avvalimento.

PREVISIONI DEL CODICE - Il combinato disposto dell’art. 83, comma 2, e dell’art. 84, commi 2 e 8, del D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50 - a seguito delle modifiche introdotte dal D. Leg.vo 19/04/2016, n. 56 (c.d. “correttivo”), dispone che con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti (da adottarsi su proposta dell’ANAC e previo parere delle competenti Commissioni parlamentari), venga adottata la seguente regolamentazione:
- disciplina del sistema di qualificazione degli esecutori di lavori, dei casi e delle modalità di avvalimento, dei requisiti e delle capacità che devono essere posseduti dal concorrente (anche con riferimento ai consorzi fra società cooperative di produzione e lavoro e ai consorzi stabili tra imprenditori individuali) e della documentazione richiesta ai fini della dimostrazione del loro possesso (di cui all’Allegato XVII del Codice);
- livelli standard di qualità dei controlli che le SOA devono effettuare, con particolare riferimento a quelli di natura non meramente documentale;
- casi e modalità di sospensione o annullamento delle attestazioni SOA, nonché di decadenza delle autorizzazioni degli organismi di attestazione;
- criteri per la determinazione dei corrispettivi dell’attività di qualificazione svolta dalle SOA, in rapporto all’importo complessivo ed al numero delle categorie generali o specializzate cui si richiede di essere qualificati, avendo riguardo anche alla necessaria riduzione degli stessi in caso di consorzi stabili nonché per le microimprese e le piccole e medie imprese;
- criteri per l’imputazione delle prestazioni eseguite al consorzio o ai singoli consorziati che eseguono le prestazioni (art. 47, comma 2, del D. Leg.vo 50/2016);
- criteri di valutazione da parte delle stazioni appaltanti degli attestati presentati in sede di gare per affidamento unitario a contraente generale, durante il periodo di coesistenza delle attestazioni di qualificazione rilasciate dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e quelle rilasciate secondo le modalità di cui all’art. 84 (art. 199, comma 4, del D. Leg.vo 50/2016).
Fino all’adozione del provvedimento continuano ad applicarsi, in quanto compatibili, le disposizioni di cui alla Parte II, Titolo III (artt. da 60 a 96), nonché gli allegati e le parti di allegati ivi richiamate, del D.P.R. 207/2010 (art. 216, comma 14, del D. Leg.vo 50/2016).

BOZZE DI PROPOSTE ANAC PER L’ADOZIONE DEL DECRETO - Per dare corso a questa articolata disciplina attuativa, l’ANAC ha elaborato diversi documenti posti in consultazione, che poi dovranno confluire in un'unica proposta al Ministero delle infrastrutture e trasporti per l’adozione del relativo decreto. I documenti, tutti consultabili in allegato al presente articolo, sono i seguenti:
- un documento concernente la parte relativa al sistema unico di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici di importo pari o superiore a 150.000 Euro (consultazione fino al 15/06/2017). La bozza (che a sua volta ha sostituito la precedente messa in consultazione ad aprile 2017 ma non aggiornata al "correttivo") contiene, oltre alla declaratoria delle categorie di opere generali e specializzate, anche i modelli di certificati di esecuzione lavori per committente pubblico, committente privato e lavori eseguiti all’estero;
- un documento concernente la parte relativa alle Società organismi di attestazione (SOA) (consultazione fino al 13/07/2017). Il documento disciplina tra l’altro i casi e le modalità di decadenza delle autorizzazioni degli organismi di attestazione, nonché i criteri per la determinazione dei corrispettivi dell’attività di qualificazione, in rapporto all’importo complessivo e al numero delle categorie generali o specializzate cui si chiede di essere qualificati, avendo riguardo anche alla necessaria riduzione degli stessi in caso di consorzi stabili e di micro, piccole e mede imprese. È questa la parte la cui entrata in vigore comporterà l’abrogazione delle norme temporaneamente vigenti, sopra richiamate, del D.P.R. 207/2010. Questa parte è stata successivamente modificata con integrazioni agli artt. 1, 15 e 17 della bozza (consultazione fino al 03/08/2017), dovute alla procedura di infrazione 2013/4212, con la quale la Commissione UE ha affermato che la norma italiana che impone alle SOA di avere una sede in Italia comporta una restrizione alla libera circolazione dei servizi che non è giustificata da motivi di ordine pubblico. Poiché viceversa l’ANAC ritiene che questi aspetti siano sottratti all’applicazione della direttiva sui servizi, ha formulato integrazioni volte ad attribuire maggiore risalto a quegli aspetti dell’attività di attestazione che maggiormente la qualificano, contribuendo a differenziarla da altre attività simili (es. attività di certificazione);
- un documento concernente la parte relativa alle Società organismi di attestazione (SOA) (consultazione fino al 13/07/2017). Il documento disciplina i casi e le modalità di avvalimento di cui all’art. 89 del D. Leg.vo 50/2016, evidenziando che sul punto il D. Leg.vo 56/2017 ha eliminato dal citato art. 89 l’inciso che consentiva l’avvalimento anche per la dimostrazione dei requisiti di qualificazione di cui all’art. 84. Conseguentemente, il documento in oggetto non prevede la possibilità di conseguire l’attestazione di qualificazione mediante ricorso al prestito dei requisiti di idoneità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa.

  • Codice dei contratti pubblici.
  • Regolamento recante istituzione del sistema di qualificazione per gli esecutori di lavori pubblici, ai sensi dell’articolo 8 della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni.
  • Misure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015.
  • Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE».
  • Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50.
Condividi

Commenta

Per commentare è necessario eseguire il log in .
Se non sei ancora registrato, clicca qui

BR 30 - prodotti correlati

In questo elemento si parla di

Risorse