FAST FIND : AR1376

Ultimo aggiornamento
31/08/2017

Procedure per la costruzione e l’ammodernamento di impianti sportivi

In questo articolo è illustrata la procedura delineata dall’art. 1, commi 304 e 305, della L. 147/2013 per la realizzazione e l’ammodernamento degli impianti sportivi, dopo le ulteriori semplificazioni introdotte dall’art. 62 del D.L. 50/2017 (convertito in legge dalla L. 96/2017).
A cura di:
  • Alfonso Mancini

L’art. 1 della L. 27/12/2013, n. 147, disciplina ai commi 304 e 305, una procedura per la realizzazione e l’ammodernamento degli impianti sportivi, nonché per assicurare l’equilibrio economico e finanziario degli interventi anche sulla scorta di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di finanza di progetto (c.d. “legge stadi”).
Sull’argomento è in seguito intervenuto anche l’art. 62 del D.L. 24/04/2017, n. 50 (convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), che ha dettato ulteriori norme di semplificazione ed accelerazione dei procedimenti.
Le finalità perseguite dalle norme in esame sono essenzialmente quelle di favorire l’ammodernamento o la costruzione di impianti sportivi, con particolare riguardo alla sicurezza degli impianti e degli spettatori, attraverso:
-la semplificazione delle procedure amministrative;
- la previsione di modalità innovative di finanziamento;
- il più efficace utilizzo, per gli impianti omologati per un numero di posti pari o superiore a 500 al coperto o a 2.000 allo scoperto, delle risorse del “Fondo di garanzia per i mutui relativi alla costruzione, all’ampliamento, all’attrezzatura, al miglioramento o all’acquisto di impianti sportivi” istituito dall’art. 90, comma 12, della L. 289/2002 e rifinanziato dal comma 303 dell’art. 1 della citata L. 147/2013.
Di seguito si illustrano le varie fasi in cui è articolata la procedura, a seguito delle modifiche introdotte dall’art. 62 del D.L. 50/2017, con la precisazione che, in relazione alla tipologia e alla dimensione dell’impianto, resta salvo l’eventuale regime di maggiore semplificazione previsto dalla normativa vigente (art. 1, comma 304, lettera e), della L. 147/2013).

 


Per leggere il contributo completo scarica la versione in PDF (riservato agli Abbonati).
3722042 4063377
[Premessa]

L’art. 1 della L. 27/12/2013, n. 147, disciplina ai commi 304 e 305, una procedura per la realizzazione e l’ammodernamento degli impianti sportivi, nonché per assicurare l’equilibrio economico e finanziario degli interventi anche sulla scorta di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di finanza di progetto (c.d. “legge stadi”).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3722042 4063378
Studio di fattibilità E POSSIBILI CONTENUTI DEI PROGETTI

La procedura inizia con la presentazione al comune di uno studio di fattibilità N1, corredato da un piano economico-finanziario e dall’accordo con una o più associazioni o società sportive utilizzatrici dell’impianto in via prevalente.

Relativamente ai contenuti dello studio di fattibilità, a seguito delle innovazioni introdotte dall’art. 62 del D.L. 50/2017, viene previsto che esso è predisposto ai sensi dell’art. 23, commi 5, 5-bis e 6, del D. Leg.vo 50/2016 e può comprendere, ai fini del raggiungimento del complessivo equilibrio economico-finanziario dell’iniziativa o della valorizzazione del territorio in termini sociali, occupazionali ed economici:

- la costruzione di immobili con destinazioni d’uso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3722042 4063379
Conferenza di servizi preliminare

Alla presentazione dello studio di fattibilità segue la convocazione di una conferenza di servizi preliminare N2 sullo studi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3722042 4063380
progetto definitivo E CONFERENZA DI SERVIZI DECISORIA

Nel caso di esito positivo della fase preliminare, viene prevista la presentazione del progetto definitivo al comune da parte del soggetto proponente.

Ai sensi dell’art. 62, comma 2, del D.L. 50/2017, il progetto definitivo di cui alla lettera b) del comma 304 dell’art. 1 della L. 147/2013:

- tiene conto delle condizioni indicate in sede di conferenza di servizi preliminare, potendo discostarsene solo motivatamente;

- è redatto nel rispetto delle norme di attuazione del D. Leg.vo 50/2016;

- comprende, ove necessario, la documentazione prevista per i progetti sottoposti a valutazione di impatto ambientale.

Il progetto è altresì corredato:

- nel caso di interventi su impianti spor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3722042 4063381
interventi sostitutivi per il rispetto dei termini

In caso di superamento dei predetti termini relativi alle conferenze di servizi (preliminare o decisoria), la normativa prevede interventi sostitutivi diversamente configurati a seconda della dimensione dell’impianto:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3722042 4063382
EVENTUALE GARA AD EVIDENZA PUBBLICA

Nel caso di interventi da realizzare su aree di proprietà pubblica o su impianti pubblici esistenti, è previsto lo svolgimento di una procedura ad evidenza pubblica sul progetto definitivo approvato, che deve essere conclusa entro 90 giorni dalla sua approvazione.

Alla gara è invitato anche

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3722042 4063383
CONTENZIOSO PER IMPIANTI PUBBLICI DI GRANDE CAPIENZA

Ai sensi dell’art. 62, comma 5, del D.L. 50/2017, si applic

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3722042 4063384
[NOTE]

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini

I rimedi alternativi per la risoluzione delle controversie e i poteri di intervento dell’ANAC nel D. Leg.vo 50/2016

Questo articolo - aggiornato alle modifiche introdotte ai poteri di intervento dell’ANAC dall’art. 52-ter del D.L. 50/2017, che hanno in pratica sostituito quelle dell’abrogato art. 211, comma 2, del D. Leg.vo 50/2016 - illustra in maniera operativa e sintetica gli istituti dell’accordo bonario, della transazione, dell’arbitrato e del parere di precontenzioso dell’ANAC, evidenziando sia le differenze con il precedente D. Leg.vo 163/2006 che le novità introdotte dal D. Leg.vo 56/2017, c.d. “correttivo”.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei

Procedure per la costruzione e l’ammodernamento di impianti sportivi

In questo articolo è illustrata la procedura delineata dall’art. 1, commi 304 e 305, della L. 147/2013 per la realizzazione e l’ammodernamento degli impianti sportivi, dopo le ulteriori semplificazioni introdotte dall’art. 62 del D.L. 50/2017 (convertito in legge dalla L. 96/2017).
A cura di:
  • Alfonso Mancini

La realizzazione delle opere di urbanizzazione nel D. Leg.vo 50/2016

Questo articolo riepiloga le procedure per la realizzazione delle opere di urbanizzazione a scomputo della quota del contributo di costruzione afferente agli oneri di urbanizzazione, nonché realizzate nell’ambito di convenzioni di lottizzazione o urbanistiche. Sono messe in luce le procedure previste dal Codice dei contratti pubblici di cui al D. Leg.vo 50/2016 in confronto con il “vecchio” D. Leg.vo 163/2006, con interpretazioni delle disposizioni dubbie e chiarimenti sulla determinazione del valore delle opere al fine di verificare il superamento della soglia comunitaria. Sono anche fornite chiare indicazioni sull’applicazione dell’art. 20 del D. Leg.vo 50/2016 concernente la realizzazione di opere a cura e spese del privato, anche alla luce del Parere di precontenzioso ANAC 763/2016. Il contributo è aggiornato al D. Leg.vo 19/04/2017, n. 56 (c.d. “correttivo”).
A cura di:
  • Dino de Paolis

Tutti i termini prorogati dal Decreto-Legge “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017)

Rassegna completa di tutti i termini in scadenza di interesse di professionisti tecnici, enti e pubbliche amministrazioni, imprese, prorogati dal consueto decreto-legge “Milleproroghe” (D.L. 244/2016 convertito in legge dalla L. 19/2017). Prevenzione incendi; Protezione civile, calamità e terremoti; Appalti, opere e infrastrutture; Pubblica amministrazione; Ambiente, fonti rinnovabili e sicurezza sul lavoro; Varie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica