FAST FIND: NN15747

Delib. ANAC 21/12/2016, n. 1386

Casellario Informatico e Banca Dati Nazionale dei Contratti Pubblici Contenuto del nuovo Casellario informatico e Modelli di comunicazione.

Note redazionali:

Al fine di adeguare il casellario informatico alle novità introdotte dal nuovo Codice dei contratti pubblici (D. Leg.vo 50/2016), con la presente Delibera l’ANAC ha definito i modelli con i quali gli operatori economici che abbiano conseguito l'attestazione di qualificazione e le Società organismo di attestazione (SOA) debbono effettuare le comunicazioni obbligatorie ai sensi delle norme ancora vigenti contenute nel D.P.R. 207/2010 (artt. da 60 a 96), ed inerenti cause ostative alla partecipazione a proceure pubbliche, sopravvenuta perdita dei requisiti e trasferimenti aziendali.
Si segnala che con l’ulteriore Comunicato del Presidente ANAC del 21/12/2016 R, pubblicato sulla G.U. 01/02/2017, n. 26, sono stati inoltre approvati i nuovi modelli che Stazioni appaltanti e SOA dovranno utilizzare per segnalare fattispecie che possono comportare cause d’esclusione dalle gare nonché applicazione di sanzioni da parte dell'ANAC, e che sostituiscono i precedenti allegati al Comunicato 18/12/2013.

BR14 - fonte prodotti correlati

Il “Testo ufficiale in PDF” viene reso disponibile nella forma originaria, così come pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, nel Bollettino Ufficiale, sul sito Internet dell'Ente emittente o su altra documentazione ufficiale.

Fonte

  • Fonti richiamate da Delib. ANAC 21/12/2016, n. 1386

  • Codice dei contratti pubblici.
  • Modelli di segnalazione all'Autorità per le comunicazioni ai fini dell'inserimento di notizie nel casellario informatico riferite a operatori economici nei cui confronti sussistono cause di esclusione ex art. 38 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, ovvero per l'...
  • Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE».

Risorse