FAST FIND : CM779

Da Knauf il sistema completo per la protezione passiva antincendio

Knauf, leader nell’edilizia a secco, potenzia la Divisione Antincendio con un sistema completo per la protezione passiva costituito da lastre, intonaci, accessori e attraversamenti, per un approccio globale e certificato.
KNAUF

Knauf Italia potenzia la sua leadership nelle soluzioni e nei sistemi innovativi per l’edilizia moderna allargando la sua focalizzazione al mercato delle soluzioni antincendio su cui si presenta da protagonista con iniziative di forte rilievo tra cui:

  • Il potenziamento della nuova Divisione Antincendio, rafforzando la sua presenza sul mercato delle soluzioni dedicate a questo segmento;
  • Il completamento dell'offerta con un sistema completo per la protezione passiva costituito da una gamma integrata di lastre, intonaci, attraversamenti e accessori testati e certificati;
  • L’informazione al canale, con la release 2016 aggiornata e ampliata della brochure tecnico/informativa sulle soluzioni antincendio e un programma di corsi di formazione dedicato al canale;

Secondo la visione di Knauf, la protezione passiva dal fuoco richiede soluzioni più complete, sicure e certificate secondo i parametri europei. L’efficacia del singolo componente infatti non è sufficiente a garantire la sicurezza contro il fuoco, che può arrivare solo dalla continuità della protezione di tutto l’intero sistema costruttivo. Coerentemente, Knauf investe per innovare e sviluppare continuamente nuove tecnologie che sfruttano le naturali proprietà isolanti di materiali come gesso, vermiculite e perlite, e integrarle tra loro in soluzioni che assicurano il raggiungimento delle più alte prestazioni di resistenza al fuoco. Da questa visione integrata e dalla costante innovazione tecnologica nascono i nuovi sistemi completi della Divisione Antincendio Knauf, con cui costruire pareti, rivestimenti, controsoffitti e cavedi resistenti al fuoco, e con cui proteggere anche strutture in acciaio, condotte di ventilazione e impianti tecnologici.

Alla base delle nuove soluzioni della Divisione Knauf Antincendio c’è la qualità delle lastre in gesso rivestito: il gesso possiede infatti eccellenti caratteristiche di resistenza al fuoco, amplificate dall’aggiunta di fibre di vetro, vermiculite e perlite. Questi materiali - completamente naturali - consentono di raggiungere livelli di efficienza ancora maggiori e, fatto importante per gli applicatori, combinano al meglio efficacia e semplicità di posa in opera, a tutto vantaggio della produttività in ogni situazione. Peraltro, ogni singolo componente del Sistema Knauf Antincendio è severamente testato e accompagnato dalle certificazioni europee previste dalle normative in tema di sicurezza antincendio, assicurando la massima tranquillità alle imprese che scelgono Knauf per le proprie costruzioni.

La creazione di un’offerta strutturata secondo la filosofia del «sistema completo per la protezione passiva» con soluzioni integrate e tecnologicamente al top e l’incessante attività di comunicazione e diffusione della cultura testimoniano l’importanza che Knauf attribuisce a questo settore.

L’investimento di Knauf nell’antincendio per un approccio globale e certificato prevede anche l’aspetto della diffusione della cultura tecnica. Per questo Knauf ha predisposto una serie di pubblicazioni dedicate e corsi tecnico/specialistici il cui programma fa parte della Knauf Academy con un calendario di corsi e seminari pubblicato su www.knauf.it, area formazione.
 


 

   

Knauf
Via Livornese 20
Castellina Marittima
56040 Pisa
Tel. 050 692201 | Fax 050 692301
knauf@knauf.it
 

 

 

 

Dalla redazione

Costruzione in aderenza come addizione di manufatto precedente (Cass. 23968/2017)

La Corte di Cassazione, evidenziando la differenza tra le disposizioni di cui agli artt. 873 e 877 del Codice civile, chiarisce che non vi sono ragioni per negare la possibilità di costruire un manufatto in aderenza ad un fabbricato realizzato dal vicino sul confine per il solo fatto che tale manufatto costituisca addizione di un fabbricato preesistente.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Abuso di ufficio anche in assenza di un accordo collusivo ed in presenza di una finalità pubblicistica (Cass. Pen 43160/2017)

La sentenza della Corte di Cassazione ribadisce importanti principi relativi alla prova della sussistenza del dolo intenzionale che qualifica il reato di abuso d’ufficio. In particolare, ai fini dell’accertamento dell’intenzionalità del vantaggio patrimoniale, non è necessaria la presenza di un accordo collusivo con il beneficiario della condotta, né può rilevare la compresenza di una finalità pubblicistica al fine di escludere il dolo intenzionale.
A cura di:
  • Emanuela Greco

Patentino ascensoristi: ripristino Commissione prefettizia per gli esami di abilitazione (DDL europea 2017)

Il disegno di legge europea per il 2017 - approvato dal Senato il 10/10/2017 e tornato alla Camera per l’approvazione definitiva - prevede il ripristino della Commissione prefettizia incaricata di svolgere le prove teorico-pratiche di esame per acquisire l’abilitazione alle attività manutentive sugli impianti di ascensore.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Requisiti igienico-sanitari nelle costruzioni

Requisiti igienico-sanitari generali delle abitazioni (altezza dei locali, superficie minima, bagni, riscaldamento, temperatura di progetto, ventilazione ed esclusione di condizioni di umidità, aspirazione di fumi ed esalazioni); Requisiti igienico-sanitari in edifici condonati e nel caso di recupero di sottotetti; Deroghe per interventi di efficientamento termico; Titoli abilitativi e requisiti igienico-sanitari: autocertificazione o parere di conformità igienico-sanitaria.
A cura di:
  • Studio Groenlandia

Vigilanza del coordinatore per l’esecuzione, obblighi e responsabilità (Cass. Pen. 45862/2017)

In materia di sicurezza sul lavoro nei cantieri il coordinatore per l’esecuzione riveste un ruolo di “alta vigilanza” che riguarda la generale configurazione delle lavorazioni e non la puntuale e stringente vigilanza, momento per momento, demandata ad altre figure operative, ossia al datore di lavoro, al dirigente, al preposto. Tuttavia il suo controllo non può essere meramente formale, ma va svolto in concreto, secondo modalità che derivano dalla conformazione delle lavorazioni con le eventuali conseguenti responsabilità.
A cura di:
  • Anna Petricca

Prodotti e mercati

Nasce ASSOBIM: la casa comune per il Building Information Modeling

ASSOBIM è la nuova associazione che nasce allo scopo di dare rappresentatività all'intera filiera "tecnologica" del BIM. Tra gli obiettivi di base: favorire il dialogo tra tutti gli operatori che si avvalgono della metodologia BIM (committenti, progettisti, costruttori e manutentori, produttori e distributori di software e servizi, enti pubblici, produttori di materiali), contribuire alla diffusione culturale e disciplinare del Building Information Modeling, evidenziarne i valori innovativi, incidere sul percorso normativo, rafforzarne il ruolo all'interno dei processi decisionali istituzionali.

Come il BIM migliora la progettazione dei ponteggi

L’integrazione del progetto del ponteggio con progettazione architettonica, strutturale, di impianti,…

Nasce KING: il primo supporto per pavimenti sopraelevati con base autolivellante e garanzia di 5 anni

Appena nato, è già destinato a regnare sul mercato dei supporti per pavimenti sopraelevati.

Ora il BIM è facile ed è per tutti

Ogni novità porta con se incertezze e timori e l’introduzione del BIM nel mondo delle costruzioni non si sottrae a questa regola.

Monitoraggio radar globale delle strutture nel consolidamento con resine espandenti

Dopo l’invenzione del consolidamento tramite iniezioni di resine espandenti con la tecnologia Deep Injections®, la più utilizzata al mondo con più di 100.000 interventi eseguiti di cui oltre 20.000 solo in Italia, Uretek ha compiuto un altro grande passo.

ACTASTIME: Alcuni quesiti frequenti (FAQ) sulla redazione delle perizie di stima degli immobili – Aggiornamento Settembre 2017

ACTASTIME: software per la redazione di perizie di stima del più probabile valore di mercato e di locazione di unità immobiliari con destinazione residenziale, uffici, commerciale, rurale e terreni.

Calcolo strutturale multidisciplinare ad elementi finiti

Corsi di istruzione tematici 2017/2018 FEM Straus7 per il calcolo strutturale multidisciplinare ad elementi finiti.