FAST FIND : NR26418

L.P. Trento 01/07/2011, n. 9

Disciplina delle attività di protezione civile in provincia di Trento.
Stralcio.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.P. 27/12/2011, n. 18
- L.P. 04/10/2012, n. 20
- L.P. 27/12/2012, n. 25
- L.P. 22/04/2014, n. 1
- L.P. 30/12/2014, n. 14
- L.P. 04/08/2015, n. 15
- L.P. 30/12/2015, n. 20
- L.P. 03/08/2018, n. 15
Scarica il pdf completo
313960 4918299
TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918300
Art. 1 - Oggetto

1. Nell’ambito delle competenze spettanti alla Provincia autonoma di Trento ai sensi dello Statuto speciale di autonomia e delle relative norme di attuazione, questa legge disciplina la protezione civile provinciale, individuandone i soggetti, le competenze e i relativi rapporti istituzionali, nonché gli strumenti con cui sono realizzate le finalità della legge. In particolare i titoli VIII e IX disciplinano il concorso dei servizi antincendi ai servizi della protezione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918301
Art. 2 - Definizioni

1. Ai fini di questa legge s’intendono:

a) per “pericolosità”: la probabilità che fattori ambientali, naturali o antropici, singolarmente considerati o per interazione con altri fattori, generino una calamità con un determinato tempo di ritorno in una determinata area;

b) per “rischio”: la conseguenza potenziale di un pericolo individuato sul territorio, in relazione al livello di antropizzazione e alle modalità d’uso del territorio medesimo;

c) per “calamità”: l’evento connesso a fenomeni naturali o all’attività dell’uomo, che comporta grave danno o pericolo di grave danno all’incolumità delle persone, all’integrit&agrav

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918302
TITOLO II - ORGANIZZAZIONE DELLA PROTEZIONE CIVILE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918303
Art. 3 - Protezione civile provinciale

1. L’organizzazione della protezione civile provinciale, di seguito denominata “protezione civile”, è l’insieme dei soggetti pubblici e privati e delle loro strutture operative che hanno, tra le loro finalità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918304
Art. 4 - Strutture operative della protezione civile

1. Costituiscono strutture operative della protezione civile:

a) il dipartimento competente in materia di protezione civile e le sue strutture organizzative che operano nello stesso ambito;

b) il corpo permanente dei vigili del fuoco della Provincia autonoma di Trento, di seguito denominato “corpo permanente provinciale”;

c) i corpi dei vigili del fuoco volontari, di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918305
Art. 5 - Attività e interventi di protezione civile

1. Le attività e gli interventi di protezione civile disciplinati da questa legge si distinguono in:

a) “attività e interventi d’interesse locale”: quelli riferiti a even

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918306
Art. 6 - Funzioni della Provincia

1. La Provincia svolge le funzioni e i compiti di protezione civile e dei servizi antincendi con riferimento alle opere, alle attività e agli interventi d’interesse provinciale relativi alla prevenzione dei rischi, alla protezione, alla gestione dell’emergenza, al ripristino definitivo dei servizi pubblici e alla ricostruzione dei beni pubblici e di pubblica utilità. La Provincia, nei casi previsti da questa legge, sostiene finanziariamente le attività e gli interventi svolti dai soggetti diversi dalla Provincia nell’ambito della protezione civile, dei servizi antincendi e della ricostruzione e riparazione dei beni, per la ripresa delle attività economiche e per il ritorno alle normali condizioni di vita a seguito del verificarsi di calamità.

2. Sono riservate alla Provincia le funzioni, i compiti e le attività di regolazione, di programmazione, di organizzazione, d’indirizzo e di coordinamento della protezione civile e dei servizi antincendi e, in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918307
Art. 7 - Funzioni del Presidente della Provincia

1. Il Presidente della Provincia promuove e coordina l’attuazione sull’intero territorio provinciale delle politiche della protezione civile e la conformazione alle linee strategiche determinate dalla Giunta provinciale, anche mediante iniziative intersettoriali o interistituzionali. Il Presidente della Provincia, con il supporto tecnico del commissario per l’emergenza, determina gl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918308
Art. 8 - Funzioni dei comuni e delle comunità

1. I comuni e le comunità previste dalla legge provinciale 16 giugno 2006, n. 3 (Norme in materia di governo dell’autonomia del Trentino), svolgono le attività e gli interventi d’interesse locale relativi alla realizzazione delle opere di prevenzione delle calamità secondo quanto previsto dall’articolo 13, nonché alla ricostruzione e alla riparazione dei beni pubblici, ai sensi degli articoli 67, 68 e 69.

2. I comuni provvedono, singolarmente o in forma associata mediante le comunità, alle attività di protezione disciplinate dal titolo V di interesse comunale o rispettivamente sovracomunale, e provvedono alla costituzione e alla gestione delle commissioni locali valanghe ai sensi dell’articolo 42, nonché allo svolgimento degli altri servizi di protezione civile, secondo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918309
Art. 9 - Attività consultiva

1. Il comitato tecnico amministrativo previsto dall’articolo 55 della legge provinciale 10 settembre 1993, n. 26 R (legge provinciale sui lavori pubblici), integrato, per lo svolgimento delle funzioni previste da quest’articolo, dal dirigente generale della protezione civile, dal capo del corpo forestale provinciale e dai dirigenti delle strutture organizzative della Provincia competenti per le attività e per gli interventi della protezione civile, individuate dalla Giunta provinciale, con riferimento alle tipologie di argomenti di volta in volta trattati, esprime parere in ordine:

a) ai criteri e alla modalità per la predisposizione del piano generale delle opere di prevenzione, nonché alla proposta del piano medesimo;

b) alle proposte dei piani di delocalizzazione;

c) alle proposte dei piani di ricostruzione dei beni pubblici e di ripristino definitivo dei servizi pubblici;

d) alla sussistenza dei presupposti dell’intervento sostitutivo della Provincia per la realizzazione delle opere di prevenzione delle calamità;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918310
TITOLO III - ATTIVITÀ DI PREVISIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918311
Art. 10 - Carte della pericolosità e carta generale dei rischi

1. La Provincia redige e aggiorna:

a) le carte della pericolosità, che riguardano i pericoli connessi a fenomeni idrogeologici, valanghivi, alluvionali, sismici, a incendi boschivi, a determinate sostanze pericolose, a cavi sospesi o ad altri ostacoli alla navigazione aerea e ad ordigni bellici inesplosi;

b) la carta generale dei rischi.

2. Le carte della pericolosità sono strumento di rilevazione dei pericoli localizzati sul territor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918312
Art. 11 - Attività di controllo e di monitoraggio a supporto della protezione civile

1. Per i fini di protezione civile, e in particolare per la redazione delle carte della pericolosità e per l’operatività del sistema di allerta di protezione civile, la Provincia svolge le seguenti attività, anche mediante la realizzazione e la gestione di reti di monitoraggio e di divulgazione dei dati territoriali e ambientali:

a) previsioni meteorologiche, compresi i settori della nivologia, glaciologia e climatologia, anche nell’ambito del programma per il potenziamento delle reti di monitoraggio meteoidropluviometrico mirato alla realizzazione di una copertura omogenea del territorio nazionale prevista nel

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918313
TITOLO IV - ATTIVITÀ DI PREVENZIONE DELLE CALAMITÀ
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918314
Capo I - Opere di prevenzione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918315
Art. 12 - Piano generale delle opere di prevenzione

1. La Provincia approva, anche per stralci riferiti ad aree territoriali o a tipologie di rischi da fronteggiare, il piano generale delle opere di prevenzione delle calamità, riferito all’intero territorio provinciale. Il piano è redatto dalla Provincia sulla base delle evidenze della carta generale dei rischi. Il piano ha valore a tempo indeterminato ed è aggiornato almeno ogni tre anni. Per l’approvazione e l’aggiornamento del piano sono sentiti preventivamente i comuni e le comunità competenti per territorio, rispetto all’ubicazione delle opere di prevenzione ivi previste. Il piano:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918316
Art. 13 - Soggetti competenti per la realizzazione delle opere di prevenzione

1. Le opere incluse nel piano generale delle opere di prevenzione preordinate alla difesa di beni pubblici e privati sono realizzate, in base alle leggi vigenti e secondo quanto previsto dal piano medesimo, dal proprietario, dal possessore o dal detentore del bene che ha dato origine al pericolo, fatto salvo quanto diversamente previsto da quest’articolo.

2. La Provincia e i comuni, singolarmente o associati mediante le comunità, possono realizzare, con onere a loro carico, le opere classificate dal piano generale delle opere di prevenzione come opere d’interesse provinciale e rispettivamente come opere d’interesse locale a carattere comunale o sovracomunale nonché provvedere alla loro manutenzione, previo accordo con i proprietari dei beni che hanno dato origine al pericolo. In mancanza dell’accordo la Provincia, i comuni o le comunità possono provvedere alla realizzazione delle opere, previa diffida ai suddetti soggetti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918317
Art. 14 - Progetti delle opere di prevenzione

1. I soggetti tenuti alla realizzazione delle opere di prevenzione di cui all’articolo 13 presentano alla Provincia i relativi progetti, corredati da un piano di manutenzione, per l’ottenimento dei pareri e degli atti autorizzativi comunque denominati. A tal fine la Provincia indice la conferenza di servizi; si applica in questo caso quanto previsto dagli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918318
Capo II - Delocalizzazione degli insediamenti ubicati in aree a rischio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918319
Art. 15 - Redazione e approvazione del piano di delocalizzazione

1. La Provincia e i comuni, singoli o associati mediante le comunità, il cui territorio è interessato da situazioni di rischio molto elevato possono stipulare accordi per la redazione di piani di delocalizzazione delle strutture abitative e delle infrastrutture pubbliche e private insistenti su porzioni del territorio provinciale perimetrate e caratterizzate dal predetto rischio, per le quali la rimozione o la riduzione del rischio mediante la realizzazione di opere o interventi di prevenzione risulta impossibile o finanziariamente, tecnicamente o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918320
Art. 16 - Realizzazione degli interventi di delocalizzazione

1. I piani di delocalizzazione possono essere attuati sulla base di convenzioni stipulate tra la Provincia e i comuni, singoli o associati mediante le comunità, il cui territorio è interessato dalle situazioni di rischio, nonché i proprietari dei beni da de localizzare inclusi nei piani. Le convenzioni disciplinano i rapporti giuridici e finanziari tra questi soggetti e, in particolare, assicurano ai proprietari dei beni immobili inclusi nei piani di delocalizzazione la proprietà dei siti necessari per la ricostruzione, nonché la concessione dei diritti edificatori, e definiscono i relativi oneri, i tempi e le modalità per la realizzazione degli interventi e per la conc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918321
Capo III - Prevenzione di specifiche tipologie di pericoli e di rischi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918322
Art. 17 - Prevenzione degli incendi

1. L’esercizio delle funzioni di prevenzione degli incendi spetta alla Provincia, fatta eccezione per le attività di formazione, di addestramento, d’informazione alla popolazione, di studio e di ricerca in materia di servizi antincendi, alle quali provvedono la Provincia nonché gli altri enti e i soggetti individuati dal titolo V, capo III. Ai fini di questa legge la prevenzione degli incendi comprende:

a) il rilascio del certificato di prevenzione incendi, dei provvedimenti autorizzativi, di benestare tecnico, di collaudo e di certificazione, comunque denominati, attestanti la conformità alla normativa sulla prevenzione degli incendi di attività e di costruzioni civili, industriali, artigianali e commerciali, di impianti, prodotti e attrezzature;

b) lo svolgimento dei servizi di vigilanza antincendi nei locali di pubblico spettacolo e intrattenimento e nelle strutture caratterizzate da notevole presenza di pubblico;

c) la vigilanza sull’applicazione delle disposizioni sulla prevenzione degli incendi;

d) l’attività di consulenza e di assistenza in materia di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918323
Art. 18 - Servizi di vigilanza antincendio

1. Ai servizi di vigilanza antincendio provvede il personale del corpo permanente provinciale e quello dei corpi volontari. N20

2. I soggetti responsabili dei locali di pubblico sp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918324
Art. 19 - Disposizioni per la prevenzione degli incidenti connessi a determinate sostanze pericolose, ai voli a bassa quota e alla sospensione di alcuni servizi pubblici

1. La Provincia adotta appositi regolamenti contenenti le disposizioni volte a definire le misure per la prevenzione e per la gestione dei seguenti pericoli e rischi:

a) pericoli di incidenti disciplinati dalla direttiva 96/82/CE del Consiglio, del 9 dicembre 1996, e dalla direttiva 2003/105/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2003, relative al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose;

b) pericoli di incidenti nei voli aerei a bassa quota connessi con la presenza di cavi sospesi e di altri ostacoli al volo.

2. I regolamenti previsti nel comma 1 possono imporre l’obbligo di adottare particolari misure gestionali e strutturali di difesa dai pericoli e dai rischi agli enti competenti e ai soggetti pubblici e privati proprietari, possessori o utilizzatori dei beni da cui hanno origine le situazioni di pericolo, oppure ai gestori

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918325
TITOLO V - ATTIVITÀ DI PROTEZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918326
Capo I - Strumenti di pianificazione della protezione civile provinciale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918327
Art. 20 - Piani di protezione civile

1. Gli strumenti della pianificazione di protezione civile sono:

a) il piano di protezione civile provinciale riferito al territorio provinciale;

b) i piani di protezione civile locali, che si distinguono in comunali e in sovra comunali riferiti rispettivamente al territorio di ciascun comune e a quello di ciascuna comunità.

2. I piani di protezione civile definiscono l’organizzazione dell’apparato di protezione civile e dei servizi antincendi, stabiliscono le linee di comando e di coordinamento nonché, con diverso grado di analiticità e di dettaglio in relazione all’interesse provinciale o locale delle calamità, degli scenari di rischio, delle attività e degli interventi consider

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918328
Art. 21 - Redazione e approvazione dei piani di protezione civile

1. La Giunta provinciale approva, anche per stralci, il piano di protezione civile provinciale, sentiti i comuni e le comunità territorialmente interessati riguardo agli aspetti relativi a specifici scenari di carattere locale. Alla redazione della proposta del piano di protezione civile provinciale provvede la Provincia; vi concorrono anche il presidente della federazione dei corpi volontari e, su sua indicazione, gli ispettori delle unioni competenti per specifici aspetti o aree territoriali. La proposta del piano di protezione civile provinciale è trasmessa al Commissario del Governo per la provincia di Trento, per il coordinamento con le amministrazioni e con le autorità dello Stato.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918329
Art. 22 - Piani di emergenza

1. Quando è già individuato sul territorio un rischio specifico o una tipologia di rischio particolarmente significativa per la sua estensione, complessità o gravità oppure per l’elevata probabilità di accadimento di un evento calamitoso o per l’entità dei danni che l’evento potrebbe produrre, l’ente competente secondo quanto previsto da quest’ar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918330
Capo II - Strumenti per l’allertamento, per il presidio immediato e per la logistica della protezione civile
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918331
Art. 23 - Centrale unica di emergenza

N18

1. La Giunta provinciale stabilisce un numero unico di emergenza per la ricezione delle richieste di soccorso urgente e degli allarmi riguardanti le emergenze in atto e le situazioni di pericolo imminente rientranti nelle materie di competenza della Provincia.

2. È istituita “la centrale unica di emergenza”N11, per l’espletamento del servizio continuato di ricezione degli allarmi e delle richieste di soccorso tecnico e sanitario urgenti al numero unico di emergenza, nonché per l’allertamento delle strutture operative della protezione civile competenti in relazione alla tipologia, alla localizzazione, all’estensione, all’intensità e alla complessità dell’evento. “Le competenze della centrale unica di emergenza sono svolte da una struttura provinciale di secondo livello, che costituisce un'articolazione del dipartimento competente in materia di protezione civile e di servizi antincendi, disciplinata da un atto organizzativo della G

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918332
Art. 24 - Servizio di reperibilità provinciale

1. A supporto dell’attività della centrale unica di emergenza, nella prima

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918333
Art. 25 - Strumenti, segni distintivi della protezione civile e riconoscimenti al merito

1. Per l’identificazione delle strutture operative, del personale e dei mezzi d’opera della protezione civile è adottato un apposito emblema, approvato dalla Giunta provinciale. E’ fatto salvo l’utilizzo dell’emblema dei servizi antincendi della provincia di Trento.

2. Il personale delle strutture operative della protezione civile è dotato di un’apposita tessera di riconoscimento. L’esibizione della tessera consente l’accesso, anche con mezzi, alle proprietà pubbliche e private, per lo svolgimento delle attività di protezione civile e dei servizi antincendi previste da questa legge, analogamente a quanto disposto per le corrispondenti figure previste dalla normativa statale, fermo restando il diritto ai risarcimenti e agli indennizzi dovuti ai sensi della normativa vigente. La Giunta provinciale definisce le caratteristiche e i modi per l’utilizzo dell’emblema e della tessera di riconoscimento.

3. Per svolgere le attività disciplinate da questa legge la Provincia organizza e implementa un sistema di raccolta, aggiornamento, gestione e comunicazione dei dati rilevanti per le attività della protezione civile. A tal fine è autorizzato il trattamento, fatta eccezione per la diffusione, previsto dall’articolo 4, comma 1, lettera a), del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918334
Capo III - Formazione, addestramento e informazione in materia di protezione civile
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918335
Art. 26 - Formazione e addestramento degli operatori di protezione civile

1. Per i vigili del fuoco e per gli operatori volontari della protezione civile e dei servizi antincendi è richiesta un’adeguata formazione teorico-pratica. La formazione si articola in un livello di base e in livelli specifici, necessari per lo svolgimento delle attività tecniche di carattere specialistico, dei compiti di coordinamento di più interventi nell’ambito della gestione dell’emergenza e di direzione dei soccorsi, nonché per "l'esercizio delle funzioni di polizia amministrativa"N21.

2. Fermo restando quanto previsto dalle norme

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918336
Art. 27 - Formazione del corpo permanente provinciale

1. La formazione del personale appartenente al corpo permanente provinciale è

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918337
Art. 28 - Enti e soggetti competenti per la formazione e per l’informazione

1. La Provincia provvede alla formazione e all’addestramento in materia di protezione civile:

a) del personale dipendente dall’amministrazione provinciale impiegato in attività di protezione civile;

b) del personale che svolge funzioni di prevenzione degli incendi e degli addetti alla sicurezza antincendi e al soccorso tecnico urgente negli ambienti di lavoro, nei luoghi di pubblico spettacolo e intrattenimento, nei luoghi a elevata frequenza di pubblico e presso le aviosuperfici;

c) degli aspiranti al conseguimento dei livelli specifici di formazione, previsti dall’articolo 26, necessari per lo svolgimento delle attività tecniche di carattere specialistico e dei compiti di coordinamento di più interventi nell’ambito della gestione dell’emergenza;

d) del personale che svolge le funzioni di polizia giudiziaria e amministrativa nell’ambito dei servizi antincendi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918338
Art. 29 - Scuola antincendi dei vigili del fuoco volontari

1. "La Giunta provinciale, sentita la federazione dei corpi volontari, individua la scuola provinciale antincendi prevista dall'articolo 8 della legge provinciale n. 26 del 1988 quale struttura formativa e di addestramento in materia di servizi antincendi dei vigili del fuoco volontari, per garantire una programmazione organica delle attività formative, un'omogeneizzazione delle offerte formative e una gestione centralizzata dei dati relativi ai corsi di formazione frequentati dai vigili del fuoco permanenti e volontari. In ogni caso la Giunta provinciale può incaricare"N21 della formazione e dell’addestramento in materia di servizi antincendi dei vigili del fuoco volontari, compresi gli allievi dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918339
Art. 30 - Formazione degli amministratori e dei dirigenti degli enti locali

1. La Provincia, anche avvalendosi della scuola antincendi dei vigili del fuoco volontari, organizza iniziative di formazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918340
Art. 31 - Iniziative di addestramento

1. La Provincia, i comuni o le comunità, in relazione a quanto previsto dai piani di protezione civile provinciale e locali, organizzano esercitazioni temporanee e periodiche degli operatori di protezione civile, in cui può essere coinvolta anche la popolazione. Le procedure previste nei piani di emergenza sono oggetto di apposite esercitazioni che coinvolgono anche le popolazioni interessate, per testare la validità e l’efficacia delle procedure di gestione dell’emergenza in essi previste.

2. L’organizzazione delle esercitazioni e degli addestramenti di protezione civile e dei servizi antincendi, nonché l’allestimento temporaneo delle aree di proprietà pubblica o privata necessarie sono comunicati alme

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918341
TITOLO VI - ATTIVITÀ DI GESTIONE DELL’EMERGENZA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918342
Capo I - Provvedimenti e strumenti organizzativi per la gestione dell’emergenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918343
Art. 32 - Commissario per l’emergenza e commissari incaricati

1. Quando si verifica o si è nell’imminenza di un’emergenza d’interesse provinciale il coordinamento degli interventi e delle attività occorre

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918344
Art. 33 - Sala operativa provinciale e centri operativi comunali e sovracomunali

1. Al verificarsi o nell’imminenza di un’emergenza di interesse provinciale o sovracomunale, il commissario per l’emergenza o il commissario incaricato previsto dall’articolo 32, comma 3, può convocare una sala operativa provinciale e rispettivamente, informati la comunità e i comuni interessati nonché gli ispettori distrettuali territorialmente competenti, un centro operativo sovracomu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918345
Art. 34 - Dichiarazione dello stato di emergenza e dello stato di eccezionale pericolo di incendi boschivi

1. Quando l’emergenza di interesse provinciale appare particolarmente grave per estensione o per intensità il Presidente della Provincia, su proposta del commissario per l’emergenza, adotta il decreto di dichiarazione dello stato di emergenza, delimitando la zona del territorio provinciale interessata. Con il provvedimento di dichiarazione dello stato di emergenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918346
Capo II - Organizzazione delle attività e degli interventi di gestione delle emergenze di protezione civile
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918347
Art. 35 - Soggetti competenti per la gestione delle emergenze d’interesse comunale

1. Il sindaco è l’autorità di protezione civile comunale.

2. Al verificarsi o nell’imminenza di un’emergenza d’interesse comunale, il comune competente per territorio dà immediata comunicazione della situazione alla centrale unica di emergenza e la mantiene informata circa l’evoluzione dell’evento e dei soccorsi, fino alla conclusione dell’emergenza. Il comune interviene per la gestione dell’emergenza secondo quanto previsto dal piano di protezione civile comunale, avvalendosi dei corpi volontari nonché delle altre risorse organizzative, umane e strumentali di cui dispone, e adotta le misure e i provvedime

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918348
Art. 36 - Soggetti competenti per la gestione delle emergenze d’interesse provinciale, delle emergenze di estensione sovracomunale e ulteriori competenze della Provincia

1. Al verificarsi o nell’imminenza di un’emergenza d’interesse provinciale, o quando l’emergenza ha un’estensione sovracomunale, la Provincia interviene per la gestione dell’emergenza stessa, secondo quanto previsto dal piano di protezione civile provinciale.

2. Il commissario per l’emergenza o il commissario incaricato, disciplinati dall’articolo 32, garantiscono il supporto al Presidente della Provincia per le valutazioni tecniche dell’evento, dei danni e degli interv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918349
Capo III - Disposizioni generali per la gestione dell’emergenza
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918350
Art. 37 - Disposizioni comuni per la gestione dell’emergenza

1. La Provincia concede ai comuni, anche a titolo di rimborso, contributi per le spese relative alla realizzazione dei lavori di somma urgenza previsti dall’articolo 53 della legge provinciale sui lavori pubblici per la gestione delle emergenze. La Giunta provinciale determina le tipologie dei lavori oggetto dei contributi, stabilisce, anche in misura differenziata in relazione alla capacità finanziaria dei comuni interessati, la spesa minima ammissibile e le misure dei contributi, anche fino al 100 per cento della spesa ammissibile; inoltre definisce i criteri e le modalità per la concessione dei contributi e per la loro erogazione, anche a titolo di anticipazione sui lavori da eseguire, fino al 90 per cento della spesa ammessa.

1 bis. La Provincia può concedere ai comuni contributi, anche a titolo di rimborso, sulle spese necessarie a garantire il ricovero, in via immediata e provvisoria, delle famiglie rimaste senza tetto a causa di un evento calamitoso. La Giunta provinciale, previo parere della competente commissione permanente del Consiglio provinciale, stabilisce i casi di ammissibilità degli interventi, la misura del contributo, entro il limite massimo del 95 per cento della spesa ammissibile, e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918351
Art. 38 - Disposizioni per l’esecuzione dei lavori e delle relative forniture occorrenti per la gestione dell’emergenza

1. Quando è dichiarato lo stato di emergenza o lo stato di eccezionale pericolo di incendi boschivi da parte del Presidente della Provincia, al fine di consentire l’immediata erogazione delle somme necessarie per far fronte alle spese relative agli interventi di competenza della Provincia, possono essere autorizzate sul bilancio provinciale aperture di credito presso la tesoreria a favore di funzionari delegati, individuati ai sensi dell’articolo 62 della legge provinciale di contabilità.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918352
Art. 39 - Disposizioni per l’acquisizione immediata della disponibilità di beni

1. In applicazione dell’articolo 7 della legge 20 marzo 1865, n. 2248, allegato E (Legge sul contenzioso amministrativo), quando è dichiarato lo stato di emergenza o lo stato di eccezionale pericolo di incendi boschivi e non è possibile reperire con la necessaria tempestività la disponibilità delle scorte, delle attrezzature e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918353
Art. 40 - Gestione dello stoccaggio dei materiali derivanti da crolli e da altri eventi

1. La Giunta provinciale, su proposta del dirigente generale della protezione civile, acquisito il parere dell’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente e dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari, nonché del servizio provinciale competente in materia di urbanistica e di tutela del paesaggio, approva un programma per la gestione dello stoccaggio dei materiali derivanti da crolli e da ulteriori eventi calamitosi, da demolizioni e da altre operazioni svolte dai vigili del fuoco per lo spegnimento degli incendi, per i soccorsi tecnici urgenti e per le relative esercitazioni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918354
Capo IV - Gestione dei rischi connessi a particolari eventi naturali e antropici
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918355
Art. 41 - Disposizioni per l’attuazione nel territorio provinciale della direttiva 2007/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2007, relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni, e altre misure per la gestione degli eventi alluvionali

1. Per dare attuazione nel territorio provinciale alla direttiva 2007/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2007, relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni, la Giunta provinciale definisce l’organizzazione di un sistema integrato di misure per la valutazione, il controllo e il contenimento dei rischi di alluvioni e di procedure operative per fronteggiare le emergenze alluvionali. Il sistema integrato tiene conto degli apporti conoscitivi derivanti dalla pianificazione territoriale e urbanistica, dal piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche (PGUAP) previsto dall’articolo 14 dello Statuto speciale, dalla pianificazione di protezi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918356
Art. 42 - Misure per la gestione del rischio di valanghe

1. Per prevenire gli incidenti da valanga e tutelare la salute e la sicurezza in montagna su terreni innevati, anche in relazione a quanto disposto dall’articolo 7 della legge provinciale 21 aprile 1987, n. 7 R (legge provinciale sugli impianti a fune), la Provincia attua iniziative nel campo dell’informazione, dell’educazione e della formazione, rivolte alla conoscenza delle condizioni meteorologiche e nivologiche, dei fenomeni valanghivi, delle norme di sicurezza, di pronto intervento, soccorso e recupero nonché dei relativi comportamenti responsabili, compresa la dotazione da parte degli sciatori e delle persone che frequentano terreni innevati di idonei strumenti, anche elettronici, per agevolare gli interventi di soccorso. La Provincia promuove e sostiene la formazione e l’aggiornamento del personale tecnico e dei volontari della protezione civile, la sperimentazione e l’introduzione di tecniche e strumenti per la ricerc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918357
Art. 43 - Misure per la gestione del rischio di incendi boschivi e di esplosioni

1. I corpi volontari e il corpo forestale provinciale provvedono in forma coordinata agli interventi di lotta attiva contro gli incendi boschivi, consistenti nelle attività di ricognizione, di sorveglianza, di avvistamento, di presidio, di allarme e di spegnimento degli incendi boschivi, nonché negli altri interventi tecnici connessi. Spettano in partico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918358
Art. 44 - Misure per la gestione del rischio in montagna, nelle zone impervie e ipogee

1. In relazione alle caratteristiche del proprio territorio la Provincia assicura l’incolumità e la sicurezza delle persone in ambiente montano, nelle zone impervie e ipogee, individuate dalla Giunta provinciale nell’ambito del piano provinciale di protezione civile. La Provincia promuove iniziative di prevenzione e di soccorso di carattere specialistico d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918359
Capo V - Coordinamento con lo Stato, con le regioni e con altri soggetti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918360
Art. 45 - Intervento dello Stato per la gestione dell’emergenza

1. Il Presidente della Provincia, al verificarsi delle situazioni di danno o di pericolo previste dall’articolo 33 del decreto del Presi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918361
Capo VI - Concorso della protezione civile provinciale alla gestione delle emergenze fuori dal territorio provinciale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918362
Art. 46 - Iniziative e interventi di protezione civile fuori dal territorio provinciale

1. La Provincia può effettuare interventi e svolgere attività di protezione civile fuori dal territorio provinciale quando in ambito extraprovinciale si verificano rischi o emergenze che producono o potrebbero produrre, anche indirettamente, effetti dannosi sul territorio provinciale; gli interventi e le attività sono svolti sulla base di accordi con gli enti o con le amministrazioni pubbliche direttamente interessati.

2. La Provincia, a fini di collaborazione, può sostenere spese o effettuare interventi per fronteggiare emergenze determinate da calamità e da eccezionali situazioni di bisogno che si verificano in ambito extraprovinciale, su richiesta dello Stato, delle regioni o degli enti locali, anche nella fase relativa alla realizzazione delle opere urgenti di ricostruzione e di ripristino dei servizi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918363
Art. 47 - Colonne mobili provinciali

1. Per l’effettuazione degli interventi della Provincia fuori dal territorio provinciale nella fase di prima emergenza, anche in attesa dell’autorizzazione della Giunta provinciale, l’amministrazione prov

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918364
TITOLO VII - CONCORSO DEL VOLONTARIATO ALLE ATTIVITÀ DELLA PROTEZIONE CIVILE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918365
Capo I - Forme di partecipazione del volontariato
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918366
Art. 48 - Organizzazione del volontariato

1. La Provincia promuove e valorizza, con apposite iniziative, la partecipazione delle istituzioni, degli organismi e delle organizzazioni a partecipazione volontaria, di seguito denominati “organizzazioni di volontariato”, alle attività della protezione civile, ne cura l’organizzazione a livello provinciale e il coordinamento per lo svolgimento dei compiti e degli interventi d’interesse p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918367
Art. 49 - Elenco provinciale del volontariato di protezione civile

1. La Provincia forma un elenco delle organizzazioni di volontariato che possono collaborare con la Provincia per lo svolgimento di compiti di protezione civile e di attività connesse e tiene periodicamente aggiornati i dati relativi alle organizzazioni iscritte nell’elenco, al numero dei volontari dis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918368
Art. 50 - Convenzioni tra la Provincia e il volontariato di protezione civile

1. Per assicurare con carattere di continuità lo svolgimento di compiti di protezione civile e di attività connesse la Provincia può stipulare convenzioni con le organizzazioni di volontariato iscritte nell’elenco provinciale del volontariato di protezione civile, che disciplinano i rapporti funzionali, organizzativi e finanziari. Le convenzioni prevedono che le organizzazioni di volontariato convenzionate con la Provincia intervengono anche per la gestion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918369
Art. 51 - Altri soggetti ammessi a partecipare volontariamente alla gestione delle emergenze

1. La Provincia può stipulare convenzioni con gli organismi rappresentativi dei prestatori d’opera intellettuale di cui all’articolo 2229 del codice civile per garantire la pronta disponibilit&a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918370
Art. 52 - Consulta provinciale del volontariato di protezione civile

1. Le organizzazioni di volontariato e gli organismi dei servizi antincendi volontari concorrono alla formazione e all’attuazione delle politiche provinciali di promozione e di sviluppo del volontariato di protezione civile nell’ambito della consulta provinciale del volontariato di protezione civile.

2. La consulta è sede di confronto tra la componente professionale e quella volontaria della protezione civile in ordine alle problematiche relative al volontariato. In particolare sono ad essa sottoposte, per un esame degli aspetti di suo interesse, le proposte dei provvedimenti da adottare da parte della Provincia che riguardano le attività di protezione civile svolte su base volontaria.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918371
Capo II - Misure di incentivazione e di protezione del volontariato di protezione civile
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918372
Art. 53 - Misure di tutela della sicurezza fisica dei volontari

1. Per garantire ai volontari di protezione civile appartenenti alle organizzazioni di volontariato, agli organismi rappresentativi dei prestatori d’opera intellettuale convenzionati con la Provincia e ai volontari indicati nell’articolo 51, comma 2, condizioni di sicurezza fisica nelle attività e negli interventi da realizzare e di prevenzione degli incidenti non inferiori a quelle stabilite per i volontari in attuazione della normativa comunitaria, la Provincia è autorizzata a concedere a questi soggetti contributi fino a totale copertura della spesa ammessa, nella misura e secondo i criteri e le modalità stabiliti dalla Giunta provinciale, per l’acquisto o per l’adeguame

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918373
Art. 54 - Coperture assicurative dei volontari

1. Fermo restando quanto previsto dalle disposizioni in ordine all’obbligo delle organizzazioni di volontariato di stipulare polizze di assicurazione in favore dei propri iscritti, la Provincia può concedere alle organizzazioni di volontariato contributi fino al 100 per cento della spesa ammessa, per la stipulazione di polizze di assicurazione in favore dei propri operatori volontari di protezione civile a copertura dei seguenti rischi occorsi in occasione delle attività da loro svolte, per l’esercizio dei compiti loro spettanti nell’ambito delle attività della protezione civile provinciale:

a) decesso o invalidità permanente causati da infortuni;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918374
Art. 55 - Misure volte ad agevolare la partecipazione dei volontari alle attività e agli interventi di protezione civile

1. Con riferimento alla partecipazione dei volontari di protezione civile e dei servizi antincendi alle attività di gestione delle emergenze per le quali è stato dichiarato lo stato di emergenza, nonché alle iniziative di formazione e di addestramento autorizzate dal dirigente generale della protezione civile, la Provincia, secondo i criteri e le modalità stabiliti con deliberazione della Giunta provinciale e comunque nei limiti delle disponibilità del bilancio:

a) rimborsa al datore di lavoro, su richiesta, l'equivalente degli emolumenti versati per ciascun lavoratore impegnato:

1) nelle attivit&agrav

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918375
TITOLO VIII - CONCORSO DEI SERVIZI ANTINCENDI ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE DI PROTEZIONE CIVILE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918376
Art. 56 - Organizzazione dei servizi di soccorso pubblico urgente dei vigili del fuoco

1. I servizi di soccorso pubblico dei vigili del fuoco sono resi sull’intero territorio provinciale con carattere di ordinarietà. Per il soccorso pubblico dei vigili del fuoco si applicano le disposizioni vigenti sull’ordinamento dei servizi antincendi della Regione Trentino - Alto Adige e quelle provinciali, comprese quelle contenute nel regolamento che disciplina le funzioni, la composizione e le modalità di accesso al co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918377
Art. 57 - Autorità competenti per i servizi di soccorso pubblico urgente

1. La Giunta provinciale adotta i provvedimenti di carattere generale per l’organizzazione dei servizi di soccorso pubblico urgente sull’intero territorio provinciale, su proposta del dirigente generale della protezione civile.

2. Il dirigente generale della protezione civile, supportato dal coman

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918378
Art. 58 - Strutture operative competenti per i servizi di soccorso pubblico urgente

1. Allo svolgimento dei servizi di soccorso pubblico urgente, compreso lo spegnimento degli incendi, provvedono, nell’ambito delle rispettive attribuzioni e secondo il principio di reciproco aiuto e collaborazione, il corpo permanente provinciale, i corpi volontari dei comuni, le unioni e la federazione dei corpi volontari, secondo quanto previsto da questa legge e dai piani di protezione civile.

2. I soggetti individuati nel comma 1 concorrono anche alla realizzazione degli interventi di difesa civile realizzati dalla Provincia a titolo di collaborazione con lo Stato. Le modalità di concorso dei corpi dei vigili del fuoco alle attività di difesa civile sono concordati dal dirigente genera

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918379
Art. 59 - Disposizioni particolari per gli interventi di soccorso pubblico urgente e per la loro direzione

1. In caso di assoluta necessità e urgenza, che rende impossibile l’adozione con la necessaria immediatezza di qualsiasi provvedimento, e quando ogni indugio potrebbe arrecare pericolo per la salvezza delle persone o aggravarlo, i soggetti ai quali sono attribuiti, ai sensi dell’articolo 57, comma 3, i compiti di direzione dei soccorsi pubblici urgenti possono disporre immediatamente, con i poteri del pubblico ufficiale:

a) ogni misura urgente e indifferibile, anche di carattere definitivo, atta a fronteggiare la situazione di pericolo o di emergenza, comprese le demolizioni di beni immobili e l’evacuazione delle persone in pericolo;

b) le misure temporanee e urgenti di regolazione del transito e del traffico in emergenza e di accesso alle proprietà pubbliche e private; allo svolgimento delle operazioni volte ad attuare queste misure urgenti o a quelle intraprese

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918380
Art. 60 - Concorso della federazione dei corpi volontari per il soccorso pubblico urgente

1. La federazione dei corpi volontari è il diretto referente della Provincia per le attività connesse con il soccorso pubblico rese dai vigili del fuoco volontari, e svolge in particolare i seguenti compiti:

a) l’organizzazione dei servizi svolti dai vigili del fuoco volontari secondo modalit&agrav

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918381
Art. 61 - Disposizioni concernenti i corpi dei vigili del fuoco volontari, le relative unioni e il loro concorso per il soccorso pubblico urgente

1. I corpi volontari svolgono i servizi antincendi con carattere di ordinarietà nel territorio comunale e possono intervenire anche fuori dal territorio di competenza, a supporto di altri corpi dei vigili del fuoco volontari o per la collaborazione con altre strutture operative della protezione civile. In occasione di emergenze di protezione civile i corpi dei vigili del fuoco volontari prestano i servizi di soccorso pubblico urgente.

2. Per la costituzione, l’organizzazione e lo scioglimento dei corpi volontari si applicano le vigenti disposizioni della legge regionale n. 24 del 1954, fatto salvo quanto diversamente disposto da quest’articolo.

3. Lo scioglimento del corpo volontario in caso di gravi irregolarità nel funzionamento tecnico del corpo stesso, previsto dall’articolo 17, terzo comma, della legge regionale n. 24

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918382
TITOLO IX - SOCCORSO E GESTIONE DELL’EMERGENZA A MEZZO DI ELICOTTERO E DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ELISUPERFICI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918383
Capo I - Organizzazione del servizio
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918384
Art. 62 - Soccorso pubblico e sanitario e gestione dell’emergenza a mezzo di elicottero

1. La Provincia, di norma, si avvale del nucleo elicotteri previsto dall’articolo 18 della legge provinciale 15 febbraio 1980, n. 3 (Norme concernenti il trasferimento alla Provincia autonoma di Trento del personale della regione Trentino - Alto Adige addetto agli uffici dell’ispettorato provinciale del servizio antincendi e di quello

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918385
Art. 63 - Nucleo elicotteri del corpo permanente dei vigili del fuoco

1. Il nucleo elicotteri previsto dall’articolo 18 della legge provinciale n. 3 del 1980 opera nel corpo permanente provinciale e provvede ai compiti di carattere tecnico, operativo e amministrativo riguardanti i servizi resi dal nucleo stesso ai sensi dell’articolo 62, compreso l’addestramento degli operatori, e agli altri compiti a esso attribuiti dalle norme provinciali che disciplinano l’utilizzo degli elicotteri della Provincia e delle altre attrezzature e risorse organizzative a disposizione del nucleo.

2. I compiti e l’organizzazione del nucleo elicotteri sono determinati con apposito atto organizzativo adottato con deliberazione della Giunta provinciale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918386
Capo II - Rete strategica provinciale di elisoccorso e altre disposizioni relative alla realizzazione di elisuperfici
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918387
Art. 64 - Realizzazione e gestione di elisuperfici

1. Al fine dello svolgimento a mezzo di elicottero dell’attività di soccorso pubblico e di trasporto sanitario di emergenza la Giunta provinciale, d’intesa con l’Azienda provinciale per i servizi sanitari, approva programmi per l’implementazione di una rete strategica provinciale di elisoccorso. Al fine di conseguire l’effetto di variante al piano regolatore generale, se necessario, per l’approvazione definitiva dei programmi da parte della Giunta provinciale sono richiesti i pareri del comune territorialmente competente e del servizio provinciale competente in materia di urbanistica e tutela del paesaggio, nonché una preventiva procedura di pubblicità della proposta, con le modalità stabilite dalla Giunta provinciale. Resta fermo quanto previsto dalla normativa vigente in materia di inquinamento acustico.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918388
Art. 65 - Istituzione del servizio di soccorso pubblico e di contrasto agli incendi presso le aviosuperfici

1. Il Presidente della Provincia istituisce con decreto il servizio di soccorso pubblico e di contrasto agli incendi previsto dall’articolo 26 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139 (Riassetto delle disposizioni relative alle funzioni e ai compiti del corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell’articolo 11 della legge

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918389
TITOLO X - INTERVENTI DI RIPRISTINO DEFINITIVO E DI RICOSTRUZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918390
Capo I - Organizzazione delle attività di ripristino definitivo e di ricostruzione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918391
Art. 66 - Dichiarazione di sussistenza della calamità

1. Ai fini della realizzazione degli interventi di ripristino definitivo e di ricostruzione previsti in questo titolo è necessario l’accertamento in ordine alla sussistenza d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918392
Art. 67 - Soggetti competenti per la ricostruzione dei beni pubblici e per il ripristino dei servizi pubblici

1. La ricostruzione e la riparazione dei beni pubblici è effettuata dalla Provincia, dai comuni e dalle comunità in base alla proprietà del bene da ricostruire. Inoltre i medesimi soggetti, in base alla titolarità del servizio pubblico, adottano le misure necessarie per garantire il ripristino definitivo dei servizi pubblici danneggiati a seguito di calamità. La Provincia, d’intesa con lo Stato, può provvedere alla ricostruzione e alla riparazione dei beni di proprietà statale, la cui gestione o manutenzione è delegata alla Provincia.

2. Le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918393
Art. 68 - Regia unitaria degli interventi di ripristino definitivo e di ricostruzione

1. Quando, per la realizzazione degli interventi di ricostruzione e di riparazione dei beni pubblici, di pubblica utilità e privati, nonché per il ripristino definitivo dei servizi pubblici a seguito di una calamità, è indispensabile una regia unitaria degli interventi, il comune o la comunità competente per territorio in relazione all’estensione dell’area interessata dai danni possono promuovere la stipulazione di convenzioni tra i soggetti pubblici e privati coinvolti nell’effettuazione degli interventi stessi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918394
Capo II - Interventi di ripristino definitivo dei servizi pubblici e di ricostruzione dei beni pubblici e dei beni di uso civico
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918395
Art. 69 - Programmazione e attuazione degli interventi

1. Ai fini di questo capo s’intende:

a) per “ricostruzione dei beni”: la realizzazione degli interventi volti al rifacimento, alla riparazione e alla ristrutturazione dei beni appartenenti al demanio e al patrimonio della Provincia, dei comuni e delle comunità, nonché dei beni di uso civico e delle proprietà collettive distrutti, danneggiati o resi inservibili a seguito di una calamità;

b) per “ripristino de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918396
Art. 70 - Contributi per la ricostruzione dei beni di uso pubblico

1. La Provincia può concedere contributi fino al 100 per cento della spesa amm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918397
Capo III - Interventi di ripristino e di ricostruzione a favore di soggetti privati
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918398
Sezione I - Interventi per la ripresa delle attività economiche
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918399
Art. 71 - Fondo per il sostegno della ripresa delle attività economiche

1. La Provincia costituisce un fondo per il sostegno della ripresa delle attività economiche a seguito di calamità diretto a finanziare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918400
Art. 72 - Contributi e indennizzi per danni causati dalle calamità alle attività produttive e al lavoro autonomo

1. La Provincia può concedere, nel rispetto della disciplina dell’Unione europea in materia di aiuti di Stato, contributi e indennizzi alle imprese e ai soggetti indicati nel comma 4, lettera a), per i danni provocati dalle calamità nei settori agricolo - con o senza attività di conservazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti - industriale, commerciale, artigianale, alberghiero, turistico e ai lavoratori autonomi previsti dall’articolo 2222 del codice civile, operanti stabilmente in provincia di Trento. I beneficiari dei contributi e degli indennizzi devono impegnarsi a continuare l’esercizio dell’attività produttiva, anche diversa da quella preesistente, almeno per il periodo non inferiore a tre anni stabilito dalla Giunta provinciale, fatti salvi i casi di forza maggiore.

2. La Provincia può concedere:

a) contributi in conto capitale o in conto interessi per la ricostruzione, la sostituzione o la riparazione dei beni danneggiati, distrutti, resi inagibili o inutilizzabili, nonché delle loro adiacenze e dei percorsi di accesso principale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918401
Sezione II - Interventi per la ripresa delle normali condizioni di vita
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918402
Art. 73 - Reperimento urgente di alloggi per le persone in caso di calamità

1. In caso di calamità le comunità o, nei casi di rispettiva competenza, i comuni di Trento e di Rovereto, denominati in questa sezione “enti locali competenti”, possono autorizzare l’Istituto trentino per l’edilizia abitativa (ITEA spa) a stipulare, con i soggetti rimasti privi dell’unica abitazione idonea ai sensi delle disposizioni provinciali in materia di edilizia a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918403
Art. 74 - Altre agevolazioni per la ripresa delle normali condizioni di vita

1. Gli enti locali competenti possono realizzare in forma diretta, previo accordo con i soggetti interessati, oppure mediante la concessione dei contributi e degli indennizzi previsti da quest’articolo iniziative, individuate dalla Giunta provinciale, per il ripristino degli edifici destinati ad abitazione che sono stati danneggiati da eventi calamitosi.

2. Gli enti locali competenti possono concedere ai proprietari degli immobili adibiti ad abitazione danneggiati, distrutti o dichiarati inagibili con provvedimento dell’autorità pubblica a seguito delle calamità contributi in conto capitale, per la riparazione e per la ricostruzione delle abitazioni, compreso l’acquisto, la costruzione o il risanamento di un’abitazione sostitutiva. Possono essere ammesse a contributo anche le spese relative alle pertinenze, agli arredi e alle attrezzature principali delle abitazioni, anche sulla base di una stima forfettaria dei danni e delle spese occorrenti per il loro ripristino, redatta dall’ente locale competente tenendo conto dello stato di consistenza dei suddetti beni. I contributi possono essere concessi, anziché ai proprietari delle abitazioni, ai soggetti che, al momento della calamità, occupano a titolo di abitazione principale le unità immobiliari danneggiate, distrutte o divenute inagibili, a condizione che ne abbiano acquisito la proprietà o l’usufrutto al momento della concessione dei contributi.

3. Gli enti locali competenti possono concedere contributi in conto capitale fino al 100 per cento della spesa ammissibile quando gli interventi previsti da quest’articolo si riferiscono ad immobili adibiti ad abitazione principale ai sensi dell’articolo 8, comma 2, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504 (Riordino della finanza degli enti territoriali, a norma dell’articolo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918404
Art. 75 - Gruppo sportivo della protezione civile

omissis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918405
TITOLO XI - DISPOSIZIONI FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918406
Capo I - Modificazioni di leggi provinciali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918407
Art. 76 - Art. 77 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918408
Art. 78 - Modificazione dell’articolo 62 della legge provinciale 19 febbraio 2002, n. 1, relativo alle derivazioni di acque pubbliche
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918409
Art. 79 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918410
Art. 80 - Modificazione dell’articolo 36 della legge urbanistica provinciale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918411
Art. 81 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918412
Capo II - Disposizioni transitorie, di prima applicazione e finanziarie, abrogazione di disposizioni provinciali e disapplicazione di norme regionali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918413
Art. 82 - Efficacia della legge, disposizioni di prima applicazione, transitorie e finali

1. Fino alla data dell’effettivo trasferimento delle funzioni in materia di protezione civile, disposto ai sensi dell’articolo 8, comma 13, della legge provinciale n. 3 del 2006, all’esercizio delle funzioni, dei compiti e delle attività attribuiti da questa legge alle comunità provvede la Provincia.

2. Fermo restando quanto previsto da quest’articolo, le funzioni demandate da questa legge ai comuni senza l’obbligo di esercizio in forma associata sono svolte da essi, prescindendo dal trasferimento di funzioni ai sensi dell’articolo 8, comma 13, della legge provinciale n. 3 del 2006.

3. Ad eccezione dei casi disciplinati dal comma 4, per le opere e i lavori pubblici previsti dalla legge provinciale n. 2 del 1992 o realizzati nell’ambito degli interventi autorizzati dalla Giunta provinciale ai sensi dall’articolo 8 della legge provinciale 29 aprile 1993, n. 14, continuano ad applicarsi le disposizioni delle predette leggi, se i relativi progetti almeno definitivi o le relative perizie di cui agli articoli 52, comma 4, 53, comma 3, e 58.19 della legge provinciale sui lavori pubblici sono stati approvati dalle amministrazioni aggiudicatrici di cui all’articolo 2 della legge provinciale sui lavori pubblici, competenti per la loro realizzazione prima dell’entrata in vigore della presente legge. Per i lavori di somma urgenza delegati dalla Provincia ai comuni continua ad applicarsi l’articolo 13 della legge provinciale n. 2 del 1992 se, per i medesimi lavori, è stato adottato il decreto del Presidente della Provincia previsto dal predetto articolo 13, comma 2, prima dell’entrata in vigore della presente legge.

4. Per le opere e i lavori previsti dalla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918414
Art. 83 - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918415
Art. 84 - Abrogazione di disposizioni provinciali e disapplicazione di norme regionali

1. Fermo restando quanto previsto dall’articolo 82 sono abrogate le seguenti disposizioni provinciali;

omissis;

d) articolo 12 bis, comma 5, dell’articolo 18, articoli 18 bis 1, 18 ter e articolo 18 quater, tranne il comma 4, della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
313960 4918416
Art. 85 - Omissis



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
DA PAG 2 A PAG 74

Dalla redazione

  • Calamità/Terremoti
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza
  • Pubblica Amministrazione
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Imposte sul reddito
  • Lavoro e pensioni
  • Imposte indirette

Sisma centro Italia 2016: scadenzario sospensione dei termini per adempimenti tributari, previdenziali e vari

Catasto dei rifiuti, comunicazioni ambientali e MUD - Rate mutui, finanziamenti e contratti di leasing - Sospensione pagamento utenze e fatture varie - Esenzione imposta di bollo istanze verso la P.A. - Sospensione termini adempimenti contributivi e assicurativi - Sospensione atti di pagamento e riscossione - Sospensione versamenti e adempimenti tributari - Sospensione versamenti sostituti d’imposta - Sospensione dei termini processuali - Obblighi di pubblicazione in materia di anticorruzione e trasparenza - Adempimenti connessi alle attività dell'ISTAT.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Protezione civile
  • Calamità
  • Calamità/Terremoti
  • Finanza pubblica
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Provvidenze
  • Imprese

Contributi INAIL per la messa in sicurezza di immobili produttivi colpiti dagli eventi sismici del 2016

La misura è finalizzata ad assicurare la ripresa e lo sviluppo delle attività economiche in condizioni di sicurezza per i lavoratori nei comuni delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria colpiti dagli eventi sismici del 2016. La dotazione finanziaria complessiva è pari a 30 milioni di euro ed è destinata dall'INAIL al finanziamento dei progetti di investimento e formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Protezione civile

Sintesi delle disposizioni del Codice della protezione civile

Si illustrano i punti principali del Codice della protezione civile, di cui al D. Leg.vo 02/01/2018, n. 1, pubblicato nella G.U. 22/01/2018, n. 17.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Terremoto Ischia 2017
  • Appalti e contratti pubblici
  • Calamità/Terremoti
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Imposte indirette
  • Rifiuti
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Alluvione Veneto ed Emilia Romagna 2014
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza

La Legge di bilancio 2018 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di bilancio 2018 (L. 27 dicembre 2017, n. 205), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Calamità
  • Calamità/Terremoti
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Provvidenze
  • Imprese
  • Protezione civile

Contributi per le imprese dei territori del centro Italia colpiti dagli eventi sismici del 2016 e 2017

Concessione di contributi in favore delle imprese localizzate nelle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017. Le agevolazioni, quantificate in 33 milioni di euro per l'anno 2017 e 13 milioni di euro per l'anno 2018, sono finalizzate alla prosecuzione dell’attività ed alla ripresa produttiva delle imprese.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Imprese
  • Provvidenze
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Protezione civile
  • Finanza pubblica
  • Calamità
  • Calamità/Terremoti

Termini di pagamento utenze e fatture varie comuni colpiti dal sisma di agosto 2016 (soggetti con fabbricato inagibile)

  • Imprese
  • Compravendita e locazione
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Protezione civile
  • Calamità/Terremoti
  • Calamità
  • Terremoto Centro Italia 2016

Sisma centro Italia 2016: termine sospensione versamenti mutui e canoni di locazione finanziaria (attività economiche e privati con prima casa distrutta o inagibile)

  • Finanza pubblica
  • Norme tecniche
  • Protezione civile
  • Provvidenze
  • Calamità/Terremoti
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Calamità

Campania: rischio sismico e contributi per la prevenzione sismica

07/09/2018

07/08/2018

21/07/2018

02/07/2018