FAST FIND : NR36235

L. R. Lazio 10/08/2016, n. 11

Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio.
Stralcio.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 31/12/2016, n. 17
Scarica il pdf completo
3023253 3405453
CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405454
Art. 1 - (Oggetto)

1. La Regione, per la definizione e la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, si ispira ai principi ed ai valori contenuti nella Costituzione, nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, nella Convenzi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405455
Art. 2 - (Finalità)

1. La Regione, con la presente legge, assume, quale punto di riferimento per le proprie politiche sociali, la valorizzazione e il sostegno delle responsabilità familiari, di cui all’articolo 16 della l. 328/2000, e la centralità della persona, sia come singola, sia inserita nella famiglia e nella comunità, sia nelle formazioni sociali in cui realizza la propria personalità, allo scopo di:

a) sviluppare la giustizia sociale e la propria dignità;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405456
Art. 3 - (Definizione del sistema integrato)

1. Il sistema integrato di interventi e servizi sociali, di seguito denominato sistema integrato, è il complesso di prestazioni sociali in favore della persona, risultante dalla cooperazione dei soggetti di cui al capo IV.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405457
Art. 4 - (Obiettivi)

1. Il sistema integrato persegue i prioritari obiettivi:

a) rispetto della dignità della persona, della riservatezza sulle informazioni che la riguardano e del suo diritto di scelta fra le prestazioni erogabili;

b) riconoscimento della centralità della persona quale prima destinataria degli interventi e dei servizi e del ruolo della famiglia quale soggetto primario e ambito di riferimento unitario per gli interventi e i servizi medesimi;

c) universalità dell’offerta dei servizi e garanzia dei livelli essenziali delle prestazioni su tutto il territorio regionale;

d) interventi finalizzati al contrasto della povertà e al sostegno del reddito, anche attraverso il riconoscimento del reddito minimo garantito, al fine di prevenire, superare o ridurre le condizioni di bisogno, con particolare riferimento alle persone senza dimora, compresi i padri separati;

e) mantenimento a domicilio delle persone anziane, delle persone disabili e di quelle con disagio psichico e sostegno alle famiglie che si fanno carico del bisogno di cura;

f) tutela dei minori in situazioni di disagio tramite il sostegno al nucleo familiare di origine o l’inserimento presso famiglie

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405458
Art. 5 - (Principi e criteri organizzativi)

1. Il sistema integrato persegue i seguenti principi:

a) centralità della persona prima destinataria degli interventi e dei servizi;

b) rispetto della dignità e del diritto alla riservatezza degli utenti;

c) universalità dell’offerta dei servizi e garanzia dei livelli essenziali di prestazioni su tutto il territorio regionale;

d) promozione di servizi che favoriscono il mantenimento, l’inserimento ed il reinserimento familiare, scolastico, lavorativo e sociale di persone a rischio di emarginazione ed esclusione sociale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405459
Art. 6 - (Accesso al sistema integrato)

1. Accedono al sistema integrato, attraverso la presa in carico, sulla base della valutazione professionale del bisogno e della conseguente definizione del piano personalizzato di assistenza di cui all’articolo 9:

a) i cittadini residenti nei comuni della Regione, senza distinzione di carattere politico, religioso, ideologico, sessuale, etnico e di provenienza, economico e sociale;

b) i minori stranieri non accompagnati che si trovano, per qualsiasi causa, nel territorio regionale privi di assistenza e rappresentanza legale;

c) minori stranieri, figli di genitori non in regola con le norme relative all’ingresso ed al soggiorno;

d) le donne straniere in stato di gravidanza e nei sei mesi successivi al parto, indipendentement

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405460
Art. 7 - (Diritti degli utenti)

1. La Regione riconosce agli utenti del sistema integrato:

a) il diritto ad essere compiutamente informati sulla disponibilità delle prestazioni socio-assistenziali, sui requisiti per l’accesso, sulle condizioni e sui criteri di priorità, sulle procedure e modalità di erogazione, nonché sulle possibilità di scelta delle stesse;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405461
Art. 8 - (Sistema integrato e welfare comunitario)

1. Gli interventi di promozione della convivenza e della coesione sociale, della prevenzione e gestion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405462
Art. 9 - (Piano personalizzato di assistenza)

1. Il piano personalizzato di assistenza, di seguito denominato piano personalizzato, è predisposto, d’intesa con il beneficiario, con il suo tutore legale o eventualmente con i suoi familiari, dal servizio sociale professionale di cui all’articolo 24, in collaborazione con le competenti strutture delle aziende sanitarie locali, al fine di coordinare ed integrare gli interventi, i servizi e le prestazioni del sistema integrato ed indica in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405463
CAPO II - POLITICHE DEL SISTEMA INTEGRATO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405464
Art. 10 - (Politiche in favore delle famiglie e dei minori)

1. Il sistema integrato, in attuazione dell’articolo 7, comma 2, lettera b), dello Statuto, valorizza e sostiene il ruolo della famiglia nella formazione e cura della persona durante tutto l’arco della vita, nella promozione del benessere e nel perseguimento della coesione sociale e garantisce alla persona minore di età la protezione e gli interventi necessari ad un pieno e armonioso sviluppo psicofisico.

2. Le politiche in favore della famiglia anche in coerenza con gli obiettivi di cui all’articolo 2 della legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 (Interventi a sostegno della famiglia) sono perseguite, in particolare, attraverso interventi e servizi riguardanti:

a) il sostegno alla genitorialità;

b) l’educazione e la promozione alla maternità ed alla paternità libere e responsabili nonché la tutela sociale della gravidanza e della maternità nelle sue diverse fasi;

c) il sostegno alle famiglie in condizioni di disagio socio economico con particolare riguardo alle famiglie numerose ai sensi dell’articolo 31 della Costituzione;

d) il sostegno ai nuclei monoparentali e alle ragazze madri, promuovendo l’accesso al lavoro, ai servizi sociali, sanitari, nonché soluzioni abitative e modelli innovativi di accoglienza alloggiativa;

e) il sostegno nei casi di abusi fisici e psicologici all’interno o all’esterno dell’ambito familiare e/o scolastico, nei fenomeni di bullismo o cyber bullismo, negli abusi sui minori attraverso internet, nonché alla prevenzione di tutti quei rischi derivanti da un uso improprio di internet da parte dei minori che determina la visione inappropriata di contenuti, contatti o discriminazioni che generano uno squilibrio psichico o sociale nella crescita o nei rapporti interpersonali fra minori;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405465
Art. 11 - (Politiche in favore di bambini e adolescenti per la prevenzione e il trattamento del disagio psicopatologico)

1. ll sistema integrato sostiene la promozione del benessere e garantisce al minore la protezione e gli interventi di cura necessari per il disagio psichico.

2. Le politiche in favore delle persone di cui al comma 1 sono perseguite, in particolare, attraverso interventi e servizi riguardanti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405466
Art. 12 - (Politiche in favore delle persone con disabilità e delle persone con disagio psichico)

1. Il sistema integrato sostiene il diritto delle persone con disabilità o con disagio psichico alla piena integrazione e partecipazione sociale, anche favorendo l'esercizio della scelta da parte dei cittadini in situazione di grave disabilità.

2. Le politiche in favore delle persone di cui al comma 1 sono perseguite anche con l’ausilio delle nuove tecnologie prioritariamente attraverso interventi e servizi riguardanti:

a) percorsi tendenti a rimuovere ogni forma di emarginazione sociale e ambientale dei nuclei familiari con persone con disabilità o disagio psichico a carico;

b) assistenza personale, per l’aiuto alla persona nella gestione della vita quotidiana, per l’accompagno, la mobilità, l’inserimento sociale, scolastico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405467
Art. 13 - (Politiche in favore delle persone anziane)

1. Il sistema integrato sostiene la tutela e la valorizzazione delle persone anziane, sia come soggetti attivi sia come soggetti beneficiari di prestazioni sociali.

2. Le politiche in favore delle persone anziane sono perseguite, in particolare, attraverso interventi e servizi riguardanti:

a) la socializzazione e la semplificazione nell’accesso ai servizi culturali, ricreativi, sportivi, per la mobilità, e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405468
Art. 14 - (Politiche in favore degli immigrati e di altre minoranze)

1. Il sistema integrato sostiene l’integrazione e l’inclusione sociale delle persone immigrate attraverso interventi e servizi riguardanti la rimozione degli ostacoli che si oppongono all’esercizio dei diritti civili e sociali da parte dei cittadini immigrati, secondo quanto previsto dalla legge regionale 14 luglio 2008, n. 10

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405469
Art. 15 - (Politiche in favore delle persone vittime di violenza e maltrattamenti e delle donne gestanti o madri in situazione di disagio sociale)

1. Il sistema integrato sostiene la tutela delle persone vittime di violenze sessuali, abusi psicologici, maltrattamenti, sfruttamento e di atti persecutori di cui all’articolo 612 bis del codice penaleR, anche in ambito familiare o lavorativo, nonché delle donne gestanti o madri in situazione di disagio sociale, attraverso la realizzazione di interventi e servizi di rete in grado di offrire una risposta adeguata e appropriata.

2. Le politiche in favore delle persone di cui al comma 1 sono perseguite, in particolare, attraverso interventi e servizi riguardanti:

a) il sostegno materiale, psicologico,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405470
Art. 16 - (Politiche in favore delle persone sottoposte a provvedimenti penali)

1. Il sistema integrato sostiene le persone detenute e in regime di semilibertà e promuove, in collaborazione con i competenti uffici del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, e con il Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale di cui alla legge regionale 6 ottobre 2003, n. 31 (Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale) e successive modifiche, servizi ed interventi volti in particolare a:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405471
Art. 17 - (Politiche in favore delle persone dimesse dagli ospedali psichiatrici giudiziari)

1. Il sistema integrato attiva servizi ed interventi in favore delle persone dimesse dagli ospedali psichiatrici giudiziari ai sensi dell’articolo 3 ter del decreto legge 22 dicembre 2011, n. 211

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405472
Art. 18 - (Politiche in favore delle persone senza dimora)

1. Il sistema integrato favorisce l’inclusione sociale delle persone senza dimora, anche a causa di separazione coniugale, sfratto o nuove forme di povertà e promuove interventi e servizi volti in particolare a:

a) sostenere l’attivazione di centri e di forme di accoglienza anche innovative per la predisposizione e la realizzazione di specifici progetti individuali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405473
Art. 19 - (Politiche per la prevenzione e il trattamento delle dipendenze)

1. Il sistema integrato, nell’ambito delle politiche per la prevenzione e il recupero delle persone con problemi di dipendenza da alcool e sostanze stupefacenti o psicotrope, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309R (Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza) e successive modifiche e delle persone con problemi di dipendenza da gioco d’azzardo patologico di cui alla legge regionale 5 agosto 2013, n. 5 (Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico - GAP) e successive modifiche nonché di altre forme di dipendenze anche non legate a sostanze, in un’ottica di integrazione socio-sanitaria, in particolare, promuove:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405474
Art. 20 - (Politiche abitative e rigenerazione urbana)

1. Il sistema integrato, al fine di favorire le famiglie e i nuclei di persone in stato di bisogno, anche temporaneo, inclusi le donne e gli uomini in stato di separazione, connesso a carenze abitative, nonché la deistituzionalizzazione di soggetti ospitati presso strutture residenziali, con particolare riferimento alle famiglie numerose o con persone anziane o non autosufficienti in condizioni economiche disagiate, promuove l’integrazione tra le politiche d’inclusione sociale e le politiche abitative e sostiene in particolare i seguenti interventi:

a) individuazione di immobili di proprietà pubblica da destinare ad alloggi per categorie svantaggiate, anche attraverso l’utilizzo di forme di co-housing, condomini solidali, canoni di locazione agevolati, ospitalità temporanea ed operazioni di riconversione patrimoniale da inserire nei piani di recupero di cui all’articolo 27 e seguenti della legge 5 agosto 1978, n. 457R (Norme per l’edilizia residenziale) e successive modifiche;

b) individuazione di immobili di proprietà privata da destinare ad alloggi a prezzi calmierati per categorie svantaggiate, previo accordo con i proprietari;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405475
Art. 21 - (Politiche per l’inserimento lavorativo delle persone svantaggiate)

1. Il sistema integrato promuove l’inserimento lavorativo delle persone svantaggiate di cui all’articolo 4 della legge 8 novembre 1991, n. 381R (Disciplina delle cooperative sociali) e successive modifiche.

2. Le politiche in favore dei soggetti di cui al comma 1 sono perseguite anche nel rispetto della normativa vigente in materia di collocamento al lavoro delle categorie protette, attraverso, in particolare, i seguenti interventi e servizi:

a) la verifica del rispetto della normativa in materia di assunzione delle persone disabili da parte delle aziende in sede di affidamento di forniture e servizi alla Regione, agli enti pubblici dipendenti dalla Regione, agli enti locali;

b) la promozione e il sostegno di progetti per lo sviluppo de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405476
CAPO III - INTERVENTI E SERVIZI DEL SISTEMA INTEGRATO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405477
Art. 22 - (Livelli essenziali delle prestazioni sociali)

1. Il sistema integrato garantisce l’erogazione dei livelli essenziali delle prestazioni sociali previsti dallo Stato ai sensi dell’articolo 117, comma secondo, lettera m), della Costituzione così come definiti dall’articolo 22 della l. 328/2000.

2. La Regione e gli enti locali, secondo le modalità indicate dal piano regionale deg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405478
Art. 23 - (Servizio di segretariato sociale)

1. Il servizio di segretariato sociale ha l’obiettivo di promuovere l’esigibilità dei diritti sociali ed è finalizzato a favorire l’accesso della persona ai servizi del sistema integrato ed in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405479
Art. 24 - (Servizio sociale professionale)

1. Il servizio sociale professionale lavora in stretta collaborazione e interconnessione con il servizio di segretariato sociale ed è finalizzato alla valutazione dei bisogni della persona che richiede prestazioni al sistema integrato ed alla sua effettiva presa in carico.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405480
Art. 25 - (Assistenza economica e assegni di cura)

1. Gli interventi di assistenza economica consistono nell’erogazione, a favore del singolo o della famiglia, di contributi con carattere di:

a) continuità, se finalizzati all'integrazione del reddito del singolo o del nucleo familiare in difficoltà per il soddisfacimento dei bisogni primari, con l’obiettivo di favorire anche l’inserimento socio-lavorativo, al fine di rag

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405481
Art. 26 - (Servizio di assistenza domiciliare)

1. L’assistenza domiciliare è costituita da un insieme di prestazioni sociali rese a domicilio a persone in condizioni di parziale o totale non autosufficienza, nonché a famiglie con componenti a rischio di emarginazione, con particolare riguardo a soggetti in età evolutiva e giovanile ed è rivolta prevalentemente alle seguenti tre aree di intervento:

a) area dell’invecchiamento;

b) area della disabilità e del disagio psichico;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405482
Art. 27 - (Servizio di mensa sociale e di accoglienza notturna)

1. La mensa sociale e il centro di accoglienza notturna sono servizi gratuiti tesi a soddisfare i bisogni primari di vita delle persone che versano in gravi condizioni di disagio sociale, economico e familiare.

2. I servizi di cui al comma 1 offrono vitto ed alloggio notturno a persone che temporaneamente non possono provvedervi e rappresentano la prima modalità di accesso al sistema integrato ai fini dell’inserimento in un percorso assistenziale e di reinserimento

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405483
Art. 28 - (Centro diurno e centro anziani)

1. Il centro diurno è una struttura di tipo aperto che fornisce prestazioni socioeducative, di socializzazione, di aggregazione e di recupero, destinate ai soggetti in età evolutiva, alle persone con disabilità ed alle persone con disagio psichico, è collegato con le strutture ed i servizi del territorio e può offrire anche prestazioni di supporto all’assistenza domiciliare nonché servizi tesi a dare risposta ai bisogni degli anziani affetti da Alzheimer.

2. Il centro anziani, ispirato ai principi della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405484
Art. 29 - (Servizi per la vacanza)

1. I servizi per la vacanza sono rivolti ai soggetti in età evolutiva, alle persone anziane e alle persone con disabilità per fornire periodi organizzati di socializzazione, riposo e svago, consentendo altresì ai familiari dei soggetti indicati di usufruire di periodi di sollievo e riposo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405485
Art. 30 - (Servizio di emergenza e pronto intervento assistenziale)

1. Il servizio di emergenza e pronto intervento è un servizio che affronta l'emergenza e l’urgenza sociale in temp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405486
Art. 31 - (Strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale)

1. Le strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale, di cui alla l.r. 41/2003R e successive modifiche, erogano prestazioni socio-assistenziali sulla base di un piano personalizzato e sono rivolte a minori, alle persone disabili, alle persone con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405487
Art. 32 - (Autorizzazione e accreditamento)

1. L’autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi di cui al presente capo, sono rilasciate, secondo quanto previsto dall’articolo 151, comma 1, lettera g), della legge regionale 6 agosto 1999, n. 14R (Organizzazione delle funzioni a li

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405488
CAPO IV - SOGGETTI DEL SISTEMA INTEGRATO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405489
Art. 33 - (Regione)

1. La Regione esercita le funzioni ed i compiti previsti dall’articolo 149 della l.r. 14/1999R e successive modifiche e tutte le attività inerenti la programmazione, l’indirizzo, la verifica e la valutazione del sistema integrato sociale, garantisce i livelli essenziali delle prestazioni sociali, l’integrazione con la programmazione sanitaria ed il coordinamento con le politiche familiari, educative, ricreative, sportive, formative, del lavoro, della mobilità, della casa, dell'ambiente, dell’immigrazione, di risocializzazione dei minori e degli adulti detenuti o ammessi alle pene alternative, dello sviluppo socioeconomico.

2. La Regione, in particolare:

a) approva il piano sociale regionale di cui all’articolo 46 e determina gli obiettivi, le risorse e gli strumenti della programmazione dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari nonché una specifica valutazione di impatto della programmazione stessa;

b) assicura il rispetto e la omogenea distribuzione dei livelli essenziali delle prestazioni sociali di cui all’articolo 22 in tutto il territorio regionale, individua eventuali livelli di assistenza ulteriori ed integrativi rispetto a quelli determinati dallo Stato e fissa parametri di riferimento per il personale dei servizi sociali;

c) garantisce l’integrazione tra i servizi sociali a rilevanza sanitaria e i servizi sanitari a rilevanza sociale;

d) determina gli ambiti territoriali ottimali, di norma coincidenti con i distretti socio sanitari, per la gestione del sistema integrato e per l’integrazione sociosanita

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405490
Art. 34 - (Città metropolitana di Roma Capitale e province)

1. In attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56R (Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni) e nelle more della riforma del titolo V de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405491
Art. 35 - (Comuni)

1. I comuni, in attuazione del principio di sussidiarietà di cui all’articolo 118 della CostituzioneR, sono titolari di tutte le funzioni amministrative concernenti l’organizzazione e la gestione degli interventi e dei servizi del sistema integrato.

2. La Regione individua nella gestione associata da parte dei comuni, nell’ambito territoriale ottimale di cui all’articolo 43, secondo le forme associative previste dalla normativa vigente, la modalità attraverso la quale perseguire l’efficacia e l’efficienza del sistema integrato, anche al fine di garantirne il coordinamento e l’integrazione con i servizi sanitari erogati dal servizio sanitario regionale.

3. Fermo restando quanto previsto dalla normativa vigente in materia di esercizio associato delle funzioni fondamentali, i comuni associati, in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405492
Art. 36 - (Roma Capitale)

1. Roma Capitale, in armonia con il quadro delineato dalla l. 56/2014R e successive modifiche, nonché dai relativi interventi attuativi, ai sensi dell’articol

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405493
Art. 37 - (Aziende sanitarie locali)

1. Le aziende sanitarie locali garantiscono, secondo la normativa vigente e secondo le modalità individua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405494
Art. 38 - (Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza)

1. Con apposita legge regionale le istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza (IPAB), aventi scopo di fornire servizi socio-assistenziali e socio-sanitari, con sede legale nel territorio del Lazio, sono trasformate, anche mediante fusione tra istituzioni aventi finalità analoghe o convergenti, in aziende pubbliche di servizi alla persona, ovvero in persone giuridiche di diritto privato senza scopo di lucro nei limiti e secondo le modalità previste dal d.lgs. 207/2001 e successive modifiche

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405495
Art. 39 - (Terzo settore)

1. Nel rispetto del principio di sussidiarietà, la Regione e gli enti locali riconoscono e agevolano il ruolo degli enti del terzo settore e promuovono la partecipazione attiva degli stessi nelle fasi di programmazione, progettazione e realizzazione concertata del sistema integrato.

2. Ai fini della presente legge si considerano enti del terzo settore:

a) le organizzazioni di volontariato di cui alla l.r. 29/1993 e successive modifiche;

b) le associazioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405496
Art. 40 - (Servizio civile volontario)

1. La Regione, attraverso l’approvazione di un’apposita legge regionale, promuove lo sviluppo e la valorizzazione del servizio civile volontario, quale importante risorsa della comunità, attraverso progetti finalizzati a soddisfare bisogni sociali, culturali, ambientali, di protezione civile ed educativi, allo scopo di:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405497
Art. 41 - (Partecipazione al sistema integrato)

1. La Regione e gli enti locali assicurano l’attuazione della presente legge garantendo la consultazione dei cittadini e degli utenti, sia come

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405498
Art. 42 - (Relazioni sindacali)

1. La Regione, gli enti locali e gli altri soggetti interessati, in relazione alle pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405499
CAPO V - ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO LOCALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405500
Art. 43 - (Distretto socio-sanitario)

1. Il distretto socio-sanitario costituisce l’ambito territoriale ottimale all’interno del quale i comuni esercitano in forma associata, utilizzando le forme associative di cui al titolo II, capo V, del d.lgs. 267/2000R e successive modifiche, le funzioni e i compiti di cui all’articolo 35, commi 2 e 3 ed è individuato con deliberazione della Giunta regionale, a seguito della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405501
Art. 44 - (Organismi di indirizzo e programmazione)

1. Le funzioni di indirizzo e programmazione dei servizi e degli interventi gestiti dai comuni in forma associata a livello di distretto socio-sanitario sono svolte:

a) dal comitato composto dai sindaci dei comuni e dai presidenti delle unioni aderenti alla convenzione, in caso di utilizzazione della forma associativa di cui all’articolo 30 del d.lgs. 267/2000;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405502
Art. 45 - (Ufficio di piano)

1. I comuni del distretto socio-sanitario si dotano di un ufficio tecnico-amministrativo, denominato ufficio di piano, con funzioni propositive nei confronti degli organismi di cui all’articolo 44 e di organizzazione e gestione dei servizi erogati a livello distrettuale.

2. L’ufficio di piano provvede, in particolare, a:

a) predisporre, sulla base degli indirizzi di cui all’articolo 44,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405503
CAPO VI - PROGRAMMAZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405504
Art. 46 - (Piano regionale degli interventi e dei servizi sociali)

1. La Regione approva il piano regionale degli interventi e dei servizi sociali, di seguito denominato piano sociale regionale, integrato con il piano sanitario regionale ed in raccordo con gli atti di programmazione in materia educativa e formativa, del lavoro, culturale, sportiva ed abitativa.

2. Il piano sociale regionale definisce la programmazione degli interventi e dei servizi del sistema integrato e individua in particolare:

a) gli obiettivi di benessere sociale da perseguire in relazione agli stati di bisogno ed ai fattori di rischio sociale da contrastare, in coerenza con la programmazione sanitaria regionale per quanto concerne gli obiettivi da realizzare attraverso prestazioni socio-sanitarie integrate;

b) gli stati di bisogno nonché le aree e le azioni prioritarie di intervento;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405505
Art. 47 - (Predisposizione ed approvazione del piano sociale regionale)

1. Lo schema del piano sociale regionale è predisposto dalla Giunta regionale ed è sottoposto al parere della Conferenza permanente per la programmazione socio-sanitaria regionale di cui all’articolo 55, di Roma Capitale, della delegazione del CAL, delle reti associative di secondo livello del terzo settore, dell’Osservatorio permanente sulle famiglie di cui all

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405506
Art. 48 - (Piano sociale di zona)

1. Il piano sociale di zona, predisposto sulla base delle indicazioni del piano sociale regionale, è lo strumento di programmazione degli interventi e dei servizi del sistema integrato locale da realizzare nell’ambito del distretto socio-sanitario, ha durata triennale e viene aggiornato annualmente.

2. Il piano sociale di zona, previa analisi e valutazione dei bisogni e dell’offerta dei servizi nell’ambito territoriale di riferimento, è definito in coerenza con la programmazione sanitaria di ambito regionale distrettuale e dell’azienda sanitaria locale e prevede in particolare:

a) gli obiettivi strategici e le priorità di intervento;

b) gli obiettivi economici e finanziari da assegnare ai responsabili dell’attuazione del piano finalizzati alla loro valutazione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405507
Art. 49 - (Sistema informativo dei servizi sociali)

1. Il sistema informativo dei servizi sociali della Regione (SISS) istituito ai sensi dell’articolo 21 della l. 328/2000, organizza, anche in collaborazione con l’Osservatorio permanente sulle famiglie della Regione, istituito ai sensi dell’articolo 72 dello Statuto, i flussi informativi provenienti dai comuni, dagli ambiti territoriali ottimali, dalle province e dagli altri soggetti del sistema integrato, al fine di:

a) acquisire i dati e le informazioni necessarie alla programmazione, gestione e valutazione delle politiche sociali;

b) fornire un servizio informativo aperto e accessibile agli utenti sui s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405508
Art. 50 - (Verifiche)

1. La Giunta regionale verifica:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405509
CAPO VII - DISPOSIZIONI PER L’INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405510
Art. 51 - (Integrazione socio-sanitaria)

1. Sono prestazioni socio-sanitarie tutte le attività atte a soddisfare, mediante percorsi assistenziali integrati, bisogni di salute della persona che richiedono unitariamente prestazioni sanitarie e azioni di protezione in termini di recupero e mantenimento delle autonomie personali, d’inserimento sociale e miglioramento delle condizioni di vita.

2. Le prestazioni socio-sanitarie, ai sensi dell’articolo 3-septies, comma 2, del d.lgs. 502/1992 e successive modifiche e dell’articolo 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14 febbraio 2001 (Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie) si distinguono in:

a) prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, cioè le attività finalizzate alla promozione della salute, alla prevenzione, individuazione, rimozione e contenimento di esiti degenerativo invalidanti di patologie congenite e acquisite;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405511
Art. 52 - (Punto unico di accesso alle prestazioni sociali, socio-sanitarie e sanitarie con continuità assistenziale)

1. Al fine di favorire la fruizione da parte degli utenti dei servizi sociali, socio-sanitari e sanitari erogati nell’ambito del distretto, i comuni e le aziende sanitarie locali istituiscono in ogni ambito territoriale ottimale un punto unico di accesso all’insieme dei servizi stessi (PUA).

2. Sono funzioni specifiche del PUA:

a) orientare le persone e le famiglie sui diritti alle prestazioni sociali, socio-sanitarie e sanitarie e di continuità assistenziale e sulle modalit&

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405512
Art. 53 - (Presa in carico integrata della persona e budget di salute)

1. Il piano personalizzato, in presenza di bisogni complessi della persona che richiedono l’intervento di diversi servizi ed operatori sociali, sanitari e socio educativi, è predisposto da apposita unità valutativa multidisciplinare, attivata dal PUA, d’intesa con l’assistito ed eventualmente con i suoi familiari, in base ad una valutazione multidimensionale della situazione della persona, tenendo conto della natura del bisogno, della complessità, dell’intensità e della durata dell’intervento assistenziale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405513
Art. 54 - (Conferenza locale sociale e sanitaria)

1. La Conferenza locale per la sanità, istituita in ciascuna azienda sanitaria locale ai sensi dell’articolo 12 della l.r. 18/1994 e successive modifiche, in quanto portatrice degli interessi complessivi delle comunità locali in campo sociale, socio-sanitario e sanitario, assume la denominazione di Conferenza locale sociale e sanitaria.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405514
Art. 55 - (Conferenza permanente per la programmazione socio-sanitaria regionale)

1. La Conferenza permanente per la programmazione sanitaria e socio-sanitaria regionale è composta, oltre che dai soggetti di cui all’articolo 2, comma 2 bis, del d.lgs. 502/1992R e successive modifiche, dagli Assessori regionali competenti in materia di politiche sociali e sanitarie, dai presidenti delle Conferenze locali sociali e sanitarie, dai direttori generali delle aziende sanitarie locali, dal sindaco di Roma Capitale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405515
CAPO VIII - STRUMENTI PER LA QUALITÀ DEL SISTEMA INTEGRATO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405516
Art. 56 - (Carta sociale del cittadino)

1. Roma Capitale e gli organismi di cui all’articolo 44, al fine di favorire l’incontro tra diritti e doveri sociali e rendere effettivo l’accesso alle prestazioni del sistema integrato, adottano, dopo l’approvazione del piano sociale di zona, la Carta sociale del cittadino con il coinvolgimento dei soggetti del terzo settore, delle organizzazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405517
Art. 57 - (Carta dei servizi sociali)

1. I soggetti gestori adottano la carta dei servizi in coerenza con la carta dei diritti di cui all’articolo 56 al fine di tutelare gli utenti, assicurare l’informazione e la partecipazione degli stessi e la trasparenza nell’erogazione dei servizi.

2. La carta dei servizi sociali contiene in particolare i seguenti elementi:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405518
Art. 58 - (Affidamento dei servizi)

1. Per l’affidamento dei servizi del sistema integrato ai soggetti di cui all’articolo 1, comma 5 della l. 328/2000 si applica quanto previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 marzo 2001 (Atto di indirizzo e coordinamento sui sistemi di affidamento dei servizi alla persona ai sensi dell’art. 5 della legge 8 novembre 2000, n. 328).

2. L’affidamento dei servizi del sistema integrato avviene comunque:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405519
Art. 59 - (Vigilanza)

1. La vigilanza sulle strutture e sui servizi del sistema integrato, autorizzati ai sensi della l.r. 41/2003

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405520
Art. 60 - (Formazione e aggiornamento delle figure professionali sociali)

1. La formazione, l’aggiornamento e la supervisione degli operatori costituiscono strumento per la promozione della qualità e dell’efficacia del sistema integrato, per l’integrazione professionale e per lo sviluppo dell’innovazione organizzativa e gestionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405521
Art. 61 - (Valutazione della qualità degli interventi e dei servizi)

1. La Regione, ai fini della valutazione della qualità degli interventi e servizi del sistema integrato:

a) attiva, in collaborazione con gli enti locali e con l’Università e gli Istituti di ricerca scientifica e tecnologica, processi di partecipazione dei cittadini, anche favorendo l’attività delle associazioni di tutela degli utenti e delle organizzazioni sociali e sindacali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405522
Art. 62 - (Ufficio di tutela e garanzia dei diritti degli utenti del sistema integrato)

1. La Regione, in armonia con l’articolo 8, comma 4, della l. 328/2000, istituisce presso l’assessora

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405523
Art. 63 - (Osservatorio regionale delle politiche sociali)

1. E’ istituito, presso l’assessorato regionale competente in materia di politiche sociali, l’Osservatorio regionale delle politiche sociali, di seguito denominato Osservatorio, che coordina e realizza le azioni di monitoraggio del sistema dell’offerta e della domanda dei servizi sociali, della spesa sociale della Regione e degli enti locali, dello stato di attuazione del piano sociale regionale e dei piani sociali di zona, della qualità dei servizi erogati, nonché dei risultati delle politiche sociali adottate a livello regionale e locale.

2. L’Osservatorio, in pa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405524
CAPO IX - RISORSE E FINANZIAMENTO DEL SISTEMA INTEGRATO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405525
Art. 64 - (Finanziamento del sistema integrato)

1. Il sistema integrato è finanziato dai comuni, con il concorso delle risorse regionali, sia in conto gestione sia in conto capitale, finalizzate alle politiche sociali, nonché dal fondo sanitario regionale per quanto riguarda le attività integrate socio-sanitarie.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405526
Art. 65 - (Compartecipazione al costo delle prestazioni)

1. Il concorso degli utenti ai costi delle prestazioni sociali e socio-sanitarie è stabilito con lo strumento della situazione economica equivalente

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405527
CAPO X - DISPOSIZIONI FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405528
Art. 66 - (Clausola valutativa)

1. La Giunta regionale, con cadenza annuale, presenta al Consiglio regionale una relazione sullo stato di attuazione della presente legge, con particolare riferimento:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405529
Art. 67 - (Potere sostitutivo)

1. La Regione, nelle more dell’adozione della legge regionale di cui all’articolo 49 dello Statuto, a tutela degli interessi unitari regionali e nel rispetto del principio d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405530
Art. 68 - (Disposizione finale. Criterio di attuazione e di interpretazione)

1. Il benessere e lo sviluppo della persona, sia come singolo che nelle formazioni so

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405531
Art. 69 - (Modifiche alla l.r. 41/2003 e successive modifiche)

1. Alla l.r. 41/2003R e successive modifiche sono apportate le seguenti modifiche:

a) all’articolo 1:

1) la lettera b) del comma 2 dopo la parola: “disabili” sono aggiunte le seguenti: “comprese le persone affette da malattie cronico-degenerative invalidanti”;

b) dopo l’articolo 1 è inserito il seguente:

“Art. 1 bis (Integrazione sociosanitaria) — 1. Nelle strutture di cui all’articolo 1 è consentita l’accoglienza anche di persone non autosufficienti, che non necessitano di assistenza sanitaria e presenza infermieristica per l’intero arco della giornata.

2. Le prestazioni sanitarie in favore dei soggetti di cui al comma 1 sono fornite dall’azienda sanitaria locale competente nelle forme previste per l’assistenza domiciliare integrata, sulla base di protocolli d’intesa con il comune in cui ha sede la struttura.”;

c) la lettera b), del comma 1, dell’articolo 2, è abrogata;

d) al comma 1 dell’articolo 3 dopo le parole: “I comuni” sono inserite le seguenti: “, singoli o associati,”;

e) il secondo periodo dell’articolo 4, comma 3, è soppresso;

f) dopo l’articolo 4 sono inseriti i seguenti:

“Art. 4 bis (Cessione dell’autorizzazione) — 1. L’autorizzazione all’apertura ed al funzionamento della struttura che presta servizi socio-assistenziali può essere ceduta a terzi solo a seguito di trasferimento, in qualsiasi forma, del possesso o della detenzione della struttura ad un soggetto diverso da quello autorizzato e verifica della permanenza dei requisiti previsti dalla presente legge da parte del comune competente, che provvede alla relativa voltura entro il termine di cui all’articolo 4, comma 3.

2. In caso di decesso della persona fisica titolare dell’autorizzazione, gli eredi hanno facoltà di continuare l’esercizio dell’attività per un periodo non superiore ad un anno dal decesso, entro il quale gli eredi stessi possono, nel rispetto di quanto previsto dal comma 1, cedere a soggetti terzi l’autorizzazione all’esercizio ovvero provvedere alla voltura dell’autorizzazione in proprio favore.

3. Non rientrano nelle ipotesi di cessione dell’autorizzazione di cui ai commi 1 e 2, e comportano solo una modifica del provvedimento autorizzativo:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405532
Art. 70 - (Modifica alla l.r. 18/1994 e successive modifiche)

1. Nella l.r. 18/1994 e successive modifiche ovunque ricorra, la denominazione &ldquo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405533
Art. 71 - (Disposizione transitoria)

1. In fase di prima attuazione e fino all’adozione del piano sociale regionale la Giunta regionale, con propria deliberazione, sentita la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405534
Art. 72 - (Abrogazioni)

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge sono o restano abrogate:

a)-g) omissis

h) l’articolo 15 della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 41R (Norme in materia di autorizzazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3023253 3405535
Art. 73 - (Disposizioni finanziarie e clausola di salvaguardia)

1. Agli oneri derivanti dalla presente legge si provvede, per l’anno 2016, mediante le risorse iscritte a legislazione vigente, a valere sulle medesime annualità, nel programma 07 “Programmazione e governo della rete dei servizi sociosanitari e sociali”, nonché negli altri programmi concernenti il finanziamento del sistema integrato della missione 12 “Diritti sociali, politiche sociali e famiglia”, con esclusione delle risorse di cui al programma 01 “Interventi per l'infanzia e i minori e per asili nido” della medesima missione 12. Al finanziamento del sistema integrato concorrono, altresì, le risorse derivanti dalle assegnazioni statali, previste dalla legislazione vigente, iscritte nell’ambito della missione 12, nonché le risorse iscritte nell’ambito dei programmi operativi della programmazione 2014-2020, finanziati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Compravendita e locazione

La disciplina dei contratti di locazione a canone concordato ai sensi della L. 431/1998

PREMESSA - I CONTRATTI A CANONE CONCORDATO AI SENSI DELLA L. 431/1998 (Condizioni per la stipula dei contratti agevolati, transitori e per studenti universitari; Criteri per la determinazione del canone di locazione nella contrattazione territoriale; Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione di natura transitoria; Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione per studenti universitari; Indicazioni per i contratti da stipularsi in assenza degli accordi locali) - AGEVOLAZIONI FISCALI (Determinazione del reddito imponibile nei contratti di locazione; Riduzione del reddito imponibile per i contratti stipulati ai sensi del D.M. 16/01/2017; Riduzione dell’aliquota in caso di opzione per la c.d. “cedolare secca”; Riduzione delle imposte d’atto; Riduzione dell’aliquota IMU e TASI; Detrazioni per i conduttori; Necessità dell’attestazione ai fini delle agevolazioni fiscali).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Standards
  • Edilizia e immobili

Regolamento edilizio comunale tipo: contenuti, valenza, iter di approvazione

Intesa 20/10/2016 della Conferenza unificata che reca il Regolamento edilizio tipo ai sensi del D.L. “sblocca Italia” 133/2014. Nell'articolo sono fornite indicazioni su che cosa è il Regolamento edilizio comunale, i suoi contenuti ed il procedimento di approvazione, sui contenuti del Regolamento tipo, sull'iter della sua approvazione e del successivo recepimento da parte degli enti territoriali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Appalti di lavori privati
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria

Il reato di abuso d'ufficio in materia edilizia

Contesto normativo - Elementi costitutivi del reato: la condotta dell’agente (violazione di norme di legge o regolamento, omissione di astensione in caso di conflitto di interessi), l’evento del reato (procurare un ingiusto vantaggio patrimoniale, arrecare un ingiusto danno) e la configurazione del dolo (dolo intenzionale come volontà di cagionare l’evento in via primaria, gli elementi sintomatici del dolo) - Concorso del privato nel reato.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Edilizia e immobili
  • Condominio
  • Ordinamento giuridico e processuale

Il decreto ingiuntivo per il recupero degli oneri condominiali non pagati

IL DECRETO INGIUNTIVO PER IL PAGAMENTO DI SOMME (Generalità; Competenza del giudice per territorio e per importo; Contenuti ; Procedimento; Decreto ingiuntivo provvisoriamente (o immediatamente) esecutivo; Formazione del giudicato in assenza di opposizione; Mediazione e negoziazione assistita; Iscrizione di ipoteca giudiziale) - RICORSO PER DECRETO INGIUNTIVO PER ONERI CONDOMINIALI (Generalità e norme di riferimento; Intervento dei creditori; Azione da parte dell’amministratore e sue attribuzioni; Oneri condominiali e decreto immediatamente esecutivo e non; Esempi di prova scritta; Recupero dei crediti e autorizzazione assembleare della spesa; Autorizzazione assembleare all’azione legale; Irregolarità dell’amministratore nell’attività di recupero ; Opposizione del condomino al decreto ingiuntivo; Attribuzioni dell’amministratore e mediazione; Iniziativa da parte del singolo condomino) - INDIVIDUAZIONE DEL DEBITORE (Generalità; Locazione; Usufrutto; Vecchio proprietario; Più proprietari della stessa unità immobiliare; Successione; Fallimento) - OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO E IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEARE - SUGGERIMENTI PRATICI PER L’AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO.
A cura di:
  • Valentina Papanice
  • Catasto e registri immobiliari
  • Leasing immobiliare
  • Fisco e Previdenza
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia e immobili
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Fonti alternative

Profili catastali e fiscali degli impianti fotovoltaici

ACCATASTAMENTO IMPIANTI FOTOVOLTAICI E LORO COMPONENTI (Profili generali e inquadramento normativo; Quando sussiste e quando non sussiste l’obbligo di accatastare l’impianto; Qualificazione degli impianti come beni mobili o immobili) - PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA NELL’AMBITO DI ATTIVITÀ AGRICOLA (Connessione tra attività agricola e produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica; Immobili ospitanti gli impianti fotovoltaici realizzati su fondi agricoli) - CESSIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI, TRATTAMENTO FISCALE (Cessione di impianto fotovoltaico che costituisce un bene immobile ; Cessione di lastrico solare comprendente impianto fotovoltaico ; Cessione di impianto fotovoltaico che costituisce pertinenza) - REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI, TRATTAMENTO FISCALE (Cessione di parti destinate alla realizzazione di impianti fotovoltaici; Prestazioni di servizi per la realizzazione di impianti fotovoltaici) - LOCAZIONE O LEASING DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI, TRATTAMENTO FISCALE (Locazione o leasing di impianti fotovoltaici ; Locazione di terreni destinati a ospitare impianti fotovoltaici) - COSTITUZIONE O CESSIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE (Diritto di superficie e impianti fotovoltaici; Trattamento fiscale cessione o costituzione del diritto di superficie).
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Sicilia: interventi di edilizia scolastica per il triennio 2018-2020

  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Provvidenze

Campania: interventi di edilizia scolastica per il triennio 2018-2020

  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Lazio: interventi di edilizia scolastica per il triennio 2018-2020

  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Norme tecniche
  • Provvidenze
  • Costruzioni in zone sismiche

Umbria: sostegno interventi per l'edilizia scolastica (2018-2020)