FAST FIND : NR36006

L. R. Lombardia 08/07/2016, n. 16

Disciplina regionale dei servizi abitativi.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 26/05/2017, n. 15
- L.R. 28/12/2017, n. 37
- L.R. 10/08/2018, n. 12
- L.R. 28/11/2018, n. 16
Scarica il pdf completo
2925717 5112745
TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112746
Art. 1 - (Sistema regionale dei servizi abitativi)

1. La presente legge disciplina i soggetti, i servizi e gli strumenti del sistema regionale dei servizi abitativi al fine di soddisfare il fabbisogno abitativo primario e di ridurre il disagio abitativo dei nuclei familiari, nonché di particolari categorie sociali in condizioni di svantaggio.

2. Il sistema regionale dei servizi abitativi è un sistema unitario di offerta abitativa costituito dall’insieme degli alloggi sociali diretti a soddisfare le finalità di cui al comma 1. Esso assolve a una funzione di interesse generale e di salvaguardia della coesione sociale ed è ispirato da principi di sostenibilità, trasparenza, efficienza, efficacia ed economicità della gestione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112747
Art. 2 - (Funzioni della Regione)

1. Sono di competenza della Regione le funzioni che richiedono un esercizio unitario a livello regionale e in particolare:

a) la disciplina del sistema regionale dei servizi abitativi, con particolare riferimento alla determinazione dei criteri generali per l’assegnazione e la gestione degli alloggi sociali, nonché per la fissazione dei relativi canoni di locazione;

b) la disciplina del sistema regionale di accreditamento degli operatori pubblici e privati, la verifica dei requisiti per l’accesso e la permanenza nel sistema;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112748
Art. 3 - (Funzioni dei comuni)

1. Sono di competenza dei comuni:

a) la ricognizione dei fabbisogni abitativi a livello territoriale e l’individuazione, in collaborazione con l’ALER territorialmente competente e con gli operatori accreditati, delle tipologie di intervento idonee a soddisfare i bisogni rilevati, sulla base dei criteri e delle modalità stabiliti dalla Giunta regionale;

b) la programmazione dell’offerta abitativa pubblica e sociale, coordinata con le politiche urbanistiche e di rigen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112749
Art. 4 - (Sistema regionale di accreditamento)

1. I servizi abitativi pubblici e sociali sono erogati, oltre che dai comuni e dalle ALER, anche da operatori accreditati, quali soggetti del terzo settore, cooperative ed altri operatori anche a partecipazione pubblica purché l’incarico di servizio ad operatori accreditati non comporti alcun aggravio di oneri per l’utenza rispetto all’erogazione degli stessi servizi da parte dell’ente proprietario.

2. Il sistema regionale di accreditamento ha lo scopo di offrire servizi abitativi pubblici e sociali che rispondano a standard di qualità, efficienza ed efficacia gestionale, nonché a criteri di sostenibilità economico-finanziaria. Per l’affidamento della gestione dei servizi abitativi pubblici, la selezione degli operatori, tra quelli accreditati, avviene mediante procedure di evidenza pubblica.

3. Al fine di incrementare l’offerta di servizi abitativi pubblici e sociali, l’apporto di unità abitative di proprietà da parte degli operatori accreditati, costituisce titolo preferenziale nelle procedure di evidenza pubblica per l’affidamento della gestione dei servizi abitativi pubblici e sociali.

4. Con regolamento della Giunta regionale, da adottare entro dodici mesi dall’entrata in vigore della presente legge

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112750
Art. 5 - (Osservatorio regionale sulla condizione abitativa)

1. Per supportare le scelte programmatorie regionali, la Giunta regionale si avvale dell’Osservatorio regionale sulla condizione abitativa, quale struttura regionale per la rilevazione dei fabbisogni e la conoscenza della situazione abitativa sul territorio regionale, oltre che per la valutazione dell’efficacia e dell’efficienza degli interventi attuati. L’Osservatorio regionale opera in stretta connessione con l’Osservat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112751
Art. 6 - (Programmazione dell’offerta abitativa pubblica e sociale)

1. Lo strumento di programmazione in ambito locale dell’offerta abitativa pubblica e sociale è il piano triennale dell’offerta dei servizi abitativi pubblici e sociali. L’ambito territoriale di riferimento del piano coincide con l’ambito territoriale dei piani di zona di cui all’articolo 18 della legge regionale 12 marzo 2008, n. 3 (Governo della rete degli interventi e dei servizi alla persona in ambito sociale).

2. Per l’approvazione del piano

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112752
TITOLO II - AZIENDE LOMBARDE PER L’EDILIZIA RESIDENZIALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112753
Art. 7 - (Aziende lombarde per l’edilizia residenziale)

1. Le Aziende lombarde per l’edilizia residenziale (ALER) sono le seguenti:

1) ALER Milano;

2) ALER Pavia-Lodi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112754
Art. 8 - (Attività delle ALER)

1. Le ALER hanno il compito di soddisfare il fabbisogno riguardante i servizi abitativi pubblici nel quadro della programmazione regionale e sovracomunale anche mediante la realizzazione di attività imprenditoriali, purché prevalentemente finalizzate a tale funzione sociale. In particolare le ALER:

a) attuano gli interventi di edilizia pubblica di recupero e di nuova costruzione, anche mediante l’acquisizione di immobili da destinare ai servizi abitativi pubblici, utilizzando risorse rese disponibili anche da altri soggetti pubblici;

b) esercitano le funzioni amministrative concernenti le procedure per l’assegnazione dei servizi abitativi pubblici sulle unità abitative di loro proprietà;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112755
Art. 9 - (Statuto delle ALER)

1. Il presidente dell’ALER adotta la proposta di statuto, sentito il consiglio territoriale, sulla base di uno schema predisposto dalla Giunta regionale e approvato dal Consiglio regional

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112756
Art. 10 - (Organi delle ALER)

1. Sono organi delle ALER:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112757
Art. 11 - (Presidente)

1. Il presidente è il legale rappresentante e l’amministratore unico dell’ALER. La nomina del presidente spetta alla Giunta regionale, ai sensi della legge regionale 10 dicembre 2008, n. 32 (Disciplina delle nomine e designazioni della Giunta regionale e del Presidente della Regione); l’incarico ha termine al compimento del sesto mese successivo alla scadenza della legislatura regionale ed è rinnovabile una sola volta.

2. L’indennità di carica del presidente è determinata dalla Giunta regionale, tenendo conto della complessità organizzativa, della dimensione economica e del patrimonio delle ALER e, in ogni caso, in misura non superiore all’indennità di carica del consigliere regionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112758
Art. 12 - (Direttore generale)

1. Il direttore generale è nominato dal presidente, ai sensi dell’articolo 11, comma 4, lettera f), tra gli iscritti in apposito elenco regionale, istituito e tenuto dalla Giunta regionale. Possono essere iscritti in tale elenco i dirigenti pubblici e privati muniti di diploma di laurea che abbiano ricoperto incarichi di direzione o di responsabilità tecnica, amministrativa, gestionale di durata almeno quinquennale. Con deliberazione della Giunta regionale sono definite le modalità di selezione e sono specificati i criteri da utilizzare per valutare l’adeguatezza della esperienza dirigenziale.

2. In ragione della dimensione economica e patrimoniale e della complessità organizzativa, lo statuto dell’ALER di Milano può prevedere che il direttore generale sia coadiuvato nell’esercizio delle sue funzioni da un direttore amministrativo e da un direttore sociale, nominati dal presidente nell’ambito dei ruoli dirigenziali dell’organico aziendale.

3. Il rapporto di lavoro del direttore generale, regolato da contratto di diritto pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112759
Art. 13 - (Consiglio territoriale)

1. Il consiglio territoriale è formato da un numero di componenti, definito dalla Giunta regionale, variabile da un minimo di sette a un massimo di tredici. Di questi, da due a quattro, proporzionalmente al numero dei componenti del consiglio territoriale, sono indicati dalla minoranza. I componenti sono nominati dal Consiglio regionale, sulla base di apposito elenco, aggiornato periodicamente, in cui sono inseriti i sindaci dei comuni, sede di edifici di proprietà o in gestione ad ALER, dell’ambito territoriale di ciascuna ALER, che ne fa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112760
Art. 14 - (Collegio dei sindaci)

1. Il collegio dei sindaci è composto da tre membri effettivi e due supplenti nominati dal Consiglio regionale. I membri del collegio sono nominati tra esperti in materia di amministrazione e contabilità iscritti all’albo dei revisori dei conti. Il presidente è nominato dal Consiglio regionale con il medesimo provvedimento.

2. Il Consiglio regionale pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112761
Art. 15 - (Osservatorio per la legalità e la trasparenza)

1. È istituito presso ogni ALER l’Osservatorio per la legalità e la trasparenza, con particolare riguardo ai temi inerenti alle occupazioni abusive, la morosità, colpevole o incolpevole, e le tematiche connesse alle assegnazioni degli alloggi. L’Osservatorio deve

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112762
Art. 16 - (Fonti di finanziamento)

1. Le ALER provvedono al raggiungimento dei propri scopi mediante:

a) i finanziamenti dello Stato, della Regione e degli enti locali destinati ai servizi abitativi pubblici;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112763
Art. 17 - (Bilancio e programmi di attività delle ALER)

1. Il regolamento di amministrazione e contabilità disciplina il bilancio conformandosi ai principi desumibili dagli articoli 2423 e seguenti del codice civile.

2. In allegato al bilancio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112764
Art. 18 - (Controllo sugli atti delle ALER)

1. Il presidente trasmette alla Giunta regionale il bilancio di previsione e di eserc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112765
Art. 19 - (Stato giuridico e trattamento economico del personale)

1. Al personale delle ALER si applicano gli istituti attinenti allo stato giuridico,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112766
Art. 20 - (Diritti dell’utente)

1. Le ALER determinano i criteri e promuovono gli strumenti operativi che garantiscono la rappresentanza degli interessi e dei diritti dell’utenza.

2. La Regione e le ALER, al fine di garantire un corretto e trasparente rapporto tra le parti, promuovono e favoriscono la partecipazione delle rappresentanze sindacali e dei comitat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112767
TITOLO III - SERVIZI ABITATIVI PUBBLICI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112768
Capo I - Disciplina dei servizi abitativi pubblici
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112769
Art. 21 - (Ambito di applicazione)

1. I servizi abitativi pubblici si rivolgono ai nuclei familiari che si trovano in uno stato di disagio economico, familiare ed abitativo, accertato ai sensi del regolamento di cui all’articolo 23, che non consente loro di accedere alla locazione di alloggi alle condizioni di mercato, ovvero ai servizi abitativi sociali di cui al titolo IV.

2. Ai fini della presente legge, il nucleo avente diritto ai servizi abitativi pubblici è costituito da una sola persona, anche genitore separato o divorziato, ovvero dalle persone di seguito elencate:

a) coniugi non legalmente separati, so

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112770
Art. 22 - (Beneficiari dei servizi abitativi pubblici)

1. I beneficiari dei servizi abitativi pubblici devono avere i seguenti requisiti:

a) cittadinanza italiana o di uno Stato dell’Unione europea ovvero condizione di stranieri titolari di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo ai sensi del decreto legislativo 8 gennaio 2007, n. 3 (Attuazione della direttiva 2003/109/CE relativa allo status di cittadini di Paesi terzi soggiornanti di lungo periodo) o di stranieri regolarmente soggiornanti in possesso di permesso di soggiorno almeno biennale e che esercitano una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo ai sensi dell’articolo 40, comma 6, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112771
Art. 23 - (Accesso e permanenza nei servizi abitativi pubblici)

1. Le funzioni amministrative concernenti le procedure di selezione per l’accesso ai servizi abitativi pubblici spettano ai comuni, che possono avvalersi per le attività istruttorie della collaborazione dell’ALER territorialmente competente previa stipula di apposita convenzione.

2. Al fine di soddisfare il fabbisogno abitativo primario e di rendere accessibile il patrimonio abitativo disponibile e non utilizzato, i comuni possono integrare l’offerta dei servizi abitativi pubblici con unità abitative conferite da soggetti pubblici e privati, compresi gli operatori accreditati, da reperire attraverso procedure ad evidenza pubblica e da disciplinare mediante apposite convenzioni di durata non inferiore ad otto anni rinnovabili in forma espressa. Alle unità abitative temporaneamente destinate a servizi abitativi pubblici si applicano le disposizioni della presente legge e dei regolamenti attuativi. Per la loro gestione, i comuni possono avvalersi di operatori accreditati ovvero dell’ALER territorialmente competente.

3. I nuclei familiari in condizioni di indigenza accedono ai servizi abitativi pubblici attraverso la presa in carico da parte dei servizi sociali comunali, nell’ambito di programmi volti al recupero dell’autonomia economica e sociale. Ai fini della presente legge, si considerano in condizioni di indigenza i nuclei familiari che dichiarano una situazione economica pari o inferiore all’indicatore di situazione economica equivalente (ISEE) corrispondente ad una soglia di povertà assoluta e di grave deprivazione materiale determinata con regolamento regionale da adottare entro sei mesi dall’entrata in vigore della presente legge, avendo come parametro economico di riferimento l’assegno sociale erogato dall’INPS. Al fine di garantire la sostenibilità economica e di favorire l’integrazione sociale nei servizi abitativi pubblici, le assegnazioni riguardanti i nuclei familiari in condizioni di indigenza presi in carico dai servizi sociali comunali, sono disposte "nella misura del 20 per cento"N9 delle unità abitative annualmente disponibili. I comuni possono superare la suddetta soglia con riguardo al patrimonio di proprietà comunale, garantendo la copertura delle relative spese di alloggio.

4. Per accedere ai servizi abitativi pubblici i nuclei familiari, a seguito dell’avviso pubblico di cui all’articolo 6, comma 3, presentano la domanda di assegnazione attraverso la piattaforma informatica regionale, nella quale sono pubblicate le unità abitative effettivamente disponibili suddivise per ente proprietario. I comuni, le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112772
Art. 24 - (Canone di locazione dei servizi abitativi pubblici)

1. Il canone di locazione dei servizi abitativi pubblici è destinato a compensare i costi di gestione, compresi gli oneri fiscali, e a garantire la manutenzione ordinaria per la buona conservazione del patrimonio immobiliare. Eventuali eccedenze, al netto della fiscalità e degli oneri finanziari, sono destinate al miglioramento e allo sviluppo del patrimonio abitativo destinato ai servizi abitativi pubblici.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112773
Art. 25 - (Sostenibilità dei servizi abitativi pubblici)

1. I servizi abitativi pubblici assolvono ad una funzione di interesse generale e di salvaguardia della coesione sociale alla cui sostenibilità concorrono in modo responsabile ed integrato Regione, comuni e ALER.

2. La Regione concorre, insieme ai comuni e alle ALER, a sostenere l’accesso ai servizi abitativi pubblici dei nuclei familiari in condizioni di indigenza di cui all’articolo 23, comma 3, attraverso un contributo regionale di solidarietà per il n

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112774
Art. 26 - (Sistemi dei controlli sui servizi abitativi pubblici)

1. Gli enti gestori di servizi abitativi pubblici adottano, con cadenza annuale, piani di controllo finalizzati a:

a) prevenire e contrastare il fenomeno delle occupazioni abusive;

b) verificare la situazione reddituale e la permanenza dei requisiti di assegnazione degli assegnatari, da effettuarsi in collaborazione con il comune, avvalendosi di protocolli di intesa con gli enti competenti e tramite accessi ai sistemi informativi degli enti;

c) verificare la morosità dei nuclei familiari assegnatari di servizi abitativi pubblici.

2. I comuni e la Regione vigilano sull’efficacia con la quale gli enti gestori attuano i piani di controllo di cui al comma 1.

3. Al fine di prevenire e contrastare azioni illegali come l’occupazione abusiva di alloggi, la cessione a terzi dell’alloggio assegnato, atti vandalici o intimidatori, i comuni, di concerto con gli enti gestori, possono promuovere l’adozione di strumenti per la formazione di un contesto sociale e abitativo sicuro, tra cui i patti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112775
Art. 27 - (Autogestione)

1. Gli enti proprietari promuovono l’autogestione da parte degli assegnatari dei servizi accessori e degli spazi comuni, fornendo alle gestioni autonome l’assistenza tecnica, amministrativa, legale, necessaria per la loro costituzione e per il corretto funzionamento.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112776
Capo II - Alienazione e valorizzazione del patrimonio abitativo pubblico
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112777
Art. 28 - (Finalità e disposizioni comuni)

1. Il presente capo disciplina l’alienazione e la valorizzazione del patrimonio abitativo pubblico mediante programmi di razionalizzazione e sviluppo di competenza regionale. Con deliberazione della Giunta regionale sono emanate le modalità attuative del presente capo.

2. Gli enti proprietari possono procedere alla alienazione e valorizzazione di unità abitative esclusivamente per esigenze di razionalizzazione, economicità e diversificazione della gestione del patrimonio, nella misura massima del 15 per cento delle unità abitative di cui risultano proprietari alla data di entrata in vigore della presente legge. Nell’ambito della percentuale di cui al primo periodo, le unità abitative alienabili, incluse quelle conferite ai fondi immobiliari di cui all’articolo 11 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 (Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112778
Art. 29 - (Alloggi assegnati)

1. Il programma di cui all’articolo 28, comma 4, può ricomprendere la vendita di alloggi assegnati qualora si tratti di unità abitative collocate in condominio in cui la proprietà pubblica è minoritaria in relazione al valore delle quote millesimali o di interi edifici la cui vendita risponde ad esigenze di razionalizzazione ed economicità, in considerazione dello stato di degrado o della particolare caratterizzazione tipologica o strutturale.

2. I comuni e l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112779
Art. 30 - (Alloggi liberi)

1. È consentita la vendita degli alloggi e relative pertinenze, liberi da inquilini, di proprietà delle ALER o dei comuni, in presenza di una delle seguenti ipotesi:

a)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112780
Art. 31 - (Modalità di valorizzazione alternative all’alienazione)

1. È consentita la valorizzazione degli alloggi e delle unità non residenziali attraverso modalità alternative all’alienazione, ferme restando le disposizioni previste all’articolo 28.

2. Il programma di cui all’articolo 28, comma 4, può prevedere:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112781
TITOLO IV - SERVIZI ABITATIVI SOCIALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112782
Art. 32 - (Ambito di applicazione)

1. Ai fini della presente legge il servizio abitativo sociale consiste nell’offerta e nella gestione di alloggi sociali a prezzi contenuti destinati a nuclei familiari con una capacità economica che non consente loro né di sostenere un canone di locazione o un mutuo sul mercat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112783
Art. 33 - (Servizi abitativi a canone agevolato)

1. Fanno parte del sistema regionale dei servizi abitativi gli alloggi sociali cui si applica un canone che copre gli oneri di realizzazione, recupero o acquisizione, nonché i costi di gestione.

2.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112784
Art. 34 - (Servizi abitativi temporanei)

1. Per servizi abitativi temporanei si intende ogni attività finalizzata alla realizzazione o alla messa a disposizione, in qualsiasi forma, di un

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112785
Art. 35 - (Servizi residenziali universitari)

1. La Regione sostiene la realizzazione di residenze universitarie e servizi di supporto all’attività formativa per gli studenti fuori sede iscritti a corsi di laurea universitaria, di alta formazione artistica, musicale e coreutica, di dottorato e master universitari, di specializzazione post lauream comunque denominati. In tali residenze potranno essere accolti anche borsisti, assegnisti, docenti ed altri esperti coinvolti nell’attività didattica e di ricerca anche a seguito di esperienze di mob

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112786
Art. 36 - (Fondi immobiliari)

1. Per favorire l’incremento dell’offerta di servizi abitativi, la Regione partecipa alla costituzione di un sistema integrato nazionale e locale di fondi immobiliari per l’acquisizione, la realizzazione e la gestione integrata di immobili pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112787
TITOLO V - AZIONI PER L’ACCESSO ED IL MANTENIMENTO DELL’ABITAZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112788
Art. 37 - (Aiuti ai nuclei familiari in difficoltà nel pagamento dei mutui)

1. La Regione promuove intese con gli istituti bancari per sostenere i cittadini in g

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112789
Art. 38 - (Aiuti ai nuclei familiari per l’acquisto dell’abitazione principale)

1. La Regione promuove misure di agevolazione finanziaria per favorire l’acquisto della prima casa da destinare ad abitazione princi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112790
Art. 39 - (Iniziative per il mantenimento dell’abitazione in locazione)

1. La Regione promuove e coordina, nei limiti delle risorse disponibili, azioni per contrastare l’emergenza abitativa nel mercato privato delle locazioni e nella gestione dei servizi abitativi sociali. In particolare, sostiene sperimentazioni ed iniziative che coinvolgono comuni, operatori accreditati ed altre istituzioni e soggetti territoriali anche in chiave di integrazione delle politiche di assistenza, favorendo la partecipazione delle associazioni dei proprietari e degli inquilini. Tale attività si esplica in via preferenzia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112791
Art. 40 - (Aiuti ai nuclei familiari in condizione di morosità incolpevole)

1. Al fine di contrastare e gestire il fenomeno della morosità incolpevole e d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112792
Art. 41 - (Fondo per l’accesso ed il mantenimento dell’abitazione)

1. Per le finalità di cui al presente titolo, è istituito un fondo per il sostegno all’accesso e al mantenimento delle abitazioni in locazione, nonché per la prevenzione e il contrasto alla morosità incolpevole. Il fondo concorre a realizzare gli obiettivi di cui all

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112793
TITOLO VI - DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112794
Art. 42 - (Disposizioni in materia urbanistica)

1. Per gli interventi finalizzati alla realizzazione di unità abitative destinate a servizi abitativi pubblici e sociali, il contributo sul costo di costruzione non &egr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112795
Art. 43 - (Disposizioni transitorie e finali)

1. Fino all’entrata in vigore dei regolamenti regionali di cui agli articoli 4, comma 4, 23, 25, commi 2 e 3, la gestione dei servizi abitativi pubblici e sociali resta disciplinata dagli articoli da 28 a 44 bis della l.r. 27/2009 e dagli allegati B e C alla medesima legge, nonché dalle disposizioni del regolamento regionale 10 febbraio 2004, n. 1 (Criteri generali per l’assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (art. 3, comma 41, lett. m), l.r. 1/2000)).

2. Fino all’entrata in vigore del regolamento regionale di cui all’articolo 24, comma 3, per la determinazione dei canoni di locazione continuano ad applicarsi, in quanto compatibili, le disposizioni di cui al titolo III, capi II e IV, nonché gli alle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112796
Art. 44 - (Abrogazioni)

1. La legge regionale 4 dicembre 2009, n. 27 (Testo unico delle leggi regionali in materia di edilizia residenziale pubblica) è abrogata, fatto salvo quanto previsto ai commi 1, 2, 3 e 5 dell’articolo 43 della presente legge.

2. La legge regionale 13 giugno 2013, n. 2 (Disposizioni urgenti per il funzionamento delle Aziende regionali per l’edilizia residenziale pubblica (ALER)) è abrogata.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112797
Art. 45 - (Norma finanziaria)

1. Per lo sviluppo e la realizzazione della piattaforma informatica di cui all’articolo 6, comma 4, della presente legge è autorizzata la spesa in conto capitale rispettivamente di euro 150.000,00 nel 2016 e di euro 450.000,00 nel 2017.

2. Alla spesa di cui al comma 1, si provvede mediante riduzione, rispettivamente, di euro 110.000,00 nel 2016 e di euro 450.000,00 nel 2017 della disponibilità della missione 20 «Fondi e accantonamenti», programma 03 «Altri fondi» - Titolo II «Spese in conto capitale» e corrispondente aumento della missione 8 «Assetto del territorio ed edilizia abitativa», programma 02 «Edilizia residenziale pubblica e piani di edilizia economico-popolare» - Titolo II «Spese in conto capitale». Alla quota di euro 40.000,00 per l’anno 2016 si provvede con le risorse già stanziate per spese informatiche alla missione 8 «Assetto del territorio ed edilizia abitativa», programma 02 «Edilizia residenziale pubblica e piani di edilizia economico-popolare» - Titolo II «Spese in conto capitale».

3. Per le misure di sostegno dei servizi abitativi pubblici di cui ai commi 2 e 3 dell’articolo 25 della presente legge è autorizzata la spesa di natura corrente, rispettivamente di euro 10.000.000,00 nel 2016, euro 20.000.000,00 nel 2017 ed euro 25.000.000,00 nel 2018.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2925717 5112798
Art. 46 - (Clausola valutativa)

1. Il Consiglio regionale controlla l’attuazione della presente legge e valuta i risultati progressivamente ottenuti per soddisfare il fabbisogno primario e ridurre il disagio abitativo della popolazione lombarda.

2. Entro il 31 marzo di ciascun anno, la Giunta regionale presenta al Consiglio regionale un rapporto contenente:

a) le dimensioni, le caratteristiche e la distribuzione territoriale della domanda e dell’offerta di servizi abitativi;

b) lo stato di attuazione degli indirizzi strategici definiti dal Consiglio regionale, gli interventi realizzati, le risorse stanziate e utilizzate, i soggetti coinvolti, i beneficia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa

Lombardia: il nuovo Piano Casa dopo la Legge Regionale 4/2012

Con la Legge Regionale 13 marzo 2012, n. 4, la Regione Lombardia ha prorogato i termini per la realizzazione di alcuni interventi già previsti dalla L.R. 13/2009 sul Piano Casa, ampliando nel contempo le possibilità offerte da detta legge, consentendo ai comuni di modificare le proprie deliberazioni relativamente alle aree escluse ed individuando nuove tipologie di intervento. Interventi di recupero edilizio e funzionale; interventi di sostituzione edilizia; interventi su fabbricati a destinazione produttiva; interventi di edilizia sociale.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Distanze tra le costruzioni
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Urbanistica

I limiti di distanza tra fabbricati antistanti

Distanze tra costruzioni; modalità di calcolo delle distanze; prevalenza sui regolamenti locali; norma imperativa; pareti finestrate; edifici preesistenti; centro storico; nuova costruzione; ristrutturazione; demolizione e ricostruzione; deroghe.
A cura di:
  • Giulio Tomasi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili

Oneri di urbanizzazione: vanno calcolati in base al carico urbanistico degli interventi

Distinzione tra «ristrutturazione edilizia» e «manutenzione straordinaria». Il Tar Lombardia sulla determinazione degli oneri di urbanizzazione nell’ipotesi di ristrutturazione edilizia.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili

Piano casa Regione Lombardia

Interventi di ampliamento, demolizione e ricostruzione, autorizzazione richiesta, limiti, vincoli e divieti. Utilizzo del patrimonio edilizio esistente; interventi sul patrimonio immobiliare pubblico.
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili

Morosità incolpevole dell’inquilino: i criteri per il riparto del fondo e l’assegnazione dei contributi

Risorse e modalità di funzionamento del Fondo, istituito presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, destinato agli inquilini "morosi incolpevoli". AGGIORNAMENTO LUGLIO 2018: riparto della disponibilità 2018.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Imprese
  • Compravendita e locazione
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Protezione civile
  • Calamità/Terremoti
  • Calamità
  • Terremoto Centro Italia 2016

Sisma centro Italia 2016: termine sospensione versamenti mutui e canoni di locazione finanziaria (attività economiche e privati con prima casa distrutta o inagibile)

  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili
  • Mutui e finanziamenti immobiliari

Valle D'Aosta, politiche abitative: domanda di mutuo

  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia residenziale
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Trento, proroga delle utenze di acqua pubblica