FAST FIND : CM223

Le ESCo secondo la nuova UNI CEI 11352:2010 e il D. Leg.vo 115/2008

Il corso organizzato dal Comitato Termotecnico Italiano si terrà a Milano il 26 ed il 27 luglio 2010.

Il D. Leg.vo 115/2008 definisce le ESCo come quelle società che forniscono «servizi energetici ovvero altre misure di miglioramento dell'efficienza energetica nelle installazioni o nei locali dell'utente e ciò facendo, accetta un certo margine di rischio finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa, totalmente o parzialmente, sul miglioramento dell'efficienza energetica conseguito e sul raggiungimento di altri criteri di rendimento stabiliti».

Questa seppur articolata definizione non basta per definire nel dettaglio cosa è e cosa deve fare una ESCo. L'art. 16 dello stesso Decreto chiarisce infatti che le ESCo, in quanto fornitrici di servizi energetici, devono essere meglio definite da una norma UNI-CEI (la UNI CEI 11352:2010 appunto) sulla base della quale verrà approvata una specifica procedura di Certificazione Volontaria.

Il corso è stato sviluppato partendo proprio da queste premesse che definiscono il quadro operativo in cui si deve muovere una ESCo, con l'obiettivo di approfondire in dettaglio i contenuti della norma UNI CEI e fornire a società pubbliche o private, interessate a utilizzare o offrire qualificati servizi di efficienza energetica, a consulenti e liberi professionisti, tutti gli elementi utili per impiegare al meglio il nuovo strumento normativo elaborato su richiesta del ministero.

Ulteriore valore aggiunto fornito dal corso è l'analisi in anteprima, in attesa della pubblicazione prevista per l'autunno 2010, della norma UNI CEI EN 15900 sui servizi di efficienza energetica elaborata nel contesto della direttiva 2006/32/CE sull'efficienza negli usi finali dell'energia.

Il corso intende:

  • illustrare i contenuti dell norma UNI CEI 11352 Gestione dell'energia. Società che forniscono servizi energetici (ESCo). Requisiti generali e lista di controllo per la verifica dei requisiti ed il suo possibile utilizzo per l'autovalutazione o la qualifica da parte del commitente;
  • illustrare come può avvenire la certificazione di terza parte delle ESCo in conformità alla UNI CEI 11352;
  • definire le caratteristiche di un servizio di miglioramento dell'efficienza energetica in accordo con la futura UNI CEI EN 15900:2010 Servizi di efficienza energetica. Definizione e requisiti;
  • illustrare le modalità dei contratti «a garanzia di risultato» che una ESCo conforme alla UNI CEI 11352 deve sottoscrivere sia per il settore privato che per il settore pubblico;
  • illustrare come operano le ESCo nei vari Paesi Europei;
  • evidenziare come operano varie ESCo italiane.

Maggiori dettagli e costi di partecipazione sono riportati nella locandina.

Ufficio Centrale CTI
Via Scarlatti 29, 20124 Milano
Tel. +39 02 266.265.1
Fax +39 02 266.265.50

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Linee guida per l'adesione al sistema di ecogestione e audit (EMAS)

Con la Decisione (UE) 2017/2285, la Commissione europea fornisce linee guida e informazioni dettagliate per aderire al sistema europeo di ecogestione e audit (EMAS) istituito con il Regolamento (CE) 1221/2009 del 25/11/2009. Le Linee guida sostituiscono quelle contenute nella Decisione 2013/131/UE al fine di aggiornarle in base all'esperienza acquisita attraverso la gestione di EMAS e per rispondere alle esigenze derivanti da orientamenti supplementari.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Mezzogiorno e aree depresse

Resto al Sud - Contributi per i giovani imprenditori del Mezzogiorno

Concessione di contributi in favore di soggetti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni, al fine di promuovere la costituzione di nuove imprese nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Attuazione della misura denominata “Resto al Sud”, prevista dal D.L. 91/2017.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Partenariato pubblico privato
  • Appalti e contratti pubblici

Linee guida ANAC sul rispetto degli obblighi di affidamento da parte dei concessionari

Lo schema di linee guida ANAC concernenti la verifica del rispetto del limite per l’affidamento da parte dei concessionari mediante concessioni mediante procedura ad evidenza pubblica, introducendo clausole sociali e per la stabilità del personale impiegato e per la salvaguardia delle professionalità.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Il Building Information Modeling (Bim) per le opere pubbliche

Analisi redazionale e testo del decreto, in corso di emanazione, che reca modalità e tempistiche per l’adozione del BIM nella progettazione e nei processi esecutivi dei lavori e gestionali delle opere pubbliche. Soggetti tenuti, tempistiche di introduzione obbligatoria, adempimenti delle stazioni appaltanti, specifiche tecniche, documentazione di gara e valenza contrattuale.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Appalti di lavori privati

Responsabilità extracontrattuale di progettista, D.L. e impresa appaltatrice per difetti di immobili non ultimati

La sentenza della Corte di Cassazione 27/11/2017, n. 28233, specifica che la responsabilità per rovina e difetti di immobili di cui all'art. 1669 Codice civile ha natura extracontrattuale e si applica in via esclusiva anche nel caso di opera non ultimata; non trovano invece applicazione le norme in materia di risoluzione del contratto per inadempimento di cui agli artt. 1453 e ss. Codice civile. La Suprema Corte illustra l’orientamento giurisprudenziale sul tema e, mediante un’articolata motivazione, ne dimostra i limiti giungendo alla formulazione di un principio di diritto innovativo.
A cura di:
  • Emanuela Greco