FAST FIND : CM223

Le ESCo secondo la nuova UNI CEI 11352:2010 e il D. Leg.vo 115/2008

Il corso organizzato dal Comitato Termotecnico Italiano si terrà a Milano il 26 ed il 27 luglio 2010.

Il D. Leg.vo 115/2008 definisce le ESCo come quelle società che forniscono «servizi energetici ovvero altre misure di miglioramento dell'efficienza energetica nelle installazioni o nei locali dell'utente e ciò facendo, accetta un certo margine di rischio finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa, totalmente o parzialmente, sul miglioramento dell'efficienza energetica conseguito e sul raggiungimento di altri criteri di rendimento stabiliti».

Questa seppur articolata definizione non basta per definire nel dettaglio cosa è e cosa deve fare una ESCo. L'art. 16 dello stesso Decreto chiarisce infatti che le ESCo, in quanto fornitrici di servizi energetici, devono essere meglio definite da una norma UNI-CEI (la UNI CEI 11352:2010 appunto) sulla base della quale verrà approvata una specifica procedura di Certificazione Volontaria.

Il corso è stato sviluppato partendo proprio da queste premesse che definiscono il quadro operativo in cui si deve muovere una ESCo, con l'obiettivo di approfondire in dettaglio i contenuti della norma UNI CEI e fornire a società pubbliche o private, interessate a utilizzare o offrire qualificati servizi di efficienza energetica, a consulenti e liberi professionisti, tutti gli elementi utili per impiegare al meglio il nuovo strumento normativo elaborato su richiesta del ministero.

Ulteriore valore aggiunto fornito dal corso è l'analisi in anteprima, in attesa della pubblicazione prevista per l'autunno 2010, della norma UNI CEI EN 15900 sui servizi di efficienza energetica elaborata nel contesto della direttiva 2006/32/CE sull'efficienza negli usi finali dell'energia.

Il corso intende:

  • illustrare i contenuti dell norma UNI CEI 11352 Gestione dell'energia. Società che forniscono servizi energetici (ESCo). Requisiti generali e lista di controllo per la verifica dei requisiti ed il suo possibile utilizzo per l'autovalutazione o la qualifica da parte del commitente;
  • illustrare come può avvenire la certificazione di terza parte delle ESCo in conformità alla UNI CEI 11352;
  • definire le caratteristiche di un servizio di miglioramento dell'efficienza energetica in accordo con la futura UNI CEI EN 15900:2010 Servizi di efficienza energetica. Definizione e requisiti;
  • illustrare le modalità dei contratti «a garanzia di risultato» che una ESCo conforme alla UNI CEI 11352 deve sottoscrivere sia per il settore privato che per il settore pubblico;
  • illustrare come operano le ESCo nei vari Paesi Europei;
  • evidenziare come operano varie ESCo italiane.

Maggiori dettagli e costi di partecipazione sono riportati nella locandina.

Ufficio Centrale CTI
Via Scarlatti 29, 20124 Milano
Tel. +39 02 266.265.1
Fax +39 02 266.265.50

Dalla redazione

Costruzione in aderenza come addizione di manufatto precedente (Cass. 23968/2017)

La Corte di Cassazione, evidenziando la differenza tra le disposizioni di cui agli artt. 873 e 877 del Codice civile, chiarisce che non vi sono ragioni per negare la possibilità di costruire un manufatto in aderenza ad un fabbricato realizzato dal vicino sul confine per il solo fatto che tale manufatto costituisca addizione di un fabbricato preesistente.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Abuso di ufficio anche in assenza di un accordo collusivo ed in presenza di una finalità pubblicistica (Cass. Pen 43160/2017)

La sentenza della Corte di Cassazione ribadisce importanti principi relativi alla prova della sussistenza del dolo intenzionale che qualifica il reato di abuso d’ufficio. In particolare, ai fini dell’accertamento dell’intenzionalità del vantaggio patrimoniale, non è necessaria la presenza di un accordo collusivo con il beneficiario della condotta, né può rilevare la compresenza di una finalità pubblicistica al fine di escludere il dolo intenzionale.
A cura di:
  • Emanuela Greco

Patentino ascensoristi: ripristino Commissione prefettizia per gli esami di abilitazione (DDL europea 2017)

Il disegno di legge europea per il 2017 - approvato dal Senato il 10/10/2017 e tornato alla Camera per l’approvazione definitiva - prevede il ripristino della Commissione prefettizia incaricata di svolgere le prove teorico-pratiche di esame per acquisire l’abilitazione alle attività manutentive sugli impianti di ascensore.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Requisiti igienico-sanitari nelle costruzioni

Requisiti igienico-sanitari generali delle abitazioni (altezza dei locali, superficie minima, bagni, riscaldamento, temperatura di progetto, ventilazione ed esclusione di condizioni di umidità, aspirazione di fumi ed esalazioni); Requisiti igienico-sanitari in edifici condonati e nel caso di recupero di sottotetti; Deroghe per interventi di efficientamento termico; Titoli abilitativi e requisiti igienico-sanitari: autocertificazione o parere di conformità igienico-sanitaria.
A cura di:
  • Studio Groenlandia

Vigilanza del coordinatore per l’esecuzione, obblighi e responsabilità (Cass. Pen. 45862/2017)

In materia di sicurezza sul lavoro nei cantieri il coordinatore per l’esecuzione riveste un ruolo di “alta vigilanza” che riguarda la generale configurazione delle lavorazioni e non la puntuale e stringente vigilanza, momento per momento, demandata ad altre figure operative, ossia al datore di lavoro, al dirigente, al preposto. Tuttavia il suo controllo non può essere meramente formale, ma va svolto in concreto, secondo modalità che derivano dalla conformazione delle lavorazioni con le eventuali conseguenti responsabilità.
A cura di:
  • Anna Petricca