FAST FIND: NW1300

Norme tecniche per le costruzioni - Prossima pubblicazione decreto approvazione - Messa a regime disciplina transitoria

BR 26-27 prodotti non contenitori

E' stato firmato dal Ministro Di Pietro il decreto di approvazione delle nuove Norme Tecniche per le costruzioni, che sostituiranno quelle di cui al precedente D.M. 14.9.2005 ed entreranno in vigore 30 giorni dopo la pubblicazione in G.U., attesa a breve. Occorre peraltro tenere conto della confusa disposizione di proroga contenuta nel D.L. 248/2007.

Sono state escluse dall'approvazione le tabelle 4.4.III e 4.4.IV e del Capitolo 11.7, concernenti il legno, oggetto di un ricorso all'UE da parte dell'Austria, secondo la quale le norme in questione potrebbero determinare ostacoli alla libera circolazione dei servizi o alla libertà di stabilimento degli operatori di servizi nell’ambito del mercato interno.

Sussistono peraltro dubbi in merito alla normativa applicabile nel periodo compreso tra l'1.1.2008 e la data di entrata in vigore delle nuove norme, dovute alla formulazione dell'art. 20 del decreto-legge «milleproroghe» (D.L. 248/2007, nella G.U. 31.12.2007, n. 302), che contiene l'annunciata proroga del regime transitorio di sperimentazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni. Detta proroga è stata infatti formulata in maniera tale da apparire di difficile comprensione, e dà adito a diverse interpretazioni.

È quindi auspicabile che la disposizione venga meglio chiarita e definita in fase di conversione in legge. Nelle note che seguono cercheremo di distinguere tra quello che lascia intendere il tenore letterale della norma e quelle che dovrebbero essere state le intenzioni del legislatore.

Dunque l'opinione di chi scrive è che l'art. 20 intende in pratica sottoporre l'applicazione delle nuove Norme Tecniche di cui al D.M. 14.9.2005 ad una nuova fase transitoria di 18 mesi a partire dall'1.1.2008, e quindi fino al 30.6.2009. La nuova fase transitoria dovrebbe prevedere la contemporanea vigenza del citato D.M. e della normativa previgente, in modo da consentire ai progettisti di acquisire gradualmente le conoscenze necessarie per l'applicazione delle nuove norme.

Restano escluse dalla proroga le verifiche tecniche e gli interventi relativi agli edifici di interesse strategico e alle opere infrastrutturali la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile, nonché relativi agli edifici ed alle opere infrastrutturali che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un loro eventuale collasso.

Interpretazione letterale dell'art. 20
Fin qui quelle che sembrerebbero le intenzioni del legislatore.
Volendo invece rimanere al tenore letterale della norma, viene messo a regime il principio della disciplina transitoria di 18 mesi laddove si proceda ad una revisione generale delle normative tecniche. Detta revisione, anche se alle fase finali, è ancora in corso di svolgimento, anche al fine di accogliere alcune osservazioni UE provenienti dall'Austria. Dunque letteralmente il combinato disposto tra il testo dell'art. 20 in commento e la mancata pubblicazione delle nuove Norme Tecniche ha come conseguenza l'entrata in vigore dall'1.1.2008 del D.M. 14.9.2005, e l'impossibilità di presentare progetti in base ai precedenti decreti del 1996.

Il probabile recupero del regime transitorio anche con la normativa previgente in fase di conversione in legge del D.L. 248/2007 in commento comporta che fino alla data di detta conversione vi sarà grande incertezza per i progettisti in merito alla normativa da applicare.

Di seguito è consultabile il testo del «milleproroghe» ed anche il testo delle note pubblicate in merito dalla regione Toscana e trasmesse agli uffici tecnici regionali (link). In queste note, oltre a segnalare l'impossibilità di presentare progetti in base ai decreti del 1996, viene messa in evidenza la mancata conformità dell'art. 20 commentato con quanto concordato nel corso delle numerose riunioni preliminari del tavolo tecnico della conferenza unificata tra i rappresentanti del Ministero delle infrastrutture e del Dipartimento della Protezione Civile e quelli delle regioni e dei comuni, e trasposto nel documento sottoscritto nell'intesa della conferenza unificata Stato Regioni-Enti locali del 20.12.2007.

Condividi

Commenta

Per commentare è necessario eseguire il log in .
Se non sei ancora registrato, clicca qui

BR 30 - prodotti correlati

  • Norme tecniche per le costruzioni - Proroga fase transitoria applicazione
    In fase di conversione in legge del D.L. 300/2006 (cosiddetto «milleproroghe») l'Aula del Senato ha approvato lo scorso 15.2.2007 un emendamento che prevede la proroga al 31.12.2007 della scadenza del termine della fase sperimentale prevista per l’applicazione delle norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14.09.2005, in materia di ...
  • Ulteriore proroga ordinanza 3274/2003
    Il presidente del Consiglio dei Ministri ha recentemente firmato l'Ordinanza n. 3467 del 13.10.2005, che proroga ulteriormente fino al 23.10.2005 l'entrata in vigore dell'Ordinanza 3274/2003 in materia antisismica. In tal modo l'entrata in vigore della citata disposizione viene portata alla stessa data dell'entrata in vigore delle ...
  • Ulteriore proroga normativa antisismica
    E' stata emessa l'Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri (la 3452 dell'1.8.2005), che ha prorogato ulteriormente di due mesi, e quindi fino all'8.10.2005, l'entrata in vigore della normativa antisismica di cui all'Ordinanza 3274/2003. L'Ordinanza di proroga è stata pubblicata sulla G.U. n. 181 del 5.8.2005. La citata Ordinanza ...
  • Pubblicazione in GU differimento normativa antisismica
    E' stata pubblicata sul Suppl. Ord. n. 85 alla G.U. n. 107 del 10.5.2005 la Ord. P.C.M. 3.5.2005, n. 3431, recante «Ulteriori modifiche ed integrazioni all'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003, recante Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio ...
  • Proroga di termini vari
    Norme tecniche per le costruzioni - Denunce pozzi - Sicurezza impianti - Antincendio strutture ricettive - Vigenza Codice dell'ambiente.
  • Bozza nuove Norme Tecniche per le Costruzioni
    La Commissione di monitoraggio istituita presso il Ministero delle Infrastrutture ha diffuso una nuova bozza aggiornata al 13.7.2007 delle Norme Tecniche per le Costruzioni in corso di redazione, di seguito consultabile. Si rammenta che non si tratta della versione definitiva, ma di una bozza che sarà ora all'esame del Consiglio superiore dei ...
  • Testo aggiornato Norme Tecniche per le costruzioni - Esiti riunione tecnica
    Il 29.11.2007 ha avuto luogo la riunione del Tavolo tecnico della Conferenza Unificata Stato, Regioni ed Enti locali, che ha affrontato gli importanti aspetti concernenti l'approvazione delle nuove Norme tecniche delle costruzioni e la gestione del periodo transitorio di applicazione del DM 14.9.2005, vista l'imminente scadenza dello stesso, ...
  • Esame nuove Norme Tecniche per le costruzioni - Proposta di emendamento alla finanziaria
    Con lettera del 13 novembre 2007 (PDF, 36 Kb), il Segretario della Conferenza Unificata ha convocato il 29 novembre 2007 apposita riunione tecnica per l’esame del nuovo testo delle «Norme tecniche per le costruzioni» (PDF, 3879 Kb), trasmesso dal Ministero delle Infrastrutture per l’acquisizione dell’«intesa» della Conferenza Unificata, ai ...
  • Bozza nuove Norme Tecniche per le Costruzioni - All'esame il nuovo testo
    Per discutere dei temi concernenti l'entrata in vigore delle «Norme Tecniche per le Costruzioni», in assenza di eventuali proroghe prevista per il prossimo 31.12.2007, è stata convocata per il 31.10.2007 la Commissione Infrastrutture, mobilità e governo del territorio, per esaminare la bozza delle nuove norme tecniche, approvate dal Consiglio ...
  • L'Associazione italiana Software Tecnico contro la prevista proroga del regime transitorio di applicazione delle Norme Tecniche per le costruzioni.

In questo elemento si parla di

Risorse