FAST FIND : NW3953

Ultimo aggiornamento
15/10/2018

L'offerta economicamente più vantaggiosa per l'aggiudicazione dei contratti pubblici

QUADRO NORMATIVO - IL CRITERIO DELL’OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA (Generalità; Applicazione obbligatoria del criterio OEPV sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo; Applicazione del criterio del minor prezzo in via residuale; Tabella riepilogativa dei criteri di aggiudicazione) - I CRITERI DI VALUTAZIONE (Rating di legalità e rating di impresa; Le varianti e le opere aggiuntive; Criterio del prezzo fisso; Criterio del costo del ciclo di vita) - LA PONDERAZIONE DEI PUNTEGGI - LA VALUTAZIONE DEGLI ELEMENTI DELL’OFFERTA (La valutazione degli elementi quantitativi; La valutazione in base alla presenza di determinate caratteristiche; La valutazione degli elementi qualitativi e i criteri motivazionali) - LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA - COMPITI DELLE COMMISSIONI AGGIUDICATRICI.
A cura di:
  • Emanuela Greco
2782810 4981212
QUADRO NORMATIVO

L’art. 95 del D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50 (Codice dei contratti pubblici) prevede che di norma le stazioni appaltanti aggiudichino i contratti - nel rispetto dei principi di trasparenza, di non discriminazione e di parità di trattamento - sulla base del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa (di seguito anche semplicemente “OEPV”), individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo, oppure s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981213
IL CRITERIO DELL’OFFERTA ECONOMICAMENTE PIù VANTAGGIOSA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981214
Generalità

L’idea sottostante al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa è che la pubblica amministrazione - quando acquisisce lavori, servizi o forniture per soddisfare direttamente proprie esigenze o per offrire determinati servizi all’utenza - non deve badare esclusivamente a un risparmio sui costi ma deve anche e soprattutto considerare la qualità di ciò che viene acquisito.

Il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa determina l’aggiudicazione dei contratti pubblici non solo sulla base di una valutazione di carattere finanziario, quanto su una complessa integrazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981215
Applicazione obbligatoria del criterio OEPV sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo

Ai sensi dell’art. 95 del D. Leg.vo 50/2016, comma 3, sono aggiudicati esclusivamente sulla base del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo:

a) i contratti relativi all’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura e degli altri servizi di natura tecnica e intellettuale di importo pari o superiore a 40.000 Euro;

b) i contratti relat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981216
Applicazione del criterio del minor prezzo in via residuale

Il criterio del minor prezzo può essere utilizzato in via solo residuale - previa adeguata motivazione - in relazione ad una serie di ipotesi specifiche:

a) fermo restando quanto previsto dall’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981217
Tabella riepilogativa dei criteri di aggiudicazione

Quanto sopra è riassunto nella tabella di seguito riportata, rinviando per approfondimenti a Procedure di scelta del contraente e criteri di aggiudicazione nel D. Leg.vo 50/2016. Si veda anche Soglie applicazione normativa comunitaria sugli appalti pubblici.


TABELLA 1

Criteri di aggiudicazione ammissibili ai sensi del D. Leg.vo 50/2016



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981218
I CRITERI DI VALUTAZIONE

In generale, nella definizione dei criteri di valutazione delle offerte, le stazioni appaltanti devono tener conto:

- del settore merceologico a cui afferisce l’oggetto del contratto;

- delle caratteristiche tecniche dei lavori/beni/s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981219
Rating di legalità e rating di impresa

All’art. 95 del D. Leg.vo 50/2016, comma 13, viene stabilito che - compatibilmente con il rispetto dei principi che presidiano gli appalti pubblici - le stazioni appaltanti indicano nel bando di gara, nell’avviso o nell’invito:

- i criteri premia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981220
Le varianti e le opere aggiuntive

Ai sensi dell’art. 95 del D. Leg.vo 50/2016, comma 14, nei criteri di aggiudicazione basati sul miglior rapporto qualità/prezzo, il bando può prevedere la richiesta di v

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981221
Criterio del prezzo fisso

L’art. 95 del D. Leg.vo 50/2016, comma 7, prevede che l’elemento relativo al costo può assumere la forma di un prezzo o costo fisso sulla base del quale gli operatori economici competeranno solo in base a criteri qualitativi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981222
Criterio del costo del ciclo di vita

Il D. Leg.vo 50/2016 prevede che - tra i criteri di comparazione costo/efficacia da applicarsi nell’ambito dell’OEPV - possa farsi ricorso ad un approccio basato sui costi del ciclo di vita, meglio dettagliati dall’art. 96 del D. Leg.vo 50/2016.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981223
LA PONDERAZIONE DEI PUNTEGGI

L’art. 95 del D. Leg.vo 50/2016, comma 8, stabilisce che i documenti di gara - oppure, in caso di dialogo competitivo, il bando o il documento descrittivo - elencano i criteri di valutazione e la ponderazione relativa attribuita a ciascuno di essi, anche prevedendo una forcella in cui lo scarto tra il minimo e il massimo deve essere adeguato.

Per ciascun criterio di valutazione prescelto possono essere previsti, ove necessario, sub-criteri e sub-pesi o sub-punteggi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981224
LA VALUTAZIONE DEGLI ELEMENTI dell’offerta

Oltre agli elementi di natura quantitativa (ad esempio: il prezzo; il tempo di esecuzione dei lavori; il rendimento; la durata della concessione; il

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981225
La valutazione degli elementi quantitativi

Quanto agli elementi di natura quantitativa, di regola nei bandi è fissato il prezzo massimo che la stazione appaltante intende sostenere, e i concorrenti propongono sconti rispetto a tale prezzo. Il punteggio minimo, pari a 0, è attribuito all’offerta che non presenta sconti rispetto al prezzo a base di gara, mentre il punteggio massimo è attribuito all’offerta che presenta lo sconto maggiore.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981226
La valutazione in base alla presenza di determinate caratteristiche

Per le forniture e per taluni servizi, ovvero quando non è necessario esprimere una valutazione di natura soggettiva, è possibile attribuire il punteggio anche sulla base tabell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981227
La valutazione degli elementi qualitativi e i criteri motivazionali

La valutazione degli elementi di natura qualitativa dell’offerta è rimessa alla discrezionalità dei commissari di gara, i quali devono attenersi ai criteri motivazionali indicati già nel bando o in qualsiasi altro atto di avvio della procedura di affidamento.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981228
LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA

In esito all’attribuzione dei coefficienti agli elementi qualitativi e quantitativi, bisogna determinare, per ogni offerta, un dato numerico finale atto ad individuare l’offerta migliore.

L’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2782810 4981229
Compiti delle Commissioni aggiudicatrici

L’art. 77 del D. Leg.vo 50/2016, comma 1, stabilisce che nelle procedure di aggiudicazione di appalti o concessioni, nei casi di aggiudicazione con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, la valutazione delle offerte dal punto di vista tecnico ed economico è affidata ad una commissione giudicatrice, composta da esperti nello specifico settore cui afferisce l’oggetto del contratto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico

Emilia Romagna: contributi per la redazione del piano di azione per il clima e l'energia sostenibile

Il bando è rivolto agli Enti locali della Regione Emilia-Romagna, per sostenere l'adesione al patto dei sindaci per l'energia ed il clima e la redazione del piano di azione per l'energia sostenibile e il clima (Paesc), e prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, a forfait, secondo le soglie di abitanti. Il contributo raddoppia per i Comuni fusi e le Unioni che partecipano con il 100% dei Comuni.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Distributori di carburanti
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Lombardia: sviluppo della rete distributiva di impianti di erogazione di metano liquido (GNL)

L’iniziativa è diretta alle micro, piccole e medie imprese, operanti nel settore della distribuzione dei carburanti che intendano realizzare impianti ad uso pubblico di erogazione del metano in forma liquida (GNL). La finalità del bando è quella di creare una rete innovativa di distribuzione di carburante a basso impatto ambientale che al contempo risulti efficace per l’approvvigionamento dei mezzi di trasporto pesanti, in particolare per quelli che effettuano spostamenti a medio-lunga percorrenza.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Provvidenze
  • Enti locali
  • Aree urbane
  • Finanza pubblica

Toscana: finanziamenti per interventi di rigenerazione urbana nelle aree interne

Bando da oltre 4 milioni di euro per finanziare interventi di rigenerazione urbana nelle aree interne della Toscana. L'obiettivo è quello aiutare i Comuni, grandi e piccoli, a migliorare e innovare il tessuto urbano, prevenire il degrado, recuperare “aree critiche” ed immobili di grandi dimensioni abbandonati o in rovina grazie ad interventi mirati, che mettano a frutto lo spirito della legge sul governo del territorio (L.R. Toscana n. 65/2014) e riattivino aree interne al perimetro urbanizzato dando loro nuova vita e nuove finalità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Finanza pubblica
  • Enti locali

Lombardia: 8 milioni di euro per la sicurezza stradale

La Regione Lombardia concede contributi a fondo perduto per la realizzazione di interventi di riduzione dell’incidentalità stradale sulla rete viaria dei Comuni e Province. Sono ammessi a finanziamento le spese sostenute relativamente ai seguenti progetti: opere infrastrutturali, interventi per la messa in sicurezza, segnaletica, piste e percorsi ciclabili, impianti di illuminazione a basso consumo energetico. Disponibili in tutto 8 milioni di euro suddivisi per gli anni 2019, 2020 e 2021. Il cofinanziamento è riconosciuto fino al 50% del costo totale delle spese ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Enti locali
  • Pubblica Amministrazione
  • Beni culturali e paesaggio
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica

Lazio: valorizzazione del patrimonio culturale dei piccoli comuni

Il Bando regionale prevede la concessione di 2.000.000 € di contributi nel triennio 2019-2021 destinati alla riqualificazione di spazi, strutture e beni di valore storico e simbolico per i piccoli comuni del Lazio. I comuni potranno presentare proposte di intervento per contributi in conto capitale fino a 40 mila euro da assegnare in base a specifici criteri di priorità.
A cura di:
  • Anna Petricca