FAST FIND : NN15090

Deliberaz. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 06/10/2011, n. 86

Proroga del servizio di gestione impianto per il trattamento della frazione organica vegetale presente nei rifiuti urbani denominato “Compost Verde”.
Scarica il pdf completo
2780857 2801592
[Premessa]


Il Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2780857 2801593
Considerato in fatto

E’ pervenuta all’Autorità una segnalazione da parte di un Consigliere comunale Adriano Ritossa del Comune di Staranzano in merito all’affidamento alla Ditta SAGER della gestione dell’impianto denominato “Compost Verde” per il trattamento della frazione organica vegetale. In tale esposto venivano segnalate le numerose proroghe che il Comune ha concesso in seguito alla scadenza contrattuale del 10.04.2005, proroghe che, a parere dell’esponente, hanno procurato un danno sotto il profilo della concorrenza, non avendo il Comune proceduto ad effettuare una gara di appalto per l’affidamento del servizio in oggetto.

Il Comune di Staranzano, in merito alle contestazioni dell’esponente, ed alla richiesta dell’Autorità di delucidazioni sulla questione oggetto della segnalazione, ha risposto con una nota argomentando le proprie controdeduzioni.

Secondo quanto riportato nella documentazione inviata, il progetto per la realizzazione dell’impianto di compostaggio è stato approvato con deliberazione comunale n. 661 del 03.12.1991. L’importo complessivo, pari a Lire 601.700.000, è stato finanziato in parte dal Comune, in seguito ad un contributo regionale pari a Lire 390.000.000, e per la restante parte dalla ditta concessionaria.

L’importo anticipato dalla ditta doveva essere quindi recuperato nel periodo di durata della concessione, applicando una tariffa agli utenti per la lavorazione del materiale conferito all’impianto e incassando direttamente i proventi derivanti dalla vendita del compost prodotto.

Con la consegna dei lavori, avvenuta in data 02.08.1994, è iniziata a decorrere la concessione del “Servizio di raccolta separata e trasformazione della frazione vegetale dei rifiuti in compost verde tramite apposito impianto da realizzarsi nel Comune” a favore dell’ATI SAGER Srl - RISORSE BTA.

Nei dieci anni di gestione previsti dal contratto, prosegue il Comune, comprensivi del tempo necessario per la sua realizzazione, sono intervenuti diversi accadimenti che hanno riguardato il settore della raccolta dei rifiuti ed i servizi di raccolta differenziata; in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2780857 2801594
Ritenuto in diritto

Tenuto conto della documentazione presentata dall’esponente e dal Comune di Staranzano sulla questione in oggetto, si rileva quanto segue.

L’utilizzo dell’istituto della proroga non appare illimitato e discrezionale, poiché esistono dei limiti nell’esercizio di tale potere che non possono discostarsi dai principi generali e devono contenere specifica motivazione e indicazione delle norme cui derogano, in ragione della proporzionalità del provvedimento e della situazione oggettiva considerata.

Sulla questione in argomento si è espresso il Consiglio di Stato, Sez. V, con la sentenza n.2882 dell’11.05.2009, che fornisce ampi chiarimenti in materia di proroghe contrattuali, ovvero ”il codice dei contratti pubblici stabilisce che le circostanze di estrema urgenza adducibili a giustificazione di una procedura negoziata senza gara “non devono essere imputabili alle stazioni appaltanti” (art. 57, secondo comma 2, lett. c). Ciò vuol dire che se una stazione appaltante non si dà un’adeguata programmazione e non decide per tempo come sostituire alla scadenza un rapporto di appalto, non per questo è autorizzata a procedere (a più riprese) alla procedura negoziata. Le proroghe in questione, oltre a violare il disposto dell’art. 23 della L. n. 65/2005, contraddicono al generale principio dell’evidenza pubblica, il cui rispetto è imposto anche dal dovere di preservare il diritto alla libera concorrenza, garantito a livello comunitario in materia di appalti pubblici.

L’art.23 della legge 62/2005 (legge comunitaria 2004), norma che abroga quelle clausole contrattuali che avevano previsto l’ammissibilità del rinnovo contrattuale, in conformità al regime previgente, stabilisce che “ i contratti per acquisti e forniture di beni e servizi, già scaduti o che vengano a scadere nei sei mesi successivi alla data di entrata in vigore della presente legge, possono essere prorogati per il tempo necessario alla stipula dei nuovi contratti a seguito di espletamento di gare ad evidenza pubblica a condizione che la proroga non superi comunque i sei mesi e che il bando di gara venga pubblicato entro e non oltre novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge”.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2780857 2801595
Il Consiglio

- Ritiene che, il ripetuto ricorso da parte del Comune di Staranzano agli istituti della proroga e del rinnovo, utilizzabili solo in via eccezionale, nella gestione dell’impianto denominato “Compost Verde” ha costituito una v

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

La programmazione dei lavori pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Le norme nel Codice dei contratti pubblici 2016; Il decreto ministeriale attuativo del Codice; Le norme nel Codice dei contratti pubblici del 2006) - REDAZIONE, FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DELLA PIANIFICAZIONE (Contenuti della pianificazione; Elenco annuale; Livelli di progettazione; Schemi tipo per la redazione della programmazione dei lavori pubblici; Ordine di priorità degli interventi; Iter di approvazione del programma triennale; Modalità di aggiornamento e modifica; Strumenti di supporto elaborati dall’Istituto ITACA) - OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE - CHIARIMENTI PERIODO ANTECEDENTE AL DECRETO ATTUATIVO.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Omessa dichiarazione della condanna dell’amministratore cessato dalla carica: conseguenze

Punto della situazione dopo la sentenza della Corte di giustizia UE 20/12/2017, causa C- 178/16, secondo la quale l’omessa dichiarazione da parte dell’offerente della condanna, anche se non ancora definitiva, dell’amministratore cessato dalla carica, comporta la mancata dimostrazione della dissociazione dell’impresa dalla condotta illecita e conseguentemente l’esclusione dalla gara.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Pubblica Amministrazione
  • Appalti e contratti pubblici

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici

Il piano d’azione nazionale per il GPP (PAN-GPP); Criteri ambientali minimi negli appalti di servizi e forniture; Obbligatorietà dei criteri ambientali minimi; Applicazione all’intero valore dell’appalto; Criteri ambientali minimi nell’offerta economicamente più vantaggiosa; Documentazione progettuale; CAM in vigore per le varie categorie di servizi e forniture; Struttura dei decreti di approvazione dei CAM; Elenco completo dei CAM in vigore, risposte a FAQ e chiarimenti vari.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Professioni
  • Autorità di vigilanza

Direzione, esecuzione e contabilità dei lavori pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO; SOGGETTI COINVOLTI NELL’ESECUZIONE DEI LAVORI PUBBLICI E RUOLI (Responsabile unico del procedimento (RUP); Direttore dei lavori, direttori operativi e ispettori di cantiere; Rapporti tra RUP, DL, CSE ed esecutore dei lavori; DL e coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione; Schema grafico riepilogativo) - REQUISITI E NOMINA DEL DIRETTORE DEI LAVORI (Requisiti generali del DL; Incompatibilità del DL con l’esecutore dei lavori; Unicità della figura del direttore dei lavori; Casi in cui il RUP può o meno coincidere con il direttore dei lavori ; Compensi del direttore dei lavori) - FASE ESECUTIVA E ATTIVITÀ DEL DIRETTORE DEI LAVORI (Attestazione dello stato dei luoghi; Consegna dei lavori; Accettazione ed impiego di materiali e componenti; Verifica del rispetto degli obblighi dell’esecutore e del subappaltatore; Gestione delle modifiche, variazioni e varianti contrattuali; Contestazioni e riserve; Sospensione dei lavori; Gestione dei sinistri; Ultimazione dei lavori; Assistenza al collaudo) - CONTABILITÀ DEI LAVORI PUBBLICI (Controllo amministrativo contabile dei lavori; Documenti contabili; Forma e modalità di tenuta dei documenti di contabilità ; Contabilità semplificata).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Emanuela Greco
  • Appalti e contratti pubblici
  • Contabilità dei lavori pubblici e riserve
  • Esecuzione dei lavori pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Precontenzioso, contenzioso e giurisdizione

Inadempimenti dell’appaltatore e conseguenze negli appalti pubblici

Premessa; Inadempimenti dell’appaltatore e diffida ad adempiere; Penali; Risoluzione del contratto (per inosservanza della diffida ad adempiere, per grave inadempimento, per determinati reati e venuta meno della qualificazione, provvedimenti conseguenti); Diritto di recesso della stazione appaltante.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

  • Avvisi e bandi di gara
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica in base a regole AgID

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro