FAST FIND : NN14999

Par. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 21/05/2014, n. 103

Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del D.Lgs. n. 163/2006 presentata dalla SO.CO.RE. srl – “Procedura aperta per l’appalto dei lavori di adeguamento e ristrutturazione delle strutture del Centro di identificazione ed espulsione di Palazzo San Gervasio” – Data di pubblicazione del bando: 27.9.2013 – Criterio di aggiudicazione: prezzo più basso – Importo a base d’asta: euro 2.705.407,99 – S.A.: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti – Provveditorato Interregionale OO.PP. Puglia-Basilicata.
Scarica il pdf completo
2707561 2713648
[Premessa]


Il Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2707561 2713649
Ritenuto in fatto

In data 10 febbraio 2014, con nota successivamente integrata in data 24 febbraio 2014, è pervenuta l’istanza di parere indicata in epigrafe, con la quale la ditta SO.CO.RE contesta l’operato della stazione appaltante che nella gara indetta per l’affidamento dei lavori di adeguamento e ristrutturazione delle strutture del Centro di identificazione ed espulsione di Palazzo San Gervasio ha disposto l’aggiudicazione provvisoria in favore della ditta Raguso Antonio, priva di un valido attestato SOA.

Più specificamente, la ditta istante ha chiesto alla S.A. di procedere in via di autotutela all’esclusione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2707561 2713650
Considerato in diritto

La questione oggetto del presente esame concerne la legittimità dell’ammissione alla gara de qua della ditta Raguso Antonio, risultata poi aggiudicataria, che, secondo quanto sostenuto dall’istante, avrebbe dovuto essere esclusa in quanto priva di un valido attestato SOA.

Secondo la ditta SO.CO.RE. S.r.l., la Raguso Antonio non avrebbe provveduto al rinnovo dell’Attestato SOA ovvero non si sarebbe sottoposta alla verifica triennale di mantenimento dei requisiti nei termini normativamente prescritti (90 giorni precedenti la scadenza del termine di validità triennale dell’attestato previsto per il 14.11.2013) ma avrebbe ottenuto, in data 8 gennaio 2014, una nuova attestazione con indicazione di un nuovo direttore tecnico.

Ai fini della risoluzione del caso di specie occorre preliminarmente distinguere due profili: il primo attinente alla verifica della legittimazione a partecipare alla gara ed il secondo attinente alla verifica della permanenza dei requisiti e delle condizioni, in presenza dei quali poteva essere disposta l’aggiudicazione definitiva.

Sotto il primo profilo, è palese che, alla data dell’11 novembre 2013 non era ancora scaduto il termine intermedio triennale di validità dell’attestato SOA fissato al 14 novembre 2013 e che, pertanto, la ditta Raguso fosse legittimata a partecipare alla gara.

Quanto al secondo profilo (in presenza di quali presupposti e condizioni poteva essere disposta l’aggiudicazione definitiva in favore dell’impresa Raguso), è necessario chiarire se, come richiesto all’art. 77 del D.P.R. 207/2010

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2707561 2713651
Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, conforme alla normativa di settore l&rsquo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Attestazione SOA
  • Autorità di vigilanza
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Attestazione SOA: verifiche su istanza di parte

Linee Guida per l'attivazione, su istanza di parte, dei procedimenti di vigilanza e controllo sul sistema di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici.
A cura di:
  • Denis Peraro
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Attestazione SOA
  • Appalti e contratti pubblici

Subappalto necessario e indicazione nominativo subappaltatore (TAR Puglia 1354/2013)

Il subappaltatore deve essere indicato all'inizio della gara quando il subappalto serve a supplire all’assenza di requisiti di qualificazione.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Omessa dichiarazione della condanna dell’amministratore cessato dalla carica: conseguenze

Punto della situazione dopo la sentenza della Corte di giustizia UE 20/12/2017, causa C- 178/16, secondo la quale l’omessa dichiarazione da parte dell’offerente della condanna, anche se non ancora definitiva, dell’amministratore cessato dalla carica, comporta la mancata dimostrazione della dissociazione dell’impresa dalla condotta illecita e conseguentemente l’esclusione dalla gara.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Avvalimento di requisiti finanziari ed esperienza (c.d. "di garanzia") e contenuti del contratto (C. Stato 5429/2017)

Con la sentenza C. Stato 22/11/2017, n. 5429, sono state fornite interessanti precisazioni in merito ai contenuti del contratto di avvalimento nelle gare pubbliche, con particolare riguardo al caso in cui l’impresa ausiliaria mette a disposizione dell’ausiliata il proprio valore aggiunto in termini di solidità finanziaria e di acclarata esperienza di settore (c.d. “avvalimento di garanzia”).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Avvalimento: conseguenze della perdita delle capacità richieste dal bando dell’impresa ausiliaria

La Corte UE, con sentenza del 14/09/2017, causa C-223/16, chiarisce che nella vigenza della Direttiva 2004/18/CE, la perdita dei requisiti da parte di un’impresa ausiliaria di un RTI comportava l’esclusione dalla gara, non essendo applicabile la disciplina successiva dettata dalla Direttiva 2014/24/UE recepita in Italia dal D. Leg.vo 50/2016 (Codice dei contratti pubblici).
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

  • Avvisi e bandi di gara
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica in base a regole AgID

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro