FAST FIND : AR1226

Ultimo aggiornamento
13/10/2017

Mappa di attuazione del nuovo codice dei contratti pubblici

Questo articolo riporta una tabella contenente tutti i provvedimenti attuativi previsti dal nuovo Codice di cui al D. Leg.vo 50/2016, con i relativi articoli, la tipologia di provvedimento di cui si attende l’emanazione, la scadenza (ove prevista) e la disciplina transitoria che eventualmente si applica nelle more. La tabella è aggiornata ai provvedimenti progressivamente emanati, nonché alle modifiche ed ai nuovi provvedimenti attuativi individuati ad opera del D. Leg.vo 19/04/2017, n. 56 (c.d. “correttivo”).
A cura di:
  • Valentina Rampulla

Questo articolo riporta una tabella contenente tutti i provvedimenti attuativi previsti dal nuovo Codice di cui al D. Leg.vo 50/2016, con i relativi articoli, la tipologia di provvedimento di cui si attende l’emanazione, la scadenza (ove prevista) e la disciplina transitoria che eventualmente si applica nelle more. La tabella è aggiornata ai provvedimenti progressivamente emanati, nonché alle modifiche ed ai nuovi provvedimenti attuativi individuati ad opera del D. Leg.vo 19/04/2017, n. 56 (c.d. “correttivo”).

2684100 4156530
ULTIMI AGGIORNAMENTI

Di seguito gli ultimi aggiornamenti alla “mappa”.

- OTTOBRE 2010: Delibera ANAC 20/09/2017, n. 951 - Aggiornamento Linee guida n. 7 (G.U. del 09/10/2017, n. 236).

- AGOSTO 2017: D.M. 07/06/2017 in materia di servizi sostitutivi di mensa erogati e mezzo buoni pasto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2684100 4156531
PREMESSA

Questo articolo riporta una tabella contenente tutti i provvedimenti attuativi previsti dal nuovo Codice di cui al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2684100 4156532
MAPPA DEI PROVVEDIMENTI ATTUATIVI

OGGETTO

ART.

TIPO PROVV.

SCADENZA EMANAZ.

EMANAZIONE/

DISCIPLINA TRANSITORIA

Appalti esteri

Disciplina delle procedure di scelta del contraente e dell’esecuzione del contratto da svolgersi all’estero.

Art. 1, comma 7

Direttive generali del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale (previo accordo con l’ANAC).

/

Fino all’adozione delle direttive generali si applicano le disposizioni di cui agli artt. da 343 a 356 del D.P.R. 207/2010

(ai sensi dell’art. 216, comma 26).

Programmi triennali dei lavori pubblici e programmi biennali di forniture e servizi

Individuazione:

- delle modalità di aggiornamento dei programmi triennali dei lavori pubblici e dei programmi biennali di forniture e servizi e dei relativi aggiornamenti annuali;

- dei criteri per la definizione degli ordini di priorità, per l’eventuale suddivisione in lotti funzionali, nonché per il riconoscimento delle condizioni che consentano di modificare la programmazione e di realizzare un intervento o procedere a un acquisto non previsto nell’elenco annuale;

- dei criteri e delle modalità per favorire il completamento delle opere incompiute;

- dei criteri per l’inclusione dei lavori nel programma e il livello di progettazione minimo richiesto per tipologia e classe di importo;

- degli schemi tipo e delle informazioni minime che essi devono contenere;

- delle modalità di raccordo con la pianificazione dell’attività dei soggetti aggregatori e delle centrali di committenza ai quali le stazioni appaltanti delegano la procedura di affidamento.

Art. 21, commi 8-9

Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze (previo parere del CIPE e d’intesa con la Conferenza unificata).

18/07/2016 (entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del Codice)

Fino all’adozione del decreto si applicano gli atti di programmazione già adottati ed efficaci, all’interno dei quali le amministrazioni aggiudicatrici individuano un ordine di priorità degli interventi, tenendo comunque conto dei lavori necessari alla realizzazione delle opere non completate e già avviate sulla base della programmazione triennale precedente, dei progetti esecutivi già approvati e dei lavori di manutenzione e recupero del patrimonio esistente, nonché degli interventi suscettibili di essere realizzati attraverso contratti di concessione o di partenariato pubblico privato. Le amministrazioni aggiudicatrici procedono con le medesime modalità per le nuove programmazioni che si rendano necessarie prima dell’adozione del decreto

(ai sensi dell’art. 216, comma 3).

Grandi opere infrastrutturali

Determinazione dei criteri per l’individuazione delle grandi opere infrastrutturali e di architettura di rilevanza sociale, aventi impatto sull’ambiente, sulle città e sull’assetto del territorio, distinte per tipologia e soglie dimensionali, per le quali è obbligatorio il ricorso alla procedura di dibattito pubblico.

Con il medesimo decreto sono stabilite le modalità di monitoraggio sull’applicazione dell’istituto del dibattito pubblico. A tal fine è istituita una commissione presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

Art. 22, comma 2

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sentito il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e il Ministro per i beni e le attività culturali - previo parere delle Commissioni parlamentari competenti, in relazione ai nuovi interventi avviati dopo la data di entrata in vigore del medesimo decreto).

19/04/2017 (entro un anno dalla data di entrata in vigore del Codice)

/

livelli di progettazione

Definizione dei contenuti della progettazione nei tre livelli progettuali. Con il decreto è inoltre determinato il contenuto minimo del quadro esigenziale che devono predisporre le stazioni appaltanti.

Art. 23, comma 3

Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti (su proposta del Consiglio superiore dei lavori pubblici, di concerto con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e con il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo).

/

Fino alla data di entrata in vigore del provvedimento continuano ad applicarsi le disposizioni di cui alla Parte II, Titolo II, Capo I (artt. da 14 a 43), nonché gli allegati o le parti di allegati ivi richiamate, del D.P.R. 207/2010

(ai sensi dell’art. 216, comma 4).

PROGETTAZIONE SEMPLIFICATA INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Disciplina di una progettazione semplificata degli interventi di manutenzione ordinaria fino a un importo di 2.500.000 Euro. Tale decreto individua le modalità e i criteri di semplificazione in relazione agli interventi previsti.

Art. 23, comma 3-bis

Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti (su proposta del Consiglio superiore dei lavori pubblici, sentita la Conferenza unificata).

/

I contratti di lavori di manutenzione ordinaria possono essere affidati, nel rispetto delle procedure di scelta del contraente previste dal Codice, sulla base del progetto definitivo costituito almeno da una relazione generale, dall'elenco dei prezzi unitari delle lavorazioni previste, dal computo metrico-estimativo, dal piano di sicurezza e di coordinamento con l'individuazione analitica dei costi della sicurezza da non assoggettare a ribasso. Inoltre, l’esecuzione dei lavori può prescindere dall’avvenuta redazione e approvazione del progetto esecutivo, qualora si tratti di lavori di manutenzione, ad esclusione degli interventi di manutenzione che prevedono il rinnovo o la sostituzione di parti strutturali delle opere, ferma restando la predisposizione del piano di sicurezza e di coordinamento con l’individuazione analitica dei costi della sicurezza da non assoggettare a ribasso.

Obbligo di BIM

Definizione delle modalità e dei tempi della progressiva introduzione dell’obbligo di BIM (“Building Information Modeling” - ossia il Modello d'Informazioni di un Edificio).

Art. 23, comma 13

Decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

31/07/2016

/

Tabelle annuali DEL costo del lavoro

Determinazione annuale del costo del lavoro sulla base dei valori economici definiti dalla contrattazione collettiva nazionale, delle norme in materia previdenziale ed assistenziale, dei diversi settori merceologici e delle differenti aree territoriali.

Art. 23, comma 16

Decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

/

Fino all’adozione delle tabelle continuano ad applicarsi le disposizioni di cui ai decreti ministeriali già emanati in materia

(ai sensi dell’art. 216, comma 4).

Requisiti dei professionisti

e delle società di ingegneria

Definizione dei requisiti che devono possedere i professionisti e le società tra professionisti o di ingegneria e loro consorzi stabili (ex art. 46, comma 1).

Art. 24, commi 2 e 5

Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti (sentita l’ANAC).

18/07/2016 (entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del Codice)

D. Min. infrastrutture 02/12/2016, n. 263

(G.U. 13/02/2017, n. 36)

in vigore dal 28/02/2017

Fino alla data di entrata in vigore del decreto si applicano le disposizioni di cui agli artt. 254, 255 e 256 del D.P.R. 207/2010

(ai sensi dell’art. 216, comma 5).

Compensi negli incarichi di progettazione

Approvazione delle tabelle concernenti i nuovi parametri per i compensi negli incarichi di progettazione e nelle attività di cui all’art. 31, comma 8 (incarichi di progettazione, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, direzione dei lavori, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, di collaudo, nonché gli incarichi che la stazione appaltante ritenga indispensabili a supporto dell’attività del responsabile unico del procedimento).

Art. 24, comma 8

Decreto del Ministro della Giustizia, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti.

18/06/2016 (entro e non oltre 60 giorni dalla data di entrata in vigore del Codice)

D. Min. giustizia 17/06/2016

(G.U. 27/07/2016, n. 174)

in vigore dal 27/07/2016

Fino alla data di entrata in vigore del decreto continuano ad applicarsi i corrispettivi di cui al D. Min. giustizia 31/10/2013, n. 143

(ai sensi dell’art. 216, comma 6).

Soggetti qualificati alle indagini archeologiche

Disciplina dei criteri per la tenuta dell’elenco degli istituti archeologici universitari e dei soggetti qualificati alle indagini archeologiche presso il Ministero.

Art. 25, comma 2

Decreto del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo (sentita una rappresentanza dei dipartimenti archeologici universitari).

/

Fino alla data di entrata in vigore del decreto resta valido l’elenco degli istituti archeologici universitari e dei soggetti in possesso della necessaria qualificazione esistente e continuano ad applicarsi i criteri per la sua tenuta adottati con D.M. 20/03/2009, n. 60

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Nomina, requisiti, funzioni e incompatibilità del RUP ai sensi del Codice appalti e delle Linee guida ANAC n. 3 (Delib. 1007/2017)

Nomina del RUP; Requisiti di professionalità generali; Struttura stabile per supporto al RUP; Successione di norme; Lavori e servizi attinenti all’ingegneria ed all’architettura - requisiti minimi di professionalità con tabella riepilogativa, compiti e funzioni; Servizi e forniture - requisiti minimi di professionalità con tabella riepilogativa, compiti e funzioni; RUP in caso di acquisti centralizzati e aggregati; Incompatibilità e conflitto di interessi; Partecipazione alla commissione di gara; Coincidenza tra RUP e progettista o direttore dei lavori; RUP e verifica della progettazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Tutte le Linee guida ed i provvedimenti attuativi del D. Leg.vo 50/2016

Il D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50 - cd. “Nuovo Codice dei contratti pubblici” - prevede una moltitudine di provvedimenti attuativi e di dettaglio (circa 50 sono quelli indicati direttamente all'interno del testo, ma altri potranno essere emanati anche ove non espressamente previsto). Si propone in questa pagina l’elenco dei provvedimenti emanati o in corso di emanazione, con indicazioni sull'iter ed il link al testo completo con l’eventuale commento.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Linee Guida ANAC n. 6 in materia di gravi illeciti professionali

Sintesi operativa dei principali contenuti delle Linee Guida ANAC che danno attuazione all'art. 80, comma 13, del D. Leg.vo 50/2016 (Aggiornate con Delibera ANAC 11/10/2017, n. 1008). L'ambito di applicazione, le situazioni rilevanti ai fini dell'esclusione e le fattispecie esemplificative individuate dal Codice appalti.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei

Linee guida ANAC n. 8 sulle procedure negoziate senza bando per forniture e servizi infungibili (Delib. ANAC n. 950 del 13/09/2017)

Quadro normativo e criticità - Possibili cause della infungibilità di forniture e servizi - Accurata programmazione e progettazione delle acquisizioni - Svolgimento di consultazioni preliminari ed altri consigli operativi per le stazioni appaltanti - Prevenzione dei fenomeni di lock-in.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Attività del Direttore dei Lavori nel decreto attuativo del D. Leg.vo 50/2016

Sintesi operativa dello schema di decreto ministeriale attuativo dell’art. 111 del D. Leg.vo 50/2016 che regolamenta l’attività del direttore dei lavori, in corso di approvazione. Stato dell’iter, regime transitorio, figura e incompatibilità del DL, compiti nella fase preliminare ed esecutiva, tenuta della contabilità, contabilità semplificata. Testo aggiornato disponibile.
A cura di:
  • Dino de Paolis