FAST FIND : GP14298

Sent. C. Stato 12/07/2011, n. 4163

Appalti e contratti pubblici - Termine di stipulazione del contratto - Stand still - Mancato rispetto - Conseguenze.
Scarica il pdf completo
2588899 2618036
SENTENZA


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2588899 2618037
FATTO e DIRITTO

1.- L’appellante K.C. Cooperativa Sociale, già affidataria del servizio di assistenza alla popolazione anziana presso il Centro Servizio per Anziani Sidoli dal 1999, aveva partecipato alla gara indetta dal Comune di Parma per lo svolgimento del servizio in questione per il periodo 1 aprile 2010 – 31 marzo 2012.

La gara veniva aggiudicata alla P.G. Cooperativa sociale a r. l. che aveva ottenuto il punteggio complessivo di 91,76 punti (69 punti per la qualità e 22,76 per il prezzo) davanti alla K.C. che aveva ottenuto 75,85 punti (47 punti per la qualità e 28,85 per il prezzo).

La K.C. ha quindi impugnato davanti al TAR per l’Emilia Romagna, Sez. Staccata di Parma, gli atti con i quali era stata disposta l’aggiudicazione provvisoria e poi (con motivi aggiunti) l’aggiudicazione definitiva del servizio di assistenza anziani per il periodo 1 aprile 2010 – 31 marzo 2012.

Il TAR di Parma, respinta la domanda di sospensione cautelare degli atti impugnati, con ordinanza del 13 aprile 2010, confermata dal Consiglio di Stato, sez. V, con ordinanza n. 2158 del 12 maggio 2010, ha poi respinto anche il ricorso, con la sentenza della Sezione I, n. 23 del 27 gennaio 2011, ritenendolo in parte infondato ed in parte inammissibile.

La K.C. Cooperativa Sociale ricorre ora in appello sostenendo l’erroneità sotto diversi profili della indicata sentenza.

2.- Con il primo motivo di appello la K.C. ritiene erronea la sentenza del TAR sulla questione (che era stata oggetto dei primi due motivi del ricorso di primo grado) riguardante la violazione della regola che non consente di stipulare il contratto prima che sia decorso il termine dilatorio concesso alle altre partecipanti per far valere le proprie ragioni. Il TAR infatti aveva sottolineato che, per effetto del decreto cautelare concesso, il contratto con il nuovo gestore aveva avuto effetto a partire dal 1 maggio e non dal 1 aprile 2010 e non aveva quindi avuto alcun rilievo l’illegittimità dell’azione dell’amministrazione che voleva immettere nel servizio un soggetto meramente aggiudicatario provvisorio della procedura. L’appellante insiste sulla censura anche per gli effetti connessi alla richiesta di risarcimento del danno.

2.1. - Al riguardo si deve ricordare che, per effetto di quanto disposto dall'art. 11, comma 10, del codice dei contratti pubblici (d. lgs. 12 aprile 2006 n. 163), la stipulazione del contratto non può avvenire prima di trentacinque giorni dall'invio dell'ultima delle comunicazioni del provvedimento di aggiudicazione definitiva.

Al fine di consentire ai diversi soggetti interessati di far valere le loro ragioni avverso l’aggiudicazione della gara prima che si producano gli effetti di natura contrattuale, la suindicata norma ha quindi precluso all’amministrazione, fatti salvi i casi indicati nel successivo comma 10 bis (e fatto salvo quanto disposto, per i casi di urgenza, dal precedente comma 9), di stipulare il contratto con il soggetto aggiudicatario prima che sia decorso il suddetto termine dilatorio (cd. “stand still”).

Il mancato rispetto di tale disposizione non incide però sul provvedimento di aggiudicazione definitiva. Infatti la violazione della clausola (e del principio) di "stand still", incide solo sull’azione dell’amministrazione successiva alla aggiudicazione ma non può comportare (da sola) l'annullamento del (precedente) atto di aggiudicazione.

Ciò è confermato dall’art. 121, comma 1, lett. c) del c.p.a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2588899 2618038
P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) definitivamente pronunciando sull'appello (n. 2889 del 2011 R.G.), come in epigrafe proposto, respinge l 'appello.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Professioni
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Affidamenti pubblici di servizi di progettazione, direzione lavori o dell’esecuzione, collaudo, coordinamento sicurezza e attività connesse

Generalità (procedure, incarichi relativi ad immobili vincolati, di coordinamento sicurezza, direzione lavori, progettazione e cumulati); Affidamento diretto; Affidamento di incarichi di importo pari o superiore a 40.000 e inferiore a 100.000 euro (elenco di operatori economici, indagini di mercato, verifica dei requisiti); Affidamento di incarichi di importo pari o superiore a 100.000 euro (classi o categorie di opere, corrispettivo a base di gara, definizione dei requisiti, criteri di selezione, raggruppamenti e consorzi stabili, classi, categorie e tariffe professionali, elementi di valutazione, giovani professionisti, criteri motivazionali).
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Pubblica Amministrazione
  • Appalti e contratti pubblici

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici

Il piano d’azione nazionale per il GPP (PAN-GPP); Criteri ambientali minimi negli appalti di servizi e forniture; Obbligatorietà dei criteri ambientali minimi; Applicazione all’intero valore dell’appalto; Criteri ambientali minimi nell’offerta economicamente più vantaggiosa; Documentazione progettuale; CAM in vigore per le varie categorie di servizi e forniture; Struttura dei decreti di approvazione dei CAM; Elenco completo dei CAM in vigore, risposte a FAQ e chiarimenti vari.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Professioni
  • Autorità di vigilanza

Direzione, esecuzione e contabilità dei lavori pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO; SOGGETTI COINVOLTI NELL’ESECUZIONE DEI LAVORI PUBBLICI E RUOLI (Responsabile unico del procedimento (RUP); Direttore dei lavori, direttori operativi e ispettori di cantiere; Rapporti tra RUP, DL, CSE ed esecutore dei lavori; DL e coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione; Schema grafico riepilogativo) - REQUISITI E NOMINA DEL DIRETTORE DEI LAVORI (Requisiti generali del DL; Incompatibilità del DL con l’esecutore dei lavori; Unicità della figura del direttore dei lavori; Casi in cui il RUP può o meno coincidere con il direttore dei lavori ; Compensi del direttore dei lavori) - FASE ESECUTIVA E ATTIVITÀ DEL DIRETTORE DEI LAVORI (Attestazione dello stato dei luoghi; Consegna dei lavori; Accettazione ed impiego di materiali e componenti; Verifica del rispetto degli obblighi dell’esecutore e del subappaltatore; Gestione delle modifiche, variazioni e varianti contrattuali; Contestazioni e riserve; Sospensione dei lavori; Gestione dei sinistri; Ultimazione dei lavori; Assistenza al collaudo) - CONTABILITÀ DEI LAVORI PUBBLICI (Controllo amministrativo contabile dei lavori; Documenti contabili; Forma e modalità di tenuta dei documenti di contabilità ; Contabilità semplificata).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Emanuela Greco
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Disposizioni antimafia
  • Appalti e contratti pubblici

Rating di legalità delle imprese: in cosa consiste, come richiederlo e come è considerato da banche e PA

Il rating di legalità è uno strumento introdotto nel 2012 per le imprese italiane, volto alla promozione e all'introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale, tramite l’assegnazione di un riconoscimento misurato in "stellette" indicativo del rispetto della legalità da parte delle imprese che ne abbiano fatto richiesta. All'attribuzione del rating l’ordinamento ricollega vantaggi in sede di concessione di finanziamenti pubblici e agevolazioni per l’accesso al credito bancario.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Livelli di progettazione delle opere pubbliche (bozza decreto attuativo del D. Leg.vo 50/2016)

Sintetica informativa sui contenuti e sull’iter di approvazione del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti che - ai sensi dell’art. 23, comma 3, del D. Leg.vo 50/2016 - definisce i contenuti della progettazione nei tre livelli (progetto di fattibilità tecnica ed economica, definitivo ed esecutivo). Modifiche ed integrazioni della Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali del 17/05/2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Avvisi e bandi di gara
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica in base a regole AgID

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo