FAST FIND : NN14575

Deliberaz. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 07/06/2011, n. 59

Segnalazione irregolarità sull’appalto per “Lavori di sistemazione strade del Centro Storico – Via Piazza Nuova e vicoli adiacenti nel comune di Gissi (CH). Importo a base d’asta €. 163.575,14 + IVA.
Scarica il pdf completo
2588878 2617666
[Premessa]


Il Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2588878 2617667
Considerato in fatto

Con segnalazione del 06.09.2010 prot. 56366, l’arch. Nicola Pachioli, direttore dei lavori per l’appalto in oggetto, ha informato l’Autorità che “ l’impresa appaltatrice a distanza di circa due anni dall’aggiudicazione della gara, si è rifiutata di firmare il contratto di appalto e di iniziare i lavori, nonostante i ripetuti solleciti da parte del D.L.” e che “una perizia di variante suppletiva redatta da un coadiuvante del RUP, estraneo alla Direzione Lavori, ha stravolto il progetto appaltato ed ha avvantaggiato fortemente l’impresa aggiudicataria ai danni di altre imprese (partecipanti alla gara) e dell’Ente appaltante”.

Al fine di verificare le dichiarazioni contenute nel suddetto esposto, 1'Autorità ha aperto un'istruttoria, da cui è emerso quanto segue.

Con deliberazione di C.G. n. 65 del 24.07.08, è stato approvato il progetto esecutivo relativo ai lavori di sistemazione delle strade del Centro Storico di Gissi, predisposto dal geom. Domenico Gaspari, nonché RUP del appalto, per un importo complessiv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2588878 2617668
Considerato in diritto

Con riferimento ai contenuti dell'esposto e dall’esame degli atti pervenuti dalla SA sono emerse le seguenti criticità.

La perizia di variante suppletiva ammonta a €. 157.334,80 di cui €. 155.609,94 per lavori e €. 1.724,86 per oneri relativi alla sicurezza, ed è stata redatta dall’ing. Luigi Ciancaglini, in qualità di progettista, mentre lo stesso a tale data, aveva solo l’incarico di direttore operativo ed ispettore di cantiere dei lavori in oggetto, e ciò in contrasto con gli artt. 125 e 126 del Regolamento 554/99.

Infatti, la compilazione e la stesura di una perizia di variante, ai sensi dell’art.134 co. 3 del DPR 554/99, è di esclusiva competenza del D.L. e comunque lo stesso doveva essere sentito in merito; infatti, il succ. art. 135 prevede che “qualora per uno dei casi previsti dalla Legge, sia necessario introdurre nel corso dell’esecuzione variazioni o addizioni non previste nel contratto il DL, sentito il responsabile del procedimento ed il progettista, promuove la redazione di una perizia suppletiva e di variante, indicandone i motivi nell’apposita relazione da inviare alla SA”; quindi, nel caso di specie, la procedura espletata per la compilazione della perizia appare non conforme a quanto sancito dal suddetto articolo, poichè la stessa è stata redatta in data 8.07.2010 dall’ ing Ciancaglini, senza essere stato revocato dall’incarico il precedente D.L.( arch. N. Pachioli).

A tal proposito, si rileva anche che la nomina dell’arch. Nicola Pachioli, quale D.L. è avvenuta dopo l’espletamento della gara di appalto, contravvenendo a quanto stabilito dall’art. 123 del Regolamento, che prevede che per “il coordinamento, la DL ed il controllo tecnico contabile, dell’esecuzione di ogni singolo intervento le SA, prima della gara istituiscono un ufficio di direzione dei lavori, costituito da un direttore dei lavori ed eventualmente, in relazione alla dimensione e alla tipologia e categoria dell’intervento, da uno o più assistenti con funzioni di direttore operativo o di ispettore di cantiere.”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2588878 2617669
Il Consiglio

sulla base di quanto è emerso rileva le seguenti irregolarità;

- la nomina del D.L. è in contrasto con quanto sancito dall’art. 123 del DPR n. 554/99R, essendo stata effettuata dopo lo svolgimento della gara d’appalto;

- la consegna dei lavori del 12.03.2009 è stata effettuata sotto rise

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Avvalimento di requisiti finanziari ed esperienza (c.d. "di garanzia") e contenuti del contratto (C. Stato 5429/2017)

Con la sentenza C. Stato 22/11/2017, n. 5429, sono state fornite interessanti precisazioni in merito ai contenuti del contratto di avvalimento nelle gare pubbliche, con particolare riguardo al caso in cui l’impresa ausiliaria mette a disposizione dell’ausiliata il proprio valore aggiunto in termini di solidità finanziaria e di acclarata esperienza di settore (c.d. “avvalimento di garanzia”).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

Contenuti e obiettivi del Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione (PAN-GPP), criteri ambientali minimi da introdurre negli appalti pubblici e riflessi pratici della disciplina a seguito delle modifiche introdotte all'art. 34 del D. Leg.vo 50/2016 ad opera del D. Leg.vo 56/2017 (c.d. "correttivo").
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Regolamento unico sul potere sanzionatorio dell’Autorità Nazionale Anticorruzione

Sintesi del Regolamento unico che disciplina tutte le disposizioni concernenti l’esercizio da parte dell’Autorità del potere sanzionatorio, ed abroga di conseguenza i vari provvedimenti precedenti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Mappa di attuazione del nuovo codice dei contratti pubblici

Questo articolo riporta una tabella contenente tutti i provvedimenti attuativi previsti dal nuovo Codice di cui al D. Leg.vo 50/2016, con i relativi articoli, la tipologia di provvedimento di cui si attende l’emanazione, la scadenza (ove prevista) e la disciplina transitoria che eventualmente si applica nelle more. La tabella è aggiornata ai provvedimenti progressivamente emanati, nonché alle modifiche ed ai nuovi provvedimenti attuativi individuati ad opera del D. Leg.vo 19/04/2017, n. 56 (c.d. “correttivo”).
A cura di:
  • Valentina Rampulla

Attività tecniche dipendenti della p.a.: abilitazione, svolgimento e incentivi

Questo articolo tratta della progettazione e delle altre funzioni tecniche nell’ambito dei lavori pubblici (attività del RUP, direzione lavori, coordinamento sicurezza, collaudo, ecc.) quando svolte internamente alle amministrazioni aggiudicatrici. Dopo aver chiarito quali sono le prestazioni in oggetto e chi le può svolgere, ampio spazio viene dato alla disciplina degli incentivi, evidenziando la disciplina applicabile dopo il D. Leg.vo 50/2016, alla luce anche delle ulteriori modifiche introdotte dal D. Leg.vo 56/2017, c.d. “correttivo”. Sono poi riepilogati tutti i regimi di incentivo succedutisi nel tempo, attraverso una tabella di sintesi con le rispettive date di decorrenza. Aggiornamento al Comunicato ANAC 06/09/2017.
A cura di:
  • Dino de Paolis