FAST FIND : NN14570

Par. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 20/03/2014, n. AG06/2014

Richiesta di parere - Comune di Andrano - Termine dilatorio per la stipulazione del contratto (c.d. stand still) - Decorrenza del termine - Applicazione dell’istituto e limiti.
Scarica il pdf completo
2588850 2617442
Testo del provvedimento

Con nota acquisita al prot. n. 130240 in data 30 dicembre 2013, il Comune di Andrano (LE) ha trasmesso a questa Autorità una richiesta di parere in merito alla corretta applicazione del termine dilatorio di trentacinque giorni previsto per la stipulazione del contratto (cd termine di stand still).

Il dubbio sotteso a tale richiesta attiene alla possibilità, astrattamente compatibile con la lettera della disposizione, che il termine di stand still debba decorrere non già dalla aggiudicazione definitiva, ancorchè priva della condizione di efficacia, bensì dal momento in cui l’aggiudicazione definitiva acquista efficacia a seguito della verifica del possesso dei requisiti (ex art. 11, comma 8 del D.Lgs. n. 163/2006 ).

A sostegno della prima tesi, l’orientamento del TAR Lazio considera l’aggiudicazione definitiva, sebbene non ancora efficace, già idonea ad incidere sull’interesse del concorrente non aggiudicatario e, dunque, a fondare il presupposto per il ricorso giurisdizionale o amministrativo avverso la medesima (TAR Lazio, Roma, Sez. III-ter, 9 dicembre 2010, n. 35816, cfr altresì Cons. Stato 11 febbraio 2013, n. 763). Tale giurisprudenza indurrebbe a ritenere legittima la decorrenza del termine di trentacinque giorni dalla comunicazione dell’aggiudicazione definitiva e non dall’avvenuta efficacia della stessa.

A sostegno della seconda tesi, si può indicare l’orientamento giurisprudenziale secondo il quale la lesione dell’interesse del partecipante non vincitore emerge solo nel momento in cui - superato il controllo dei requisiti dell’aggiudicatario - l’aggiudicazione definitiva diviene efficace (TAR Lazio, Roma, Sez. III, n. 6899/2008, TAR Veneto, sez. I, 30 luglio 2012, n. 1055), ed argomenta, altresì, sottolineando che appare astrattamente possibile che l’interesse ad impugnare l’aggiudicazione definitiva emerga soltanto a seguito dell’adozione degli atti del controllo medesimo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Avvalimento di requisiti finanziari ed esperienza (c.d. "di garanzia") e contenuti del contratto (C. Stato 5429/2017)

Con la sentenza C. Stato 22/11/2017, n. 5429, sono state fornite interessanti precisazioni in merito ai contenuti del contratto di avvalimento nelle gare pubbliche, con particolare riguardo al caso in cui l’impresa ausiliaria mette a disposizione dell’ausiliata il proprio valore aggiunto in termini di solidità finanziaria e di acclarata esperienza di settore (c.d. “avvalimento di garanzia”).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

Contenuti e obiettivi del Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione (PAN-GPP), criteri ambientali minimi da introdurre negli appalti pubblici e riflessi pratici della disciplina a seguito delle modifiche introdotte all'art. 34 del D. Leg.vo 50/2016 ad opera del D. Leg.vo 56/2017 (c.d. "correttivo").
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Regolamento unico sul potere sanzionatorio dell’Autorità Nazionale Anticorruzione

Sintesi del Regolamento unico che disciplina tutte le disposizioni concernenti l’esercizio da parte dell’Autorità del potere sanzionatorio, ed abroga di conseguenza i vari provvedimenti precedenti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Mappa di attuazione del nuovo codice dei contratti pubblici

Questo articolo riporta una tabella contenente tutti i provvedimenti attuativi previsti dal nuovo Codice di cui al D. Leg.vo 50/2016, con i relativi articoli, la tipologia di provvedimento di cui si attende l’emanazione, la scadenza (ove prevista) e la disciplina transitoria che eventualmente si applica nelle more. La tabella è aggiornata ai provvedimenti progressivamente emanati, nonché alle modifiche ed ai nuovi provvedimenti attuativi individuati ad opera del D. Leg.vo 19/04/2017, n. 56 (c.d. “correttivo”).
A cura di:
  • Valentina Rampulla

Attività tecniche dipendenti della p.a.: abilitazione, svolgimento e incentivi

Questo articolo tratta della progettazione e delle altre funzioni tecniche nell’ambito dei lavori pubblici (attività del RUP, direzione lavori, coordinamento sicurezza, collaudo, ecc.) quando svolte internamente alle amministrazioni aggiudicatrici. Dopo aver chiarito quali sono le prestazioni in oggetto e chi le può svolgere, ampio spazio viene dato alla disciplina degli incentivi, evidenziando la disciplina applicabile dopo il D. Leg.vo 50/2016, alla luce anche delle ulteriori modifiche introdotte dal D. Leg.vo 56/2017, c.d. “correttivo”. Sono poi riepilogati tutti i regimi di incentivo succedutisi nel tempo, attraverso una tabella di sintesi con le rispettive date di decorrenza. Aggiornamento al Comunicato ANAC 06/09/2017.
A cura di:
  • Dino de Paolis