FAST FIND : CM722

Il Nuovo Codice degli Appalti: oneri e opportunità

Dopo l’approvazione del 3 Marzo scorso dal Consiglio dei Ministri, la bozza del nuovo codice degli appalti approda al Consiglio di Stato. Prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, dovrà ottenere il parere della conferenza unificata e quello delle commissioni parlamentari competenti in materia. Questo è l’iter che porterà alla luce il decreto legislativo il cui termine è fissato per il 18 Aprile 2016. Il primo dato di rilievo è sicuramente relativo al numero di articoli, ridotti a 217 rispetto agli oltre 600 dei testi precedenti che andranno a sostituire sia l’attuale codice degli appalti (D. Leg.vo 163/2006) che il regolamento (D.P.R. 207/2010).
Blumatica

Fra le tante novità, su cui si è ampiamente dibattuto in tempi recenti in riferimento alle nuove disposizioni puramente legislative, finalmente si apre un nuovo scenario per quanto riguarda l’adeguamento ai canoni digitali anche per la gestione degli appalti che prevede non solo le modalità di pubblicazione di avvisi e bandi online ma anche la progressiva introduzione dell’uso di metodi e strumenti elettronici di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture, comunemente nota con l’acronimo BIM (Building Information Modeling). Il testo, inoltre, annuncia la sostituzione della progettazione preliminare (Art. 93 del D. Leg.vo 163/2006) con una progettazione di fattibilità molto più dettagliata. 

Per quanto concerne la modellazione BIM, l’accesso alla tecnologia diventerà obbligatorio soltanto per le nuove opere e servizi di importo superiore alle soglie di rilevanza europea e sarà riservato alle stazioni appaltanti che attuano buone pratiche di utilizzo e dispongono di idonei sistemi di monitoraggio, sempreché l’utilizzo di tali migliori pratiche costituisca parametro di valutazione dei requisiti premianti. Restano celate ulteriori novità in quanto sarà stabilita successivamente, con con decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, l’individuazione delle buone pratiche e dei sistemi di monitoraggio, con tempistica graduale per consentire alle stazioni appaltanti l’adeguamento tecnologico.

Rimandi a linee guida, regolamenti e provvedimenti da emanarsi ricorrono frequentemente nella lettura del testo, per cui gli addetti ai lavori dovranno prestare particolare attenzione sia in termini di tempo che di adeguamento continuo delle procedure da adottare.

Il testo approvato, se pur non definitivo, delinea nuove modalità operative per i progettisti sia come iter procedurale che in riferimento all’accesso alle nuove tecnologie. Risulta fondamentale, quindi, formarsi in tempi molto rapidi e avvalersi di strumenti di lavoro in grado di fornire tutte le informazioni indispensabili per produrre elaborati al passo con l’aggiornamento normativo.

A tal fine Blumatica metterà a disposizione il software Blumatica Capitolati Speciali d’Appalto che consente alle stazioni appaltanti di recepire in automatico tutte le disposizioni normative man mano che vengono emanate. Fiore all’occhiello del software è la tecnologia, già collaudata con altri software, che sta rivoluzionando il mondo dell’informatica creando un connubio perfetto tra software e formazione. Si chiama SAAT (Software As A Teacher), una rivoluzionaria alchimia che consente di apprendere qualsiasi tematica tecnica e normativa man mano che si utilizza il software, senza bisogno di utilizzare manuali o altri supporti. Tutorial audio/video, help contestuali ed interfacce studiate ad hoc aprono nuovi orizzonti alla vecchia concezione del software inteso come mero strumento operativo.

 



 

Blumatica
Software Edilizia e Sicurezza

Via Irno s.n.c.
84098 Pontecagnano Faiano (SA)
Tel: 089.848601
Fax: 089.848741
e-mail: info@blumatica.it
Sito Web: www.blumatica.it

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Mezzogiorno e aree depresse

Resto al Sud - Contributi per i giovani imprenditori del Mezzogiorno

Concessione di contributi in favore di soggetti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni, al fine di promuovere la costituzione di nuove imprese nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Attuazione della misura denominata “Resto al Sud”, prevista dal D.L. 91/2017.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Partenariato pubblico privato
  • Appalti e contratti pubblici

Linee guida ANAC sul rispetto degli obblighi di affidamento da parte dei concessionari

Lo schema di linee guida ANAC concernenti la verifica del rispetto del limite per l’affidamento da parte dei concessionari mediante concessioni mediante procedura ad evidenza pubblica, introducendo clausole sociali e per la stabilità del personale impiegato e per la salvaguardia delle professionalità.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Il Building Information Modeling (Bim) per le opere pubbliche

Analisi redazionale e testo del decreto, in corso di emanazione, che reca modalità e tempistiche per l’adozione del BIM nella progettazione e nei processi esecutivi dei lavori e gestionali delle opere pubbliche. Soggetti tenuti, tempistiche di introduzione obbligatoria, adempimenti delle stazioni appaltanti, specifiche tecniche, documentazione di gara e valenza contrattuale.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Appalti di lavori privati

Responsabilità extracontrattuale di progettista, D.L. e impresa appaltatrice per difetti di immobili non ultimati

La sentenza della Corte di Cassazione 27/11/2017, n. 28233, specifica che la responsabilità per rovina e difetti di immobili di cui all'art. 1669 Codice civile ha natura extracontrattuale e si applica in via esclusiva anche nel caso di opera non ultimata; non trovano invece applicazione le norme in materia di risoluzione del contratto per inadempimento di cui agli artt. 1453 e ss. Codice civile. La Suprema Corte illustra l’orientamento giurisprudenziale sul tema e, mediante un’articolata motivazione, ne dimostra i limiti giungendo alla formulazione di un principio di diritto innovativo.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Disciplina delle terre e rocce da scavo: sintesi operativa dopo il D.P.R. 120/2017

Definizione di “terre e rocce da scavo” e relative categorie ed esclusioni; Riutilizzo in situ del suolo escavato naturale; Suolo naturale nel quale siano presenti “materiali di riporto”; Piano preliminare di utilizzo in sito delle terre e rocce da scavo per opere sottoposte a VIA; Condizioni per qualificare le terre e rocce da scavo come “sottoprodotti” a seconda delle dimensioni del cantiere e delle tipologie di opere; Trasporto delle terre e rocce qualificate sottoprodotti; Terre e rocce da scavo qualificabili come “rifiuti”; Deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti; Attività di scavo in siti oggetto di bonifica.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Dalle Aziende

  • Informatica

Cosa sono i rischi specifici? Perché vanno valutati e come? Blumatica ci viene in aiuto

Il D.lgs. 81/08 (Testo Unico della Sicurezza) definisce gli obblighi del datore di lavoro e gli aspetti che occorre prendere in considerazione per il rispetto dei requisiti di natura cogente relativi alla valutazione dei rischi.
  • Informatica

Dichiarazione di successione Telematica: punti critici e soluzioni

In seguito all’approvazione del nuovo modello di dichiarazione di successione e domanda di voltura catastale (provvedimento dell’Agenzia delle entrate, 27 Dicembre 2016) è possibile, dal 23 Gennaio 2017, presentare la dichiarazione di successione per via Telematica.
  • Catasto e registri immobiliari
  • Edilizia e immobili

ACTAGEST Privacy - Sistema di gestione conforme alla normativa sulla privacy

ACTAGEST Privacy è una delle 10 soluzioni che compongono il sistema di gestione modulare ACTAGEST per professionisti, società ed enti che operano per progetti, pratiche e commesse, e aggiunge al sistema ACTAGEST la conformità del trattamento dei dati alla normativa sulla privacy.
  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

Il BIM, in pratica

PRO_SAP da anni è un attore della filiera BIM, infatti automatizza le funzionalità di importazione ed esportazione dei file di interscambio. Sempre più spesso i progettisti le usano nella pratica professionale: il BIM sta finalmente diventando realtà.
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Norme tecniche

Adeguamento sismico Strutture in muratura

Com'è noto, per gli edifici esistenti in muratura, è possibile ricorrere a diversi metodi di analisi, in funzione del modello con il quale vengono descritte la struttura ed il suo comportamento sismico.
  • Edilizia e immobili

Isolamento acustico attivo: Eterno Ivica esplora la nuova frontiera della ricerca

Eterno Ivica si distingue sul panorama delle aziende italiane per la volontà di mantenere stretti i rapporti con il mondo dell'istruzione e della ricerca scientifica.

International CAE Conference: 6/7 novembre 2017 a Vicenza

Un'importante occasione di incontro annuale sui temi della simulazione numerica, per tutti i soggetti interessati, dalle aziende al mondo accademico e della ricerca e, naturalmente, i fornitori di software.
  • Informatica

Tecnologia BIM e progettazione strutturale

La tecnologia BIM applicata al calcolo strutturale: quali sono i vantaggi e come può semplificare e agevolare il lavoro dei progettisti.