FAST FIND : NN14504

Par. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 10/04/2014, n. 63

Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del D.Lgs. n. 163/2006 presentata dal Comune di Trieste - “Lavori di restauro e adeguamento normativo per l’accessibilità della scuola Dante Alighieri di Trieste”- Importo a base d'asta € 2.352.000,00 – S.A.: Comune di Trieste.
Scarica il pdf completo
2574654 2580510
[Premessa]


Il Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2574654 2580511
Considerato in fatto

In data 31 dicembre 2013 è pervenuta l’istanza indicata in epigrafe con la quale il Comune di Trieste, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, ha chiesto un parere in merito alla legittimità dell’eventuale aggiudicazione definitiva nei confronti di impresa, aggiudicataria provvisoria, con DURC irregolare al momento della presentazione dell’offerta, successivamente regolarizzato.

L’impresa Onisto Costruzioni Generali s.r.l.(al momento della partecipazione in possesso dell’attestazione SOA per la categoria OG2 classifica III) ha parte

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2574654 2580512
Ritenuto in diritto

La questione sottoposta all’esame dell’Autorità concerne la posizione della ditta Costruzioni Giomo S.r.l., mandataria di una costituenda ATI di tipo orizzontale, aggiudicataria provvisoria nella gara in oggetto, rispetto alla quale la stazione appaltante ha accertato una situazione di irregolarità contributiva nei confronti dell’INPS e dell’INAIL successivamente sanata.

Il Comune di Trieste chiede, pertanto, se l’irregolarità contributiva sussistente al momento della partecipazione, poi sanata, costituisca legittima causa di esclusione.

Il D.L. 21-6-2013 n. 69R conv. in L. 98/2013 all’art. 31 comma 8 stabilisce che “ Ai fini della verifica per il rilascio del documento unico di regolarità contributiva (DURC), in caso di mancanza dei requisiti per il rilascio di tale documento gli Enti preposti al rilascio, prima dell'emissione del DURC o dell'annullamento del documento già rilasciato, invitano l'interessato, mediante posta elettronica certificata o con lo stesso mezzo per il tramite del consulente del lavoro ovvero degli altri soggetti di cui all'articolo 1 della legge 11 gennaio 1979, n. 12, a regolarizzare la propria posizione entro un termine non superiore a quindici giorni, indicando analiticamente le cause della irregolarità”.

La disposizione replica quella già prevista dal D.M. 24-10-2007 che all’art. 7 comma 3 stabiliva che “In mancanza dei requisiti di cui all'art. 5 gli Istituti, le Casse edili e gli Enti bilaterali, prima dell'emissione del DURC o dell'annullamento del documento già rilasciato ai sensi dell'art. 3, invitano l'interessato a regolarizzare la propria posizione entro un termine non superiore a quindici giorni”.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2574654 2580513
Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che l’irregolarità contribut

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Fisco e Previdenza
  • Lavoro e pensioni
  • Precontenzioso, contenzioso e giurisdizione
  • Soglie normativa comunitaria
  • DURC
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Appalti, i chiarimenti della Circolare 4536/2012

Il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti interviene con una circolare in merito all’applicazione delle disposizioni recate dal D.P.R. 207/2010, Regolamento di attuazione del Codice dei Contratti Pubblici, alla luce anche delle recenti modifiche ed integrazioni intervenute in materia. I chiarimenti in materia di affidamenti, istituto dell’avvalimento, Documento Unico di Regolarità Contributiva, verifica dell’attestazione SOA, costi di sicurezza.
A cura di:
  • Denis Peraro
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Fisco e Previdenza
  • Appalti e contratti pubblici
  • DURC
  • Lavoro e pensioni

DURC, verifica dell'attestazione SOA, costi di sicurezza. I chiarimenti della Circolare n. 4536/2012

Chiarimenti sulla disciplina dei Contratti Pubblici in merito ad acquisizione del DURC per contratti sotto i 20.000 Euro, verifica triennale dell'attestazione SOA, costi della sicurezza ed utili d'impresa.
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Professioni

Determinazione dei corrispettivi per i servizi tecnici negli appalti pubblici

PREMESSA (Entrata in vigore e contenuti del D.M. 17/06/2016; Coordinamento con i livelli di progettazione previsti dal D. Leg.vo 50/2016) - APPLICAZIONE DEI CORRISPETTIVI (Riferimenti nel D. Leg.vo 50/2016 e nel D.M. 17/06/2016; Linee guida dell’ANAC e buone pratiche, giurisprudenza) - MODALITÀ DI CALCOLO DEI CORRISPETTIVI (Prestazioni non previste dal decreto o non determinabili; Corrispettivi per prestazioni non determinabili; Oneri accessori e spese; Schema grafico riepilogativo) - ESEMPI PRATICI.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

La programmazione dei lavori pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Le norme nel Codice dei contratti pubblici 2016; Il decreto ministeriale attuativo del Codice; Le norme nel Codice dei contratti pubblici del 2006) - REDAZIONE, FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DELLA PIANIFICAZIONE (Contenuti della pianificazione; Elenco annuale; Livelli di progettazione; Schemi tipo per la redazione della programmazione dei lavori pubblici; Ordine di priorità degli interventi; Iter di approvazione del programma triennale; Modalità di aggiornamento e modifica; Strumenti di supporto elaborati dall’Istituto ITACA) - OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE - CHIARIMENTI PERIODO ANTECEDENTE AL DECRETO ATTUATIVO.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Omessa dichiarazione della condanna dell’amministratore cessato dalla carica: conseguenze

Punto della situazione dopo la sentenza della Corte di giustizia UE 20/12/2017, causa C- 178/16, secondo la quale l’omessa dichiarazione da parte dell’offerente della condanna, anche se non ancora definitiva, dell’amministratore cessato dalla carica, comporta la mancata dimostrazione della dissociazione dell’impresa dalla condotta illecita e conseguentemente l’esclusione dalla gara.
A cura di:
  • Angela Perazzolo

07/11/2017

28/02/2017

05/12/2016