FAST FIND : NW3911

Ultimo aggiornamento
07/03/2018

Oscillazione del premio INAIL per andamento infortunistico e nel primo biennio

Oscillazione del premio INAIL per andamento infortunistico e primo biennio di attività; Esclusioni; Tabella dei decreti ministeriali attuativi; Rinvio ad approfondimenti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
2309145 4548134
Oscillazione del premio INAIL per andamento infortunistico e primo biennio di attività

L’art. della L. 147/2013, 1, comma 128, prevede che con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, su proposta dell’INAIL, sia stabilita:

- una riduzione percentuale dell’importo dei premi e contributi dovuti per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, che tenga conto dell’andamento infortunistico aziendale, da applicare per tutte le tipologie di premi e contributi oggetto di riduzione;

- le modalità di applicazione della riduzione a favore delle imprese che abbiano iniziato l'attività da non oltre un biennio, nel rispetto delle norme in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, ai sensi di quanto previsto agli artt. 19 e 20 del D.M. 12/12/2000, che reca le modalità per l’applicazione delle tariffe e per il pagamento dei premi assicurativi.

Le oscillazioni per andamento infortunistico aziendale e per le aziende in attività da non oltre un biennio (cosiddette “seconda oscillazione” e “prima oscillazione”) si aggiungono alla cosiddetta “terza oscillazione”, prevista in relazione agli interventi effettuati per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, per la quale si rinvia all’articolo Oscillazione del premio INAILper prevenzione (OT/24).


2309145 4548135
Esclusioni

Sono comunque esclusi dalla riduzione i premi e i contributi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali previsti dalle seguenti disposizioni:

- art. 8 della L. 03/12/1999, n. 493 (lavoratori domestici);

- art. 72 del D. Leg.vo 10/09/2003, n. 276 (lavoro accessorio - si segnala peraltro che il menzionato articolo è stato abrogato e superato dall’art. 49 del D. Leg.vo 81/2015, cui occorre ora fare riferimento);

- D.M. 28/03/2007 che attua l’art. 1 della L. 27/12/2006, n. 296, comma 773 (apprendistato);

- art. 5 del D.P.R. 31/12/1971, n. 1403 (lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari e lavoratori addetti a servizi di riassetto e di pulizia dei locali).


2309145 4548136
Tabella dei decreti ministeriali attuativi

Le percentuali di riduzione e le modalità attuative delle disposizioni sopra illustrate sono state adottate con i provvedimenti sotto indicati in tabella.


ANNO

DECRETO

PROVV. INAIL

OSCILLAZIONE

2014

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 22/04/2014

Determina INAIL 67/2014

14,67%

2015

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 14/01/2015

Determina INAIL 327/2014

15,38%

2016

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 30/09/2015

Determina INAIL 283/2015

16,61%

2017

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 09/11/2016

Determina INAIL 307/2016

16,48%

2018

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 12/02/2018

Determina INAIL 388/2017

15,81%


2309145 4548137
Rinvio ad approfondimenti

Si rinvia per dettagli alle pagine dedicate sul sito dell’INAIL:

- Oscillazione per andamento infortunistico

- Oscillazione primo biennio

legislazionetecnica.it

Riproduzione riservata

Dalla redazione

  • Lavoro e pensioni
  • Assicurazione obbligatoria infortuni sul lavoro e malattie professionali
  • Fisco e Previdenza

Oscillazione del premio INAILper prevenzione (OT/24)

Oscillazione del premio INAIL per prevenzione (OT/24); Condizioni per l’ottenimento; Percentuali di oscillazione; Rinvio ad approfondimenti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

INPS - Gestione separata. Aliquote, massimale e minimale (aggiornamento 2017)

La Circolare n. 21 del 31/01/2017 dell'INPS riepiloga quali sono le aliquote contributive e di computo, il massimale annuo di reddito ed il minimale per l'accredito contributivo per il 2017.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Federalismo fiscale
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Finanza pubblica
  • Fisco e Previdenza

La tassa sui rifiuti (TARI) e il tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Premessa, la riforma della fiscalità immobiliare locale nel 2014; La tassa sui rifiuti, TARI (scopo, presupposto impositivo, soggetti tenuti al pagamento, base imponibile, esclusione superfici in cui si formano rifiuti speciali, tariffa TARI fissata dal Comune, riduzioni tariffarie, modalità di calcolo, dichiarazione); Il tributo per i servizi indivisibili, TASI (scopo, presupposto impositivo, esclusioni, soggetti tenuti al pagamento; locazione finanziaria e TASI, detenzione temporanea dell’immobile e TASI, base imponibile, modalità di calcolo e dichiarazione, TASI e “immobili merce” delle imprese edili e immobiliari, dichiarazione).
A cura di:
  • Massimo Pipino
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Guida alla rivalutazione dei terreni edificabili e agricoli per il 2018

La Legge di bilancio per il 2018, commi 997 e 998 dell’articolo 1, ha riaperto ancora una volta i termini per operare la rivalutazione facoltativa, a pagamento, dei terreni agricoli e di quelli edificabili, inclusi quelli lottizzati, di cui all’articolo 67, comma 1, lettere a) e b), del D.P.R. n. 917/1986 (“Testo Unico delle Imposte sui Redditi” o “TUIR”). L’articolo che segue illustra in dettaglio le caratteristiche dell’istituto e le valutazioni di convenienza economica sottese alla scelta di avvalersi o meno della rivalutazione a pagamento, anche alla luce dei vincoli e delle alternative offerti dall’articolato quadro normativo che caratterizza i “redditi diversi” di natura immobiliare derivanti dal realizzo di plusvalenze prodotte dalla cessione di terreni.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

La rivalutazione dei terreni: come calcolarne la convenienza e ridurre i rischi fiscali

La Legge di bilancio 2018 (articolo 1, commi 997 e 998) ha riaperto, ancora una volta, i termini entro cui è possibile effettuare - da parte di persone fisiche che agiscano in veste privata, società semplici ed enti non commerciali - la rideterminazione del valore dei terreni edificabili, agricoli e lottizzati, confermando peraltro le aliquote all’8% come già disposto a partire dal 2015. L’articolo illustra con esempi le principali situazioni nelle quali la procedura di rivalutazione può risultare opportuna, per ragioni di convenienza economica o anche per ridurre o azzerare l’elevato rischio di accertamento in caso di cessione del bene. Esempi relativi a terreni agricoli, terreni lottizzati e terreni edificabili.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Calamità/Terremoti
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)

Sisma maggio 2012: termine ultimo esenzione IMU per i fabbricati dichiarati inagibili

19/04/2018

12/01/2018

25/11/2017