FAST FIND : NN13731

Circ. Min. Lavoro e Pol. Soc. 08/06/2015, n. 19

D.M. 30 gennaio 2015 - DURC "on-line" - prime indicazioni operative.
Scarica il pdf completo
1860859 1978374
[Premessa]



L’articolo 4, del D.L. n. 34/2014 R (conv. da L. n. 78/2014), recante “semplificazioni in materia di Documento Unico di Regolarità Contributiva”, ha introdotto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1860859 1978375
Art. 1 (Soggetti abilitati alla verifica di regolarità contributiva)

Ai sensi dell’art. 1 del D.M. sono abilitati ad effettuare la verifica di regolarità contributiva:

a) i soggetti di cui all’art. 3, comma 1 lett. b), del D.P.R. n. 207/2010 R; trattasi in particolare di “amministrazioni aggiudicatrici, organismi di diritto pubblico, enti aggiudicai ori, altri soggetti aggiudicatori, soggetti aggiudicatori e stazioni appaltanti (...)”;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1860859 1978376
Art. 2 (Verifica di regolarità contributiva)

I soggetti abilitati indicati all’art. 1 possono verificare in tempo reale, con le modalità che saranno di seguito illustrate, la regolarità contributiva nei confronti dell’INPS, dell’INAIL e, per le imprese classificate o classificabili ai fini previdenziali nel settore industria o artigianato per le attività dell’edilizia, delle Casse

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1860859 1978377
Art. 3 (Requisiti di regolarità)

Così come esplicitamente previsto dallo stesso art. 4 del D.L. n. 34/2014, la verifica della regolarità in tempo reale riguarda i pagamenti dovuti dall’impresa in relazione ai lavoratori subordinati e a quelli impiegati con contratto di collaborazione coordinata e continuativa - cioè tutti i soggetti tenuti all’iscrizione obbligatoria alla Gestione separata di cui all’art. 2, comma 26, della L. n. 335/1995 - che operano nell’impresa stessa, nonché i pagamenti dovuti dai lavoratori autonomi, scaduti sino all’ultimo giorno del secondo mese antecedente a quello in cui la verifica è effettuata, a condizione che sia scaduto anche il termine di presentazione delle relative denunce retributive.

Con riguardo agli obblighi contributivi in questione, si specifica che la verifica della regolarità contributiva dell’impresa si riferisce agli adempimenti cui la stessa è tenuta avuto riguardo a tutte le tipologie di rapporti di lavoro subordinato ed autonomo, compresi quelli relativi ai soggetti tenuti all’iscrizione obbligatoria alla Gestione separata di cui all’art. 2, comma 26, della L. n. 335/1995.

La verifica di regolarità contributiva nei confronti dei lavoratori autonom

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1860859 1978378
Art. 4 (Assenza di regolarità)

Qualora non sia possibile attestare la regolarità contributiva in tempo reale - e fatte salve le ipotesi di esclusione indicate all’art. 9 del D.M. - l’INPS, l’INAIL e le Casse edili trasmettono tramite PEC, all’interessato o al soggetto da esso delegato ai sensi dell’art. 1 della L. n. 12/1979 l’invito a regolarizzare con indicazione analitica delle cause di irregolarità rilevate da ciascuno degli Enti tenuti al controllo. Con tale previsione si è inteso definire le diverse competenze in ordine ai soggetti che, ai sensi dell’art. 1 del D.M., sono abilitati ad effettuare la verifica rispetto a quelli che, al contrario, sono abilitati a gestire il processo di regolarizzazione. Infatti l’invito a regolarizzare dovrà essere trasmesso esclusivamente o al soggetto interessato dalla verifica di regolarità o ad un soggetto delegato ai sensi dell’art. 1 della L. n. 12/1979 e quindi abilitato per legge allo svolgimento degli adempimenti di carattere lavoristico e previdenziale per conto del datore di lavoro.

L’interessato, avvalendosi delle procedure in uso presso ciascun Ente, può regolarizzare la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1860859 1978379
Art. 5 (Procedure concorsuali)

Particolari disposizioni, anche in ragione delle problematiche interpretative affrontate nel corso degli anni da questo Ministero, sono dettate in relazione alle ipotesi di verifica della regolarità di soggetti interessati da procedure concorsuali.

Al riguardo il comma 1 dell’art. 5 disciplina la fattispecie del concordato con continuità aziendale di cui all’art. 186-bis del R.D. n. 267/1942 (L.F.). In tale ipotesi, l’impresa si considera regolare nel periodo intercorrente tra la pubblicazione del ricorso nel registro delle imprese e il decreto di omologazione, a condizione che nel piano di cui all’art. 161 del medesimo R.D. sia prevista l’integrale soddisfazione dei crediti dell’INPS, dell’INAIL e delle Casse edili e dei relativi accessori di legge, con scadenza anteriore alla data di pubblicazione del ricorso per l’ammissione alla procedura di concordato preventivo nel registro delle imprese.

Resta fermo che, ai fini dell’attestazione della regolarità, dovrà sempre essere verificato il regolare versamento dei contribuiti aventi scadenza legale successiva alla predetta data.

Da tale previsione si evince che l’attestazione di regolarità è subordinata ai contenuti del piano concordatario contenente la descrizione analitica delle modalità e dei tempi di adempimento della proposta di concordato e che, pertanto, con riguardo agli Istituti e alle Casse edili, espliciterà la modalità di definizione dell’esposizione debitoria maturata alla data di pubblicazione del ricorso di cui all’art. 161 della L.F.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1860859 1978380
Art. 6 (Modalità della verifica)

In tema di modalità della verifica il D.M. stabilisce che la stessa è attivata dai soggetti di cui all’art. 1 dello stesso Decreto, in possesso di specifiche credenziali, tramite un’unica i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1860859 1978381
Art. 7 (Contenuti)

Come anticipato, l’esito positivo della verifica di regolarità genera un Documento in formato “.pdf” non modificabile. Il Documento riporta i seguenti contenuti minimi:

a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1860859 1978382
Art. 8 (Cause ostative alla regolarità)

Analogamente a quanto già previsto dal D.M. 24 ottobre 2007, l’attuale disciplina individua le violazioni di natura previdenziale ed in materia di tutela delle condizioni di lavoro ostative alla regolarità necessaria, ai sensi dell’art. 1, comma 1175, della L. n. 296/2006, ai fini del godimento di benefici normativi e contributivi.

Trattasi di violazioni di natura previdenziale ed in materia di tutela delle condizioni di lavoro individuate nell’allegato A del D.M. commesse da parte del datore di lavoro o del dirigente responsabile, accertate con provvedimenti amministrativi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1860859 1978383
Art. 9 (Esclusioni)

Il D.M. prevede che, in via transitoria “e comunque non oltre il 1° gennaio 2017”, resti assoggettato alle previgenti modalità di rilascio il DURC richiesto in applicazione di alcune specifiche discipline. Trattasi in particolare del DURC richiesto in applicazione:

a) dell’art. 13 bis, comma 5, del D.L. n. 52/2012 (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
1860859 1978384
Art. 10 (Norme di coordinamento)

L’ultimo articolo del D.M. detta le norme di coordinamento individuando anzitutto, in applicazione dell’art. 4, comma 3, del D.L. n. 34/2014, alcune disposizioni di legge incompatibili con i contenuti del medesimo art. 4.

Da ciò deriva che le verifiche di regolarità già previste al comma 1 dell’art. 10 del D.M., in particolare c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • DURC
  • Lavoro e pensioni
  • Fisco e Previdenza

DURC (Documento unico di regolarità contributiva): richiesta e rilascio online, procedure, requisiti e validità

Questo articolo approfondisce tutti i dettagli relativi al DURC, e del suo rilascio tramite la modalità telematica introdotta dall’art. 4 del D.L. 34/2014 ed in seguito attuata dal D.M. 30/01/2015 (successivamente modificato dal D.M. 23/02/2016). Il tutto combinando, in forma schematica e tabellare, i vari chiarimenti forniti dal Ministero del lavoro, dall’INPS, dall’INAIL e dalle Casse edili, con rispettivi documenti di prassi, in modo da costituire un unico punto di riferimento sul tema, di pratica e veloce consultazione. Aggiornamento all’art. 54 del D.L. 50/2017 che ha disciplinato il caso del soggetto che si avvalga della definizione agevolata dei debiti contributivi ai sensi dell’art. 6 del D.L. 193/2016.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Lavoro e pensioni
  • Fisco e Previdenza
  • DURC

Conversione in legge del D.L. "lavoro" 34/2014: le novità su DURC, apprendistato e lavoro a termine

DURC: chiunque abbia interesse, potrà verificare la regolarità contributiva nei confronti di Inps, Inail e Casse edili con una interrogazione telematica. Contratto a termine: fino a 5 rinnovi entro 36 mesi senza necessità di motivazione. Apprendistato: Piano formativo semplificato e obblighi di stabilizzazione ridotti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Edilizia e immobili
  • Fisco e Previdenza
  • Professioni
  • Protezione civile
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Imposte sul reddito
  • Partenariato pubblico privato
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Disposizioni antimafia
  • Imposte indirette
  • Servizi pubblici locali
  • Lavoro e pensioni
  • Compravendita e locazione
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Appalti e contratti pubblici
  • Calamità/Terremoti
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • DURC
  • Enti locali
  • Fonti alternative
  • Mediazione civile e commerciale
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Pianificazione del territorio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Impiantistica
  • Urbanistica
  • Fisco e Previdenza
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Protezione civile
  • Pubblica Amministrazione
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia residenziale
  • Tutela ambientale
  • Edilizia scolastica
  • Calamità/Terremoti
  • DURC
  • Enti locali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Aree urbane
  • Federalismo fiscale
  • Imposte sul reddito
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Catasto e registri immobiliari
  • Servizi pubblici locali
  • Rifiuti
  • Provvidenze
  • Difesa suolo
  • Imposte indirette
  • Lavoro e pensioni
  • Beni culturali e paesaggio
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Trasporti
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Impianti di telefonia e comunicazione
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Informatica
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Terremoto Abruzzo
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Terremoto regioni meridionali
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici

La legge di stabilità 2015 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella legge di Stabilità 2015 (L. 23 dicembre 2014 n. 190), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Fisco e Previdenza
  • Lavoro e pensioni
  • DURC
  • Appalti e contratti pubblici

Durc irregolare: legittima l’esclusione per violazione di piccolo importo (Corte UE C-358/12 del 10/07/2014)

La Corte di Giustizia UE sul mancato versamento dei contributi che legittima l’esclusione dalla gara. La normativa interna può fissare vincoli maggiori rispetto alle regole comunitarie.
A cura di:
  • Anna Petricca

19/03/2018

18/01/2018

13/01/2018