FAST FIND: NW3766

La modulistica unica per l'edilizia e le attività produttive

A cura di:
Redazione Legislazione Tecnica

BR 26-27 prodotti non contenitori

Tutti i dettagli e le risorse di approfondimento in merito alla modulistica unificata per l'edilizia e le attività produttive, con aggiornamento all'Accordo Stato, Regioni ed enti locali del 04/05/2017 (modelli operativi dal 30/06/2017) ed all'Accordo 06/07/2017 che ha approvato il modello aggiornato del permesso di costruire e i modelli per altre attività produttive, da rendere disponibile da parte dei Comuni entro il 20/10/2017. Riepilogo aggiornato regione per regione.

Si riportano qui di seguito tutti i dettagli e le risorse di approfondimento sui provvedimenti che hanno adottato la modulistica unificata per l'edilizia e per le attività produttive, aggiornato all'Accordo tra Governo, Regioni ed enti locali sull'adozione di nuovi moduli unificati e standardizzati per la presentazione di segnalazioni, comunicazioni e istanze nei settori dell'edilizia e delle attività commerciali, siglato in data 04/05/2017 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 26 alla G.U. 05/06/2016, n. 128. In seguito, con Accordo del 06/07/2017 (non ancora pubblicato in G.U.) è stato adeguato anche il modulo relativo alla richiesta di permesso di costruire ed è stato adottato un secondo gruppo di moduli per attività commerciali e produttive.
Tutti i moduli sono disponibili in allegato.

QUADRO NORMATIVO - In data 04/05/2017 è stato siglato l’accordo tra Governo, Regioni ed enti locali sull'adozione di nuovi moduli unificati e standardizzati per la presentazione di segnalazioni, comunicazioni e istanze nei settori dell'edilizia e delle attività commerciali. Con il successivo Accordo in data 06/07/2017 è stato altresì adottato il nuovo modello per la richiesta di permesso di costruire, unitamente ad ulteriori moduli relativi ad un altro gruppo di attività produttive.
I moduli in questione sono previsti dall’art. 2, comma 1 del D. Leg.vo 30/06/2016, n. 126, il quale prevede che le amministrazioni statali: “adottano moduli unificati e standardizzati che definiscono esaustivamente, per tipologia di procedimento, i contenuti tipici e la relativa organizzazione dei dati delle istanze, delle segnalazioni e delle comunicazioni […] nonché della documentazione da allegare. I suddetti moduli prevedono, tra l'altro, la possibilità del privato di indicare l'eventuale domicilio digitale per le comunicazioni con l'amministrazione. Per la presentazione di istanze, segnalazioni o comunicazioni alle amministrazioni regionali o locali, con riferimento all'edilizia e all'avvio di attività produttive, i suddetti moduli sono adottati, in attuazione del principio di leale collaborazione, in sede di Conferenza unificata”.
I moduli fanno riferimento ai procedimenti edilizi di cui alla sezione II della Tabella A del D. Leg.vo 25/11/2016, n. 222, nonché ad alcune delle attività commerciali e assimilabili di cui alla sezione I della medesima tabella.

ITER DI ADOZIONE DELLA MODULISTICA A LIVELLO LOCALE - Entro il 20/06/2017, le regioni adeguano, ove necessario, i contenuti informativi dei suddetti moduli secondo le specifiche normative regionali. A loro volta, le amministrazioni comunali, alle quali sono rivolte domande, segnalazioni e comunicazioni, hanno l’obbligo di pubblicare sul loro sito istituzionale entro e non oltre il 30/06/2017 i moduli unificati e standardizzati, adottati con l’accordo in commento. Quanto invece al nuovo modello di permesso di costruire, le regioni hanno tempo fino al 30/09/2017, ed i comuni devono a loro volta pubblicarli sui siti istituzionali entro e non oltre il 20/10/2017.
L'obbligo di pubblicazione è assolto anche attraverso link alla piattaforma telematica di riferimento oppure alla modulistica adottata dalla Regione, successivamente all'accordo, e pubblicata sul sito istituzionale della Regione stessa. In tutti i casi è previsto che la mancata pubblicazione dei moduli e delle informazioni indicate sopra entro le date summenzionate costituisce illecito disciplinare punibile con la sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da tre giorni a sei mesi, ai sensi dell’art. 2, comma 5, del D. Leg.vo 126/2016.
Per i dati che devono essere specificati a livello locale, quali ad esempio la misura e le modalità di pagamento degli oneri, dei diritti, ecc. oppure, per le attività per le quali ancora non è stata adottata la modulistica a livello nazionale, le amministrazioni devono pubblicare comunque l’elenco delle informazioni, dei dati e delle eventuali attestazioni richieste a corredo della domanda, della segnalazione o della comunicazione.

MODULISTICA EDILIZIA (all. 2 all'Accordo 04/05/2017 + all. 2 all'Accordo 06/07/2017) - I moduli unificati e semplificati oggetto dell’accordo sono i seguenti:
- PERMESSO DI COSTRUIRE (Accordo del 06/07/2017)
- CILA
- SCIA e SCIA alternativa al permesso di costruire (nelle regioni che hanno disciplinato entrambi i titoli abilitativi i due moduli possono essere unificati)
- Comunicazione di inizio lavori (CIL) per opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee
- Soggetti coinvolti (allegato comune ai moduli CILA, SCIA e CIL)
- Comunicazione di fine lavori
- SCIA per l’agibilità
Dunque la modulistica per i titoli abilitativi edilizi, già adottata con precedenti accordi, deve essere adeguata alle novità introdotte dal D: Leg.vo 126/2016 e dal D. Leg.vo 222/2016. Viene inoltre adottata la nuova modulistica per la SCIA ai fini dell’agibilità. In allegato all'articolo la nuova modulistica.

MODULISTICA PER ATTIVITA' COMMERCIALI O ASSIMILABILI (all. 1 all'Accordo 04/05/2017 + all. 1 all'Accordo 06/07/2017) - I moduli unificati e semplificati oggetto dell’Accordo 04/05/2017 sono i seguenti:
1. Esercizio di vicinato
2. Media e grande struttura di vendita
3. Vendita in spacci interni
4. Vendita mediante apparecchi automatici in altri esercizi già abilitati e/o su aree pubbliche
5. Vendita per corrispondenza, tv, e-commerce
6. Vendita presso il domicilio dei consumatori
7. Bar, ristoranti e altri esercizi di somministrazione di alimenti e bevande (in zone tutelate)
8. Bar, ristoranti e altri esercizi di somministrazione di alimenti e bevande (in zone non tutelate)
9. Bar, ristoranti e altri esercizi di somministrazione temporanea di alimenti e bevande
10. Attività di acconciatore e/o estetista
11. Subingresso in attività
12. Cessazione o sospensione temporanea di attività
I moduli unificati e semplificati oggetto dell’Accordo 06/07/2017 sono invece i seguenti
1. Panifici
2. Tintolavanderie
3. Somministrazione di alimenti e bevande al domicilio del consumatore
4. Somministrazione di alimenti e bevande in esercizi posti nelle aree di servizio e/o nelle
stazioni
5. Somministrazione di alimenti e bevande nelle scuole, negli ospedali, nelle comunità
religiose, in stabilimenti militari o nei mezzi di trasporto pubblico
6. Autorimesse
7. Autoriparatori
Inoltre è adottata la scheda anagrafica comune a tutte le attività.
La modulistica prende in considerazione tutte le diverse opzioni legate, ad esempio, ad eventi della vita delle imprese (avvio, trasferimento, ampliamento, subingresso o cessazione), alla dimensione delle attività commerciali, alle modalità di vendita, alla tipologia di prodotti da vendere, alla localizzazione nel caso di bar e ristoranti (ad es. in zone tutelate), alle altre modalità di somministrazione di alimenti e bevande, ecc. Inoltre un apposito quadro riepilogativo indica l’eventuale documentazione da allegare, in particolare quando nel medesimo contesto vengono presentate altre segnalazioni o comunicazioni nell’ambito della SCIA unica o vengono richieste le autorizzazioni necessarie all’avvio dell’attività con la SCIA condizionata. In allegato all'articolo la nuova modulistica.

MISURE DI SEMPLIFICAZIONE: COSA NON PUO' PIU' ESSERE RICHIESTO A CITTADINI E IMPRESE - Non è più possibile richiedere:
- certificati, atti e documenti che la pubblica amministrazione già possiede (per esempio le certificazioni relative ai titoli di studio o professionali, richiesti per avviare alcune attività, la certificazione antimafia, ecc.), ma solo gli elementi che consentano all’amministrazione di acquisirli o di effettuare i relativi controlli, anche a campione;
- dati e adempimenti che derivano da “prassi amministrative”, ma non sono espressamente previsti dalla legge, ad esempio, non è più richiesto il certificato di agibilità dei locali per l’avvio di un’attività commerciale o produttiva (che, tra l’altro, in molti casi non era possibile ottenere) oppure non occorre più allegare relazioni tecniche dettagliate con la descrizione dei locali e delle attrezzature per aprire un pubblico esercizio. È sufficiente una semplice dichiarazione di conformità ai regolamenti urbanistici, igienico sanitari, ecc.
- la presentazione delle autorizzazioni, segnalazioni e comunicazioni preliminari all’avvio dell’attività. Ci pensa lo sportello unico per le attività produttive (SUAP) ad acquisirle: è sufficiente presentare le altre segnalazioni/comunicazioni in allegato alla SCIA unica (SCIA più altre segnalazioni o comunicazioni) o la domanda di autorizzazioni in allegato alla SCIA condizionata (SCIA più autorizzazioni).
È comunque vietato chiedere ai cittadini e alle imprese documenti diversi da quelli indicati nella modulistica e pubblicati sul sito istituzionale. In particolare:
- è vietata la richiesta di informazioni, documenti ulteriori, diversi o aggiuntivi, rispetto a quelli indicati nella modulistica unica standardizzata adottata con il presente accordo o comunque pubblicati sul sito;
- le richieste di integrazione documentale sono limitate ai soli casi in cui non vi sia corrispondenza tra il contenuto dell’istanza, della segnalazione, della comunicazione e quanto pubblicato sui siti istituzionali, ai sensi dell’art. 2, comma 4, del D. Leg.vo 126/2016.
La richiesta di informazioni e documenti non corrispondenti a quelli pubblicati sul sito istituzionale costituisce illecito disciplinare punibile con la sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da tre giorni a sei mesi, ai sensi dell’art. 2, comma 5, del D. Leg.vo 126/2016.

QUADRO RIEPILOGATIVO REGIONALE - In allegato alla versione online del presente articolo è disponibile un elenco - che verrà mantenuto sempre aggiornato - di tutti i provvedimenti regionali di recepimento ed integrazione dei moduli, il cui testo completo sarà reso volta per volta disponibile per gli Abbonati nella Banca Dati normativa.

MODULISTICA PRECEDENTE - Si riporta di seguito l’elenco dei provvedimenti che hanno adottato la modulistica unificata per l’edilizia precedentemente in uso, distinti a seconda della procedura di riferimento. Gli accordi prevedevano l’impegno delle Regioni ad adottare i modelli, ad adeguarne ove necessario i contenuti dei quadri informativi appositamente indicati come “variabili”, a garantire la massima diffusione, unitamente ai Comuni che a loro volta dovranno adeguare la modulistica in uso sulla base dell’accordo.
DIA alternativa al permesso di costruire (c.d. "SuperDIA"). Il modello è stato approvato in Conferenza Unificata nella seduta del 16/07/2015. Il modello è diventato operativo dal 14/10/2015 (90 giorni decorrenti dall’approvazione in Conferenza Unificata, cfr. l’art. 1, comma 2, del testo dell’Accordo).
Attività edilizia libera (CIL e CILA). I modelli sono stati approvati in data 18/12/2014 in sede di Conferenza unificata tra il Governo, le Regioni e gli Enti locali, l’accordo è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 41 del 19/02/2015.
Permesso di costruire e SCIA. I modelli sono stati approvati dalla Conferenza Unificata in data 12/06/2014, l’Accordo è stato pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 56 alla Gazzetta Ufficiale 14/07/2014, n. 161.
Relazione tecnica di asseverazione. I moduli unificati includono, ove stabilito dalla normativa vigente, anche la Relazione Tecnica di Asseverazione, contenente tutte le dichiarazioni nelle quali il tecnico assevera, assumendosi le relative responsabilità, la conformità dell’intervento alle norme di sicurezza, ambientali, di prevenzione incendi, ecc.

 

  • Accordo tra il Governo, le Regioni e gli Enti locali concernente l’adozione di moduli unificati e standardizzati per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze. Accordo, ai sensi dell’articolo 9, comma 2, lettera c) del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
  • Accordo tra il Governo, le Regioni e gli Enti locali, concernente l'adozione di moduli unificati e standardizzati per la presentazione Denuncia di Inizio Attività alternativa al permesso di costruire. Accordo ai sensi dell'articolo 9, comma 2, lett. c) del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
  • Accordo tra il Governo, le regioni e gli enti locali, concernente l’adozione di moduli unificati e semplificati per la presentazione della comunicazione di inizio lavori (CIL) e della comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA) per gli interventi di edilizia libera. Accordo, ai sensi dell’articolo 9, comma 2, lett. c) del decreto legislativo...
  • Accordo tra il Governo, le regioni e gli enti locali, concernente l’adozione di moduli unificati e semplificati per la presentazione dell’istanza del permesso di costruire e della segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) edilizia. Accordo, ai sensi dell’articolo 9, comma 2, lett. c) del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
  • Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo Sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell’articolo 38, comma 3, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.
  • Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A).
  • Attuazione della delega in materia di segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), a norma dell'articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124.
  • Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari.
  • Modulistica edilizia unificata e standardizzata: adeguamento alle normative specifiche e di settore di Regione Lombardia dei contenuti informativi dei moduli nazionali per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze in materia di attività edilizia.
  • Accordo Conferenza unificata 4 maggio 2017, n. 46/CU. Recepimento ed adeguamento da parte della Regione Umbria della modulistica unificata e standardizzata in materia di attività di Acconciatore e/o Estetista.
Condividi

Commenta

Per commentare è necessario eseguire il log in .
Se non sei ancora registrato, clicca qui

Commenti

Giuseppe Del Pizzo posted on Dom, 07/05/2017 - 15:48

Chiedo scusa,non ho rinvenuto i "Modelli editabili a disposizione degli Abbonati".
Grazie

ufficio.lt posted on Lun, 08/05/2017 - 14:14

Buongiorno,
nella pagina, nell'ultima parte dell'articolo ove si parla della situazione pregressa, deve cliccare sul link in rosso "Versione PDF editabile" relativa a ciascun modello. Verrà indirizzato alla scheda del pertinente accordo Stato-Regioni, dove facendo "Consulta il testo della fonte" trova il modello in PDF da scaricare e editare.
Ovviamente si tratta dei mmodelli "vecchi" ma ANCORA VIGENTI, in quanto per i nuovi occorre attendere che vengano recepiti e pertanto non sono ancora in uso. Inoltre si tenga conto che i modelli editabili sono quelli nazionali, che valgono per le regioni dove non sono stati adottati modelli "propri" (si veda in proposito il riepilogo regionale allegato al presente articolo).

Cordiali saluti
UT Legislazione Tecnica

elenaz84 posted on Lun, 13/07/2015 - 10:31

Buongiorno, non riesco a scaricare il modello del permesso di costruire. Mi rimanda sempre a inizio pagina.
Grazie

ufficio.lt posted on Mer, 15/07/2015 - 09:22

Buongiorno,
abbiamo verificato essere tutto a posto. Se persiste nelle difficoltà può tranquillamente scrivere una mail a ufficio.tecnico@legislazionetecnica.it e provvederemo ad inviarle il modulo via email.
Cordiali saluti
UT di Legislazione Tecnica

alfredo vertova posted on Gio, 05/03/2015 - 18:34

Ho la versione di Adobe Reader 11.0.08.4, posizionato il cursore non riesco a scrivere nulla nel modello.
Serve forse la versione di Adobe completa (non reader) ?
Se è così, mi sembra che il modulo sia di poca utilità, non credo sia molto comune come sw (non conosco nessun collega che la possiede), eppure in rete si trovano pagine di modelli compilabili anche con il reader...
GRAZIE, CORDIALI SALUTI

ufficio.lt posted on Gio, 05/03/2015 - 22:50

Gentile Abbonato,
i modelli allegati all'articolo sono quelli "ordinari" tratti dalla Gazzetta Ufficiale, senza funzionalità aggiuntive. Per scaricare quelli "editabili" deve seguire il link che sta all'interno dell'articolo (pagina http://www.legislazionetecnica.it/node/1254521 - necessario abbonamento a formula comprensiva della banca dati normativa). Questi ultimi sono ovviamente compilabili anche con il reader gratuito.

Cordiali saluti
UT di Legislazione Tecnica

BR 30 - prodotti correlati

In questo elemento si parla di

Risorse