Attenti alle truffe!

Siamo ormai abituati a considerare spam tutte le offerte che arrivano sulla nostra posta elettronica, miracolose e avvincenti.
Ora le offerte arrivano anche dalla Gazzetta Ufficiale.
Il D.L. cd Slocca Italia ha cambiato la definizione di manutenzione straordinaria, introducendo il seguente testo:
«Nell'ambito degli interventi di manutenzione straordinaria sono ricompresi anche quelli consistenti nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere ANCHE SE COMPORTANTI LA VARIAZIONE delle superfici delle singole unità immobiliari nonché DEL CARICO URBANISTICO purché non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l'originaria destinazione d'uso» (articolo 2 TUE).
Questi interventi si possono realizzare a seguito di comunicazione inizio lavori (ma i moduli unificati non prevedono solo la Scia?) con la quale il progettista «attesta, sotto la propria responsabilità, che i lavori sono CONFORMI AGLI STRUMENTI URBANISTICI APPROVATI E AI REGOLAMENTI EDILIZI VIGENTI, nonché che non vi è interessamento delle parti strutturali dell'edificio» (articolo 6 TUE).

ATTENZIONE !!
Se c'è variazione del carico urbanistico non ci può essere conformità agli strumenti urbanistici ed ai regolamenti edilizi !!
Quindi l'attestazione diventa un falso perseguibile penalmente.

Spero che finalmente ci decidiamo a tenere dritta la spina dorsale e respingere le sparate demagogiche contro la professione, scritte da chi non sa di cosa si parla.

E' il momento di dire chiaro e forte che ci siamo stufati delle semplificazioni (che sono come la creazione del mondo: prima c'era il caos, poi ci fu il casino) e serve urgentemente un riordino della disciplina edilizia, che preveda obblighi chiaramente indicati e perseguibili con immediata consapevolezza.

>> leggi tutto
Condividi

Commenta

Per commentare è necessario eseguire il log in .
Se non sei ancora registrato, clicca qui

Commenti

reggio58 posted on Mer, 17/09/2014 - 18:12

Perchè sostieni che se c'è variazione di carico urbanistico nonnpuò esserci conformità agli strumenti e ai regolamenti ? Se gli strumenti e i regolamenti ammettono quel dato tipo di intervento, che comunque aumenta il carico urbanistico, sarà sufficiente pagare gli oneri di urbanizzazione richieti per quel dato intervento.
Esempio :
chiudo una loggia , intervento di trasformazione di Sa in Su, da sempre intervento oneroso dal punto di viosta dell'aumento di carico urbanistico; pagherò gli oneri e se l'intervento è concesso dagli strumenti urbanistici sarà sufficiente una CIL asseverata.
Argomento comunque molto interessante di grande futura discussione.